Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

“Entro il 2018 la toponomastica cimiteriale”

Marotta e Mastroianni confermano l’attenzione sulla nota problematica sollevata da un lettore del Corriere di San Nicola.
Il sindaco e il consigliere delegato ci parlano dei recenti interventi miranti a migliorare i servizi e del crollo della cappella “già messa in sicurezza”.
In elaborazione una nuova sala mortuaria


Quanto concerne la memoria storica o archivistica, San Nicola la Strada da decenni serba lacune di vario tipo. Il cimitero della cittadina manca di una toponomastica, rendendo l’individuazione dei defunti un fatto realmente complesso.
Come noto, la problematica, sollevata nel 2015 da un lettore del Corriere di San Nicola e subito sottoposta dal nostro giornale all’amministrazione comunale, si basa su alcune evidenti considerazioni.
Esistono, cioè, cimiteri ben più grandi e problematici del nostro, tutti con un preciso archivio e una mappatura di loculi e sepolture. Di sovente capita di cercare i cari estinti e scoprire sul posto, in ritardo, dopo del tempo speso in giro, che il loculo è stato spostato. O magari scoprire che vecchi amici sono ormai introvabili. Il disagio è concreto, soprattutto quando difetta la consuetudine e il cittadino si riduce alla classica visita annuale.
E’ un peccato, considerando che l’amministrazione comunale molto di buono ha fatto per l’area, dagli interventi di manutenzione al trasporto pubblico gratuito nel mese di novembre, dai servizi per i disabili alle ultime novità.
I servizi sono oggettivamente migliorati, ma l’incognita rimane.
Culturalmente il rapporto con la morte e con la vita definisce molto dell’identità di uno spirito cittadino. Quando la prima è dimenticata, la seconda sbiadisce. Probabilmente il nesso non è casuale. Basterebbe allungare lo sguardo alla vicina Napoli e individuare la dialettica tra l’importanza attribuita ai defunti e i colori di una vita elettrica. Le due cose si svolgono in una stretta relazione nell’inconscio popolare, nell’accezione di una totalità urbana.
Certamente nessun trapassato si lamenterà della toponomastica, ma il problema è anche dei vivi, magari non in un numero rilevante, ma moralmente determinante.
Incontriamo il Sindaco Vito Marotta e il Consigliere Gaetano Mastroianni con delega ai servizi cimiteriali.

Il primo argomento trattato è, appunto, quello della toponomastica.
Mastroianni ci spiega: «Ci siamo attivati per risolvere il problema, nonostante i ritardi a causa degli altri lavori cimiteriali. Ci riattiveremo a breve, in circa un paio di mesi torneremo ad occuparci della questione. Una volta ripresi i lavori, in breve tempo verranno completati».
Il Sindaco prosegue e completa le affermazioni: «La volontà di risolvere il problema della toponomastica ovviamente c’è. Dobbiamo solo attendere l’approvazione del bilancio di previsione, che conferma i tempi previsti dal consigliere. Nel 2018 toccheremo la toponomastica cimiteriale».
Anche il recente crollo della cappella è abbracciato dalle osservazioni del delegato: «La cappella era già sottoposta a dei lavori e alla messa in sicurezza. Siamo in progetto con l’ufficio tecnico anche per la copertura del lato vecchio del cimitero. Vogliamo sostituire le vecchie mura per uniformare il complesso. Inoltre è in elaborazione una nuova sala mortuaria. Questi sono i programmi da svolgere, ma ve ne sono tanti già compiuti nel 2017».
In riferimento alle opere cimiteriali svolte e completate nel 2017, ci viene mostrato un documento riportante la tipologia dei lavori (bagni pubblici, la cappella e l’altare), con una spesa totale di euro 24.751,80.
Il Sindaco giustamente ci tiene a precisare: «Abbiamo completato molti lavori, che ora stiamo evidenziando e che abbiamo notificato alla cittadina. Tuttavia la gente non lo nota subito (nonostante l’importanza), perché sono fatti che non “risaltano”. Eppure gli interventi sono continui».
Marotta e Mastroianni terminano con un'altra rilevante opportunità, che la dice tutta sulla presenza dell’amministrazione nell’area: «Abbiamo avuto un finanziamento regionale per impegnare quattordici persone in lavori di pubblica utilità. Almeno cinque di loro saranno impiegate stabilmente nel cimitero, per lavori di guardianeria e di pubblico decoro».

Antonio Dentice d’Accadia


Leggi sulla problematica della toponomastica cimiteriale: 

Le strade del Cimitero


PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL “VADEMECUM” DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI 



Tutto quanto è utile sapere della raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
MAGGIO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori