Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

“La magìa del Natale”

Un mese di attività all'Istituto Comprensivo Capoluogo “Aspettando il Natale con la famiglia”.

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


VADO SU GOOGLE E PROVO TANTA AMAREZZA


Sto facendo una raccolta di selvaggi “copia ed incolla”. Ne farò un libro. 
 

"Il corruttore", un diario per amico

Alberto Di Nardi, imprenditore, reo confesso e pentito, ha presentato il suo libro ("il racconto di un uomo che ha sbagliato e vuole pagare") scritto durante la detenzione.
Grazie alla
sua collaborazione, la giustizia ha fatto luce sul sistema di tangenti esteso in diverse amministrazioni comunali del casertano.


«Stanza 21, piano terra, padiglione Danubio, carcere Francesco Uccella, Santa Maria Capua Vetere, 7 marzo 2016.
Mi chiamo Alberto Di Nardi e sono sotto custodia cautelare, indagato per il reato previsto e punito dagli artt. 319 e 321 Cp: corruzione.
Io sono il “corruttore” e vi racconto la mia storia. La storia di un giovane manager del Sud, piena di sogni, successi, sconfitte, ma anche segnata da errori e trappole in cui sono rovinosamente caduto.
Scrivo queste pagine perché me lo impone la coscienza, troppo stanca per sopportare il peso di scelte imprenditoriali operate nel periodo in cui sono stato presidente del Consiglio di amministrazione e amministratore delegato della Dhi (Di Nardi holding industriale).
Scelte quasi sempre contrarie alla mia etica, ma necessarie - oppure le credevo tali - per la sopravvivenza stessa della mia azienda e la sussistenza per i miei “ragazzi” - collaboratori e dipendenti - che altrimenti non avrebbero più avuto un lavoro e una collocazione sociale.
Scrivo queste pagine soprattutto per loro: mia moglie, mio figlio di due anni e il suo futuro.
E sempre per loro, la stessa notte in cui sono stato arrestato ho deciso di collaborare con l’autorità giudiziaria inquirente.
La mia storia è quella di una persona che si è ritrovata a corrompere, è il racconto di un uomo che ha sbagliato e vuole pagare.
Sono un pentito e voglio offrire il mio contributo per provare a rendere l’Italia un posto migliore. Forse un giorno, quando le nuove generazioni leggeranno i miei errori e le ragioni fallaci che mi hanno spinto a seguire modalità extra legem, magari comprenderanno che non ne vale la pena e che occorre, invece, impegnarsi per cambiare il nostro Paese.
Mentre scrivo, un evento di cronaca affolla i notiziari e i talk show: la morte di sette ragazze - definite giustamente la “meglio gioventù” italiana – durante l’Erasmus.
Anch’io sono figlio dell’Erasmus. Nel 2002, ho studiato per nove mesi in Spagna, all’Universidad de Almeria.
Anch’io provengo dalla “meglio gioventù”, ma lo stato e la Pubblica amministrazione mi hanno fagocitato in questa “eterna vecchiaia”.»

Comincia così il libro “Il Corruttore” di Alberto Di Nardi (edito da Luigi Pellegrini) presentato mercoledi 8 novembre presso la biblioteca diocesana di Caserta alla presenza di un folto pubblico e della stampa (tra cui il Corriere di San Nicola).
Al tavolo dei relatori, moderati dalla giornalista Maria Beatrice Crisci, l’autore stesso, il Dr. Pasquale Iorio, presidente dell’Associazione promotrice “Le Piazze del Sapere”, e l’ex sindaco di Maddaloni Avv. Antonio Cerreto.

Il libro nasce nella cella numero 21 del carcere di Santa Maria. Nonostante sia diventato un prodotto editoriale, esso resta come è nato, cioè il mio diario, un po’ come …Le mie prigioni di Silvio Pellico”: ha rotto subito gli indugi il giovane imprenditore di Vitulazio (agli arresti domiciliari per corruzione e collaboratore di giustizia), che ha scelto di raccontare l’esteso sistema di “mazzette” che vede al centro imprenditori, sindaci, amministratori e funzionari comunali in diverse città della provincia di Caserta.

In realtà è stato uno strumento che mi ha aiutato prima nei giorni in cui sono stato in prigione e poi successivamente anche durante la fase della custodia cautelare. E’ stato un mio compagno, al quale ho sfogato le mie preoccupazioni. Quando l’ho fatto leggere a mia moglie, mi ha suggerito lei di trovare qualche casa editrice a cui potesse piacere”.

L’arresto mi ha liberato dal fardello di una situazione ormai insostenibile, che aveva mutato quello che era il mio carattere, la mia personalità, che mi aveva trasformato, anche se per un tratto della mia vita, in un’altra persona”. 

E qui, a partire dal “battesimo del fuoco” avvenuto con la sindaca De Lucia, il racconto di quegli episodi che lo hanno costretto a sbagliare, a scendere ad accordi illegali, fino alla carcerazione, all’immediato pentimento, alla collaborazione con la giustizia che ha permesso di smascherare numerosi personaggi, amministratori e dirigenti comunali, invischiati nella pratica della corruzione in uso in diversi comuni del casertano.

A susseguirsi, quindi, gli interventi dei relatori.
Il Dr. Pasquale Iorio, dopo aver ricordato la citazione storica di un grande manager come Enrico Mattei (“uso i partiti allo stesso modo di come uso i taxi: salgo, pago la corsa e scendo”) che l’autore fa all’inizio del libro e “che sintetizza tutto quello che l’autore ha attraversato nella sua narrazione”, ha tenuto a sottolineare l’interesse della tematica trattata, peraltro in modo preciso, puntuale e scorrevole. 
Il tutto perfettamente in linea con gli obiettivi che si propone l’associazione da egli presieduta, e cioè mettere in rete i luoghi in cui l’apprendimento, la conoscenza, la cultura si ergono a capisaldi di quella aggregazione e di quella partecipazione civile delle quali la nostra società ha tanto e assolutamente bisogno.

«Di Nardi con il suo libro -ha detto Iorio- ci fa entrare dentro un mondo che chi lo vede dall’esterno non riesce a capire: i rapporti tra chi è chiamato a svolgere un’attività imprenditoriale e la burocrazia nella pubblica amministrazione, che, molto spesso, costringe l’imprenditore ad accettare quei meccanismi perversi che l’autore svela in quest’opera».

L’Avv. Antonio Cerreto, sindaco di Maddaloni prima della De Lucia, pioniere della raccolta differenziata nella sua città, intrapresa grazie anche alle capacità messe in atto dall’azienda di Di Nardi, è il primo a meravigliarsi di quello che poi è successo. Molto apprezzato ed applaudito il suo giudizio: “La responsabilità nell’ambito della corruzione non è degli imprenditori. La responsabilità è dei partiti. I partiti hanno una grande e gravissima responsabilità, quella di non selezionare la classe politica. Perché non la distinguono tra l’onesto ed il disonesto, ma la distinguono tra chi prende voti (e non interessa come li prendono) e chi ha le qualità, invece, per portare avanti discorsi di tipo diverso. E allora se non cambia questa situazione, la corruzione non sarà un’eccezione, ma continuerà ad essere la regola. Il politico onesto, che dovrebbe essere la normalità, in questa nostra provincia è diventata un’eccezione. E non dovrebbe essere così».

Alla fine, via alle domande del pubblico, un momento molto atteso dal Di Nardi, come aveva annunciato alla vigilia dell’incontro: “Voglio incrociare i vostri sguardi, stringere le vostre mani e ascoltare le vostre impressioni”.
Lo aveva sperato e così per lui è stato.
Condividere la sua tremenda esperienza, “le emozioni che mi hanno accompagnato in questi mesi”, si è rivelato, alla fine, un toccasana, una carica di energia in più per affrontare il difficile momento che sta vivendo.
Con la “serenità” che gli deriva dall’essersi liberato, “grazie all’arresto”, da un grandissimo peso e con la piena consapevolezza dei gravissimi errori commessi.
Probabilmente risiede tutta qui la sua forza per poter ricominciare.

Nicola Ciaramella


Leggi pure:
Alberto Di Nardi racconta la sua storia

 


PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL “VADEMECUM” DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI 



Tutto quanto è utile sapere della raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
NOVEMBRE 2017

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori