Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


VADO SU GOOGLE E PROVO TANTA AMAREZZA


Sto facendo una raccolta di selvaggi “copia ed incolla”. Ne farò un libro. 
 

Vito Marotta e Lucia Esposito, serata da meritatissimi applausi

Consensi anche da parte dell’opposizione per la seconda verifica delle linee programmatiche.
A fine seduta, il consiglio comunale ed il pubblico hanno accolto con calore la neo senatrice, prima sannicolese membro del Parlamento.
Il testo completo della relazione di Marotta.


I momenti finali sono quelli che certamente più sono da ricordare: la seconda, applaudita (anche dall’opposizione) verifica delle linee programmatiche di Vito Marotta e il saluto che la neo senatrice Lucia Esposito, prima sannicolese della storia ad entrare in Parlamento, appositamente invitata dal presidente del consiglio, ha voluto rivolgere all’assise e al pubblico.
Il consiglio comunale di giovedi 26 ottobre è vissuto sostanzialmente in un clima di serenità caratterizzato dai consensi sull’operato dell’amministrazione Marotta e dalla serietà, equilibrio e correttezza dimostrate dai due gruppi di opposizione capitanati da Nicola D’Andrea e Federico De Matteis, entrambi inappuntabili sia per l’importanza delle interrogazioni presentate e delle osservazioni mosse alla maggioranza che per la partecipazione a momenti obiettivamente da condividere.

La seduta, priva del gruppo misto Vaccari-Terracciano-Della Peruta e alla quale hanno assistito come unici rappresentanti della stampa Nicola Ciaramella con la collaboratrice Giovanna Tramontano per il Corriere di San Nicola e Lucio Bernardo per Il Mattino, è cominciata con la presentazione da parte del sindaco della nuova assessora Enza Perna, a cui sono state affidate le deleghe ai tributi, alle innovazioni tecnologiche e soprattutto al bilancio, materia che il sindaco Marotta aveva assunto ad interim sin dalla sua elezione e alla quale si era sinora personalmente dedicato con particolare impegno ed attenzione, alla luce dei pesantissimi problemi sorti a seguito della dichiarazione di dissesto finanziario del comune.
Nell’esprimere il suo apprezzamento per l’esperienza sinora acquisita e per gli ottimi requisiti professionali vantati dal nuovo membro dell’esecutivo, Vito Marotta ha doverosamente ringraziato l’ex assessora Valeria Tramontano per il prezioso contributo offerto per due anni alla sua amministrazione e alla collettività (alcune delle sue più importanti iniziative sono state, in seguito, oggetto anche della verifica del programma letta alla fine della riunione).

Ho accettato con piacere e anche con un po’ di difficoltà questo incarico, -ha affermato Enza Perna nel suo intervento- sapendo che ci sono situazioni difficili da risolvere e grossi sacrifici da richiedere alla cittadinanza. Sono consapevole che l’area finanziaria è un po’ la muscolatura dell’intero apparato della macchina comunale e per questo sono prontissima ad affrontare con tutto il mio impegno il lavoro che mi è stato affidato. Ce la metterò tutta nel dare il mio contributo affinché l’amministrazione raggiunga gli obiettivi e gli intendimenti programmati. Voglio sentirmi e mi sentirò cittadina sannicolese!”.

Quindi, attenzione sul primo punto all’ordine del giorno, ovvero l’interpellanza presentata dal capogruppo di Movimento Cinque Stelle, Federico De Matteis, che, con i soliti toni educati e precisi, chiede all’amministrazione lumi sulla situazione del teatro comunale Plauto, affidato in gestione alla società Foyer srl dalla primavera del 2013: «Non si capisce perché un teatro da 600 posti, dotato di un impianto tra i migliori in Europa, che dovrebbe essere conosciuto in tutta la Campania, che, facendo una similitudine, potremmo definire stadio da serie A, non decolla. Nessuno sa esattamente perché. Dal momento che le precedenti nostre richieste di documenti non sono state soddisfatte dagli organi comunali e poiché dalle evidenze contabili non risultano scritture relative alla gestione del teatro, chiediamo, in particolare, di conoscere perché in questi quattro anni non siano stati rispettati alcuni punti cardine dell’accordo, che si può ben definire una “convenzione capestro”, come la programmazione di otto spettacoli annuali, come la corresponsione di € 40.000,00 annuali (di cui 15.000,00 in contanti e 25.000,00 sotto forma di costo per pubblicità degli spettacoli da allestire), come la concessione gratuita della struttura per attività proprie del Comune. Il teatro è un bene della comunità sannicolese e non può rimanere inattivo per la volontà di un gestore che, tra l’altro, sembra non rispettare gli accordi sottoscritti».

A rispondergli l’assessore Vincenzo Mazzarella, che, d’accordissimo su tutti i punti “fotografati” da De Matteis, e dopo aver precisato che l’impianto fonico realizzato dal gestore non è di proprietà del comune, ma del gestore che lo ha realizzato, e che il collaudo è stato perfezionato a cura del gestore stesso, ha rivelato i continui contatti che si stanno avendo per addivenire ad una migliore riformulazione della “convenzione capestro” tra il Comune e la Foyer.
«Si, è vero, abbiamo un’astronave che si è lasciata a terra -ha affermato- ma ci stiamo impegnando molto, io e l’assessora Natale, per venire ad un accordo con il gestore più favorevole alla cittadinanza. Siamo di fronte ad una scelta: attaccare la convenzione, attaccare il gestore e quindi andare incontro ad un periodo lunghissimo durante il quale il teatro potrebbe decadere ancora di più, oppure trovare una condizione a noi favorevole per poterlo poi gestire con modalità favorevoli al Comune. E’ questo che stiamo facendo. Si stanno susseguendo gli incontri per trovare un accordo bonario con i gestori. Gestori che non abbiamo messo noi».

«Mi riservo di riproporre questa interrogazione in altro momento se i tempi non dovessero essere ragionevoli»: condivisibile certamente la conclusione di De Matteis, che mette in provvisorio stanby una questione per la quale è lecito attendersi a breve una risposta concreta.

Dal portavoce dei pentastellati anche l’interpellanza inserita al punto quattro dell’ordine del giorno, ovvero «come questa amministrazione intenda comportarsi in merito alla concessione di forme di incentivo economico o altre agevolazioni per gli esercenti che aderiranno, a norma del recente decreto legge, alla sperimentazione sul “vuoto a rendere”».
«La mia è un’interpellanza che va a toccare le tematiche ambientali -ha detto De Matteis- in quanto al miglioramento del riciclaggio dei rifiuti vuole mirare il decreto ministeriale n. 142 del 3 luglio 2017. Dare, cioè, un incentivo agli esercizi commerciali (bar, pizzerie, ristoranti ecc..) che producono come rifiuti vetro e imballaggio nel momento in cui fossero intenzionati a sperimentare un ritorno al vuoto a rendere».

«Ci stiamo attivando al meglio -ha risposto l’assessore all’igiene urbana Domenico Sortino- nel cercare di migliorare ancora di più la situazione rifiuti, condividendo a pieno ogni attività volta a prevenire e limitare tale produzione, nonché ad incentivare ogni iniziativa in tal senso. Quindi, in perfetta sintonia con Giulio Biondi, responsabile dell’area tecnica, ci impegneremo a prendere in considerazione ogni possibilità, derivante dalle normative a venire, di concedere incentivi anche economici a coloro che aderiranno all’iniziativa “vuoto a rendere” finalizzata al contenimento della produzione di rifiuti».

Dopo la lettura, da parte del presidente del consiglio Fabio Schiavo, della nuova composizione dei gruppi consiliari e delle commisioni permanenti riformulate in seguito alle ultime vicende che hanno visto Saverio Martire passare tra le fila di Strada Nuova e Vincenzo Della Peruta infoltire il Gruppo Misto (il tutto lo si  può leggere nella apposita sezione del Corriere di San Nicola "La mappa del potere 2015-2020), ecco il momento della verifica delle linee programmatiche di mandato, come previsto ogni anno dallo statuto comunale.

Questo il testo della relazione del sindaco Vito Marotta, alla sua seconda relazione del genere, dopo la prima verifica enunciata il 29 settembre del 2016: 

«Sig. Presidente, colleghi Consiglieri,

sarebbe semplice e forse più “comodo”, in sede di verifica dello stato di attuazione dei programmi, partire dalle cose fatte e dagli obiettivi conseguiti. Ed invece, ritengo serio e responsabile soffermarmi, nella parte introduttiva, su alcuni prioritari punti, non ancora portati a compimento se pur già istruiti e sviscerati.

Mi riferisco alle problematiche connesse alla Piscina Comunale ed all’avvio delle procedure del Piano Urbanistico Comunale.

Sul primo punto, lo scorso anno, nell’analoga seduta consiliare, descrissi in maniera puntuale, in un apposito paragrafo, lo sforzo compiuto dall’Amministrazione Comunale in termini di programmazione e successiva esecuzione dei lavori strutturali propedeutici all’ottenimento dell’agibilità, vista l’esigenza di completare l’opera e di far fronte ad alcune riscontrate lacune progettuali. Ciò contestualmente alla definizione del pregresso contenzioso, liquidando rate relative al ratificato accordo transattivo.

Oggi, invece, facendo seguito all’avvenuta revoca della precedente aggiudicazione, l’attenzione è rivolta alla gestione della struttura che richiede competenze e professionalità adeguate, ma avendo come base di riferimento previsioni realistiche, anche allo scopo di evitare nuovi ed ulteriori contenziosi che stanno interessando Comuni limitrofi che versano nella medesima condizione.

In merito al secondo punto, entro i nuovi termini fissati dalla Regione Campania e tenuto conto della carenza di professionalità interne, si procederà in tempi celeri all’affidamento della opportuna consulenza tecnico scientifica per la pianificazione urbanistica generale in coordinamento con l’Ufficio di Piano, dotato di professionisti forniti delle necessarie competenze per l’espletamento dei servizi specialistici connessi alla redazione del PUC.

Siamo consapevoli che la credibilità del nostro operato si misurerà anche sui due citati punti programmatici, ma la durata di una legislatura, così come abbiamo più volte ribadito, racchiude uno spazio temporale da impiegare in primis per ripristinare la normalità, alla luce soprattutto delle condizioni economiche dell’Ente e del dichiarato stato di dissesto finanziario. Su questo riteniamo di poter evidenziare una molteplicità di dati.

Sono trascorsi poco più di due anni dalla data della prima seduta consiliare d’insediamento di questa legislatura, ed il dato significativo dal quale voglio partire è relativo all’imprescindibile rapporto con l’OSL (Organo Straordinario di Liquidazione), la cui attività di gestione dei debiti pregressi (accertando la massa passiva, formando la massa attiva, acquisendo i mezzi finanziari necessari alla estinzione di tali debiti) si svolge in parallelo a quella che noi stiamo compiendo per giungere al riequilibrio finanziario.

In tal senso, va sottolineato che, acquisite le risorse necessarie e sufficienti a proporre ai creditori ammessi le transazioni, sono stati assicurati i primissimi pagamenti o i primi accantonamenti.

L’intero procedimento di risanamento ha rischiato però di essere fortemente compromesso, in quanto per la Commissione Liquidatrice i debiti inerenti l’emergenza rifiuti (la cui entità risulta essere considerevole) sarebbero stati ricondotti alla gestione ordinaria dell’Ente, nonostante la manifesta incompatibilità degli stessi con il concetto di ordinarietà, proprio delle gestioni vincolate.

Tale problematica, formalmente sollevata ed attenzionata dallo scrivente con nota indirizzata all’OSL, ha trovato finalmente riscontro nell’orientamento ministeriale, in base al quale, al contrario, i sopra menzionati debiti rientrano nella competenza dell’OSL, in quanto, pur attenendo a servizio indispensabile per il quale la legge prevede una gestione vincolata, non sono stati ricompresi nell’ambito di quest’ultima o non hanno trovato adeguata copertura.

Questo importante risultato, unito al costante e proficuo rapporto tra l’Organo di Liquidazione con la nostra Area Finanziaria, con il Segretario Comunale e la recente nomina di un Assessore al ramo (al quale formulo i migliori auguri di buon lavoro e che ha chiaramente ricevuto espresso mandato a seguire con la massima attenzione tale procedura), ci fa ben sperare di giungere all’auspicato risanamento.

A fronte delle descritte vicende finanziarie, abbiamo portato avanti un’intensa attività nel settore dei lavori pubblici, delle manutenzioni in generali, delle aree verdi e del decoro urbano.

Prima, infatti, della stesura del bilancio 2017, siamo intervenuti su due vicende ataviche, derivanti da lavori eseguiti male in un recente passato. Mi riferisco al rifacimento di via Brunelleschi (con i relativi sottoservizi) ed il pericoloso sprofondamento che riguardava Piazza Municipio (le cui ingenti somme spese precedentemente non avrebbero dovuto procurare tale disastro).

Poi, in sede di approvazione del bilancio previsionale 2017, c’è stata una chiara scelta dell’Amministrazione Comunale di destinare una congrua somma al rifacimento di alcune arterie cittadine, individuando una serie di priorità (naturalmente ne restano delle altre per le quali siamo già al lavoro). Sono stati appaltati ed eseguiti i lavori per ben 9 strade: II tratto di via XX Settembre, via Bronzetti, via S.S. Cosma e Damiano, via Turati, via De Nicola, via Bellini, via Lincoln, via dei Mille ed alcuni tratti di via Patturelli e di via Fuga.

La novità però c’è stata nell’applicare il “Disciplinare tecnico per il rilascio di autorizzazioni per l’esecuzione di scavi su suolo pubblico e relativi ripristini” – adottato negli anni scorsi con Delibera di Giunta - ottenendo dalle aziende erogatrici dei servizi, abituate in passato (in assenza di azioni di vigilanza e di controllo) a porre in essere ripristini inadeguati ed approssimativi, il rifacimento di arterie importanti, quali via IV Novembre, via S. Croce, via De Gasperi.

Anche il cimitero è stato oggetto di importanti lavori di riqualificazione che hanno interessato soprattutto la parte storica, partendo dall’altare e dai bagni (eliminando infiltrazioni ed evidenti rischi), l’autoclave ed altre opere che proseguiranno nei giorni prossimi.

I nostri due polmoni verdi hanno vissuto una evidente nuova stagione.

Alla Rotonda, con esigue risorse ed un lavoro eseguito con le forze interne all’Ente, abbiamo riattivato gli irrigatori per garantire un prato verde, dopo il triste quadro e l’abbandono degli anni passati. Abbiamo garantito una maggiore sicurezza con l’installazione di 24 armature a LED che oggi illuminano l’intera passeggiata perimetrale dei due emicicli (sistema che produrrà il massimo dell’effetto quando verranno potati gli alberi di alto fusto, mentre in questi giorni è in corso la potatura degli alberi posizionati lungo i marciapiedi della Città).

La villa Comunale S. Maria delle Grazie, per merito dei Volontari dell’Associazione “Real Convitto”, oggi è un’oasi che ci invidiano anche i cittadini dei Comuni limitrofi. Con loro abbiamo stipulato in Giunta una convenzione, abbiamo superato difficoltà di natura pratica ed organizzativa ed è ripresa da poco una collaborazione proficua. Auspichiamo, a breve, di fare lo stesso, per la villa comunale di Piazza “Matilde Serao”.

In materia Urbanistica, invertendo la rotta rispetto al passato, prima di concedere nuovi permessi di costruire (derivanti da lottizzazioni già approvate in passato), abbiamo richiesto ed ottenuto dai lottizzatori, le progettazioni delle opere di urbanizzazione (piazze, verde attrezzato, illuminazione ed altro), approvate, quindi, in Giunta per le zone di via Saba, via Patturelli e via Marconi. Tali interventi, uniti a quelli sopra descritti, garantiranno (certo non subito) il completamento ed in alcuni casi la riqualificazione di molte aree della nostra Città, consegnate alla collettività già fornite di tutte le attrezzature necessarie per un’immediata fruibilità.

Va detto che esclusivamente con le risorse comunali non è immaginabile di progettare e realizzare opere innovative e strategiche.

Per questa ragione, non abbiamo smesso e non smetteremo di lavorare affinché con altre Istituzioni di rango superiore vi sia una collaborazione fattiva. Costanti sono i rapporti con i vertici della Regione Campania per portare a compimento l’attesa riqualificazione del viale Carlo III e recentemente si è svolto un incontro tra il Presidente della IV Commissione Urbanistica, Lavori Pubblici, Trasporti del Consiglio Regionale della Campania, la Presidente del Partenariato Economico e Sociale della Regione Campania e l’Amministrazione Comunale per approfondire le opportunità di finanziamento ad oggi esistenti.

Stiamo seguendo con particolare dedizione la proposta di approvazione che passa attraverso la Regione Campania, oggi all’attenzione della Conferenza Stato – Regioni, del finanziamento per la manutenzione straordinaria dei plessi dell’Istituto Comprensivo Capol D.D per un importo di circa 530.000,00 €, come intervento che discende dalle risultanze delle indagini diagnostiche sui solai delle scuole (già effettuate grazie ad un ulteriore finanziamento ministeriale).

Non è stata trascurata neppure la concessione di contributi relativi ad interventi strutturali per la riduzione del rischio sismico su edifici privati, recependo le istruzioni operative rivolte ai comuni dalla Regione Campania in forza del relativo bando, risultando quindi tra i beneficiari delle risorse.

In materia ambientale, è continuato l’impegno alla corretta applicazione del contratto di appalto con la società che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Siamo lontani dal dato di Raccolta Differenziata previsto per legge, ma ci sono dati incoraggianti che ci fanno ben sperare con un aumento di circa dieci punti percentuali (dal 31% al 42%), che dimostra l’efficacia di alcuni provvedimenti adottati, tra cui:

la presenza in zona Cimitero dell’Ecomobile per il conferimento entro le ore 11.00 della medesima tipologia del giorno precedente;

la possibilità di conferire, sempre in zona Cimitero, Carta, Cartone, Vetro e Plastica, tutti i giorni dalla ore 6.30 alle ore 11.00;

la raccolta di Carta, Cartone e Vetro estesa a tutti i giorni della settimana esclusivamente per gli esercenti;

i tre incontri di sensibilizzazione che si sono svolti nel Salone Borbonico, presso l’Ecosportello e nel quartiere Speranzas, con la campagna di controllo sul rispetto di calendario di conferimento;

la distribuzione domenicale, fuori le nostre Parrocchie, delle tanichette per lo smaltimento dell’olio;

l’apertura e la messa in funzione della Casa dell’Acqua.

Puntiamo molto però sulla realizzazione del Centro di Raccolta, i cui lavori, acquisite tutte le autorizzazioni previste dalla norma, sono in corso e dovrebbero terminare per la fine del mese di Dicembre.

Abbiamo intensificato lo spazzamento delle nostre strade, con l’utilizzo del mezzo meccanico 7 giorni su 7 e sono state installate le fotocamere nelle seguenti strade: via Torricelli, prolungamento di via Grotta, zona Campo sportivo e Piazza Parrocchia che rappresentano un deterrente che ha prodotto risultati evidenti.

Dura è stata la battaglia per contrastare la realizzazione di un nuovo impianto di trattamento dei rifiuti, prima in zona Lo Uttaro, per il quale siamo ricorsi al TAR (ed oggi vi sono notizie circa l’incarico conferito dalla Regione Campania ad Invitalia per la predisposizione degli atti propedeutici, finalizzati alla messa in sicurezza del sito) e dopo in zona Ponteselice con il recente Consiglio Comunale congiunto con i Comuni di Casagiove, Recale e Capodrise, che fa seguito alla nostra precedente deliberazione di Consiglio Comunale, con una posizione unanime dell’intera assise, senza distinzione tra maggioranza ed opposizione. In questo caso, il tema è ancora attuale e continueremo a vigilare, precisando la nostra approvazione e condivisione per il completamento dell’impiantistica (al fine di chiudere il ciclo integrato dei rifiuti), ma esprimendo un netto dissenso rispetto alla localizzazione - troppo vicina ai centri abitati - che tradisce la vocazione del territorio ed individuata senza alcun coinvolgimento dei Comuni limitrofi al capoluogo.

Sul tema della viabilità, anche nel formulare un ringraziamento alla dott.ssa Valeria Tramontano per il lavoro svolto, mi preme sottolineare, anche nel 2017, l’organizzazione del corso di educazione stradale “Vigile Amico” – con il necessario supporto degli Agenti della Polizia Municipale - rivolto ai bambini delle scuole; la collaborazione nel lavoro di sensibilizzazione con l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” del sistema innovativo di mobilità degli studenti con servizio di navetta gratuito, servizio di Carpooling con una fermata nella nostra Città.

Per incentivare il commercio e la mobilità cittadina è partito in via sperimentale ed ha trovato largo consenso il servizio gratuito di Bus Navetta, tutti i lunedì, in direzione area mercato e non solo. Anche tale servizio è stato realizzato senza oneri per il Comune e grazie alla collaborazione di imprenditori locali.

E’ stato eseguito, inoltre, un importante intervento di ripristino della segnaletica orizzontale e verticale, lungo la cd “circumvallazione”, in un’ottica di rafforzare la sicurezza. Sono state realizzate, infatti, bande sonore che garantiscono una maggiore percezione agli automobilisti e sono stati posizionati ai bordi dei particolari “occhi di gatto” che si illuminano con la luce proiettata dai fari delle auto.

L’anno scolastico, anche per il 2017, è partito senza alcun intoppo: mensa scolastica, fornitura di libri di testo e pochi ma necessari arredi. Dunque, tutto in ordine ed in raccordo con i Dirigenti Scolastici.

Sul piano culturale, partendo da Ottobre scorso è stato vasto il programma degli eventi, con il coinvolgimento della Pro Loco e delle Associazioni del territorio e non solo (le Parrocchie, Il Girasole, I Fiori della Mowha, Idea 22, i Lions, Alterum, l’Ordine degli Psicologi), lavorando per tutte le fasce di età.

A Natale scorso (ed anche quest’anno sarà così) un calendario di concerti, rappresentazioni teatrali e per il commercio (usufruendo del contributo della Camera di Commercio): luminarie, animazione itinerante e concorso per le vetrine con manifestazione conclusiva; poi con le scuole la Festa dell’Albero, la Giornata della Memoria e l’otto marzo; con gli anziani tre seminari promossi dalla UniTre (su informatica, corretta postura e Giuseppe Verdi). Due mostre nel Salone Borbonico: una fotografica collettiva ed una sulla evoluzione tecnologica e dell’informatica. In Piazza Parrocchia chiusa al traffico per l’occasione si è svolta la mostra d’auto e moto d’epoca.

Per il secondo anno consecutivo si è svolta la Rassegna Teatrale estiva presso l’Arena Comunale con ben nove spettacoli (con centinaia di presenze) ad ingresso completamente gratuito.

Lavoriamo oramai da due anni per far sentire l’Europa più vicina ai giovani sannicolesi e con le classi IV e V della sezione distaccata del Liceo Scientifico “Armando Diaz” abbiamo celebrato il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, premiando i lavori tematici presentati dagli studenti per l’occasione.

Per lo Sport c’è stato un anno intenso, ricco di iniziative: oltre alla tradizionale Maratonina, abbiamo ospitato ed organizzato (grazie al supporto operativo della Polizia Municipale e del locale Nucleo di protezione Civile), per la prima volta nella storia sportiva della nostra Città, una delle tre tappe del Giro della Campania in Rosa, un evento di rilevanza nazionale con partenza ed arrivo nella nostra Città (che ne ha tratto non pochi benefici in termini di risalto mediatico), al pari di via Caracciolo a Napoli e San Giorgio del Sannio (sedi delle altre tappe).

Ed ancora, la nostra Piazza chiusa al traffico di Domenica mattina, in accordo con il CONI e con l’ANCI, ha ospitato la manifestazione “Sport in Comune…”, così ben riuscita che il CONI ha proposto ed ottenuto che San Nicola la Strada ospitasse anche la finale provinciale, svoltasi nella zona delle nostre strutture sportive con la partecipazione di rappresentative provenienti da ben 23 Comuni della nostra provincia ed un’organizzazione impeccabile.

E’ in corso di svolgimento la gara per la concessione in gestione del centro sportivo lungo il galoppatoio. Una concessione valida per cinque anni, destinata alle Associazioni Sportive dilettantistiche e l’Amministrazione Comunale che si è riservata la possibilità di utilizzare gratuitamente o di concedere in uso la struttura per 20 giornate all’anno; nei giorni di sabato e domenica mattina di luglio ed agosto l’utilizzo gratis per i minori residenti; tariffe, in ogni caso, ridotte del 10% per i residenti.

Al centro della nostra azione politica abbiamo messo sempre prima la Persona e molte sono state le iniziative a tutela della stessa:

penso ad esempio al Campus della Salute, organizzato in collaborazione con straordinari medici volontari dell’Ordine dei Medici, la Croce Rossa Italiana e la sezione distaccata del Liceo Scientifico “A. Diaz”, con oltre trecento visite mediche specialistiche gratuite – al pari di altre grandi centri che hanno ospitato l’iniziativa.

In collaborazione con l’ASL invece abbiamo favorito la presenza alla Rotonda di una struttura mobile per screening gratuiti (per tumori al seno, colon retto e vaccinazioni).

Il ciclo di cure termali, con trasporto sempre gratuito, a Telese Terme (BN) e durante la stagione estiva la diffusione in tutte le nostre farmacie del decalogo per combattere il caldo, nonché l’emissione del bando per la distribuzione dei buoni acquisto Farmaceutici per i bambini fino a tre anni e per gli anziani tra i 60 ed i 75 anni.

Siamo, inoltre, fiduciosi di firmare a giorni la convenzione con la Regione Campania per il finanziamento di misure di politica attiva per percorsi lavorativi presso la pubblica amministrazione che vedranno protagonisti ben 15 persone che opereranno al servizio della nostra Città, secondo un progetto ideato dall’Amministrazione Comunale.

Grande soddisfazione e partecipazione c’è stata durante la manifestazione di apertura della prima Area giochi inclusiva della nostra San Nicola, realizzata in larga parte con un piccolo finanziamento sempre di derivazione regionale. Un gesto simbolico di alto valore che abbatte barriere architettoniche, per minori con disabilità.

Abbiamo provato a rivitalizzare l’emiciclo ovest della Rotonda con il ripristino ed il miglioramento del percorso natura già esistente, per favorire attività motorie a corpo libero. Un altro passo compiuto senza oneri per il Comune, bensì con fondi derivanti dalla nostra partecipazione al Consorzio delle Farmacie Comunali.

La quotidianità della nostra Città si fonda molto, così come sopra descritto, sul contributo di volontari.

Tra questi, merita una menzione particolare, il Nucleo locale di Protezione Civile che, operando in stretto raccordo con l’Amministrazione Comunale, ha beneficiato di un nuovo Autocarro furgonato grazie ad un contributo regionale ed ha instaurato una collaborazione di altissimo profilo con l’Aereonautica Militare, per esercitazioni e simulazioni svolte al servizio degli Allievi di Caserta. In Giunta abbiamo deliberato, pochi giorni fa, la partecipazione al nuovo Avviso Pubblico della Regione Campania per l’aggiornamento del Piano di Emergenza Comunale.  

In questi giorni il tema principale, più avvertito dalla cittadinanza, è diventato quello della sicurezza.

Stiamo lavorando per un’azione coordinata con la Prefettura e le Forze dell’Ordine, ma dobbiamo anche segnalare i passi in avanti compiuti con il ripristino ed il potenziamento, anche su sollecitazione delle forze di opposizione, dopo anni di interruzione per morosità, del sistema di videosorveglianza con le seguenti postazioni:

n. 2 camere fisse zona bocciofilo e piscina comunale;

n. 2 camere fisse incrocio via Leonardo Da Vinci;

n. 2 camere fisse piazzale cimitero;

n. 2 camere fisse via E. Fermi;

n. 2 camere fisse viale Carlo III – P.co Matilde;

n. 2 camere fisse Largo Rotonda – emiciclo Est;

n. 2 camere fisse Largo Rotonda – emiciclo Ovest;

n. 2 camere fisse Piazza della Repubblica;

n. 2 camere fisse Piazza Municipio.

Inoltre, relativamente alle problematiche legate ai flussi migratori, la Polizia Municipale ha avviato (e dovrà proseguire nei tempi futuri) la verifica anagrafica, principalmente nei cortili del centro storico, con sopralluoghi ed incrocio dei dati.

Mi sento di chiudere la relazione menzionando una vicenda che testimonia quanto l’Amministrazione Comunale abbia come prioritario impegno la vicinanza alle persone in difficoltà:

nel giugno scorso, un’importante e storica azienda privata del nostro territorio ha avviato la procedura di licenziamento di sei persone.

Non si tratta di un tema di competenza comunale, ma abbiamo provato ad esprimere tutta la nostra vicinanza alle famiglie coinvolte e soprattutto abbiamo intensificato i rapporti con i sindacati ed i vertici aziendali per scongiurare una riorganizzazione che stava compromettendo il futuro di alcuni sannicolesi. Non possiamo ascrivere a noi il risultato positivo ottenuto, ma l’impegno testimonia la nostra volontà di proseguire in questa direzione, a tutela esclusiva della persona umana e della nostra Comunità.

Tutto quanto descritto è stato possibile realizzarlo grazie ad un impegno politico ed amministrativo intenso e quotidiano, ma ritengo che, pensando al futuro, non vada trascurato che gli organici degli enti locali in dissesto, relativamente alle assunzioni del personale ed alle dotazioni in carico, devono rispettare una serie di limitazioni in ordine alla percentuale dei costi dei servizi da loro erogati, da coprire con i relativi proventi tariffari.

Tale difficile condizione impone uno sforzo ancor maggiore e senza sosta da parte di tutti. Sforzo che c’è stato e ci sarà!».

Indubbiamente un gran lavoro, alla luce sia delle azioni svolte che delle materie toccate. Molti dei punti del programma di Marotta e alleati, insomma, sono stati o si stanno realizzando, a conferma che la squadra ha sinora ben funzionato e che continua ad andare avanti con determinazione.
A riconoscere i meriti dell’amministrazione Marotta, pur, ovviamente, “con alcuni appunti”, anche Nicola D’Andrea, capogruppo di Insieme per San Nicola nonché grande personaggio della politica locale, arguto, competente ed unanimemente da sempre apprezzato.
I suoi auguri alla d.ssa Perna: «C’era bisogno di una mano da una persona esperta e competente in un comune in dissesto».
Sulla verifica del programma: «Giustamente il sindaco ci ha enunciato quello che è stato fatto, dopo la partenza dal punto zero. Complimenti!, però sicuramente qualche appunto devo sollevarlo, perché, come sapete, da me, dalla commissione garanzia, sono sempre venuti suggerimenti, di cuore, affinché vengano realizzate delle opere utili per la nostra città. Complimenti!, però ci sono voluti due anni per revocare la licenza della piscina. Era un atto che richiedeva cinque minuti. Tanto ci voleva per richiedere i documenti e il documento antimafia. Quindi si poteva accelerare e recuperare due anni. Il Puc: va costruito un ufficio di Piano per permettere a tutta la cittadinanza di partecipare alle scelte. Complimenti anche per l’inizio dei lavori del centro di raccolta, anche questo giunto un po’ in ritardo».
Nicola D’Andrea ha poi invitato l’amministrazione a risolvere i problemi legati alla inagibilità di alcune strutture sportive comunali e a completare i pagamenti, non ancora eseguiti, a favore di alcune aziende che hanno lavorato per la pulizia straordinaria della città.
Quindi un altro ringraziamento all’amministrazione per aver messo a posto le strade: «Anche da parte della commissione garanzia sono spesso giunte sollecitazioni per indurre varie altre ditte esecutrici di lavori sulle strade (per conto della telecom , ad esempio –ndr) a rifare i tappetini per intero. E’ stato fatto. Bravi. Così bisogna agire sul nostro territorio. Bisogna stare addosso alle imprese in modo da poter ottenere garanzie anche per il futuro».
Ed infine un invito rivolto in particolar modo alla nuova assessora al bilancio: “Le chiediamo, d.ssa Perna, di impegnarsi per una riduzione, che è possibile, dei costi di costruzione e di tutte quelle tariffe che sono state portate al massimo».

E’ stato questo l’ultimo atto del consiglio comunale.
Ma la riunione non si è sciolta. Il presidente del consiglio Fabio Schiavo ha chiesto ai consiglieri e al pubblico di aspettare ancora un po’ perché «Una nostra concittadina ha raggiunto un successo politico enorme. Sarebbe il caso che la festeggiassimo tutti quanti insieme, anche per nostra gratificazione, per nostro senso di orgoglio. Le cedo il mio posto di presidente del consiglio comunale, carica che in passato ella ha ricoperto».

E qui un po’ il riepilogo di quella che è stata la sua carriera politica, che il Corriere di San Nicola ha riportato alla memoria in tutte le sue tappe nella recente videointervista, la prima concessa e, doverosamente, proprio al quotidiano della sua città.

Marotta ha aggiunto: «La seduta del consiglio è chiusa e noi, siamo certi con il vostro assenso, vogliamo introdurre questa vicenda affettiva. Abbiamo ritenuto giusto, da un punto di vista anche istituzionale, festeggiare il raggiungimento di un traguardo da parte di una nostra concittadina, che San Nicola la Strada in passato non aveva mai avuto. E’ una grande soddisfazione ospitare in questa aula la prima senatrice della storia sannicolese».

La parola, quindi, a Lucia Esposito: “Tornare qui, nella sala del consiglio comunale, è per me davvero emozionante. Come l’emozione che sto provando sedendo nei banchi del Senato, nell’organo legislativo della nostra Italia: un’esperienza che sto vivendo con grande intensità. Però anche in quei banchi io non posso non portare con me l’esperienza del consiglio comunale della mia città. Perché è questa l’esperienza più diretta e più vera, ci tengo a sottolinearla. Per chi sceglie di impegnarsi nella vita politica nel consiglio comunale c’è l’esperienza più importante, più significativa. Qui c’è il contatto, la vita vera, la conoscenza dei problemi delle famiglie e della propria comunità. Qui, come al Senato, ci sono anche momenti in cui la battaglia politica diventa molto forte e molto aspra. L’esperienza che sto vivendo in commissione mi sta, però, insegnando una cosa molto importante che vorrei consegnare a tutti voi: quando l’obiettivo è quello di risolvere il problema si creano convergenze anche più larghe e molto trasversali, che toccano tutte le forze politiche presenti nel parlamento italiano. Quelli sono i momenti in cui si prova veramente grande soddisfazione; quando si abbattono le barriere e si lavora tutti nella stessa direzione, quella della soluzione vera dei problemi».
L’ultima considerazione, rivolta in primis a tutti i consiglieri comunali e agli assessori, è di quelle che scaturiscono dal vissuto personale di Lucia Esposito: «I momenti negativi nella vita di chi ha scelto di dedicarsi alla politica sono tantissimi. Spesso appaiono insormontabili. E’ qui, invece, che deve venir fuori tutta la voglia di andare avanti e di continuare ad impegnarsi per realizzare qualcosa in cui si crede fortemente. Mai mollare! Credere sempre nei propri ideali e nel proprio lavoro da mettere sempre a disposizione della comunità».

Spontaneo, e scrosciante, l’applauso di tutti i presenti. Soprattutto meritato.
Poi, nella sala della giunta, un piccolo e semplicissimo buffet in onore di lei (e non di altri, come è stato erroneamente riportato altrove), Lucia Esposito, prima senatrice sannicolese.
Un modo, anche e soprattutto, genuino e sincero, per sentire San Nicola la Strada sempre più nel cuore. Ma questo lo possono capire solo quelli che nel cuore veramente ce l’hanno la nostra città!

Una nostra osservazione, che noi, e non altri, ci possiamo permettere di fare perché seguiamo da anni le sedute del consiglio comunale sin dai tempi de “Il Ponte” e di Pascariello sindaco per la prima volta (1988) e soprattutto perché noi siamo abituati a fare le cronache degli avvenimenti ai quali, da giornalisti, assistiamo personalmente, al contrario di altri che scrivono (peraltro in maniera squallidamente scorretta ed inesatta, oltre che sgrammaticata) per sentito dire o per impressioni riportate e “selvaggiamente” raccolte per la manìa di criticare quello che andrebbe, invece, messo giustamente in risalto per amore del nostro essere sannicolesi di nascita, di residenza e soprattutto di sangue.
Ebbene, noi non avevamo mai visto, o almeno visto molto raramente, che l’elenco delle cose fatte in un anno da una amministrazione (qualcuno, in passato, era solito definirlo “lista della spesa”) venisse accolto con i consensi che lo scorso anno e quest’anno ha ottenuto Vito Marotta. Da cittadini non possiamo non augurarci che fino alla fine di questa Sedicesima Consiliatura le cose procedano sempre nella giusta direzione e che da quella San Nicola spesso, per partito preso, considerata afflitta e depressa, possa rigenerarsi la voglia di guardare al futuro con fiducia ed ottimismo. Noi cittadini ne abbiamo tutti bisogno.

Nicola Ciaramella

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL “VADEMECUM” DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI 



Tutto quanto è utile sapere della raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
NOVEMBRE 2017

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori