Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

dalla
PROVINCIA, dalla REGIONE, dall'ITALIA, dal MONDO

Notizie da
OLTRE I CONFINI DI SAN NICOLA LA STRADA



 

 

 

 

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LUCIDA REALTÁ

Un racconto
di
Gerardina Rainone


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

BUONE NUOVE ...PER LA TARSU SANNICOLESE...C’E’ QUALCUNO CHE CI CREDE?


La Regione legifera sui rifiuti. Contenimento e razionalizzazione dei costi alla base della nuova normativa. Occhio allo Uttaro: alla Provincia ...gli ardui compiti di bonifica e ripristino ambientale dei siti inquinati. Previsti lauti contributi ai comuni (scenderà la “nostra” Tarsu?...).

 

Il Consiglio regionale della Campania ha approvato, il 16 marzo, il progetto di legge "Norme in materia di gestione, trasformazione, riutilizzo dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati".

La nuova legge disciplina la gestione del ciclo integrato dei rifiuti, la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati sul territorio regionale. E, ancora, individua le funzioni e i compiti amministrativi che richiedono l'unitario esercizio a livello regionale, disciplinandone l'organizzazione e le modalità di svolgimento; determina, in applicazione dei principi del decentramento funzionale e di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza di cui all'art. 118 della Costituzione, le funzioni e i compiti amministrativi il cui esercizio è conferito dalla Regione alle Province e ai Comuni ovvero alle loro forme associative. Le finalità individuate sono: prevenire, governare e ridurre la produzione dei rifiuti, incentivare, potenziare e agevolare la raccolta differenziata dei rifiuti urbani e speciali, adottando con priorità le misure dirette al recupero dei rifiuti mediante riutilizzo, riciclo e ogni altra azione diretta a ottenere da essi materia prima secondaria; incentivare la riduzione dello smaltimento finale dei rifiuti, privilegiando forme di trattamento che ne consentano il recupero e l'utilizzo produttivo, conseguendo l'obiettivo della minimizzazione dell'impatto ambientale connesso allo smaltimento. Si punta, ancora, a diminuire, mediante idonei e certificati trattamenti, la pericolosità dei rifiuti; contenere e razionalizzare i costi di gestione del ciclo dei rifiuti, valorizzando, mediante attività concertative a scala territoriale, la capacità di proposta e di autodeterminazione degli enti locali, incentivandone la partecipazione attiva nelle procedure di predisposizione, adozione, approvazione e aggiornamento dei piani di gestione dei rifiuti; garantire l'autosufficienza regionale per lo smaltimento dei rifiuti urbani. Tra gli obiettivi della legge ci sono quelli di individuare forme di cooperazione tra i vari livelli delle autonomie territoriali; promuovere le attività finalizzate al miglioramento delle conoscenze e delle capacità di intervento e regolamentare le fasi fondamentali a un effettivo recupero della frazione organica da rifiuto; superare lo stato di emergenza nei settori della gestione dei rifiuti e provvedere alla bonifica e al ripristino ambientale dei siti inquinati. La legge prevede la costituzione, presso l'Agenzia regionale per la protezione ambientale, della sezione regionale del catasto dei rifiuti, articolata su base provinciale ovvero di ambito territoriale ottimale, ed istituisce un osservatorio regionale sulla gestione dei rifiuti, la cui definizione viene definita dalla Giunta regionale entro trenta giorni dalla entrata in vigore della legge, sentita la Commissione consiliare competente in materia. Essa fissa le competenze e le funzioni della Regione in materia, tra cui la predisposizione, l'adozione e l'aggiornamento, sentiti le Province, i Comuni, le Autorità d'Ambito e le associazioni ambientaliste nazionali maggiormente rappresentative, dei Piani regionali in materia: il Piano regionale di gestione dei rifiuti, in conformità alle disposizioni del D.lgs. 152/06 (che definisce, tra l'altro, le condizioni e i criteri in base ai quali, gli impianti per la gestione dei rifiuti, a eccezione delle discariche, possono essere localizzati nelle aree destinate a insediamenti produttivi e la tipologia e il complesso degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti urbani da realizzare nella regione, la tipologia e il complesso degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti urbani, le iniziative dirette a favorire il recupero dai rifiuti di materiali e di energia, in conformità con quanto prevede il D. lgs. 152/06 e successive modificazioni). Ci sono, poi, il Piano regionale di gestione dei rifiuti speciali, anche pericolosi; il Piano regionale delle bonifiche delle aree inquinate ( a questo proposito la norma prevede che la regione possa concedere contributi fino al 100% del costo complessivo a favore di soggetti pubblici che attuano interventi di messa in sicurezza, bonifica  e ripristino ambientale di aree pubbliche). I piani vengono adottati dalla Giunta regionale, sentita la conferenza permanente Regione-Autonomie locali e le Comunità d'Ambito. La legge istituisce, altresì, gli Ambiti Territoriali Ottimali, che, in sede di prima applicazione della legge, coincidono con le circoscrizioni provinciali; per ogni ambito territoriale è istituito un consorzio obbligatorio, denominato Autorità d'Ambito, costituito dai Comuni e dalla Provincia o dalle Province in cui ricade il territorio dell'Ato. L'autorità d'ambito esercita le funzioni ad essa assegnate dal D.lgs. 152/2006; affida il servizio di gestione integrata dei rifiuti in conformità alla vigente normativa comunitaria, statale e regionale; adotta il piano d'ambito e il programma di interventi, tra cui, l'installazione, nei Comuni con popolazione superiore ai diecimila abitanti, di una stazione ecologica attrezzata per il deposito temporaneo delle frazioni differenziate di rifiuti solidi urbani. Le autorità d'ambito, inoltre, organizzano il servizio di raccolta in modo da incrementare quantità e qualità tali da assicurare il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e ricevono contributi regionali (si spera, ma non troppo, che ciò  possa servire a ridurre la Tarsu sannicolese...-ndr) al fine di incentivare lo sviluppo dei servizi, la realizzazione di strutture per la raccolta differenziata nonché il conseguimento di livelli più elevati di tutela ambientale. La Giunta regionale individua, altresì, contributi da parte dei soggetti affidatari del servizio integrato a favore dei Comuni sede di impianti.


Le Autorità d'Ambito istituiscono, inoltre, un consorzio obbligatorio la cui assemblea è composta dal presidente della provincia e dai sindaci o loro delegati; ogni comune ha diritto ad un voto ogni diecimila abitanti fino ad un massimo di trenta voti, i comuni con popolazione inferiore a diecimila abitanti hanno, in ogni caso, diritto a un voto. La legge prevede, inoltre, che la nomina dei componenti dei consigli di amministrazione degli Ato è subordinata alle norme previste dal Testo unico degli Enti locali (D. lgs. 267/2000) e non devono aver riportato condanne penali passate in giudicato. La legge definisce, altresì, le competenze e le funzioni delle Province e dei Comuni, stabilendo che compete alle prime il controllo e la verifica degli interventi di bonifica, la verifica e il controllo periodico su tutte le attività di gestione, intermediazione e commercio dei rifiuti, l'individuazione, entro novanta giorni dalla entrata in vigore della legge, delle zone idonee e non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, sulla base di Piano territoriale di coordinamento provinciale, ove adottato. I Comuni concorrono, nell'ambito delle attività svolte a livello di ambiti territoriali ottimali, alla gestione dei rifiuti urbani e assimilati, fino all'inizio dell'attività dei soggetti gestori del servizio (Ato).  E' previsto, inoltre, che ai comuni sede di impianti per il trattamento dei rifiuti urbani é dovuto un contributo da parte dei soggetti affidatari del servizio integrato e che sia
la Giunta a definire, in base alla qualità e alla quantità degli impianti, l'entità di tale contributo e la suddivisione L'art. 21 fissa i requisiti tecnici degli impianti che sono ubicati nelle zone individuate dalle province; questa norma prevede, inoltre, che l'ubicazione delle aree destinate esclusivamente alla raccolta differenziata spetta alle province che le individuano in aree e complessi industriali dimessi o in disuso; l'art. 22, gli obiettivi di riduzione del conferimento di rifiuti in discarica che devono essere fissati dalla Regione attraverso un programma per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da allocare in discarica. La legge prevede, inoltre, che la Regione promuova accordi con i Comuni e le Province per una serie di iniziative per ridurre la produzione dei rifiuti e per il loro recupero, come campagne informative ed educative rivolte alla popolazione per la divulgazione e la incentivazione della pratica del compostaggio domestico e per l'utilizzo negli uffici pubblici di materiali riciclati. La legge prevede, inoltre, che il personale in servizio presso l'Arpac, in servizio proveniente dall'ufficio del commissario delegato di cui all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18 marzo 1996 n. 2425 e successive modifiche e integrazioni, nonché quello degli enti pubblici convenzionati con il commissario delegato e quello di cui all'ordinanza del Ministro dell'Interno n. 3100 del 2000, che ha maturato almeno 24 mesi di servizio alla data di pubblicazione della legge, è ammesso a partecipare con la riserva del 50% dei posti, ai concorsi banditi dall'Arpac. Inoltre, al  personale utilizzato nei servizi per la gestione dei rifiuti la legge prevede che si applichino le disposizioni nazionali in materia. Infine, particolare attenzione è dedicata dalla legge alle campagne di comunicazione e di informazione sociale in materia che la Regione dovrà attivare. La legge stanzia un milione di euro per la sua attuazione per l'anno in corso. 


(
Fonte ANSA, Napoli 16 marzo 2007)


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori