Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

NATALE SANNICOLESE 2018

Il programma completo 
con tutti gli articoli del Corriere di San Nicola

Rifiuti: sacchetti anche di sabato


Si possono ritirare presso la casa comunale

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
DICEMBRE 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

“Far crescere il più possibile la percentuale della raccolta differenziata”

E’ uno degli impegni del neo assessore all’ambiente Bernardo

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


OBBLIGO DI EMETTERE FATTURA ELETTRONICA

Scatta dal primo gennaio 2019

(Rubrica a cura di Omnibus Multiservice)

Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

CHI NON HA CAPITO COSA INTENDO PER “VERI SANNICOLESI” MI PROVOCA SOLO AMAREZZA




 I VERI SANNICOLESI sono QUELLI CHE AMANO SAN NICOLA LA STRADA

Anche a San Nicola il nuovo contrassegno europeo per disabili

Lo ha disposto il nuovo Comandante della Polizia Locale, Salerno Mele

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


“Con Franco Nigro ci si sente sempre a casa”

Il convegno di presentazione del suo ultimo libro

 

STIA ATTENTO, COMMISSARIO!


Il ComER diffida il “poliziotto” De Gennaro dall’utilizzo ulteriore del sito Lo Uttaro. In una “lettera aperta" inviata anche al gip di S.Maria quattordici “legittimi” motivi per evitare un altro flagello per la nostra comunità


«
La richiesta di dissequestro temporaneo della discarica Lo Uttaro per verificare la possibilità di riutilizzarla per lo sversamento di rifiuti presuppone, da parte del Commissario Straordinario e della  struttura che con lui collabora, un totale disinteresse per la tutela della salute delle 200.000 persone che vivono nei dintorni, già messa seriamente in pericolo dai precedenti provvedimenti illegittimi dei Commissari che l’hanno preceduto, e l’assoluta ignoranza delle vicende giudiziarie e legislative che hanno interessato e che interessano quella discarica e che hanno portato alla sua chiusura, il 20 novembre u.s., a mezzo di due provvedimenti giudiziari della magistratura civile e penale arrivati contemporaneamente a mettere la parola fine sulla possibilità di utilizzare quell’invaso per ulteriori attività di sversamento di rifiuti. Né in alcun modo possono considerarsi operazioni di messa in sicurezza quelle dirette, come si apprende dagli organi di stampa, a riempire la discarica con 30.000 tonnellate di presunto FOS (che come è ormai noto a tutti in Campania non viene prodotto da alcun impianto di CDR e che altro non è se non rifiuto tal quale tritato).  Ed è per questo che il Comitato Emergenza Rifiuti si è visto costretto, come ha già fatto più volte con i predecessori del Dott. De Gennaro, a scriver questa lettera con la quale ricordare al Commissario brevemente i motivi che impediscono di riaprire quella discarica e che dovrebbero spingerlo a ricercare una volta per tutte soluzioni tecnicamente idonee, legittime, legali e non pericolose per la salute della popolazione. La discarica di Lo Uttaro non va riaperta perché:

-nel raggio di un paio di chilometri dalla discarica vivono 200.000 abitanti, è in costruzione il nuovo policlinico della città di Caserta, c’è un albergo a quattro stelle e il nuovo centro direzionale della città;

-il Piano di Bonifica della Regione Campania approvato con legge regionale pubblicata sul BUR Campania del 9 settembre 2005 ha inserito l’area Lo Uttaro (comprensiva di quella della discarica ubicata nella cava Mastropietro) tra “i siti di interesse nazionale” da destinare esclusivamente ad operazioni di messa in sicurezza e bonifica a causa dell’elevato livello di inquinamento accertato nelle matrici ambientali in ragione della presenza di un’enorme quantità di rifiuti (di incerta origine e natura) stimabile attorno ai 6 milioni di mc;

-l’art. 5 della legge n. 290/2006 impedisce al Commissario straordinario di individuare “le aree da destinare a siti di stoccaggio o discariche, laddove già insistono altre discariche, siti di stoccaggio o altri impianti in evidente stato di saturazione” e che l’area Lo Uttaro si caratterizza per la presenza di quattro discariche, un sito di stoccaggio e uno di trasferenza tutti in evidente stato di saturazione;

-la relazione tecnica depositata il 15 ottobre 2007 dal Prof. De Rosa, consulente d’ufficio del Tribunale di Napoli, afferma che la discarica Lo Uttaro “costituisce sin dagli anni ’90, nel suo complesso, una fonte di rischio per la salute pubblica” e che la “l’abbanco di  ulteriori quantità di rifiuto nell’invaso risulta aggravare il già elevato grado di rischiosi impatto  cui sono soggette tutte le componenti ambientali, compresa la salute pubblica, dell’ambito territoriale limitrofo”. La medesima relazione sottolinea che: “tutta la falda monitorata è inquinata” con presenza di valori di carbonio organico “molto superiori ai limiti stabiliti dalla legge” e conclude affermando che “la scelta del sito Lo Uttaro per la localizzazione della discarica per rifiuti solidi, oltre a contravvenire ad indicazioni normative e di merito espresse in più parti, non risulta rispondere ai criteri in base ai quali la scelta è stata giustificata”.

-il Sindaco di Caserta, in qualità di massima autorità sanitaria del Comune, in conseguenza della suddetta relazione tecnica e a tutela della salute pubblica dei cittadini e dell’ambiente, ha emanato in data 6 novembre 2007 un’ordinanza di chiusura della detta discarica;

-il Tribunale Civile di Napoli ha definitivamente accolto in data 13 novembre 2007  il ricorso ex art .700 c.p.c. presentato dal Comitato Emergenza Rifiuti confermando l’ordinanza di chiusura della discarica Lo Uttaro emanata dal Giudice Fausta Como del Tribunale di Napoli in data 19 luglio 2007 ritenendo sussistente e attuale il pericolo per la salute pubblica derivante dall’individuazione e utilizzo di un sito illegittimo, illegale, inquinato e inquinante e sottolineando altresì che “l’immediata esigenza di tutela dei ricorrenti ex art. 700 cpc non ammette deroghe e che il sito in contestazione non rappresenta affatto l’unica alternativa praticabile emergendo invece dall’ampia documentazione agli atti la possibilità concreta di procedere a diverse individuazioni, in ambito provinciale, nel rispetto delle normative vigenti e con l’adozione delle regole tecniche e di sicurezza del settore” .

-il giudice per le indagini preliminari di Santa Maria Capua Vetere, a seguito di varie denunce del Comitato Emergenza Rifiuti, ha messo sotto sequestro la discarica e inviato 12 avvisi di garanzia ai responsabili di questo disastro, indagati per reati vari tra i quali anche quello di disastro ambientale;

-la Relazione del 19 dicembre 2007 della Commissione Parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, con riferimento specifico alla vicenda Lo Uttaro riporta come essa sia “tristemente emblematica di tale inefficienza collusiva (del Commissariato Ndr). La circostanza, infatti, che l’Autorità Giudiziaria abbia, sulla base degli stessi atti giacenti presso gli uffici del Commissariato, ricostruito ed accertato l’inadeguatezza ambientale del sito, è sintomo desolante quanto in equivoco –se non del pieno e diretto coinvolgimento nell’attività di precostituzione della falsa rappresentazione della realtà, cosa che spetterà alla magistratura accertare- quanto meno dell’incapacità della struttura commissariale a leggere le proprie stesse carte.” E in più che “il quadro delle inefficienze deve registrare anche l’inescusabile ritardo con cui l’ARPA Campania – secondo quanto emerso nel corso della medesima indagine – è intervenuta a segnalare le criticità ambientali legate all’utilizzo del sito, con ciò venendo meno alla propria funzione di controllo tecnico neutrale, indispensabile presidio di trasparenza per le scelte della pubblica amministrazione”.

-Secondo la Commissione “la vicenda di Lo Uttaro pone, inoltre, un ulteriore questione, che attiene alla dinamica dei rapporti fra organi che, pur appartenendo a poteri diversi, devono ritenersi accomunati dalla medesima superiore finalità, la tutela del bene comune. Nel caso in questione, infatti, secondo la Commissione è: “mancato del tutto ogni raccordo informativo che impedisse al legislatore di adottare decisioni fondate su presupposti contrari al vero; e ciò ancor più ove la falsità di tali presupposti fosse risultata ben evidente all’apparato investigativo e giudiziario.” E che: “non vi è dubbio che il venir meno dell’affidabilità degli organi di valutazione e controllo, necessaria per dare autorevolezza tecnico-scientifica agli interventi legislativi e di amministrazione attiva, introduce una pericolosa divaricazione all’interno delle istituzioni. Con effetti tanto più devastanti ove si constati che scelte legislative, così invasive per le comunità locali, sono intervenute a valle di procedimenti viziati da false rappresentazioni della realtà indotte proprio da quegli organi cui è affidato il compito di veicolare una descrizione dei fatti immune da ogni contraffazione.”

-la suddetta Commissione Parlamentare, con riferimento ai criteri da utilizzare nella scelta delle discariche da realizzare sul territorio della Campania afferma che “Il tema delle discariche – è bene sottolinearlo – deve essere affrontato in stretta connessione con il programma delle bonifiche, che va realizzato in tempi certi e con il coinvolgimento di comunità locali e rappresentanti delle imprese, al fine di rendere immediatamente percepibile la trasformazione in occasioni di sviluppo delle strutture poste a servizio del ciclo industriale integrato dei rifiuti. L’apertura di nuove discariche, in particolare, non deve essere più avvertita come il frutto di scelte poco trasparenti e sprovviste dei necessari studi tecnici. Il caso Lo Uttaro induce questa Commissione a suggerire la necessità di prevedere l’intervento di un organo di valutazione tecnica esterno e distinto rispetto all’amministrazione attiva, in grado di compiere, entro tempi predefiniti, una valutazione di adeguatezza ambientale del sito, di imporre le necessarie prescrizioni per l’utilizzazione e, soprattutto, di vigilarne tempestivamente il puntuale adempimento. In tale prospettiva, potrebbe apparire utile il coinvolgimento di strutture già ampiamente affidabili, che abbiano davvero caratteristiche di terzietà, con il supporto scientifico di qualificati rappresentanti della migliore ricerca tecnologica ed universitaria.

-nel caso della vicenda Lo Uttaro non solo non si è mai proceduto ad attuare le bonifiche richieste dalla Commissione parlamentare d’Inchiesta, come condizione preliminare per l’individuazione dei siti da destinare a discarica, e previste  dal citato Piano regionale di bonifica ma neppure le operazioni di rimozione dei rifiuti giacenti nei siti di stoccaggio e trasferenza contigui all’area della discarica così come da impegni sottoscritti nel Protocollo d’Intesa dell’11 Novembre 2006  dal Commissario straordinario Bertolaso, dal Sindaco di Caserta Petteruti e dal Presidente della Provincia De Franciscis;

-il disastro ambientale della zona è stato ancor più aggravato dalla decisione del Comune di Caserta di realizzare in un capannone dell’area Ex UCAR Carbon, sito a poche centinaia di metri dall’area di Lo Uttaro, di un sito di stoccaggio per i rifiuti della città di Caserta attrezzato in tutta fretta presumibilmente in contrasto con le stesse prescrizioni ARPAC e che attualmente ospita almeno un migliaio di tonnellate di rifiuti tal quali;

-l’abbancamento di ulteriori quantità di rifiuti nel sito in questione costituisce un serio pericolo per l’accertamento delle responsabilità penali collegate all’indagine giudiziaria in corso che vede indagate 12 persone tra tecnici e dirigenti degli enti responsabili della individuazione, realizzazione, gestione e controllo della discarica Lo Uttaro;

-l’abbancamento di consistenti quantità, circa 30.000 tonnellate, di Frazione Organica (che come già detto non è stabilizzata) non costituisce in alcun modo attività di messa in sicurezza della discarica;

PER TUTTI QUESTI MOTIVI CHIEDIAMO

Al Commissario Straordinario

-di astenersi dall’utilizzare la discarica illegale, illegittima e pericolosa di Lo Uttaro per lo sversamento di ulteriori quantità di rifiuti che andrebbero ad aggravare ulteriormente il già critico quadro ambientale e sanitario della zona con effetti rilevanti su tutte le componenti ambientali, compresa la salute pubblica;

-di provvedere immediatamente ad una reale messa in sicurezza e bonifica dell’intera area  nel rispetto delle disposizioni di legge in materia o di ordinare agli enti competenti di procedere immediatamente ad effettuare tali operazioni;

-di rendere pubblica la documentazione relativa ai sopralluoghi e alle analisi effettuate in questi giorni sul sito di Lo Uttaro per permettere a tutti i cittadini di poterne verificare l’esito;

Al Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere

-di revocare il provvedimento di dissequestro temporaneo del sito al fine di scongiurare la possibilità di modifica dello stato dei luoghi che potrebbe impedire l’accertamento delle responsabilità e allo stesso tempo di  non rilasciare provvedimenti di dissequestro della discarica ai fini del suo utilizzo per lo sversamento dei rifiuti onde evitare di peggiorare la situazione di grave inquinamento già presente;

Il Comitato si  riserva di agire in giudizio per ottenere il risarcimento dei danni subiti e subendi e di porre in essere tutte le azioni necessarie per tutelare la salute pubblica.

Comitato Emergenza Rifiuti».

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
DICEMBRE 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori