Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

RASSEGNA TEATRALE 2018

 
Il 
PROGRAMMA
 completo

e tutti gli articoli del Corriere di San Nicola


FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

CHI NON HA CAPITO COSA INTENDO PER “VERI SANNICOLESI” MI PROVOCA SOLO AMAREZZA




 I VERI SANNICOLESI sono QUELLI CHE AMANO SAN NICOLA LA STRADA

Anche a San Nicola il nuovo contrassegno europeo per disabili

Lo ha disposto il nuovo Comandante della Polizia Locale, Salerno Mele

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


“Con Franco Nigro ci si sente sempre a casa”

Il convegno di presentazione del suo ultimo libro

 

"Terra dei Fuochi", “sversamenti” continui …

Rifiuti abbandonati pronti per essere incendiati: oltre ad una “operazione verità”, che suona più come uno slogan, ci sarebbe bisogno di una "operazione chiarezza”…


Continuano le azioni di contrasto al fenomeno dei roghi e degli sversamenti nel territorio campano; è di questi giorni la notizia del sequestro di attività abusive, edifici, terreni per il trattamento illegale di rifiuti speciali. L’operazione ha coinvolto 90 uomini delle forze armate nella zona di Mondragone, Giugliano, Afragola, Marcianise. A Mondragone sono state sequestrate quattro imprese che smaltivano rifiuti speciali illegalmente. A Castel Volturno sono state scoperte villette piene di rifiuti pericolosi, molti dei quali venivano incendiati. 150 chili di rame sono stati sequestrati a Giugliano in casa di un camorrista, dieci persone sono state denunciate per reati ambientali.

A dicembre scorso il governatore della regione De Luca dichiarava che la Campania è la terra più monitorata e controllata d’Italia; in questo modo veniva avviata l’ “operazione verità”. Attraverso comunicati e titoli di giornali è stata così innescata una campagna per tranquillizzare i cittadini fino ad arrivare a definire la “Terra dei Fuochi” una fake news. Dall’altro canto Legambiente afferma che le bonifiche nella terra dei fuochi sono ferme all’1% e che Giugliano è pronta ad esplodere, per la forte presenza di discariche a cielo aperto.

Dell’ ”operazione verità” restano dati allarmanti di una “realtà” che non si può più nascondere: terreni devastati dai roghi, smaltimento di rifiuti illegale, discariche fuori controllo, costruzioni abusive.

Tali azioni avvengono ancora oggi e sono talmente diffusi i reati ambientali che solo una parte viene scoperta dagli organi preposti ai controlli. L’arrivo della bella stagione è alle porte e non vi è dubbio che Giugliano e la terra dei fuochi sono una bomba ad orologeria e non c’è tempo da perdere.

L’operazione verità, così battezzata dallo stesso De Luca, non è tale se alcune realtà sono nascoste, anche con la complicità di molti mass media e soprattutto se si tenta di rimpicciolire il problema.

Il direttore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mediterraneo, Angelo Limone, ha presentato i risultati di una ricerca iniziata tre anni fa sulla contaminazione dei prodotti agricoli nella terra dei fuochi. Su 30 mila campioni sono emersi solo sei casi di contaminazione; sono 33 ettari ad essere interdetti alla coltivazione, perché contaminati da metalli pesanti. Sono anni che i prodotti agricoli campani sono stati oggetto di trasmissioni televisive, perfino di articoli del New York Times che hanno contribuito ad una campagna di paura e terrore; per molto tempo aziende e consumatori specialmente del nord Italia hanno rifiutato di comprare prodotti agricoli campani, costringendo molte aziende a chiudere. Si è tentato per tanto tempo di azzerare l’economia già fragile del mezzogiorno e in parte l’operazione è riuscita; alcune aziende del Nord Italia chiedevano ai contadini campani di certificare a proprie spese frutta e verdura. Senza dati scientifici certi i prodotti campani sono stati considerati contaminati (boicottati) e acquistati a prezzi stracciati; alcuni esperti hanno avanzato l’indegna ipotesi che frutta e verdura campane venissero acquistate sottocosto per poi essere rivendute come prodotti del nord Italia ad aziende e cittadini della terra dei fuochi.
Si rabbrividisce solo a pensare una cosa del genere, non è vero?

Era il 29 gennaio del 2014 quando un articolo del New York Times titolava: “L’eredità della mafia fa tremare la terra nel sud Italia”. Il vero problema è stato ed è ancora oggi il perenne sotterramento di veleni nella terra dei fuochi, i roghi che vengono appiccati sprigionando veleni tossici e causando tumori; il vero dramma è l’aria, il suolo contaminato, il terreno con il quale si viene a contatto. L’altro problema è l’ignoranza, la cattiva informazione o addirittura la totale mancanza di informazione. Di chi è la colpa? Chi dovrebbe risarcire oggi le imprese che hanno dovuto chiudere i battenti?

Oggi la linea di confine fra verità e fake è molto labile; e tutto ciò avviene in un’epoca nella quale a pochi chilometri dall’Italia alcuni giornalisti sono condannati all’ergastolo per aver fatto il proprio lavoro (scrivere articoli e apparizioni in tv). E’ molto difficile stabilire da che parte si trova la verità, anche perché per scrivere e diffondere una bufala ci vogliono meno di dieci secondi; è la verità che ha bisogno di più tempo per emergere. Purtroppo il binomio vero-falso è un crudele gioco nel quale si combatte fra vita e morte.

Oltre ad una operazione verità, che suona più come uno slogan, ci sarebbe bisogno di un’operazione chiarezza; occorrerebbe, prima di ogni cosa fare molta attenzione sull’uso improprio e banale che spesso viene fatto della parola “verità”. E ciò che andrebbe davvero sotterrato è indifferenza, avidità e ignoranza, i veri veleni pericolosi che inquinano la vita di tutti i giorni.

Giovanna Angelino

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
LUGLIO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori