«ENORME DISAGIO “PALA ILARIO”»

I sostenitori del Basket Cedri scrivono al Corriere di San Nicola: “Ci ritroviamo a competere per la Serie B, in un palazzetto che non ci appartiene”.


«Buonasera Sig. Ciaramella,
Inizio col dirle che non parlo a nome individuale, ma collettivo.

Collettivo perché a chiedere voce è il movimento ultras di San Nicola, i MODS.

Sono 4 anni che supportiamo i CEDRI e ci ritroviamo a competere per la Serie B, in un palazzetto che non ci appartiene.

Stiamo giocando a Casagiove, da 2 mesi!

Detto ciò, aspetto una sua risposta riguardo questa vicenda e se decide di intraprendere un eventuale pubblicazione, le inoltro il comunicato ufficiale de Gruppo. Saluti, il gruppo MODS».
Alfonso Costantino, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
22/11/2017

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa mail (di cui riportiamo fedelmente il titolo) inviataci dal sig. Alfonso Costantino, in cui è trattato un argomento che teniamo molto a cuore (i nostri lettori ben conoscono la nostra attenzione al “fenomeno” sannicolese Cedri) e del quale amministratori, politici e dirigenti della società hanno parlato in occasione della cerimonia di presentazione della squadra avvenuta il 14 ottobre nel salone borbonico (http://www.corrieredisannicola.it/sport/notizie/sport/cedri-con-entusiasmo-e-fiducia).
Bisogna comprendere l'amarezza dei tifosi della Cedri e anche aver fiducia che presto si possa giungere ad una sistemazione del Palazzetto, alla cui “causa” ci risulta stia dedicando molta attenzione la nostra amministrazione comunale.

«Cari lettori, Iniziamo col presentarci: -così è scritto, tra l’altro, nel post pubblicato sul profilo del sig. Costantino- noi siamo i MODS, gruppo di supporters per la squadra Cedri che da quattro anni a questa parte sostiene, incita e motiva la propria squadra con passione e dedizione sacrificando qualsiasi tipo di hobby, passatempo e impegni. Ci sentiamo in diritto di essere trattati con dignità e rispetto. Sappiamo pensare e agire con cognizione di causa e quindi, nonostante i trenta giorni di tempo passati dalla nostra protesta con tanto di striscione, ci rendiamo conto che non è facile gestire una situazione come quella del “PALA ILARIO”». 

La San Nicola Basket Cedri è oggi tra le massime espressioni del basket in provincia di Caserta, dotata di una efficientissima struttura societaria con dirigenti, tecnici e consulenti di grandissima competenza e di giocatori di altissimo livello. Praticamente ha preso il posto della gloriosa Juve Caserta. I suoi obiettivi sono noti e anche i risultati sinora conseguiti (otto vittorie su otto e primo posto solitario in classifica nel girone campano di serie C Silver). Giocare in trasferta anche le partite che il calendario programma in casa, davanti ad un pubblico che non è sannicolese, è una cosa che fa molto dispiacere. Bisogna che si faccia qualcosa in fretta e che si restituisca presto il Palazzetto Ilario alla squadra e ai tifosi.
Noi ci crediamo. La nostra fiducia è riposta nelle parole che dissero Marotta (“Noi come amministrazione proveremo a mettercela tutta nel continuare a risolvere una situazione pesante che abbiamo ereditato. Non stiamo ora qui a parlare di responsabilità, di difetti di costruzione del Palazzetto sin dalla partenza della realizzazione della struttura”) e la senatrice Esposito (“Dobbiamo essere capaci di tradurre in azioni concrete, anche di livello normativo, questa esigenza. Da questo punto di vista, come vi renderete conto, io posso dare un piccolo contributo. E, per quanto piccolo, voglio provare a darlo”) il 14 ottobre nel Salone Borbonico.

Nicola Ciaramella

-la foto pubblicata è tratta dal profilo facebook https://www.facebook.com/profile.php?id=100002715415851