Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

Lo Uttaro, c’è anche la petizione di Pennino!

Fioriscono, fortunatamente, le iniziative volte a far cancellare quella scellerata delibera 62 della giunta Marino. Dopo i sindaci Marotta e Cicala, ComER, associazioni ambientaliste, Corriere di San Nicola, enti e comitati, ora anche un cittadino sannicolese. Si spera in una massiccia adesione al documento, che sarà inviato al consiglio comunale casertano.

 

Sono 387 le persone che hanno finora sottoscritto la petizione “No impianto integrato rifiuti e Biodigestore a Lo Uttaro - Caserta. Difendiamo il futuro” lanciata dal cittadino sannicolese Domenico Pennino.
L’iniziativa, partita il 25 ottobre attraverso il sito Change.org, è tra le più importanti sinora avviate sulla scottante tematica che interessa soprattutto i residenti di San Nicola la Strada, San Marco Evangelista e Maddaloni.
Primi sostenitori della necessità di sensibilizzare la gente sulla scellerata delibera 62 della giunta comunale di Caserta in merito alla costruzione di un impianto per il trattamento dei rifiuti in una delle zone più inquinate d’Italia, sono stati i Comuni retti dai sindaci Marotta e Cicala (che si sono riuniti in seduta congiunta per deliberare una richiesta di revoca della decisione), ai quali si sono subito affiancati diverse associazioni ambientaliste (tra tutte il ComER), la testata giornalistica Corriere di San Nicola (presente con costante ed incisiva informazione), altri vari enti e comitati, ed ora, fortunatamente, anche l’idea promossa da Mimmo Pennino.

Ecco il testo della petizione: «L’area industriale di Caserta in località Lo Uttaro è di nuovo sotto attacco: il 29 settembre 2016, la giunta Comunale di Caserta, presieduta dal Sindaco neoeletto, Carlo Marino, ha deliberato (delibera n. 62) “di pianificare la realizzazione di un impianto di selezione di materiali riciclabili dal rifiuto indifferenziato e trattamento biologico del rifiuto organico, in zona ASI/Lo Uttaro, sull’area del dismesso mattatoio comunale”. Dopo le deliberazioni dei consigli comunali di Caserta, San Nicola la Strada, San Marco Evangelista e Maddaloni che, a vario titolo, si impegnavano a non consentire l’insediamento di nuove industrie insalubri sul territorio di Lo Uttaro e dopo la legge regionale n. 20 del 9-12-2013 che all’art. 10 recita “Nelle aree vaste individuate dal Piano regionale di bonifica dei siti inquinati della Regione Campania è vietato, dalla data di entrata in vigore della presente legge, l'insediamento di nuove industrie insalubri di prima classe….” il nuovo Sindaco e la sua Giunta hanno ritenuto di poter calpestare ogni aspettativa di riscatto di quest’area, ignorando perfino la volontà già espressa in precedenza dal consiglio comunale di Caserta. È veramente disarmante dover constatare la miopia morale e politica dimostrata dal Sindaco e dalla sua Giunta nel proporre la decisione di insediare un’altra industria insalubre sul territorio di Lo Uttaro. Com’è possibile che appena si presenta sulla scena il politico di turno, trionfo e pieno di sé per una manciata di voti raccattati a costo di rocamboleschi accordi politici, si possa in un solo colpo, minacciare di spazzare via anni di faticose conquiste da parte delle popolazioni locali, di associazioni del territorio e di alcune formazioni politiche evidentemente più sane dell’attuale gruppo di governo! Nella delibera della nuova Giunta casertana si adduce a giustificazione della decisione “l’attuazione dell’indirizzo politico dell’ente” e la volontà di conseguire “una migliore gestione dei rifiuti urbani”.  Tale giustificazione è veramente una deformazione abnorme del buon senso. Ci riesce molto difficile accettare che il Consiglio Comunale di Caserta possa assumere come indirizzo politico la scelta di minacciare ulteriormente il benessere e la salute delle popolazioni residenti nei comuni insistenti sull’area di Lo Uttaro, inclusa Caserta stessa. Ci può anche stare il perseguimento della migliore gestione dei rifiuti urbani, ma non a prezzo del sacrificio della cittadinanza! Una gestione dei rifiuti può essere ottimizzata anche rispettando le giuste aspettative delle popolazioni insediate in un territorio già ampiamente devastato dal danno ambientale! Naturalmente ci verrà obiettato che stiamo parlando di impianti tecnologicamente perfetti (ma esiste la perfezione?) anaerobici che, quindi, non rilasceranno esalazioni nell’aria. È solo una mistificazione che finge di non vedere il problema nella sua interezza: un impianto del genere dovrà essere alimentato, ogni giorno, con tonnellate di rifiuti maleodoranti che, a bordo di decine di autocarri inquinanti, dovranno raggiungere il sito di primo stoccaggio attraversando le nostre città ed intasandole ulteriormente. A questo bisogna aggiungere il rischio, non remoto, di incidenti imprevedibili: incendi, proteste sindacali, eventi naturali negativi. All’accadere di una sola di queste eventualità le conseguenze ricadono immediatamente sulle popolazioni e sulle attività insediate nell’area. Pertanto, invitiamo la cittadinanza attiva e consapevole di questi territori, le associazioni di volontariato sociale, le formazioni politiche rappresentative di reali interessi popolari a fare fronte comune contro questo ennesimo attacco alla qualità della nostra vita! Occorre una risposta immediata e decisa all’ottusità politica di una classe dirigente che dimostra con i fatti di non sapere amministrare nell’interesse reale del popolo che rappresenta. Chiediamo aiuto a tutti coloro che hanno coscienza dell’importanza di difendere noi stessi e le generazioni future dagli attacchi ambientali in atto! Se saremo in tanti potremo farcela! Coinvolgiamo cittadini, associazioni e gruppi politici in questa battaglia per il futuro!
».
Per aderire,
bisogna collegarsi a: https://www.change.org/p/domenico-pennino-no-impianto-integrato-rifiuti-e-biodigestore-a-lo-uttaro-caserta-difendiamo-il-futuro

La speranza, è ovvio sottolinearlo, è
che si possa raccogliere il maggior numero possibile di firme a questo documento, il quale
sarà, alla fine, consegnato al Consiglio Comunale di Caserta.


Nicola Ciaramella

(nella foto, il logo della petizione e Domenico Pennino in una foto tratta dal suo profilo facebook )

 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL “VADEMECUM” DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI 



Tutto quanto è utile sapere della raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GENNAIO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori