Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

IL PROGRAMMA DI “NATALE SANNICOLESE 2017”

Tutte le manifestazioni organizzate dal Comune con la Pro Loco e le Associazioni  

“La magìa del Natale”

Un mese di attività all'Istituto Comprensivo Capoluogo “Aspettando il Natale con la famiglia”.

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


VADO SU GOOGLE E PROVO TANTA AMAREZZA


Sto facendo una raccolta di selvaggi “copia ed incolla”. Ne farò un libro. 
 

NICOLA CIARAMELLA




 

 

 

 

 

 

 Le tappe, le iniziative ed i riconoscimenti del suo incessante impegno per San Nicola la Strada

 

 

 

 




Attraverso le pagine de "Il Ponte", "Corriere di San Nicola" e "Corriere di San Nicola on line" Nicola Ciaramella ha tracciato la storia sannicolese dell'ultimo terzo di secolo. Gratuitamente, "senza nomi e senza bandiere", con un contributo personale di travolgente passione e sviscerato amore per la sua città natìa.








Nicola Ciaramella
è nato a San Nicola la Strada il 27 giugno 1952 da Espedito Ciaramella e Adele Tranquillo.

-E' laureato in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli (anno accademico 1976/77, tesi in Pianificazione ed organizzazione territoriale dal titolo "La Politica del territorio nell'Area Casertana).

-Ha lavorato dal 1979 al 2012 presso UnicreditBanca.

-Cofondatore e redattore del periodico di San Nicola la Strada "Il Ponte" (1987).

-Iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti (Elenco Pubblicisti dell'Ordine Regionale della Campania) dal 29/1/1991.

-Direttore responsabile del periodico "Il Ponte" dal settembre1991 al 1995.

-Ha collaborato (a titolo gratuito per scelta personale) con il quotidiano “Corriere di Caserta” da gennaio a maggio 1996.

-Fondatore e Direttore Responsabile del periodico cartaceo e poi quotidiano on line di San Nicola la Strada "Corriere di San Nicola" dal 1997.


Le tappe e i riconoscimenti del suo incessante impegno per San Nicola la Strada

 

 



Dicembre 1987, l’esordio giornalistico di Nicola Ciaramella: “Svegliamoci!”

