Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

dalla
PROVINCIA, dalla REGIONE, dall'ITALIA, dal MONDO

Notizie da
OLTRE I CONFINI DI SAN NICOLA LA STRADA



 

 

 

 

 

LUCIDA REALTÁ -parte 2-

Un racconto
di
Gerardina Rainone
-Parte II-

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

GLI APPELLI DEL COMITATO EMERGENZA RIFIUTI



L' "Ecomostro": la vignetta del Corriere di San Nicola adottata a "logo" delle iniziative promosse dal Comitato anti LoUttaro. In essa è rappresentato un drago a tre teste (quante le autorità che hanno firmato il mostruoso accordo dell'11 novembre 2006) che semina panico tra le popolazioni del "quadrilatero della morte". 


Legalità prima di tutto!”: è questo, in sostanza, lo slogan prescelto dal Comitato Emergenza Rifiuti (che, come noto, riunisce un centinaio di associazioni ambientaliste dislocate sul territorio provinciale, oltre a comitati locali, centri sociali e semplici cittadini) per spiegare (soprattutto ai residenti di San Nicola, San Marco, Maddaloni e Caserta) in maniera molto chiara e dettagliata i motivi della protesta, invitando la popolazione interessata a far sentire la propria voce.

Ecco il testo del manifesto ufficiale del Movimento:


COMITATO EMERGENZA RIFIUTI

LEGALITÀ PRIMA DI TUTTO!

IL COMMISSARIO DI GOVERNO E LE AUTORITA’ LOCALI, SENZA IL COINVOLGIMENTO E LA PARTECIPAZIONE DELLE COMUNITA’ INTERESSATE, HANNO DECISO DI REALIZZARE IN LOCALITA’ UTTARO L’ENNESIMA DISCARICA PUR POTENDO DISPORRE DI MOLTI ALTRI SITI ADEGUATI E NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA VIGENTE.

MA LA STRUTTURA TECNICA DEL PREFETTO DELEGATO, SIN DAL 1994, HA DICHIARATO L’AREA NON IDONEA E SUL SITO OGGI SCELTO, GIA’ OGGETTO DI SVERSAMENTO ILLECITO DI RIFIUTI, RICHIESE L’INTERVENTO DELLA MAGISTRATURA PER POSSIBILE DISASTRO AMBIENTALE.

LA SITUAZIONE DELL’AREA LO UTTARO OGGI E’ LA SEGUENTE:

-Discarica  Ecologica Meridionale, circa 2.000.000 di m3 di rifiuti conferiti di cui solo 450.000 autorizzati;

-Discarica del Commissario di Governo Emergenza Rifiuti realizzata nel 1996 cui sono stati conferiti circa 800.000 m3;

-Sito di Trasferenza Comune di Caserta allo stato esistono circa 15.000 m3 di rifiuti;

-Sito di stoccaggio Comune di Caserta allo stato esistono circa 40.000 m3 di rifiuti;

-Impianto per la lavorazione del secco del Consorzio obbligatorio ACSA CE3;

-Stoccaggio abusivo della società SACE, appaltatrice del servizio d’igiene urbana del Comune di Caserta: quantità di rifiuti variabile.

E NESSUNO CI HA MAI DETTO SE L’AREA SAINT GOBAIN, L’UCAR, LA SOFOME, ECC. TUTTE INDUSTRIE DI PRIMA CLASSE E A RIDOSSO DELLA UTTARO SONO STATE BONIFICATE E SONO UTILIZZABILI.

Inoltre l’art.5 (Bonifica, messa in sicurezza e apertura discariche) della Legge 6 dicembre 2006, n. 290 recante misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza nel settore dei rifiuti nella regione Campania" recita che “Fino alla cessazione dello stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania...sono utilizzate e messe in sicurezza le discariche già autorizzate o realizzate dal Commissario delegato-prefetto di Napoli, nonché le ulteriori discariche che il Commissario delegato può individuare per l'attuazione degli obiettivi fissati dal presente decreto. Nell'individuazione delle aree da destinare a siti di stoccaggio o discariche, il Commissario delegato dovrà tenere conto del carico e degli impatti ambientali gravanti sulle aree su cui già insistono discariche, siti di stoccaggio o altri impianti in evidente stato di saturazione. A tal fine il Commissario delegato, nel disporre l'apertura di nuovi impianti, valuta prioritariamente la possibilità di individuare siti ubicati in aree diverse da quelle di cui al periodo precedente. La messa in sicurezza delle predette discariche è comunque assicurata in conformità alla normativa vigente assicurando comunque, con particolare riferimento alle misure di cui al presente articolo, il coinvolgimento e la partecipazione delle comunità e degli enti locali nelle attività di cui al presente articolo”.
PER IL GRAVISSIMO STATO DI DEGRADO E INQUINAMENTO DELL’AREA

LA GIUNTA REGIONALE, NEL 2005 CONGIUNTAMENTE AL COMMISSARIO DI GOVERNO PER L’EMERGENZA BONIFICHE E LA TUTELA DELLE ACQUE, INOLTRE, APPROVA IL PIANO REGIONALE DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI DELLA REGIONE CAMPANIA E DICHIARA L’AREA UTTARO – IN PARTICOLARE L’AREA EX ECOLOGICA MERIDIONALE - SITO DI INTERESSE NAZIONALE, DOVE L’UNICA ATTIVITÀ CONSENTITA, MEDIANTE OPPORTUNA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE, È LA MESSA IN SICUREZZA E LA BONIFICA.

SE NON INTERVERRANNO LE AUTORITA’ A GARANTIRE LA LEGALITA’ CI VEDREMO COSTRETTI A PROMUOVERE PRESIDI E ALTRE FORME DI TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA E DELL’AMBIENTE.


                                                          

NO ALLO SCONTRO SI ALLA LEGALITA’ E AL DIALOGO



PREMESSO

-Che l’art. 5 della legge 6 dicembre 2006 n. 290 di fatto esclude ogni possibilità di realizzare una discarica in siti come quello individuato nella località Lo Uttaro di Caserta;

-Che per il gravissimo stato di degrado e inquinamento dell’area la Giunta regionale, nel 2005 congiuntamente al Commissario di governo per l’emergenza bonifiche e la tutela delle acque, ha approvato il Piano regionale di bonifica dei siti inquinati della regione Campania e ha dichiarato l’area Lo Uttaro  -in particolare l’area ex Ecologica Meridionale-  sito di interesse nazionale, dove l’unica attività consentita è la messa in sicurezza e la bonifica;

-Che la Magistratura ha in corso un procedimento per accertare la verità dei fatti sul sito oggi interessato dall’intervento del Commissario di Governo e per il quale il Comitato Emergenza Rifiuti ha chiesto il sequestro conservativo dei luoghi;

CONSIDERATO CHE

VOGLIAMO SCONGIURARE UNA PROVA DI FORZA CHE NON PORTEREBBE A NULLA, CHIEDIAMO IL DISIMPEGNO DELLE FORZE DELL'ORDINE DA UTTARO, COSA CHE POTREBBE CONTRIBUIRE A STEMPERARE GLI ANIMI ED EVITARE SCONTRI.

CHIEDIAMO A TUTTE LE ISTITUZIONI CHE ANCHE IN TERRA DI LAVORO SI RISPETTI LA LEGGE E PREVALGA IL BUON SENSO.

Cosa CHIEDIAMO AL PRESIDENTE DELL’A. P.  DE FRANCISCIS
:

-DI CONOSCERE, DOPO QUATTRO MESI DALLA SOTTOSCRIZIONE DEL PROTOCOLLO, LE LINEE STRATEGICHE DEL NUOVO PIANO PER LA PROVINCIA DI CASERTA.

AL MOMENTO NON SI INTRAVEDONO PROPOSTE PER IL PIANO CHE DOVREBBE GOVERNARE LA GESTIONE ORDINARIA DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI CASERTA;

-UN CONFRONTO CON IL COMITATO SUL PIANO PROVINCIALE DEL CICLO DEI RIFIUTI.

Cosa chiediamo AL COMMISSARIO BERTOLASO:

-Di mantenere l’impegno assunto e sottoscritto dal Prefetto di Napoli, dr. Achille Catalani, già nel 2000 di non “realizzare più impianti di smaltimento rifiuti” in località Lo Uttaro in conseguenza del grave stato di degrado e di inquinamenti di tutta l’area;

-Di sentire gli organi tecnici (responsabile della struttura tecnica  Caserta del Prefetto delegato ex O.P.C.M. 07.10.1994) del Commissario delegato che hanno operato dal 1994 al 2001 a Caserta sulla vicenda Lo Uttaro;

-La sottoscrizione di un nuovo protocollo d’intesa sui siti da destinare a discarica tra il commissariato di governo, la provincia e gli enti locali destinatari degli impianti anche alla luce della legge regionale sul ciclo dei rifiuti, del piano provinciale già approvato nel 1997 e del piano di recupero delle aree di cava abbandonate, abusive e dismesse nella provincia di Caserta approvato nel 2003;

-Screening (con analisi di tutte le matrici ambientali) e caratterizzazione dei siti tra quelli più idonei già individuati nei vari piani e in quelli individuati dal gruppo di diagnostica nel 1996 a Maddaloni e Marcianise con l'ausilio di una commissione con funzioni di controllo nominata dagli enti locali.

COMITATO EMERGENZA RIFIUTI - CASERTA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -  http://emergenzarifiuticaserta.spaces.live.com  - 3476472516 - 328-6230307/338 - 1191429/347




COMITATO EMERGENZA RIFIUTI CASERTA

CONFERENZA STAMPA DEL 29 MARZO 2007

ALLA CORTESE ATTEZIONE DEI SIGNORI GIORNALISTI

La vicenda Lo Uttaro è una questione di legalità, è una questione ambientale.

E’ una questione di legalità in quanto lo stato dei luoghi dove è stata ubicata la discarica commissariale è stata oggetto di lavori abusivi, di sversamento di rifiuti di cui non è nota la natura e la quantità, sono stati scaricati rifiuti intercettando la falda freatica le cui conseguenze, a causa del percolato in essa riservatosi, sono ancora sconosciute; la società responsabile, in assenza di controlli o peggio, “Ecologica Meridionale” per tali fatti è stata più volte fatta oggetto di informativa e richiesta di intervento della magistratura da parte dei prefetti delegati e commissari di governo sin dal 1994. Il Comitato ha chiesto alla magistratura il sequestro dell’area per evitare di distruggere le prove e crediamo sia doveroso compiere ogni sforzo per non vanificare l’opera dei Prefetti delegati, tesa al ripristino della legalità e di pubblicizzazione effettiva del settore del ciclo integrale dei rifiuti, fondamentale per un vivere civile e che purtroppo vede ancora e vieppiù contrapposti lo Stato ed enti locali alla delinquenza supportata dai soliti “colletti bianchi”.

E’ una questione ambientale perché la legislazione vigente impone al Commissario di Governo (art.5 comma 2 della L.290/2006) di scegliere altri siti per allocare discariche quando quella individuata è stata già pesantemente interessata da altre discariche, siti di stoccaggio o altri impianti.

La situazione dell’area Lo Uttaro oggi è  la seguente:

-Discarica Migliore Carolina, almeno 1.000.000 di m3 di rifiuti conferiti;

-Discarica Ecologica Meridionale, circa 2.000.000 di m3 di rifiuti conferiti di cui solo 500.000 autorizzati;

-Discarica limitrofa del Commissario di Governo Emergenza Rifiuti realizzata, ai sensi e nel rispetto dell’OPCM 11.2.94 e segg., nel 1994/6 cui sono stati conferiti circa 800.000 m3;

-Sito di Trasferenza Comune di Caserta; allo stato insistono circa 15.000 m3 di rifiuti;

-Sito di stoccaggio Comune di Caserta; allo stato, diventato una discarica a cielo aperto, insistono circa 40.000 m3 di rifiuti;

-Impianto per la lavorazione del secco del Consorzio obbligatorio ACSA CE3;

-Stoccaggio abusivo della società SACE, appaltatrice del servizio d’igiene urbana del Comune di Caserta: quantità di rifiuti variabile.

Per il gravissimo stato di degrado e inquinamento dell’area la Giunta Regionale, nel 2005, congiuntamente al Commissario di Governo per l’emergenza bonifiche e la tutela delle acque, ha approvato il piano regionale di bonifica dei siti inquinati della Regione Campania e dichiarato l’area Uttaro – in particolare l’area ex Ecologica Meridionale - sito di interesse nazionale, dove l’unica attività consentita, mediante opportuna valutazione di impatto ambientale, è la messa in sicurezza di emergenza e permanente finalizzata alla bonifica.

Siamo persuasi che sia il Commissario di Governo, sia il sindaco di Caserta, sia il Presidente dell’A.P non sono stati messi in condizione di poter decidere serenamente non avendo i funzionari, ben a conoscenza della situazione, messo a disposizione gli elementi di conoscenza necessari. Ora però che la verità è emersa in tutta la sua forza, occorre con serenità d’animo assumere da parte di Petteruti, De Franciscis e Bertolaso, le decisioni consequenziali, revocando il protocollo d’intesa “come spetta a chi opera, ed ha operato, con il solo obiettivo di sollevare la comunità campana e quella casertana” dal problema dello smaltimento dei rifiuti. Un “confronto civile e sereno” si ha quando le parti sono disponibili a mettersi in gioco e a tornare sulle proprie posizioni. Le gravi affermazioni del sindaco e la sua sicumera, fuori luogo, rese sulla stampa di oggi, annullano, di fatto, il senso dell’audizione richiesta dal Comitato e fanno dell’incontro odierno una semplice comunicazione d’ufficio. Di tanto Petteruti se ne dovrà assumere la responsabilità con tutte le conseguenze che ne potranno scaturire. L’ARPAC e il Commissario di Governo non garantiscono niente e nessuno e la riprova è data dalla discarica realizzata sopra una montagna di rifiuti che ha intercettato la falda freatica. Un morto sopra un morto in un’area già compromessa. Di quale “impegno per la bonifica e la messa in sicurezza del sito” parla, dunque Petteruti? 

Sulla piattaforma per la provincia di Caserta.

Occorre invertire la strategia per la risoluzione dell’emergenza rifiuti in Campania, favorendo la costruzione di impianti per il recupero dai rifiuti urbani e mercatali della frazione umida, che costituisce il vero problema igienico-sanitario del ciclo dei rifiuti e può rappresentare, invece, una forte spinta per la fertilizzazione dei terreni campani contrastando la desertificazione che affligge l’agricoltura della nostra regione. In tale direzione il Comitato propone la sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra il Commissariato e le Organizzazioni professionali degli agricoltori per definire tempi e modalità di uno specifico intervento su tale fondamentale questione peraltro già avanzata dalla Coldiretti regionale.

Il Comitato chiede inoltre:

1.      Di attivare un adeguato organismo tecnico-amministrativo per supportare i comuni campani e vigilare circa il rispetto dell’O.P.C.M. del 9 febbraio 2007 (G.U. n.38 del 15/02/07) che prescrive all’art.5 l’obbligo di avvalersi, in via esclusiva, per lo svolgimento del servizio di raccolta differenziata, dei Consorzi istituiti con L.R. 10/02/1993, n.10;

2.       Di tenere conto, per la scelta di siti adeguati, dei numerosi documenti tecnici già esistenti presso il Commissario di Governo come, ad esempio, le conclusioni del Gruppo Tecnico di Diagnostica o il Piano Provinciale per il recupero delle cave abbandonate abusive e dismesse nella Provincia di Caserta, approvato e legge già dal febbraio del 2003 (al riguardo esiste una documentazione tecnica e amministrativa copiosissima – non vale più il reato di “omissione di atti d’ufficio”);

3.      Di ricostituire il Gruppo Tecnico di Diagnostica, formato da rappresentanti del Ministero dell’Ambiente, del Servizio Geologico Nazionale, dell’ENEA, dell’Istituto Superiore della Sanità, della Seconda Università di Napoli e da un tecnico, di consolidata e documentata esperienza specifica, nominato dalla comunità locale, per procedere alla localizzazione di corretti impianti di lavorazione e smaltimento rifiuti, allo scopo di avere la massima garanzia scientifica riguardo a decisioni da intraprendere sulla realizzazione dei suddetti impianti per lo smaltimento e il riciclaggio dei rifiuti.


LO SCHIERAMENTO ANTI LO-UTTARO
Comitato Emergenza Rifiuti della provincia di Caserta; Comitato contro Lo Uttaro di San Nicola la Strada; Comitato contro Lo Uttaro di Caserta; Comitato contro Lo Uttaro di Maddaloni; Comitato contro Lo Uttaro di San Marco Evangelista; Italia Nostra; Legambiente Caserta; LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli); WWF Caserta; W.W.F. Aversa; Terra Nostra; CO.AS.CA.; Co.De.Par.; Comitato Civico in difesa dell’acqua CE; Comitato contro il Megainceneritore di Acerra; Comitato mamme e famiglie di Marcianise; Unart Group Marcianise; Viviamo la Scuola CE; Casa Zaccheo (Padri Sacramentini CE); Comitato “Lo Uttaro” S.Nicola La Strada; Comitato di Lotta alla Piattaforma di Pignataro M.;Verdi Maddaloni; Verdi S.Nicola La Strada; Comitato “Macrico Verde”; Vivereinsieme; Comitato “Caserta Città di Pace”; Coop. New Hope; A.V.O.; Auser Filo d’Argento; A.D. Scacchistica CE; Laboratorio Millepiani; Centro Sociale ex Canapificio CE; Movimento per la Pace; Associazione Medici per l’Ambiente (ISDE Italia); Associazione Diotima; Federazione AssoCampaniaFelix; Comitato Salute pubblica e Comitato civico per Nola e provincia; Comitato Donne del 29 agosto (Acerra); CGIL Caserta; UGL Caserta.

 


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori

 

Copyright © Corriere di San Nicola 2005-2019. Tutti i diritti sono riservati.

PRIVACY POLICY