Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

RASSEGNA TEATRALE 2018

 
Il 
PROGRAMMA
 completo

e tutti gli articoli del Corriere di San Nicola


FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

CHI NON HA CAPITO COSA INTENDO PER “VERI SANNICOLESI” MI PROVOCA SOLO AMAREZZA




 I VERI SANNICOLESI sono QUELLI CHE AMANO SAN NICOLA LA STRADA

Anche a San Nicola il nuovo contrassegno europeo per disabili

Lo ha disposto il nuovo Comandante della Polizia Locale, Salerno Mele

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


“Con Franco Nigro ci si sente sempre a casa”

Il convegno di presentazione del suo ultimo libro

 

Eurolandia, Germania da ...alleggerire

 

 “E’ emerso che l'Italia guadagnerebbe più di altri membri di Eurolandia nel liberarsi dalla moneta unica e ripristinare il controllo sovrano sulle leve di politica monetaria...Non vogliamo unirci al coro dei connazionali che reclamano l'uscita dell'Italia da Eurolandia, anzi... Quel che invece si può e si deve fare, in forza dei nostri favorevoli fondamentali di ricchezza, consiste nel negoziare con l'Europa, ed in particolare con la Germania, un profondo ripensamento dei vincoli che hanno contribuito all' ampiezza della spirale recessiva di questi anni”.





Francesco Discanno

-University of Cambridge Examiner
-Respondent per la sezione Eiu del settimanale inglese “The Economist”





Come sappiamo, il G7 è il club delle sette nazioni industrializzate più ricche di tutto il globo. In questo gruppo l'Italia non sfigura affatto, anzi. Preceduta soltanto dal Canada, l'Italia è la nazione con il minor debito pubblico e privato verso l'estero (36 mila dollari pro-capite). L'Italia, subito dopo la Germania, è il paese con il miglior avanzo primario di bilancio (cioè la differenza tra le tasse incassate dai contribuenti e gli interessi pagati ai risparmiatori). Gli italiani, con una ricchezza privata superiore a quella dei tedeschi (80 mila dollari pro capite contro 77 mila), sono nei fatti il sesto popolo più benestante al mondo. La nostra nazione, secondo uno studio del Fondo Monetario Internazionale sulla sostenibilità del debito a lungo termine, risulta tra i paesi industrializzati più solvibili perché ha riformato la propria struttura pensionistica. Nonostante la deindustrializzazione in atto, l'Italia resta la maggior potenza manifatturiera europea dopo la Germania.
Secondo l'economista Andrew Roberts della Royal Bank of Scotland, l'Italia ha "un settore vivace delle esportazioni ed un avanzo primario. Se c'è un paese in Eurolandia che potrebbe trarre beneficio dal lasciare l'euro e ripristinare la competitività, quello è ovviamente l'Italia ".
In una ricerca condotta dalla Bank of America mediante l'applicazione della teoria dei giochi -che studia l'interazione strategica tra diversi individui o diversi paesi- è emerso che l'Italia guadagnerebbe più di altri membri di Eurolandia nel liberarsi dalla moneta unica e ripristinare il controllo sovrano sulle leve di politica monetaria.
Vero è che la posizione finanziaria netta dell'Italia -cioè la differenza tra gli investimenti  esteri in Italia e gli investimenti italiani all'estero- ha segno negativo, come del resto la posizione finanziaria netta di quasi tutti i paesi aderenti al G7. Ma la situazione non è molto lontana dall'equilibrio, in quanto il saldo negativo è pari al 20 % del PIL. 
Questa nostra condizione è ben diversa da quella dei PIGS -cioè Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna- che in media hanno un saldo negativo superiore al 100 % del PIL. 
Il quasi-equilibrio degli investimenti e l'avanzo primario dell'Italia implicano che il Bel Paese può vantarsi di poter abbandonare l'Eurosistema in qualunque momento lo desideri senza dover fronteggiare una crisi finanziaria.
Il deficit del bilancio italiano è intorno al 3 % del PIL, come richiede il fiscal compact europeo, diversamente da quanto si calcola per altri importanti paesi europei come la Francia (o come la Gran Bretagna, che però non è soggetta a vincoli in quanto ha mantenuto la propria moneta). La nostra cugina d'Oltralpe ha scelto la strada dello sforamento allo scopo di non restare invischiata in una condizione di lunga austerità.   
Dunque non basta citare l'elevato debito pubblico, che è una caratteristica alla quale tendono comunque tutti i paesi avanzati, per definire lo stato di salute dei conti italiani.  
Non vogliamo unirci al coro dei connazionali che reclamano l'uscita dell'Italia da Eurolandia, anzi. Abbandonare l'Eurosistema avrebbe un impatto politico troppo forte, ben più drammatico di quello finanziario. Finiremmo in un certo senso per certificare la nostra debolezza e perderemmo ulteriore peso nella dinamica  delle decisioni internazionali. 
Ormai quello che è fatto è fatto. Non è possibile portare indietro le lancette dell'orologio. Quel che invece si può e si deve fare -in forza dei nostri favorevoli fondamentali di ricchezza- consiste nel negoziare con l'Europa, ed in particolare con la Germania, un profondo ripensamento dei vincoli che hanno contribuito all' ampiezza della spirale recessiva di questi anni. In questo potremmo allearci con un gigante politico, la Francia, che sotto il profilo dei conti non se la passa tanto meglio di noi. Un altro gigante politico che non si preoccupa particolarmente del quasi-pareggio di bilancio è la Gran Bretagna. Gli inglesi, pur membri della UE, a suo tempo decisero di non mettere in pensione la sterlina. Per cui non saranno  -sfortunatamente per noi- della partita negoziale.
Date la posizione dominante dei tedeschi rispetto ai partner continentali e la prevalenza delle tematiche finanziarie su quelle economiche nel dibattito europeo, bisognerà  fare in modo da alleggerire la portata della Germania e della finanza (le cui leve vengono peraltro mosse a Francoforte) nell'Eurosistema.  
Insomma si dovranno sottrarre significativi tratti del processo decisionale dalle mani dei tedeschi e di quegli organi istituzionali comunitari che rispondono prevalentemente a logiche di ordine finanziario.  
L'occasione buona potrà essere quella della prossima tornata elettorale europea. Gli elettori dovranno esigere dagli eletti una concreta attenzione politica a queste istanze se vorranno vedere l'economia del nostro paese smettere di arrancare.   

 

 

 



Francesco Discanno

-University of Cambridge Examiner
-Respondent per la sezione Eiu del settimanale inglese “The Economist”

 

 

 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori