Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

RASSEGNA TEATRALE 2018

 
Il 
PROGRAMMA
 completo

e tutti gli articoli del Corriere di San Nicola


FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

CHI NON HA CAPITO COSA INTENDO PER “VERI SANNICOLESI” MI PROVOCA SOLO AMAREZZA




 I VERI SANNICOLESI sono QUELLI CHE AMANO SAN NICOLA LA STRADA

Anche a San Nicola il nuovo contrassegno europeo per disabili

Lo ha disposto il nuovo Comandante della Polizia Locale, Salerno Mele

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


“Con Franco Nigro ci si sente sempre a casa”

Il convegno di presentazione del suo ultimo libro

 

Parla l’autore de “L’Odio e la Follia”

Lo psicologo Dott. Emanuele Mingione, tra gli esperti italiani del “caso Breivik”, ci riceve nel suo studio di San Nicola la Strada. Dalla ricerca sullo stragista norvegese, agli attuali casi di radicalismo, anche nel casertano. Tra le nuove patologie e il problema degli psicofarmaci.

 

Abbiamo il piacere di incontrare nel suo studio di San Nicola la Strada il Dott. Emanuele Mingione (classe 1980), psicologo, psicoterapeuta, docente, giornalista e saggista.

Il Mingione (nato a Piedimonte Matese) cresce a San Nicola la Strada, dove attualmente esercita la libera professione, assieme alle collaborazioni cogli istituti scolastici casertani (come Mediatore Sistemico Familiare e Scolastico, nonché Responsabile dello Sportello di Ascolto Psicologico). Inoltre è Direttore della rivista online “ioPsicologo Magazine”. Tante e interessanti attività quelle svolte e in corso.

Al di là dell’ambito formativo e delle consulenze, lo psicologo è un apprezzatissimo saggista.

Il suo ultimo lavoro, “L’Odio e la Follia”, il caso di Anders B. Breivik, è recensito anche dalla RAI, per la rubrica “Lo Scaffale” (Tg3 Campania), oltre a comparire nella lista “Lettura consigliata 2016”, della Società Italiana di Psicologia e Psicoterapia Relazionale (S.I.P.P.R.) e sulla rubrica “Apertamente”, di Radio Prima Rete Stereo di Caserta.

Ricordiamo ai lettori che il Breivik, sopranominato “Il Mostro di Oslo”, è il terrorista norvegese autore degli attentanti del 22 luglio 2011, che hanno provocato la morte di settantasette persone. Un caso saltato agli occhi della cronaca di tutto il mondo. Tra gli specialisti che ne hanno approfondito la figura e le devianze, c’è Emanuele Mingione.


Rivolgiamo alcune domande all’autore.


-“L’Odio e la Follia”, al di là dell’ambiente professionale, sociologico e medico, da quali altre platee è stato apprezzato?

«C’è la Storia, c’è la Politica sotto diversi punti di vista. Basti pensare al Manifesto di Breivik, che fonda questo gruppo di “nuovi crociati”, impegnati nella guerra contro l’islamizzazione. Teorie e concetti. I collegamenti al “Complotto Eurabia”. C’è la Psicologia, sia come Criminologia, sia come Psichiatria e Psicoterapia Familiare, che è mia stretta competenza. Si osserva la situazione familiare e personale di quest’uomo. C’è la Filosofia. C’è la Letteratura, come l’Orwell citato dallo stesso stragista, nell’affermare la presenza di un Grande Fratello, della necessità di lottare contro il multiculturalismo. Nello studio sono andato a leggere i parallelismi con altri casi, dall’Unabomber americano, ai casi della Florida. Ad esempio, la sola idea di dover armare gli insegnanti è follia. Esiste inoltre il problema dell’emulazione in questi casi e il Breivik, attualmente autore della più grande strage compiuta da una sola persona, può diventare un traguardo da superare».


-Ci dica qualcosa in più sul corso della ricerca.

«Sono stato in Norvegia. Oslo è la capitale del Nobel per la Pace. Questa situazione ha cambiato le cose. Breivik era anche contro le donne e gli omosessuali. Ebbene, l’ultimo piano del museo di Oslo è dedicato alla storia dei diritti degli omosessuali. Ho addirittura le foto degli islamici norvegesi che protestano contro l’ISIS. Bisogna guardare anche a questi fatti per capire cosa è stato “colpito” quel 2011.

E’ una figura complessa. Breivik si dichiarava sionista, ma nel contempo aveva una visione elitaria simile a quella delle SS naziste, oltre a forti analogie con alcune idee tipiche del Ku Klux Klan. Vi esistono discorsi simili anche a quelli della “Famiglia Manson”. C’è molta esaltazione. Si sente un giustizie e considera il proprio un atto politico, non un crimine. Addirittura si era costruito una armatura (che non ha usato nel corso della strage), che ha chiamato “L’Armatura di Loki”, il Dio norreno del Caos».


-Come è sezionabile la struttura del testo?

«Il volume ha tre parti, tre parti che lo tagliano trasversalmente. La prima parte è la narrazione dei fatti. La seconda, riguarda i contenuti ideologici e tecnici del Manifesto del Breivik. La terza, include una chiave di lettura storico-psicologica».


-Invece, per il grande pubblico?

«L’opera è complessa. Non è semplice. E’ ricca di tante cose, per un pubblico direttamente interessato».


-Tornando al saggio, uno dei temi abbracciati è quello dell’attuale estremismo. Qual è la realtà provinciale?

«In Italia cerchiamo il nemico. Accusiamo l’immigrato di rubarci il lavoro ed evitiamo di prendercela con l’imprenditore che sposta la fabbrica all’estero.

Guardiamo al fenomeno degli “haters”. E’ gente che non ha nulla da fare. Sono frustrati. E ciò genera aggressività. Se ci aggiungiamo i disturbi mentali, abbiamo dei potenziali “Breivik” (per quanto, l’autore della strage, fosse dichiarato perfettamente in grado di intendere e di volere al momento del crimine).

Guardiamo anche al caso di Luca Traini (il caso di Macerata). Oggi tanti giovani stanno ricorrendo alla violenza. Sono fuori dal contesto sociale. Destra e Sinistra non hanno importanza, la violenza non deve essere mai tollerata. Guardiamo anche a Caserta cosa sta succedendo. Cosa risalta alle cronache. L’episodio di un quarantacinquenne armato di manganello contro dei ragazzi. Ma non solo. Anche a San Nicola la Strada abbiamo avuto scontri sul Viale Carlo III (in cui erano responsabili ambo le parti!).

Nel casertano esiste anche lo sfruttamento degli immigrati. Iniziando da chi affitta loro delle stanze (decine di persone ammassate e non a poco prezzo). La nostra accoglienza è sbagliata. Se dobbiamo accogliere, dobbiamo essere anche in grado di gestire, come avviene in Irlanda, ad esempio. L’Irlanda, a differenza nostra, ha seri programmi».


-Buona parte del suo lavoro è con i ragazzi.

«A Carnevale ci si vestiva o da “Pelliccetta” (la signora che sviene all’Outlet) o da “Jenny Savastano”, imitandone il linguaggio. Si esalta l’arroganza. Essere arroganti è essere vincenti. Così appare. Gomorra emula la realtà, non viceversa. La serie televisiva è la perfetta fotografia della nostra realtà. Io mi occupo molto dei bambini e noto che adottano, sin da giovanissimi, tali modelli. Non c’è posto per la gentilezza».


-Quali saranno i prossimi progetti professionali ed editoriali?

«L’idea verte sull’inserimento degli psicoterapeuti relazionali nelle scuole. In Campania c’è la legge, ma non viene applicata.

Editorialmente, vorrei lavorare a un romanzo familiare da psicoterapeuta. La capacità professionale nella narrativa. E vorrei anche scrivere qualcosa sulla psicologia della scuola. Inoltre, parlare delle nuove patologie, gli “Ikiko Mori”. Una patologia dei ragazzi che hanno un ritiro sociale completo. Si rinchiudono nelle loro stanze e non vogliono vedere nessuno. Da qui può svilupparsi anche la dipendenza da Pc, o da serie televisive. Le cause scatenanti: bullismo a scuola e un padre severo (e assente) in famiglia, con una madre permissiva. A ciò si aggiunge una tendenza ossessiva e all’isolamento».


-Ci sono casi di “Ikiko Mori” anche qui?

«Sì. Questi casi li abbiamo anche qui. Ho impiegato due mesi di lavoro solo per fare uscire dalla stanza il ragazzo e c’è ancora tanto lavoro da fare, nonostante gli ottimi progressi».


-Vuole aggiungere qualcosa?

«Sì. Oggi diamo con troppa facilità gli psicofarmarci agli adolescenti e si comunica malissimo. Lo scriva espressamente. Oggi si riceve subito un cellulare. La società sta correndo troppo. E’ il tema del consumismo».


Antonio Dentice d’Accadia



PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
LUGLIO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori