Di Nota/De Rosa/De Chiara: eccezionale trio di attori sul palcoscenico di Villa delle Magnolie

“E che Dio ce la mandi…bona!” in scena domenica 12 novembre nel grazioso spazio teatrale della nota struttura sanitaria.


Antonio Di Nota sarà in scena domenica 12 novembre, alle ore 19, sul palco del grazioso teatro presso la Villa delle Magnolie, la notissima struttura sanitaria sita in Castel Morrone (eccellenza in Campania per per la riabilitazione cardiologica, respiratoria, ortopedica e neurologica) immersa nel verde dei monti tifatini.

E che Dio ce la mandi…bona!”: questa la commedia che vedrà il regista ed attore teatrale sannicolese esibirsi in un lavoro scritto da Eva De Rosa e Massimo Canzano.
La commedia narra una situazione paradossale in cui tre personaggi si ritrovano ad essere gli unici sopravvissuti sulla terra, convinti di doverla ripopolare per volere divino. Ma sarà così? Dopo diverse situazioni tragicomiche, si arriverà a comprendere il tutto con un finale a sorpresa.

Al fianco di Di Nota due interpreti di primo piano: la sannicolese Tiziana De Chiara, di cui si conosce una grande esperienza maturata in questo settore artistico, ed Eva De Rosa, attrice napoletana-casertana molto apprezzata in teatro, cinema e Tv. 

Numerose e luminose sono le tappe artistiche della carriera di Tiziana De Chiara, che il Corriere di San Nicola si pregia di ricostruire. L’esordio avvenne nel febbraio del 1996 con la compagnia “Teatromania” nella commedia in tre atti, rielaborata e diretta da Ernesto Cunto, “Nobble e pupulane songhe una cosa” (da ‘Don Pasca’ passa a vacca’ di A. Petito). Sempre con la regia di Ernesto Cunto e sempre con “Teatromania” la sua interpretazione nella commedia comica in tre atti I Casi sono due” andata in scena nel marzo del 1997. Queste le più importanti esibizioni successive: -Dicembre 2002, “Teatromania” in “Socrate II”, commedia in due tempi di Gianni Gugliotta (dall’opera buffa ‘Il Socrate immaginario’ di Ferdinando Galiani e Giovanbattista Lorenzi) con la regia di Gianni Gugliotta; -Gennaio 2003, “I Serici” in “E’ asciute pazzo o’ parrucchiano”, commedia in due atti di Gaetano e Olimpia Di Maio.Regia di Mimmo Coppa; -Gennaio 2003, Le Maschere in “Signori, biglietti!”, commedia brillante in tre atti di G. Rescigno. Regia di Raffaele Sperlongano; -Marzo 2003, “Teatromania” in “Cacace, ‘a morte mia!”, commedia comico brillante in tre atti. Regia di Ernesto Cunto; -Febbraio 2004, “Teatromania” in “La fortuna con l’effe maiuscola”, commedia in tre atti di A. Curcio. Regia di Ernesto Cunto; -Marzo 2004, “I Saticula” in “Se ci sei”, commedia in tre atti di Corrado Grasso e Giovanni Marcuccio. Regia di Mimmo Coppa; -Ottobre 2009, “Caserta 360” in “’Ncopp o fatte”, commedia comico-brillante in tre atti (liberamente tratta da “Signori, biglietti!”, commedia brillante in tre atti di G. Rescigno) per la regia di Franco Nicolò; -Marzo 2010, “I Bel…Vedere” in “A Bilancia e n’avvocato”, commedia comico brillante in tre atti per la regia di Franco Nicolò; -febbraio 2011, “I Bel…Vedere” in “A Casa d’e pazze”, commedia comico-brillante in tre atti per la regia di Franco Nicolò. Nel curriculum di Tiziana De Chiara anche il Laboratorio teatrale tenuto dall’attore-regista Enzo Varone e dall’attore Gianni Allocca, presso il centro polivalente sito in Casagiove, che ha visto l’artista impegnata dal novembre 2003 al maggio 2004 e poi dal novembre 2004 al maggio del 2005.

Cabarettista, regista, conduttrice televisiva ed autrice di testi teatrali, Eva De Rosa esordì nella sua avventura teatrale nel 1992 -così si legge sul suo sito internet personale evaderosa.weebly.com- come attrice nella compagnia stabile del teatro "Izzo" di Caserta, di cui ben presto diventò un punto cardine. Dopo numerose esperienze teatrali sia “filodrammatiche” che “professionistiche”, la De Rosa creò un suo gruppo, i “Senza fili”, compagnia nella quale fu direttrice artistica, attrice e regista. Eva De Rosa ha vinto in carriera vari premi a livello regionali e nazionale sia come attrice che come regista; nel 2010 ha lavorato in Rai nel programma “Verdetto finale” e presso varie emittenti regionali in qualità di conduttrice, veste nella quale ha maturato numerose ed importanti esperienze, come la trasmissione “Indovina chi c’è a teatro”, in onda da sei anni. Dal 2011 ha iniziato “un sodalizio di amicizia e scrittura teatrale a quattro mani con Massimo Canzano”, che ha portato, nel corso degli anni, alla produzione di diversi pezzi di cabaret e di commedie come “In fuga con il catetere” (2013), “Inganni Napoletani Per Sopravvivere” (2014), "Uniti per difetto" ( 2015) e "Pompieri in tacchi a spillo" (2014), portata in scena lo scorso 26 novembre alla Rassegna Teatrale Città di Montoro dalla Compagnia teatrale “Eduardo” di Sala Consilina.

Ricchissimo, come si sa, anche il curriculum di Antonio Di Nota, le cui tappe principali sono narrate dettagliatamente sul Corriere di San Nicola.
Acclamato personaggio del teatro sannicolese, Antonio Di Nota, originario di quella grande terra di talenti artistici che è Napoli, ha sin da piccolo coltivato intensamente questa passione. Oltre a partecipazioni ad alcuni lavori cinematografici e alla serie televisiva di Rai3 “La squadra”, egli ha vestito i panni di attore, commediografo, regista, cantante ed anche poeta, a testimonianza di una naturale poliedricità unanimemente riconosciutagli. Antonio Di Nota ed il suo gruppo teatrale ("I Teatranti", fondato nel 1994 e poi denominato, dal settembre 2010, "Compagnia Sara Maietta" in omaggio ed in ricordo della sua giovane attrice tragicamente scomparsa nella notte tra il 2 e 3 luglio dello stesso anno) hanno partecipato a varie edizioni della rassegna “Arte e Cultura sotto le stelle” che si è svolta per diversi anni all’Arena di San Nicola la Strada. Lo ricordiamo in “Onesto, onestissimo, quasi...fesso!” del 24/7/2005, “Gente ‘e tiatro” del 29/7/2006, “Questi fantasmi” del 15/7/2007, “Che s’adda fa pe’ campa’ ” del 6/7/2008 e "Io, Napule e tu" del 24/7/2009. Di Nota è stato direttore artistico della rassegna estiva sannicolese nel 2009 e 2010 raccogliendo l'eredità di un altro grande del teatro locale, Tonino Daniele. Il 5/9/2009, in particolare, a chiusura della rassegna di quell’anno, curò la parte teatrale del concerto-spettacolo “Io so’ napulitano ... e si nun canto moro” che si avvalse della regia musicale del Maestro Franco Damiano. Inoltre Di Nota, in virtù della sua lunga esperienza, ha affiancato Alessandro Mistichelli nella conduzione dell’allora esistente accademia teatrale. Il 3 gennaio del 2016, la sua compagnia si è esibita al “Pirandello” in “Dicimm a’ Varietà: Che tenimm a’ Cabbaret”, spettacolo di beneficenza promosso dalla Associazione “Gli Allori” con il patrocinio del Comune (nell’occasione, gli organizzatori hanno presentato la compagnia di Di Nota ancora con il vecchio nome di “I Teatranti”). Lo scorso 22 luglio, nel corso della rassegna teatrale “R…ESTATE A SAN NICOLA”, è andato in scena all’Arena comunale di San Nicola la Strada con la Compagnia Sara Maietta in "...In fondo è così semplice...", commedia in tre atti da egli scritta e diretta ed interpretata, tra gli altri, dalla notissima e bravissima attrice Tina Gesumaria.

Giovanna Tramontano 

RIPRODUZIONE RISERVATA
©Corriere di San Nicola