L'ANGOLO DELLA POESIA


Versi inediti di poeti sannicolesi

Detesto le poesie costruite, impastate con verbi e vocaboli copiaincollati sul web senza neanche conoscerne i significati reali, scritte e diffuse per fare colpo, quasi come tanti demenziali “scoop” che si sfornano sui social.
La poesia è qualcosa di speciale, è un prodotto genuino della propria spontaneità, è espressione limpida dei propri sentimenti. Senza fronzoli artefatti, ma con sincera passione, quella forza che può venire soltanto dall’anima. Quando l’anima è pura, semplice, carica di qualsiasi sentimento che con immediatezza si riesce a trasferire in versi.
Nc 


Azzurro

In terra antica, a me ignota
è sera, sera tanto dolce
mi perdo in un azzurro
confondendomi in un turbinio di emozioni.
C’e silenzio, forse troppo
vorrei sentire il caos
ma non c’è, il caos è mio
e’ dentro di me.
Mi perdo tra silenzio e rumore
tra grandi spazi immaginati
e piccoli spazi vissuti
fino ad intravedere una stella.
In questa stella c’è l’azzurro.
Sono occhi che hanno i colori,
tutti,
occhi che rasserenano, trasudano semplicità
occhi che calmano
che hanno pianto
che hanno riso
che parlano
che offrono affetto.
Affetto tangibile,
quello vero e pulito. 

(Daniela Tansella) 



TUTT' IN EUROPA, JAMME JA'

I’ song’o nnammurato e me ne vanto
e Nanninella, chell’e ret’o vico;
simm legate da un amor pudico:
sulo sguard, suspire … e castità.

Ma so’ felice assai se stamme ‘nzieme,
core a core, abbracciate, sott’e stelle,
te giuro, spierz dint’a stuocchi belle,
sempe cu tte, da mo’ a l’eternità!

L’ata sera i’ dicette: “Mio tesoro,
m’hai preso il cuore, dimme a ro’ l’hai mise”
Ai don’t andestand, cud’iu ripit, plise”                   (I don’t understand, could you repeat, please)
rispunnett’essa, appoiannes’ao sofà.


“Nanninè, comme staie, che te succiese,

che stai dicenno, amor, ti senti male?

Da comme parli nun si cchiu nurmale,

ti porto da un dottore, là per là”


Mai darling, lissen, ancora tu ti ostini”,                 (My darling, listen)

dicette assaie scucciata a copp’a mano,

“non l’ingrese a parlar ma il vesuviano,

stamm in Europa, o’ ssaie, te vuò scetà?”


“Cara, tesoro, ammore mio adorato,

i’ sti parole nunn’e support cchiù.

Si mme vuoi bene ai dicer ai lov iu,                         (I love you)

ai’ll meri iu, si ttu mme vuoi spusà!”                       (I’ll merry you)


“A dummeneca, a passeggio pe’ Tuledo,

ud’iu laik en aiscrim  puoi dire,                               (Would you like an ice scream)

e io plise - parlanno tra e suspiri -                            (Please)

lez teik anoder olso for mammà“.                            (Let’s take another also for mammà)


“Si te stranisc pe’ na’ ser’e luna,

ca lucente tra e nuvole s’affaccia,

dimme cianciuso: ai laik it so maccia                      (I like it so much)

e sentere te voglio e suspirà”.


“Se stamm suli e Ammore friccichea, 
chiereme Honi, caman, ghiv me e’ kiss                    (Honey, come on, give me a kiss)

e stai sicuro c’o faccio bbuon e spiss,

nun voglio cchiù sentì: t’aggio vasà!”


“Ma fino a quanno tu non parl’ingrese,

a Mastritt nun vien’e nient scuse,

bicose der ai chennot introduse                                (because there I cannot introduce)

ei person laik iu, che ciaggia fa”.                             (a person like you)


Nu pizzic’andrasatt addiventaie

e ‘o sang comm’a ghiaccio dint’e vene;

Nanninella, penzaie, raggione tene,

nu rimmedio aggia subbito truvà.


Turnaie a casa, reritto, dint’o stipo,

a cercà e libbre e quann iev’a scola.

Dint’o cerviello na paura sola,

meglio ca sturio se nno me po lassà.


M’arricurdaie allor’e mamma mia,

quanno diceva co parole doce:

“Si sturi, figlio mio, nun puort a croce

e coccoruno tu puoi addiventà”.


Chelle parole se purtaie o’ vient;

povera mamma mia, parlava invano,

se ce penz me mangiarrie ‘e mmano,

chè chillo tiemp nun po’ cchiù turnà.


Quant maggie succerene p’ammore!

I’ chillo sbaglio nunn’o faccio cchiù.

“du iu spik in inglish?” embè mi tu!                         (Do you speak English? Beh, me too)

E ppoi sarà felice anche mammà.

                                                             

(Tommaso Ricci)