Augusto Ausanio chiude uno strepitoso 2016

Lunedi 26 dicembre, ore 21: a quasi un anno dal lancio ufficiale, il grande chitarrista casertano ripropone al pubblico il suo Up The Mood" presso la "Shed Music Hall" di Casapulla.


La chitarra acustica mi ha sempre affascinato sin da quando era bambino. Il suono della sue corde entra in simbiosi con la cassa armonica, crea la sintonia con le sensazioni che cerco di esprimere. Per me è come tornare ragazzo quando mio padre mi impediva di suonare e, a sua insaputa, strimpellavo nel garage tra damigiane di vino e scaffali carichi di bottiglie di pomodoro. La musica arricchisce l'anima. Se chiudi gli occhi puoi volare e rifugiarti con lei ovunque tu voglia”.
Parole cariche di emozioni. Superfluo ogni commento. Augusto Ausanio non è solo un chitarrista, di quelli tra i più apprezzati della nostra terra. E’ uno di quelli che la musica la incontra in ogni attimo della sua vita, la trova in ogni posto, perché ce l’ha scolpita dentro l’animo.
Ad un anno dal lancio ufficiale, l’artista riproporrà al pubblico
UpThe Mood”, il suo album di esordio, che ha ottenuto e sta ottenendo uno strepitoso successo sul web e nei concerti tenuti in diverse location per tutto il 2016.
L’ultimo appuntamento dell’anno che va a finire è presso la
"Shed Music Hall" di Casapulla, una sala concerti, realizzata in un capannone industriale, che fonde musica, passioni e tanto divertimento. Una location suggestiva ed accattivante, l’ideale per “rivedere” quelle immagini che il suo genere di musica (jazz/rock fusion anni '70/’80) può evocare forse più di altre.
Augusto Ausanio, con il suo quartetto, è l’atteso ospite d’onore dello spettacolo “Queen of Bulsara”, che avrà inizio alle ore 21 di lunedi 26 dicembre con ingresso gratuito.
Abbiamo tutti un blues da piangere”, suonavano nel 1973 i Perigeo, uno dei punti di riferimento del favoloso repertorio di Ausanio.
Abbiamo tutti una musica da rivivere, diciamo oggi noi. Giovani e non. Sì, perché c’è dentro, immutabile ed immortale, la gioia di sentirsi sempre catturati dalle emozioni. Affinché mai muoiano. Per tutte queste cose, fortunatamente, l’eccellente Ausanio sa bene come fare.

Nicola Ciaramella