Dicembre 1987: esce, per opera di un coraggioso gruppo di amici riunitisi nella neocostituita "Associazione Culturale Il Ponte" con sede in Vicolo Gianturco (Nicola Ciaramella, Gennaro Sacco, Mariano De Matteis, Giulio Scanarotti, Giovanni Argenziano, Gaetano Lamarca, Michele Li Calzi e Antonio Calazzo), il primo numero de IL PONTE, il primo “giornale di San Nicola per San Nicola”.
Primo direttore reponsabile è una delle più grandi firme del giornalismo casertano, Nicola Di Monaco.
A pag. 4 c’è un appello. E’ intitolato “SVEGLIAMOCI !”.
E’ il primo articolo di Nicola Ciaramella.
L’indifferenza regna a S. Nicola” ne è l’occhiello, “Costruiamo a S.Nicola la comunità dei sannicolesi” il sommario.
Comincia così la sua “avventura” di giornalista, il suo incessante impegno per la sua città.
Questo il corpo del suo pezzo di esordio:
«
Non ci vuol molto per capire che tutti stiamo dormendo. I nostri occhi sembrano più appannati che mai. Basta appena guardarli per scoprirne il solito colore, la solita espressione, la solita stanchezza.
Un opaco e terrificante torpore avvolge la nostra città; una travolgente indifferenza regna nei nostri sguardi e nella nostra vita.
San Nicola la Strada è ormai diventata un dormitorio. Non si ha voglia di reagire; l’abitudine all’immobilismo ha svuotato le nostre vene, sostituendo polvere al sangue.
Non ci accorgiamo che, così facendo, rafforziamo la nostra apatia e perdiamo un po’ alla volta la capacità di pensare.
Il momento propositivo, che giace e langue in ogni anima viva, si sta ammuffendo come un buon pane lasciato inutilizzato in balìa dei sazi. E come è un delitto lasciar morire il pane, che tanti potrebbe altri sfamare, così è assurdo lasciar perire la mente, generatrice del nostro progresso e che tanti benefici potrebbe arrecarci.
In questa atmosfera di ristagno ideologico e di latitanza di nuove idee, diventa fin troppo facile, per chi governa, rafforzare il proprio convincimento di ben operare. Ma siamo sicuri che l’assenza totale di critiche costruttive e di proposte innovative dispiace, alla lunga, anche agli amministratori, i quali, invece, sentono incessante il bisogno di essere affiancati, nella loro difficile opera, dalla cittadinanza, pienamente cosciente del proprio ruolo e della propria importanza in un auspicabile processo di rinnovamento e di rinnovamento? E allora, sannicolesi? E allora, svegliamoci!
Proponiamoci all’attenzione dei politici e facciamo sentire la nostra intelligente presenza.
Spazziamo sotto i nostri letti per togliere tutta la polvere che vi si è accumulata in tanti anni di silenzio. Questa polvere ha coperto cose buone e cose cattive, senza distinzione. Invece noi dobbiamo osannare chi ha ben operato e criticare, costruttivamente, chi ha sbagliato e comporre panegirici in onore dei meritevoli o per immettere nel purgatorio gli inetti.
Occorre seriamente partecipare.
Bisogna togliere acqua ai nostri giardini per far fiorire il più grande prato della comunità.
Sviluppiamo e diffondiamo la nostra presenza nel processo di individuazione dei problemi che affliggono la nostra amatissima città. Offriamo tutti un gratuito contributo. Eleviamo il nostro grado di solidarietà attraverso la continua ricerca di strumenti partecipativi. Rendiamoci conto, una buona volta, che non siamo ospiti, bensì i veri padroni di San Nicola la Strada, i veri protagonisti.
Le forze politiche, le forze sociali, le istituzioni non sono entità astratte ed irraggiungibili, esse non sono dotate di extra-poteri! Esse sono la nostra vera espressione, la nostra onestà, le nostre idee, la nostra democrazia. Se ci lamentiamo che le cose non vanno bene, o se ci accorgiamo che tutto è perfetto, la colpa o il merito è tutto e solo nostro. Finiamola di mugugnare, standocene comodamente in poltrona o riunendoci occasionalmente in Piazza Parrocchia e alla Rotonda. Invece di centrare il dito sulle piaghe, sforziamoci di trovare le medicine più adatte a curarle. La sonnolenta realtà cittadina va senz’altro bisturata, ma non certamente con il tressette e la “bazzeca”, per quanto utili a chi ha la mente stanca e sceglie di riposarla con gli arguti dettami di Chitarrella.
Non prendiamocela sempre e solo con i soliti politici che ripercorrono i soliti errori. La colpa, Signori, è nostra, perché i politici non sono altro che il risultato dei nostri comportamenti. Prendiamocela, dunque, con noi stessi. Siamo noi a non avere ancora capito che la realtà di San Nicola non è più quella di un centro agricolo e “familiare”. Se, oggi, San Nicola è un polo di attrazione per lo sviluppo economico ed urbano di tutta l’area su cui insiste, non si può e non si deve rimanere chiusi in un’amorfa e frenante consuetudine.
San Nicola la Strada non ha, oggi, i problemi di ieri. Sono problemi più seri, più difficili da risolvere, sono i problemi di una città quattro o cinque volte più grande, sono i problemi di una città in odore di ulteriore espansione.
I problemi dell’acqua, delle scuole, dello sport, della viabilità, dell’urbanizzazione e tanti altri non appartengono più ad un paesotto di cinque o seimila anime. La figuraccia che stiamo facendo nei confronti di molti nuovi residenti, non sannicolesi di nascita, che hanno eletto San Nicola a loro dimora, spinti da un qualcosa di bello che forse non si dice, ma che non è mai stato, è solo l’inizio del nostro tracollo, se non ci svegliamo.
E se ci accorgiamo che i nostri rappresentanti non sono capaci di adeguarsi ai tempi, perché, purtroppo, ancora abituati alla realtà di ieri, costruiamo per loro nuove idee e nuove proposte.
Svegliamoci e diamoci sotto con le iniziative sociali e culturali: partecipiamo alla nostra vita e alle nostre vicende. Solo così potremo accrescere la nostra conoscenza, per eliminare da essa tutto quello che non va. E’ tempo di attraversare insieme questo benedetto “ponte” che ancora divide la nostra apatia dal vero senso di partecipazione sociale. Leggiamo tutti queste pagine, ci appartengono. Il nostro sogno è quello di pubblicarne ventimila, una per ciascuno di noi, dove ognuno si possa esprimere e presentare agli altri, con le proprie idee e i propri limiti.
Serva, questo “giornale di S. Nicola per S. Nicola”, a creare uno strumento di unione e di persuasione, tutto teso al conseguimento di quello che, poi, è il suo vero scopo: conoscersi meglio per meglio risolvere i problemi. Colga, questo giornale, tutti gli aspetti che abbiano rilevanza nel vitale processo di trasformazione e di miglioramento del nostro livello socio-culturale. Critiche, tanto per fare critiche, non interessano a nessuno di noi. Noi vogliamo costruire, non demolire. Vogliamo cercare la solidarietà e la collaborazione di tutti per rafforzare il nostro spirito di sannicolesi.
“Il Ponte” non cerca i responsabili, cerca i sannicolesi!
“Tutti noi saremo alla fine giudicati in base al contributo che avremo dato all’edificazione di una nuova società e alla misura in cui avremo rispettato i nostri ideali e i nostri obiettivi”: così diceva John F. Kennedy, un uomo onesto, leale, intelligente, moderno. Ebbene, noi pure lo vogliamo essere, noi pure vogliamo dare il nostro più valido contributo. Noi tutti dobbiamo trovare la volontà di spolverare la nostra amatissima città, per vestirla di abiti vivi e luccicanti, come le nostre coscienze. L’apatia è un male irrimediabile in una società di assenti. Noi cittadini sannicolesi, invece, vogliamo essere protagonisti nella nostra città. Vogliamo finirla di lavarci sempre le mani nella odorosissima “acqua di rose”, per evitare che essa possa diventare, di questo passo, sporca e puzzolente. Vogliamo guardare bene in faccia la realtà e camminare a testa alta, per essere più vicini alla nostra città e più dentro ai suoi problemi. Se non ce ne siamo ancora accorti, è in gioco il nostro avvenire e quello dei nostri figli, che, un giorno, dovranno essere orgogliosi di averci avuto come loro padri.
Ecco, Signori che ci onorate di leggerci: noi del “Ponte” vogliamo creare, a S.Nicola, la comunità dei sannicolesi, perché crediamo proprio che essa non esiste. Non lasciamoci sfuggire questa grande occasione: partecipiamo tutti, buttiamo fuori quello che di buono abbiamo dentro. I politici saranno nostri amici, certamente ben lieti di ascoltarci e di valutare le nostre proposte. Abbattiamo finalmente le pareti e costruiamo una sola, grandissima casa, in cui tutti dovremo vivere più vicini, per scoprirci ed amarci. Demoliamo l’indifferenza che ci coinvolge e combattiamo per l’unico scopo che ci resta: il piacere di sentirci veramente sannicolesi. Nicola Ciaramella
».



La prima “tavola rotonda” pre-elettorale





7 maggio 1988
, Scuola Media Mazzini di Viale Italia: in occasione delle imminenti elezioni comunali, primo confronto pre-elettorale della storia di San Nicola la Strada (promosso dal periodico “Il Ponte”) con l’intervento del sindaco uscente Felice D’Andrea (DC), Salvatore Pascariello (DC), Francesco Nigro e Pasquale Fronzino (PCI), Luigi Landolfi (PSI), Ovidio Lanzante e Giuseppe Russo (PRI), Pasquale Delli Paoli e Alessandro Vagliviello (PSDI) intervistati da Nicola Ciaramella, M. De Matteis (moderatore), G. Sacco, G. Scanarotti, A. Calazzo, M. Li Calzi e Pierino Fusco.
Nicola Ciaramella, dopo una dettagliata e documentata disamina dei fenomeni più recenti che hanno modificato l’assetto e l’aspetto urbanistico di San Nicola la Strada, interroga i rappresentanti politici sui futuri possibili strumenti di pianificazione territoriale.



La Strada della ... "speranzas"


10 dicembre 1988
 , Scuola Elementare Speranzas: convegno "San Nicola: la Strada della Speranzas" promosso ed organizzato dal Circolo Culturale "Amici del Ponte" sul tema dell'integrazione sociale tra vecchi e nuovi residenti. Moderatori i redattori del periodico "Il Ponte" Nicola Ciaramella, Gennaro Sacco, Gaetano Lamarca e Biagio Sparano. Relatori, tra gli altri, il sindaco Angelo Antonio Pascariello, il suo predecessore Felice D'Andrea, il prof. Nicola Tiscione, le sociologhe Clementina Serino e Maria Pia Lurini, il prof. Domenico Bernardo e i rappresentanti dei partiti politici.


Parliamone da vicino

24 giugno 1989
, Salone parrocchiale della Rotonda: convegno "Parliamone da vicino- I cittadini domandano, gli amministratori rispondono" promosso ed organizzato dal Circolo Culturale "Amici del Ponte". Moderatore il segretario di redazione del periodico "Il Ponte" Nicola Ciaramella ed i redattori G. Sacco, Patrizia Mastracchio, G. Lamarca, Massimo Di Mauro e Tina Serino. A rispondere, il sindaco A. Pascariello, gli assessori Antonio D'Andrea, Domenico Clemente, Michele Di Filippo, Giuseppe Esposito e i consiglieri comunali P. Delli Paoli, F. Nigro, O. Lanzante, N. Mastroianni, Tommaso Ferrante, Andrea Letizia, Pasquale Centore, Angelo Gallo e Giuseppe Ferrante.


All'ombra del Ponte
Agosto 1989
: petizione pubblica "All'ombra del Ponte", raccolta di firme promossa dal Circolo Culturale "Amici del Ponte" per un piano di "alberazione" del territorio comunale di San Nicola la Strada. L'idea dell'esperto Mosé Tomasetta è subito tradotta in iniziative concrete da Nicola Ciaramella e Gaetano Lamarca.


Top Guida Tuttosannicola





7 aprile 1990
, Reggia Palace Hotel: presentazione, alla presenza di oltre mille cittadini e rappresentanti delle istituzioni, di "Top Guida Tuttosannicola", la prima guida generale del Comune di San Nicola la Strada, nata nel maggio '89 da un'idea di Nicola Ciaramella e pubblicata dal periodico "Il Ponte". Ciaramella ne è anche l'asse portante, avendo curato l'impostazione dell'opera, le complesse fasi di impaginazione e stampa e coordinato l'ingente lavoro di raccolta e verifica delle varie sezioni (storia, cartografia, turismo, amministrazioni, sanità, almanacco, associazioni, statistiche) affidate a noti studiosi, appassionati e professionisti di San Nicola come Angelo Callipo, Nicola Mastroianni, Luigi Russo, Tina Serino, Umberto Fasulo, Renato Ciaramella, Felice D'Andrea ed altri.
Nicola Ciaramella cura personalmente anche alcune sezioni come quelle dedicate alla politica, sport, culto, istruzione, trasporti, servizi, arte, ecc. Nel corso della cerimonia-spettacolo di presentazione del libro, viene proiettato (è una novità assoluta) il primo filmato documentario su San Nicola la Strada realizzato con la regia di Nicola Ciaramella.


Giornata del Ringraziamento


3 novembre 1991
, Salone Parrocchiale della Rotonda: "Giornata del Ringraziamento" indetta dall Caritas S.Maria della Pietà finalizzata alla assegnazione di onorificenze (consegnate dal Vescovo della Curia di Caserta Mons. Raffaele Nogaro) a cittadini ed enti che si sono distinti nella vita sociale della comunità in virtù del loro impegno ispirato ai princìpi cristiani. Premiato, tra gli altri, in rappresentanza della intera redazione, il direttore responsabile del periodico "Il Ponte", Nicola Ciaramella. Questa la motivazione: "per l'intelligente e continua informazione locale tesa alla promozione culturale e sociale della nostra popolazione".


Premio "Simpatia Campania"


28 giugno 1992
, Villa Comunale Rotonda, "Premio Simpatia Campania 1992" promosso dal delegato alla Cultura del Comune di San Nicola la Strada Carlo D'Andrea in collaborazione con la Pino Costa Production e Canale10. La manifestazione è finalizzata all'assegnazione di riconoscimenti ai personaggi più simpatici in vari settori di attività della Campania selezionati attraverso il giudizio di una apposita giuria di esperti. Premiati (dalla affascinante showgirl Eleonora Vallone) il calciatore Campilongo per lo sport, il presidente dell'Unione Industriali Arcangelo Tedeschi per l'economia, la showgirl Lucia Cassini per lo spettacolo, Rai 3 per i programmi televisivi, il prof. Raffaele Giglio per la cultura, Italo Kuhne per il giornalismo in TV, nonché, per la stampa locale, le testate "Il Ponte" diretto da Nicola Ciaramella, "Pianeta C" di P.Corbelli e il fotoreporter Pino Pasquariello del "Giornale di Napoli". 

 

 

 





-   in completamento.............

 


...L'EPOCA DEL CORRIERE DI SAN NICOLA...



Giornalisti per San Nicola
30 giugno 2005
: su iniziativa di Nicola Ciaramella nasce l’ “Associazione Culturale dei Giornalisti e della Stampa per San Nicola” (Assostampa per San Nicola), che si prefigge di diffondere e valorizzare, attraverso i mezzi di comunicazione, l’immagine di San Nicola la Strada nei comuni consorziati, in provincia e nel mondo. L’Associazione costituisce la prima iniziativa del genere sorta a San Nicola la Strada ed è il primo ente a nascere a San Nicola la Strada dopo il titolo di “Città” concesso dal Presidente della Repubblica. L’Associazione dei Giornalisti per San Nicola, aperta alle adesioni da parte di tutti i cittadini, è amministrata da un Consiglio Direttivo i cui quadri sono inizialmente composti da Nicola Ciaramella (presidente), Nunzio De Pinto (vice-presidente), Luigi Russo e Vincenzo Di Nuzzo (consiglieri).


Le prime cartoline di San Nicola la Strada


10 luglio 2005
: esordisce con una eccezionale iniziativa l' Associazione dei “Giornalisti per San Nicola”. In edicola cartoline gratis per diffondere dovunque il nome e l'immagine di San Nicola la Strada. Si tratta di una vecchia idea di Nicola Ciaramella, che personalmente la finanzia donandone la “paternità” al neonato sodalizio.
Questi i dettagli di una iniziativa senza precedenti: Nicola Ciaramella fa realizzare, e distribuire gratuitamente (attraverso le edicole e numerosi altri esercizi commerciali che, sempre gratuitamente, hanno aderito all’evento), ventimila cartoline (tante quanti gli abitanti di San Nicola la Strada), con foto aeree e dei principali monumenti della città.
Numerose le immagini riportate:
dal Real Convitto Borbonico alle due Ville Comunali, dalla Chiesa vanvitelliana di S.Maria degli Angeli a quella di S. Maria della Pietà, dalla Sapienza e dal Palazzo Comunale alle sculture del Cavallo e del Tagliamonte, dalla Fontana di Vicolo Mirri alla Colonna di epoca romana, per finire al “gioiellino” dell’Osservatorio Meteoambientale e al Museo Contadino. Ma la vera “chicca” che rende queste cartoline particolarmente affascinanti, originali ed esclusive è rappresentata dalle stupende foto aeree realizzate dal “Corriere di San Nicola” e messe a disposizione dei collezionisti sul sito internet del periodico. Osservare la Rotonda e il centro storico, oltre che l’intera città, dall’alto, è uno spettacolo incredibile che vale la pena di conservare gelosamente tra i documenti più cari di chi si sente orgoglioso del proprio paese.
Il fine dell’iniziativa è duplice.
Innanzitutto diffondere dovunque il nome, la bellezza, la storia, i valori e l’immagine della nostra Città.
E poi raccogliere fondi per la costruzione della nuova chiesa della Rotonda: tutti coloro che ritirano cartoline presso i punti di distribuzione possono, se vogliono, fare delle libere offerte depositandole in salvadanai appositamente creati e messi a disposizione nei punti stessi di distribuzione; tutti i salvadanai saranno poi, al termine di un periodo di tempo considerato utile per la piena riuscita dell’iniziativa, consegnati al parroco don Oreste Farina.

 

 


AssoStampa e Cartoline: il plauso di De Franciscis

26 luglio 2005
: Nicola Ciaramella, insieme con il vice presidente dell’Assostampa per San Nicola, Nunzio De Pinto, dona al Presidente della Provincia On. Alessandro De Franciscis (che saluta con grande entusiasmo l’iniziativa) alcuni esemplari delle prime cartoline di San Nicola la Strada, realizzate grazie all’idea e al finanziamento dello stesso Ciaramella.
La cerimonia, semplice ma significativa, avviene presso il Palazzo della Provincia di Caserta alla presenza degli assessori provinciali Lucia Esposito e Ferdinando Bosco.

 

 



Le cartoline della Città alle celebrazioni liturgiche di Natale e Capodanno

25 dicembre 2005 e 1 gennaio 2006: le prime Cartoline della Città (realizzate da Nicola Ciaramella) sono esposte nella hall del Ciapi durante le celebrazioni liturgiche del Santo Natale e di Capodanno. A centinaia gli esemplari distribuiti ai fedeli, che rispondono con entusiasmo all’iniziativa.

 


La consegna dei salvadanai a Don Oreste

27 Giugno 2007
: Nicola Ciaramella consegna al parroco Don Oreste Farina e al responsabile dell' Associazione S.Maria della Pietà, Vincenzo Lanzante, i salvadanai contenenti le offerte raccolte in due anni attraverso le prime "Cartoline della Città", realizzate, finanziate e donate dal direttore del Corriere di San Nicola alla propria città e ai propri concittadini.
Sarà lo stesso Don Oreste, in seguito, ad aprire, con apriscatole, i salvadanai ricevuti e a mettere la somma raccolta a disposizione della nuova chiesa da costruire.


 


"Tra le parole e l'infinito"



17 novembre 2007
: presso l’auditorium del teatro “Caivano Arte” cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del Premio Letterario Internazionale di Narrativa e Poesia "Tra le parole e l'infinito", ideato e promosso dal maestro d’arte e comunicazione prof. Nicola Paone e patrocinato dalla Provincia di Napoli, dai Comuni di Caivano e Cardito e dalla Pro Loco di Caivano. Tra i premiati Nicola Ciaramella per la sezione “Autori fuori concorso” con la composizione poetica “Quando un papà vola in cielo” scritta nel 2002 in dedica al padre sul letto di morte. “Commovente e delicata poesia” -recita la motivazione della giuria- “che coinvolge emotivamente il lettore. L’immenso, eterno dolore per la perdita di un padre è descritto attraverso ricordi lancinanti che si susseguono in versi che sono testimonianza del più sublime tra gli umani affetti”. 

 



Artista per la Pace




5 aprile 2008
: Teatro Izzo di Caserta; nel corso dello spettacolo inaugurale della nuova compagnia teatrale “I Vari...età”, la cantautrice internazionale per la pace Agnese Ginocchio consegna ufficialmente al giornalista Nicola Ciaramella la pergamena di “Amico e testimone per la pace e i diritti umani” a seguito della nomina conferitagli nel 2007 per decisione del “Movimento Internazionale per la pace e salvaguardia del creato” e dal “Movimento degli Ambasciatori Testimoni e Artisti per la Pace” di cui la celebre musicista è testimonial per la Campania e la provincia di Caserta. Il prestigioso riconoscimento era giunto al direttore del Corriere di San Nicola durante l’agguerrita battaglia contro la discarica illegale e pericolosa de Lo Uttaro che egli condusse per mesi con incessante impegno nel campo dell’informazione locale.
Il Movimento, nel riconoscergli “indubbie qualità umane e professionali sempre spese con grande sensibilità nel costante sforzo di servire meglio la comunità casertana e nel generoso contributo alla causa della Pace”, si erano dichiarati “grati” al giornalista per quanto apportato a favore di una degna conclusione della nota vicenda ambientale attraverso una corretta, costante ed aggiornata informazione riportata sulla testata d’informazione da lui diretta, offrendo ampio spazio soprattutto alla società civile e alle voci popolari che si levavano da più parti.
«Nicola Ciaramella -ribadisce Agnese Ginocchio spiegando la motivazione che ha indotto il suo Movimento a conferirgli l’ambìta nomina- è un valido ed efficace testimone della forte volontà di contrastare il “mostro” dell'assuefazione e dell’indifferenza, dell’apparenza e della superficialità che si nasconde dietro atteggiamenti di comodo, di censura alla verità e di omertà alla inaccettabile e tragica condizione di milioni di uomini i cui diritti umani vengono continuamente calpestati e violati. Attraverso la verità che egli diffonde con la corretta informazione, Ciaramella diventa per tutti esempio costante di coraggio e di corretta comunicazione. Ci troviamo di fronte ad una grande e nobile persona meritevole di una nomina che, al di là di un semplice attestato, porta con se l’infinità dei valori umani della giustizia e dell’onestà per i quali Ciaramella si batte da anni con indomita abnegazione. Egli è un vero artista, inventore ed ideatore di grandi iniziative per la nostra società e per il futuro delle nostre generazioni. Il Movimento ha bisogno di queste persone per scuotere l'indifferenza!».
Oltre alla prevista pergamena, la famosa testimonial ha donato a Ciaramella anche la “Croce missionaria della Pace”, riconoscimento che viene assegnato a personaggi ed enti che si sono particolarmente distinti dell’opera di diffusione degli ideali della legalità e della difesa dei diritti umani. Il singolare oggetto, donato in passato anche al Vescovo di Caserta, Mons. Raffaele Nogaro, a Padre Alex Zanotelli e ad altre personalità civili e religiose della provincia, è la riproduzione in miniatura della grande croce (sulla quale sono dipinti i colori della pace) opera del sommozzatore del corpo provinciale dei vigili del fuoco di Ancona, l’ambasciatore di pace Giuseppe Marinelli, dalle dimensioni di due metri ed ottanta di altezza per due metri di larghezza.
A presenziare l’atto, come da prassi, un’autorità istituzionale rappresentata per l’occasione dal Luogotenente Pio Francesco Marino, comandante della Stazione dei Carabinieri di San Nicola la Strada.
La cerimonia di consegna della pergamena e della croce missionaria “My sweet Lord” è un momento di grande emozione per Nicola Ciaramella, sottolineato dall’applauso del pubblico presente.
«Un momento che resterà certamente scolpito nella mente e nell’animo di questo “volontario per la sua città” -afferma il capo del nucleo della protezione civile Ciro De Maio, che di questa attività al servizio dei cittadini ha fatto una vera e propria fede- del quale vanno senz’altro evidenziati coraggio e spirito di sacrificio con cui ha condotto, sempre in prima linea, la sua apprezzata esperienza di narratore della realtà sannicolese degli ultimi vent’anni».
Giornalista pubblicista iscritto all’Albo Nazionale dal 1991 dopo un lustro di “gavetta” maturata al fianco del suo grande maestro Nicola Di Monaco, Ciaramella ha fondato e diretto le tre testate (“Il Ponte”, il “Corriere di San Nicola” e il “Corriere di San Nicola on line”, tutte autofinanziate) che hanno fatto la storia della stampa sannicolese, ponendo la città al centro delle sue puntuali ed intelligenti esposizioni e mai sottraendosi ad affrontare, in prima persona, importanti battaglie -come, tra le tante, l’integrazione tra “vecchi” e “nuovi” sannicolesi, la sensibilizzazione alla lotta contro la droga, il volontariato per la costruzione della nuova chiesa e, non ultima, la vicenda Lo Uttaro- che proprio su questi giornali hanno trovato ampie occasioni di dibattito e di confronto civile e democratico.
Sannicolese “doc”, autore della ptima “Top Guida Tuttosannicola”, scrittore, poeta premiato al prestigioso concorso letterario internazionale “Tra le parole e l’infinito”, ideatore e realizzatore delle prime cartoline della città di San Nicola, giornalista “di San Nicola per San Nicola” come tiene a sottolineare, Nicola Ciaramella è, di diritto, parte integrante della cultura e della storia locale.
«E’ un riconoscimento che non credo assolutamente di meritare, -questo il commento del premiato- tanto piccolo, insignificante e quasi invisibile è il mio contributo alla causa per la quale mi è stato assegnato. Lo accetto, comunque, e ne sono orgoglioso per l’autorevolezza da cui mi proviene, considerandolo uno sprone per continuare, con rinnovato ardore, il mio impegno per la mia città e per una società che assomigli sempre di più, per gli ideali che dovrebbero animarla, a quella grande ambasciatrice di purezza che si chiama Agnese Ginocchio».
Nicola Ciaramella, in fondo, è questo: umile, spontaneo, soprattutto onesto, animato, “senza nomi senza bandiere”, da una travolgente e sviscerata passione per la sua terra natìa.


Il "Sannicolese d'Oro"

27 settembre 2009: auditorium del C.I.A.P.I. Cerimonia di premiazione de “Il Sannicolese d’Oro”, iniziativa nata da un’idea di Enzo Di Nuzzo e promossa dal settimanale “Sabato non solo sport” in collaborazione con il quotidiano on line “Corriere di San Nicola” diretto da Nicola Ciaramella. Il Premio è assegnato ad un cittadino sannicolese che, attraverso la sua opera svolta in qualsiasi tempo e in qualsiasi campo delle attività umane, abbia contribuito a far conoscere, portandoli in alto ed “esportandoli”al di là dei confini territoriali, il nome, la storia e le tradizioni di San Nicola la Strada. Ciaramella, che ha proposto ed ottenuto la estensione del Premio anche ad un cittadino scomparso, denominando l’ulteriore riconoscimento “Sannicolese d’Oro alla Memoria”, presenta la serata conclusiva della manifestazione, che si svolge al termine di una lunga fase di votazione imperniata su un sondaggio online promosso sul sito del Corriere di San Nicola e sul giudizio espresso da due giurie. Cinquantuno complessivamente i candidati, tutti proposti dai lettori delle due testate giornalistiche di San Nicola la Strada. I vincitori sono Ciro De Maio (coordinatore Protezione Civile) per i “viventi” e Franco Evangelista (vittima del terrorismo) per gli “scomparsi”. Prima della loro proclamazione, il vasto pubblico, impreziosito dalla presenza di quasi tutti i candidati viventi, degli eredi degli scomparsi e del sindaco Pascariello (al quale gli organizzatori hanno chiesto di consegnare i premi), assiste ad una dettagliata presentazione che Ciaramella fa per ogni singolo candidato (soprattutto per quelli scomparsi), attraverso apposite schede personalmente preparate e ricavate dagli archivi di stampa del Corriere di San Nicola. In altro momento della serata, il direttore del Corriere di San Nicola, che non si aspettava la “sorpresa”, viene omaggiato da Di Nuzzo con una targa su cui c’è scritto “A Nicola Ciaramella per l’impegno profuso nell’organizzazione del Premio Il Sannicolese d’Oro 2009 a dimostrazione dell’amore verso la sua città”.


Presidente Premio Stampa al Festival di Capua 2010


5 giugno 2010
, Capua:cerimonia di premiazione del 2° Festival canoro di Capua organizzato dal presentatore sannicolese Fabrizio De Luca e dall’associazione Musicalmente guidata da Tonino Migliore. Vince Jessica Cice. Al giovane tenore Pasquale Tedesco è assegnato il Premio Stampa da una giuria di giornalisti presieduta dal direttore del Corriere di San Nicola, Nicola Ciaramella, che porge al pubblico capuano il saluto della sua città. Alla manifestazione hanno partecipato anche altri personaggi del mondo artistico e culturale di San Nicola la Strada.

 



Dagli studi di UbiTv consigli per i giovani aspiranti giornalisti

12 aprile 2012: Nicola Ciaramella ospite in studio nell’ultima puntata di Ubi Krassym,
varietà di grande successo creato e condotto da Krassym e prodotto da Ubi Tv, la prima televisione on line di San Nicola la Strada, fondata e diretta da Ubaldo Di Leva. Dopo una piccola clip del passato, di quando Ciaramella era direttore del periodico Il Ponte, il famoso presentatore sannicolese intervista il responsabile del Corriere di San Nicola chiedendogli, in virtù della sua notevole esperienza nel campo della comunicazione, qualche piccolo consiglio per i giovani che vogliano intraprendere l'attività di giornalista.

 


-in completamento.........

 

 

 

 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL “VADEMECUM” DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI 



Tutto quanto è utile sapere della raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
DICEMBRE 2017

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori