Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
SETTEMBRE 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

E' TEMPO DI ISEE


Notizie su fisco, condominio e assicurazioni a cura di OMNIBUS Multiservice

Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

CHI NON HA CAPITO COSA INTENDO PER “VERI SANNICOLESI” MI PROVOCA SOLO AMAREZZA




 I VERI SANNICOLESI sono QUELLI CHE AMANO SAN NICOLA LA STRADA

Anche a San Nicola il nuovo contrassegno europeo per disabili

Lo ha disposto il nuovo Comandante della Polizia Locale, Salerno Mele

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


“Con Franco Nigro ci si sente sempre a casa”

Il convegno di presentazione del suo ultimo libro

 

In memoria di Fausto Mesolella

Un anno fa si spegneva il più grande chitarrista casertano. Il Corriere di San Nicola lo ricorda con un video esclusivo della sua eccezionale esibizione al Pirandello di San Nicola la Strada. 


E’ trascorso un anno da quando,
il 30 marzo 2017, Fausto Mesolella, uno dei più grandi musicisti casertani della storia, si spense prematuramente, lasciando nello sconforto la famiglia e tutti gli appassionati che lo avevano sempre seguito.
Ancora una volta, il Corriere di San Nicola vuole ricordarlo, rendendo omaggio alla sua memoria con questo video esclusivo (pubblicato nella VideoGallery del Corriere di San Nicola) contenente alcune eccezionali immagini della sua esibizione durante la quinta puntata della trasmissione televisiva “UbiTvMusicTalkShow”, andata in onda su Ubi Tv il 23 febbraio 2014 dal Teatro Pirandello di San Nicola la Strada, ideata da Ubaldo Di Leva e presentata da Nicola Ciaramella.

Raccontai l’evento sul Corriere di San Nicola con un articolo di cui mi piace riportare alcuni passi:
 
«Fausto Mesolella, uno dei più grandi chitarristi italiani, conosciuto in tutto il mondo, sangue casertano nelle vene, emblema artistico della nostra terra, era già sul palco della “Toscanini” quando Di Leva ha dato inizio alla trasmissione. Fausto ha deliziato gli spettatori in sala e on line con due originalissime versioni di “’O sole mio” e della mitica “Libertango”. Alla fine, il giornalista Nicola Ciaramella, richiesto da Di Leva, lo ha definito “una delle grandi eccellenze dell’arte casertana esportata in tutto il mondo”. “E’ un onore per Caserta avere tra i suoi artisti Fausto Mesolella; -ha continuato il direttore del Corriere di San Nicola, che ha conosciuto Fausto la bellezza di quarantacinque anni fa, quando, agli albori degli anni settanta, era il leader del gruppo La Prima Pagina- il suo nome è tra quelli che in Italia più ci invidiano;dobbiamo essere orgogliosi di questo. Mesolella ha portato in alto il desiderio di fare musica, di diventare artista, il tutto con una naturalezza incredibile. Mentre suonava non vedevo in lui un musicista, ma una persona che praticamente vive in quell’atmosfera in cui si è calato. La sua non è arte imparata sui banchi di scuola; Fausto ha nel sangue e nel dna una cosa che si chiama talento e che non è da tutti”. ... Fausto Mesolella guadagna la platea: “Mi fa piacere di essere qui. Mi fa piacere che qui c’è una cellula culturale che si muove e che si muove proprio dalla provincia. Culturalmente è un momento di pigrizia. Un momento in cui il senso della cultura, della curiosità non è più prioritario. Un fenomeno che è andato via via a crescere dagli anni 70 in poi. Non ci si può nascondere soltanto dietro la parola crisi. Anche se non ci sono soldi, si possono fare tante cose; ci sono gli uomini di buona volontà, che ci sono sempre stati da quando esiste il mondo; tutte le religioni sono basate sulla buona volontà; il futuro deve sempre basarsi sulla buona volontà, nel senso che gli uomini devono accomunarsi e partecipare alle cose. La pigrizia comunque condanna anche i musicisti che lo fanno solo per diletto, perché non è che non ci sono spazi, ma non c’è la cultura dello spazio. Iniziative come queste servono anche a far capire a tante persone che esistono anche altre possibilità”. Poi si è parlato …della qualità della musica moderna e di Sanremo appena finito. Fausto Mesolella vi è stato quattro volte: nel 98, nel 2000 con gli Avion Travel (vittoria assoluta), poi come autore della canzone di Tricarico “I tre colori”, infine lo scorso anno come autore della canzone di Maria Nazionale. Nicola Ciaramella, estasiato, lo interroga con curiosità: “Come fai, Fausto, a collimare la naturale semplicità del tuo carattere con la complessità, nel senso di variegata costruzione artistica, della tua musica?” Mesolella risponde con impagabile serenità: “Io metto insieme il ricordo del passato, il presente e cerco di dare il futuro alle mie sensazioni. Questa per me è la musica. Nel senso che mentre sto suonando O sole mio' ci metto il traffico di Napoli e mi incazzo all’improvviso con le distorsioni, poi ritorno di nuovo al 'Sole mio' sussurrato...”. Non mancano lezioni di saggezza: “Non tutti sanno che la musica di questa grande canzone che è 'O sole mio' è stata ispirata da una splendida alba del 1924 sul Mare di Odessa, il Mar Nero, in Russia. Chi l’ha scritta sono però due autori napoletani. Una canzone scritta da napoletani su territorio russo. Io dico sempre: se due immigrati fanno un figlio in Italia, questo figlio è di nazionalità italiana; quindi, se una canzone nasce su un altro territorio è figlia di quel territorio. Ci scherzo sempre su questa cosa. Per far capire che comunque bisogna abbattere il senso della frontiera. Anche in un altro territorio ma con un’anima portata da un’altra parte si può avere la creazione artistica. Questo è un discorso che io faccio sempre nei concerti per far capire che bisogna accettare il diverso anche se sei sul tuo territorio; e alla base di questo c’è il rispetto della regola fondamentale della vita e dell’umanità. Se noi non rispettiamo gli altri non saremo mai delle persone dotate di umanità”. Poi, sollecitato da Di Leva, ha spiegato il perché del termine “insanguinata” attribuito alla sua “storica” chitarra, una delle sue trentuno chitarre...: “Questo nome l’ha dato Samuele Bersani, qualche anno fa, nell’occasione in cui stavo per suonare una sua canzone. Nel tirare la chitarra dal fodero, egli disse …'mamma mia, pare l’insanguinata’. E il nome è rimasto. Questa chitarra ha vinto il festival di Sanremo nel 2000, premio della critica come miglior arrangiamento sempre a Sanremo nel 98, Ciak d’Oro nel 2007, il Premio Ennio Morricone e due nominations al David di Donatello per due colonne sonore. E’ giusto che continui a fare il suo percorso insieme a me. Lei ha vinto, io ancora no. Non ha nessun valore economico. Se me la rubano, non capirebbero, la butterebbero direttamente nel camino”. Non capirebbero il valore affettivo che l’ “insanguinata” ha per Fausto. E’ parte della sua vita.» 

(dall’articolo «Grande “quinta” di UbiTv Music Talk Show”», Corriere di San Nicola, febbraio 2014)

Voglio ricordarlo così. Eravamo nel Teatro Pirandello di San Nicola la Strada. Suonò, come sempre, immergendosi nel regno magico della sua chitarra. Vissi momenti di grande emozione. Lo rivedevo dopo moltissimi anni. Lo intervistai scavando a fondo nel suo animo. Disse: “Io metto insieme il ricordo del passato, il presente e cerco di dare il futuro alle mie sensazioni. Questa per me è la musica”. Ricorderò sempre queste parole, che hanno dato senso alla sua vita, non solo di grande artista. Ciao, Fausto, lo so che hai portato con te la tua “insanguinata”. Continuala a suonare. Tu non ti stancavi mai. Continua a deliziarci.

Nicola Ciaramella

LO STORICO VIDEO CON FAUSTO MESOLELLA 
 http://www.corrieredisannicola.it/video/notizie/media-gallery/video-gallery/di-leva-e-ciaramella-ricordano-fausto-mesolella

 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
SETTEMBRE 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori