Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

dalla
PROVINCIA, dalla REGIONE, dall'ITALIA, dal MONDO

Notizie da
OLTRE I CONFINI DI SAN NICOLA LA STRADA



 

 

 

 

 

LUCIDA REALTÁ -parte 2-

Un racconto
di
Gerardina Rainone
-Parte II-

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

La due giorni della “Lummenera” di San Nicola la Strada

Fiaccolieri dalla “Rotonda” alla “Piazza” per portare nei luoghi storici della città il fuoco della sua più antica tradizione.
Uno spettacolo tutto da vivere, animato dal fascino inestinguibile del folclore e intriso di rappresentazioni simboliche, al quale si attendono spettatori non solo sannicolesi, ma anche provenienti da comuni viciniori (Macerata Campania e Recale soprattutto): la manifestazione, infatti, rientra nell’ambito di un programma di cooperazione turistica “tricomunale” finanziato dalla regione, che culminerà a gennaio con i famosi “Carri di Sant’Antuono”.

Il programma è avvincente, spettacolare, un condensato di emozioni e di nostalgia, soprattutto cucito in modo originale. Una straordinaria miscela di simboli e realtà.
Uno spettacolo tutto nuovo che si annuncia pieno di fantasia e di scenografia d'effetto.

San Nicola la Strada celebra, nella serata di giovedi 5 dicembre, vigilia di San Nicola, e poi in quella del 6 dicembre, giorno della ricorrenza del Santo Patrono, la sua tradizione più antica: la LUMMENERA DI SAN NICOLA (‘A lummenera ‘e Santu Nicola), che quest’anno vivrà un’edizione molto particolare.

La premessa nasce dalla forte volontà espressa da una vera e propria task-force di organizzatori, composta dall’amministrazione comunale, dal musicista e cultore di musica popolare Luca De Simone, dalla Pro Loco, dal Gruppo volontari della Protezione Civile in collaborazione con associazioni, scuole e parrocchie.

Dopo essersi acceso per anni nella villetta comunale di Santa Maria delle Grazie, stavolta il falò della tradizione alzerà le sue fiamme alla Rotonda Ovest per poi recarsi in Piazza Parrocchia, in un ideale abbraccio tra ‘O tuorno e ‘O trivece, i due rioni dove si è consumata nei secoli la gloriosa storia di una città, il cui nome è dedicato ad un santo miracoloso che visse in Asia minore e alla regina delle strade degli antichi romani.

Evidenziamo subito un aspetto che, ci si augura, potrà portare ulteriore interesse e partecipazione da altri comuni del vicinato: i due giorni della “Lummenera di San Nicola” 2019 sono inseriti nell’ambito di un progetto congiunto tra i Comuni di San Nicola la Strada, Macerata Campania e Recale, finanziato dalla regione Campania, dal titolo “Festa di Sant’Antonio Abate edizione 2020”, che vuole essere un gemellaggio tra paesi limitrofi per cooperare ad una maggiore diffusione e conoscenza delle proprie tradizioni in più ampia chiave turistica.

Il richiamo simbolico della “Lummenera di San Nicola” di quest’anno è predominante.
Una ventina di fiaccolieri della società podistica “Atletica San Nicola”, alle ore 18.00, condurranno le fiamme accese presso l’emiciclo Ovest della Rotonda fino a Piazza Parrocchia, davanti al sagrato della Chiesa di Santa Maria degli Angeli, rinomato capolavoro della scuola vanvitelliana, vanto della città.
Lì, sopra due bracieri accuratamente predisposti, alle ore 18.30, prenderà forma e corpo, ovviamente nel rispetto dei limiti imposti dalla sicurezza, il Falò che simbolicamente vuole rappresentare quello che “ ‘A lummenera ‘e Santu Nicola” ha rappresentato nei secoli, fino all’avvento della cosiddetta “modernità”, per i contadini e per tutta la gente del luogo. 

Prima, nel pomeriggio, nel salone borbonico, dalle 15.00 alle 17.00, ci saranno laboratori gratuiti di danze popolari.
A seguire, dopo l’accensione della Lummenera, degustazioni tipiche, momenti di folclore e, alle ore 20.00, concerto musicale in chiesa. 

La “Lummenera di San Nicola” esce, dunque, per la prima volta da quando la Pro Loco ne ha preso in mano il progetto per celebrarne il ricordo e mantenerlo vivo nella tradizione, dalla Villetta di Santa Maria delle Grazie per raccogliere intorno a sé gli squarci più prodigiosi della sua storia, dalla magica Rotonda all’incantevole Piazza Parrocchia.

Ma che cos’era la Lummenera per i sannicolesi?
Tracciamone un po’ di storia, dunque, per capire il significato e i valori della tradizione più antica di San Nicola la Strada. Per comprendere, in un volo misto tra ricordi vissuti e tramandati, come i sannicolesi trascorrevano la fredda serata del 5 dicembre di ogni anno.
’A lummenera ‘e Santu Nicola(così si scrive correttamente, con gli apostrofi al posto giusto...) è tramandata come antico rito propiziatorio della vigilia di San Nicola, messo in atto nella serata precedente alla ricorrenza del Santo Protettore della città di San Nicola la Strada, per far sì che il veneratissimo San Nicola portasse con sé prosperità e benessere.
Quando, insomma, San Nicola la Strada era un piccolo borgo agricolo con pochi abitanti tutti dediti alla coltivazione della terra, il 5 dicembre sera la gente si riuniva in tutti gli angoli delle principali strade del paese intorno ad un grande falò per fare baldoria.
A fare da colonna sonora i versi della filastrocca “Suonno si viene, viene alla buon’ora all’ora ca’nasceva Santu Nicola”.
Come ci racconta nei suoi libri lo storico Franco Nigro e come un po’ ricordiamo anche noi, che negli ultimi anni della Lummenera eravamo bambini o poco meno che ragazzini, dopo la mattinata e il pomeriggio spesi per raccogliere il materiale da bruciare (fascine, paglia, legna), la sera si faceva a gara, soprattutto nei due quartieri storici della città, il “Tuorno” (la Rotonda) e il “Trivice” (la piazza) per allestire le “lummenere” più grandi, più luminose e più durevoli.
‘O tuorno”, ovvero la Rotonda, dalla forma del largo intorno ai due “emisferi” cittadini spezzati dal Vialone, detta anche i “pellicci” (i prati) per l’erba che ricopriva i suoi campi...
‘O trivece”, ovvero il “trivio”, dall’incrocio di Via XX Settembre (‘A via ‘a Maronna, detta così da quando esiste, perché era ed è la strada che conduce alla chiesa di Santa Maria della Pietà), Via Santa Croce (‘A via ‘a roce, detta così perché vi era una cappella della Santa Croce, patronato della settecentesca famiglia Santoro) e Via De Gasperi (‘A via ‘e pagliare, che conduceva al tenimento detto La Pagliara, ove nel 1813 la reale amministrazione acquistò del terreno per costruirci lo Stradone e i Passeggiatoi davanti alla reggia).
Ma non solo al Tuorno o al Trivice.
A fare la propria lummenera ci pensavano anche gli altri abitanti del paese, tutti rigorosamente individuati in base alla propria strada di provenienza.
C’erano, così, oltre alla “lummenera di for ‘o tuorno”, della “Via ‘a Maronna”, della “Via ‘e pagliare” e della “Via ‘a roce”, anche le lummenere di “ ‘A ret Sant Cummar” (Via SS. Cosma e Damiano), “ ‘A via ‘e nunziatelle” o “ ‘Ncopp ‘e taglie” (Via Appia), “ ‘a via ‘e perruni” (Via Bronzetti), “ ‘a via ‘o turco” (Via Cairoli), ecc.
Ogni strada aveva la sua Lummenera. Tutti, il giorno dopo, a vantarsi di aver fatto quella con la fiamma più alta. Tutti a sfottersi e a scherzare (ma a volte si faceva anche sul serio...) per prendersi il merito di essere i campioni della lummenera.
Un po’ come un palio: dove per pochi batte il cuore del proprio quartiere e per tutti la gioia della propria città.
Tutti, insomma, per vincere una gara il cui unico premio era la soddisfazione di poterlo raccontare a tutti gli altri.
E poi, con il freddo imperante, la gente si riuniva intorno al fuoco e raccontava “i cunti” (chiacchiere, “fattarielli”, episodi realmente accaduti o personalmente vissuti e anche fantasie) nella speranza di trarre da essi insegnamenti, per se stessi e per chi ascoltava.
A narrarli erano per lo più i vecchi, molto rispettati e dei quali si riconosceva la saggezza.
E mentre le strade della città continuavano a non spegnersi della luce dei falò, intorno al fuoco anche giochi, scherzi, balli e tammurriate organizzate dai più giovani e, immancabili, assaggi di vino nuovo, di pettole e fagioli e abbuffate di dolci fatti in casa.
Momenti di grande socializzazione per tutti, vissuti all’insegna della semplicità.
C’era bisogno di calore e di allegria nella fredda serata invernale. Ed ecco, a questo punto, l'abilità dei giovani che si lanciavano a saltare nelle fiamme per raggiungere il lato opposto del falò. Era un gioco divertente, ma anche pericoloso, che suscitava meraviglia e ammirazione negli spettatori. Il giovane che attraversava il fuoco con un lungo salto sembrava un angelo che volava indenne, senza essere bruciato dalle alte fiamme.

-

‘A Lummenera ‘e Santu Nicola” ogni anno mi gioca sempre un brutto scherzo...
Lì per lì mi sforzo nel contenermi, la malinconia si sostituisce all’impeto. Qui cominciano a scendermi le lagrime...
Non mi ha dato fastidio per niente non avere a portata di mano o di borsello un fazzolettino. Credo che nulla di più desiderabile possa esistere, quando si piange al timido chiarore dell’emozione, di asciugarsi il volto e gli occhi con il dorso delle mani.
Beh, mi capita questo ogni anno, quando torno dalla “Lummenera”.
Non sono stato, quando ero ragazzo, tra quei coraggiosi “angeli” (così la gente allegoricamente li definiva) che, nella meraviglia ed ammirazione degli spettatori, oltre che nell’incoscienza del pericolo, abilmente saltavano nelle fiamme per raggiungere il lato opposto del falò. Per dimostrare che la voglia di vivere è più grande del mistero.
Ma il fuoco della passione l’ho sempre vissuto. Come adesso.
...Raccontavo, ad una persona che ho avuto la gioia di conoscere per la prima volta, il perché ed il significato della “lummenera”, la più antica delle tradizioni di San Nicola la Strada...
Gli ho spiegato che non è facile rispondere ad una domanda del genere, perché là dove si parla di tradizione cominciano a delinearsi i confini con la leggenda. E a me, pur amante di quell’incredibile spettacolo che è l’immaginazione, parlare di “leggende sannicolesi” proprio non va.
Perché non è leggenda ricordare quella gente che, il 5 dicembre, si riuniva sui “pellicci” della Rotonda (quelli sono stati i luoghi della mia “origine”...) intorno ad un grande falò per fare baldoria, alla vigilia di San Nicola.
Non è leggenda ricordarmi di un passato fatto di gente semplice, genuina, rispettosa, educata, innamorata.
Non è leggenda ricordare che molti anni fa, quando San Nicola la Strada era un piccolo borgo agricolo con pochi abitanti tutti dediti alla coltivazione della terra, la sera del 5 dicembre, sui versi della filastrocca “Suonno si viene, viene alla buon’ora all’ora ca’nasceva Santu Nicola”, ci si riuniva intorno al fuoco, in tutti gli angoli delle principali strade del paese.
Non è leggenda ricordare che si faceva a gara, nei due quartieri storici della città, per allestire le “lummenere” più grandi, più luminose e più durevoli. Per vincere una gara con un solo premio in palio, la soddisfazione di poterlo raccontare.
Non è leggenda ricordare i “cunti” che la gente riunita intorno al fuoco raccontava nella speranza di trarre da essi insegnamenti per se stessa e per chi ascoltava.
Non è leggenda ricordare i giochi, balli e tammurriate organizzate in quella sera dai più giovani e degli assaggi di vino nuovo, di piatti di pettole e fagioli e di abbuffate di dolci fatti in casa.
E non è soprattutto leggenda narrare della “lummenera” come di un rito propiziatorio celebrato nella serata che precede la ricorrenza di San Nicola, Santo Patrono della città di San Nicola la Strada, per far sì che il Veneratissimo sia portatore di prosperità e benessere.
Alla fine, pur avendolo già abbondantemente capito, quella affabile persona ...ha voluto comunque chiedermi perché avessi donato una targa alla Pro Loco.
“Un giornalista che dona una targa, sinceramente, non lo avevo mai visto”, mi ha detto. “Non è stato un giornalista a dire grazie alla Pro Loco”, ho risposto, “ma un semplice cittadino sannicolese innamorato pazzo della sua città, della sua storia, della sua cultura, del suo patrimonio immenso di ricordi e di affetti. Dire grazie alla Pro Loco è dire grazie a chi, unico, oggi, in una comunità che cresce e dimentica il passato, si prodiga per conservare le tradizioni e mantenerle sempre vive». 
Si, perché chi ama la città dove è nato e dove è sempre vissuto, non deve sentire che il “dovere” di dire grazie a chi si impegna per conservarne le tradizioni, segno indiscutibile per arginare l’inesorabile avanzare del progresso che tutto vuole cambiare, tutto vuole dimenticare, tutto vuole distruggere del passato.
...La lummenera è gioia, la lummenera è vita, la lummenera è desiderio di amore, la lummenera è speranza. Che bello continuare a raccontarla, da cittadino di questa terra e giornalista di questa eterna storia che si chiama San Nicola la Strada.
Vedere accesa la fiamma della “lummenera” è come se mi fossi tuffato da un precipizio altissimo per cadere lentamente su una coltre soffice di mani amichevoli che mi accolgono in ricordi incancellabili.
Una fiamma che mi fa vedere il sole quando c’è la luna. Una fiamma che mi fa gioire quando c’è da disperarsi. Una fiamma che mi fa viaggiare in aereo quando odio volare. Una fiamma che mi fa vivere quando mi viene voglia di morire.

Una fiamma che mi fa sperare che nulla di questa città potrà mai finire.
Perché è la mia città. Perché viverci è il massimo per chi si batte per il genuino sapore della lealtà. Perché mi riporta nella fanciullezza, cospargendomi i sentimenti di profumato entusiasmo. Perché è la mia città! Perché ogni giorno di più la sento mia: giorno e notte, mentre vivo, mentre muoio, quando sorrido, quando piango. Il senso della mia vita alloggia lì. Lì sono gelosamente serbati tutti i miei più dolci ricordi, la mia nostalgia, i miei rimpianti. La mia città! Più la feriscono, più me ne innamoro.
Grazie, con tutto il cuore, a tutti coloro che hanno organizzato la “Lummenera” 2019.
Grazie a tutti coloro che verranno, ai sannicolesi e agli amici del vicinato, a testimoniare, con la loro presenza e con la loro partecipazione, amore e rispetto, ma anche curiosità, per la tradizione più antica della città di San Nicola la Strada.
E vi prego, scusatemi se mi emoziono quando vedo la “lummenera”.
(Nicola Ciaramella, Corriere di San Nicola, 5/12/2018)


‘A Lummenera ‘e Santu Nicola” ogni anno mi gioca sempre un brutto scherzo...

Beh, alla ...luce di quello che sarà la Lummenera 2019, penso decisamente che stavolta lo scherzo sarà ancora più brutto... MERAVIGLIOSAMENTE PIU’ BRUTTO. Per questo non vedo l’ora di rimanerne dolcemente vittima.

Nicola Ciaramella
©Corriere di San Nicola
RIPRODUZIONE RISERVATA



IL PROGRAMMA


Sull’evento “Festa di Sant’Antonio Abate edizione 2020” il Corriere di San Nicola ha scritto:
Si accende alla Rotonda Ovest la LUMMENERA 2019
Una “partnership” per la “Festa di Sant’Antuono”
"Gemellaggio" tra Festa di Sant'Antuono e Lummenera di San Nicola 

GUARDA VIDEO
(pubblicato su canale youtube del Corriere di San Nicola)

{
youtube}https://www.youtube.com/watch?v=t0TDB0qzOGI&feature=emb_logo{/youtube}

GUARDA VIDEO
(con accesso diretto dal Gruppo Facebook Corriere di San Nicola)
https://www.facebook.com/nicola.ciaramella.79/videos/2451279268448574/ 







LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori

 

Copyright © Corriere di San Nicola 2005-2019. Tutti i diritti sono riservati.

PRIVACY POLICY