Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

Il club del libro nella città paese

Giugliano, un paese che diventa città o quasi… fra movida, cultura e ignoranza

 
“Club del libro”. Da non molti anni sui social network si sono diffusi gruppi con questo nome. L’intento è quello di creare occasioni di aggregazione. Esiste il club del libro in diverse città e il sistema funziona allo stesso modo: sul gruppo si propongono titoli da leggere che verranno scelti dai membri con un sondaggio. Dopo aver letto il testo, ci si incontra davanti ad un caffè e si condividono le emozioni che l’esperienza della lettura ha trasmesso a ciascuno. A Giugliano il club del libro nasce a marzo 2014 e i primi incontri avvengono in un bar sul “doppio senso”, fra Giugliano e Villaricca. “Eravamo in tanti all’inizio” spiega Marianna Abbate, che insieme ad Amalia Pianese e Andrea Pianese sono i soci fondatori e i “sopravvissuti” del club.
Amalia ci spiega come è nata l’idea del club e perché la partecipazione iniziale è diminuita (mancanza di stimoli, di una sede fissa o altro). Abbiamo chiesto a Marianna con quali prospettive è nato il club del libro, se durante il tempo queste sono cambiate. Ci sono progetti per il futuro?
Marianna ci parla delle difficoltà che un’iniziativa culturale incontra in un paese come Giugliano:
«La decisione di fondare un club del libro nella nostra città è nata non solo dal desiderio di incontrarci con altri amanti della lettura, ma anche dalla consapevolezza che in una città tanto grande non potesse mancare un’iniziativa volta allo sviluppo ed al confronto. Tali iniziative infatti sono presenti in molte città d’Italia. In un anno e mezzo circa siamo riusciti ad organizzare in media un incontro ogni due mesi. Purtroppo nonostante la pubblicità dell’iniziativa, il numero dei cosiddetti “clubbini”, così siamo soliti chiamarci, oscilla tra “i soliti” e qualche visitatore saltuario».
«E’ importante che il club possa continuare a crescere» -continua Marianna- «Questo non solo per l’arricchimento personale di chi vi partecipa ma anche per continuare a tenere vivo il confronto ed incentivare la lettura, un’attività che si va via via perdendo».
Da alcuni anni Giugliano sembra vivere una primavera felice, con la rinascita di alcune piazze. Le amministrazioni comunali, infatti, le hanno ristrutturate abbellendole perfino con fontane sontuose e opere in marmo. Un paese che diventa città o quasi; da allora le strade del centro si popolano, nascono numerosi locali, pizzerie e vinerie molto frequentate.
Ma le strade sono sicure? Giugliano è una città o un paese? Nelle più grandi metropoli dopo cena si passeggia tranquillamente fra le strade, si incontrano amici e si chiacchiera, si vive in modo pieno la città e lo scambio culturale è continuo.
Per Giugliano non è proprio così. Sembra essere da sempre in bilico fra il paradiso e l’inferno. A piazza Gramsci riapre dopo molto tempo il bar “chalet”, che diventa fin da subito un punto di ritrovo, soprattutto da quando ospita numerosi eventi culturali.
La piazza è grande ed è fornita anche di giochi per i più piccoli, ma riflette la triste realtà di una città che si sente sempre paese, nonostante tutto. Il club del libro, che si riunisce periodicamente quasi tutti i mesi, discute sul significato e sulla bellezza della cultura da un lato, autori autorevoli che presentano le loro opere, dall’altro. Poco distanti da queste realtà, giovani anime innocenti giocano sotto gli occhi dei genitori, mentre spacciatori vendono la morte, baby gang offrono agli occhi indifferenti dei passanti lo spettacolo più spietato della violenza e della prepotenza gratuite.
Piazza Gramsci diventa un quadro disegnato su una continua altalena fra prepotenza e bullismo, fra cultura e ignoranza. Piccole isole di cultura restituiscono solo un’immagine apparente di un paese che forse non diventerà mai una metropoli; questo lo si capisce dai pregiudizi, dai pettegolezzi, da automobilisti che inventano corsie immaginarie sorpassando ovunque senza rispetto né il minimo riguardo. Lo si capisce dalla mancanza di sicurezza, dall’indifferenza e dalla rassegnazione che sono il peggiore dei mali. Lo si capisce dalla grande inciviltà che trapela da certi qualunquismi, dalla corruzione, dal degrado, dal “tirare a campare” e dal disarmante “tanto è così”. Il primo luglio scorso, però, il centro della città ha vissuto la notte bianca, in occasione dei saldi: strade in festa, tanta cultura, spettacoli e divertimento per alzare il volume e coprire tutto quanto. Il libro che accompagnerà i clubbini questa estate è “L’ombra del vento” di Zafon, per chi volesse partecipare al prossimo incontro.

Giovanna Angelino


Nella foto in alto, Amalia Pianese e Marianna Abbate 





 

 

 

 

 

 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL “VADEMECUM” DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI 



Tutto quanto è utile sapere della raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GENNAIO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori