Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

RASSEGNA TEATRALE 2018

 
Il 
PROGRAMMA
 completo

e tutti gli articoli del Corriere di San Nicola


FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

CHI NON HA CAPITO COSA INTENDO PER “VERI SANNICOLESI” MI PROVOCA SOLO AMAREZZA




 I VERI SANNICOLESI sono QUELLI CHE AMANO SAN NICOLA LA STRADA

Anche a San Nicola il nuovo contrassegno europeo per disabili

Lo ha disposto il nuovo Comandante della Polizia Locale, Salerno Mele

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


“Con Franco Nigro ci si sente sempre a casa”

Il convegno di presentazione del suo ultimo libro

 

Quelli del glorioso “Vecchio San Marco”

Si sono gioiosamente ritrovati, per la prima volta tutti insieme dopo quasi quarant’anni, i calciatori che fecero grande l’ U.S. San Marco Evangelista dal 1978 al 1981.
Molti e famosi i nomi, tutti scolpiti nella storia sportiva della città, tra i quali alcuni sannicolesi.
Momenti di commozione quando si sono ricordati amici che non ci sono più.


«Oggi è una giornata storica, da ricordare per gli amici che si sono ritrovati dopo tanto tempo: quei giocatori che hanno fatto grande il calcio a San Marco Evangelista tra il 1978 ed il 1981 con due campionati vinti di prima e seconda categoria. Una bellissima serata dove ti prende forte la nostalgia e non riesci a trattenere la commozione. Tanti baci ed abbracci a ricordare un tempo che è volato via e che non tornerà mai più. Le lacrime hanno solcato le guance di qualcuno, tutto sarà indimenticabile».

A raccontare è Fabrizio Caiazza, il capitano di quella squadra straordinaria che quarant’anni fa seminò, da San Marco e per tutta la provincia, ardore, bravura e simpatia.
Fabrizio, si sa, è un vulcano sempre acceso. Un organizzatore eccellente. Non poteva non partire dalla sua mente e dal suo cuore l’idea di riunirne i componenti per riabbracciarsi e condividere quei meravigliosi ricordi.
Con lui, a preparare meticolosamente l’evento, Paolo Marino, “il giocatore che sulle fasce volava come se avesse le ali ai piedi e che faceva i cento metri in undici secondi netti”.

Ad accogliere il gruppo, nella serata di mercoledi 27 giugno, il ristorante Belvedere di San Leucio.
Tutti meravigliosamente lì, signori più o meno sessantenni; tutti, salvo qualche eccezione, con i capelli grigi ben avviati sulla strada del bianco; tutti con il solito, immutato spirito goliardico a festeggiare il ricordo di un’esperienza che ha segnato la loro gioventù.
Tutti attorno ad un tavolo imbandito con il sapore dell’amicizia e dell’entusiasmo: gli stessi sentimenti genuini di allora a suggellarne lo splendore.
Tutti insieme appassionatamente: Fabrizio Caiazza, Pasquale Bottone, Agostino Pasquariello (“il portiere dalle parate impossibili”), Annibale Santacroce, Saverio Sempreviva, Giuseppe Dello Stretto, Biagio Dello Stretto, Giuseppe Pizza, Gabriele Gallo, Pasquale Iuliano, Rocco Argenziano, Giuseppe Picazio, Vincenzo Scopelliti, Leopoldo Cristillo, Paolo Marino, Raffaele Fatigati, Donato Capuano, Benedetto Santangelo, Luigi Casella, Carmine Di Blasio.
Ci teneva tanto anche l’allenatore Ennio Nigro, ma sopraggiunti motivi familiari lo hanno costretto a rimanere a Cuneo.

E’ stato un tourbillon inesauribile di emozioni.
Non mi è stato possibile esserci fisicamente, ma il mio pensiero era lì ed alcuni di quei momenti ho avuto l’onore di viverli in diretta, con il cel tra le mani a sentire e vedere quello che di indescrivibilmente meraviglioso stava accadendo.
L’amicizia e l’affetto che mi legano ai sannicolesi che stavano lì non è cosa da poco. Con alcuni di loro ho vissuto anni stupendi della mia fanciullezza (Pasquale Bottone è stato mio amatissimo compagno di scuola alle medie) e la cosa più bella è che siamo ancora affezionatissimi amici e ci incontriamo spesso.
E poi io andavo sovente a vedere le partite; ero di quelli che soffrivano quando si perdeva; ma ho gioito tantissimo.
L’altra cosa che mi aveva letteralmente catturato facendomi vivere con piacere immenso i giorni precedenti, è stato il gruppo Whatsapp “Vecchio San Marco”, creato e così magicamente denominato da Paolo Marino. Vi ho trovato messaggi di una intensità travolgente, brividi che mi percorrono ogniqualvolta li rileggo.

Il discorso del capitano è stato penetrante, pervaso di fiamma e poesia.
Dettato dalla spontaneità, dalla simpatia, da quella carica umana che Fabrizio ha sempre saputo trasmettere. Ogni parola che dice la sente, cattura inevitabilmente l’attenzione di chi ascolta, trascinandolo in forti emozioni. Fabrizio è icona di passione, rispetto, intelligenza, educazione. Racconta di tempi che appaiono tanto lontani non solo per gli anni che sono passati, ma soprattutto per il decadere dei valori e dei sentimenti che li animarono: “Eravamo non solo una squadra di calcio, ma un gruppo inossidabile. Tutti per uno, uno per tutti. Siamo contenti di aver dato una grandissima soddisfazione alla città di San Marco. Mi ricordo che i tifosi ci seguivano dovunque eravamo chiamati a giocare».
E poi a ricordare tanti di quegli episodi dei quali è indelebilmente scolpita la loro vita non solo sportiva: le amarezze, le gioie, i momenti vissuti insieme negli spogliatoi, in campo: «Sono fiero ed orgoglioso di essere stato il capitano di questo straordinario gruppo. Mai potrò dimenticarlo!».

Il momento più commovente è stato il ricordo degli amici che non ci sono piu: Francesco Lanzante, detto “baulone”, il presidente Nicola Affinito, il mister Aldo Picazio (“Un sanguigno, un passionale, tecnico di elevata competenza, il migliore di noi per quello che sapeva trasmettere ai giocatori soprattutto sul piano umano e sociale”), Femiano, Paolella, Lino Santamaria.
Un momento di raccoglimento e di dolore ha sancito la loro dolorosa assenza.
«Ci hanno lasciato nella tristezza, che oggi è diventata nostalgia. Ci siamo prefissati -ci ha detto Fabrizio- di andare tutti insieme a rendere visita a questi magnifici compagni nei luoghi dove riposano in pace».

Un’altra splendida chicca del Caiazza-pensiero: la solidarietà.
Su sua proposta, immediatamente accolta e condivisa, “una piccola aggiunta al conto finale”.
Tra gli assenti a malincuore c’era anche un altro compagno, il cui nipote è disabile ed ha grande passione per i videogiochi. Il gruppo ha deciso di regalargliene uno bellissimo, con dedica speciale “Vecchio San Marco”: «Un segno, semplice ma molto sentito, di quella generosità che ha sempre animato questo gruppo. I giocatori del San Marco erano forti nel calcio ma lo sono sempre stati anche nella vita».

E poi, alla fine, spontaneamente arrivato come gli altri, il momento delle speranze e delle promesse. Dal vivo, come sui post del gruppo Whatsapp dei giorni dopo.
Non perdiamoci”, “Generalmente le date di un evento si evidenziano sul calendario, ma io il 27 giugno 2018 l’ho evidenziato nel mio cuore”, “Pensavamo da tempo di incontrarci. Non è stato facile riuscirci, ma con la buona volontà e la tenacia ce l’abbiamo fatta”.
I messaggi, insomma, sono più che chiari e forti.
Chi conosce Fabrizio Caiazza sa che non finisce qui.
Ottima cena con "antipasto misto di terra e cose sfiziose, paccheri ripieni in salsa rosa e basilico, carrè di maiale con crosta di sesamo" (anche questo vogliamo immortalare nella piccola storia di questa grande "rimpatriata"): sì, è vero...
Ma la pietanza più gustosa, più prelibata che è stata servita è il desiderio ardente di rivedersi; quella voglia matta di esserci ancora e sempre. Perché i sogni prima si desiderano, poi qualche volta si vivono, ma guai se scompaiono. Fabrizio e tutti gli altri amici lo sanno benissimo. Impossibile pensare che non si ripeta una magnifica serata come questa.

Nicola Ciaramella




Una delle più forti squadre della storia calcistica di San Marco Evangelista



Franco Lanzante, detto "baulone": un amico stupendo che non c'è piu.





 

PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
LUGLIO 2018

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori