Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
SETTEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

SPECIALE ELEZIONI COMUNALI 2020 

Le Elezioni Comunali 2020 di San Nicola la Strada raccontate dal Corriere di San Nicola

SPAZIO CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE

I candidati si autopresentano agli elettori


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

La storia di Alfredino Rampi, morto in un pozzo

39 anni fa accadeva una tragedia che sarebbe entrata per sempre nella storia della cronaca nera italiana.


Da ROMATODAY – articolo di Francesca Demirgian


Era l'estate 1981 quando la famiglia Rampi stava trascorrendo un periodo di vacanza nella seconda casa in via di Vermicino (zona Finocchio a Roma). La sera di mercoledì 10 giugno, il padre Ferdinando Rampi, con due amici e il figlio Alfredo, uscirono a passeggiare nella campagna circostante la casa. Verso le 19,20, sulla strada di ritorno, Alfredino chiese al padre di poter continuare la strada da solo, Ferdinando Rampi acconsentì, ignaro che questa scelta avrebbe portato ad una disgrazia.

Quando il padre giunse a casa, verso le 8 di sera, Alfredino non era arrivato. I genitori iniziarono a cercarlo nei dintorni e, verso le 21,30 chiamarono le forse dell'ordine. Accorsero Polizia, Vigili Urbani e Vigili del fuoco, gli abitanti delle case limitrofe si avvicinarono vedendo questo via vai. Iniziarono le ricerce, anche con l'ausilio delle unità cinofile e si arrivò a ispezionare una zona dove era in corso la costruzione di una nuova abitazione. Qui c'era un pozzo che, nonostante fosse chiuso da una lamiera, un agente di polizia, il brigadiere Giorgio Serranti, decise comunque di ispezionare. Una volta fatta rimuovere la lamiera, si sentirono i deboli e lontani lamenti di Alfredino.

Solo successivamente si scoprì che il proprietario del terreno, Amedeo Pisegna, aveva messo la lamiera sul pozzo alle 21, senza immaginare che Alfredino ci fosse caduto dentro. L'uomo, abruzzese di 44 anni, insegnante di applicazioni tecniche, venne arrestato con l’accusa di omicidio colposo e con l’aggravante della violazione delle norme di prevenzione degli infortuni.

Le operazioni di soccorso

I soccorsi si presentarono sin da subito complessi, per la profondità del pozzo e per l'imboccatura larga meno di 30 centimetri. Una lampada, calata nel pozzo, permise di vedere che Alfredino era ad una profondità di 36 metri, bloccato da una rientranza. Il primo tentativo di soccorso fu un fallimento: i soccorritori calarono nel pozzo una tavoletta di legno che, però, si incastrò a 24 metri e la corda a cui era legata si spezzò. Alle difficoltà già presenti si aggiunse l'ostruzione del pozzo. Nella notte arrivarono al pozzo anche i tecnici della Rai che, con la strumentazione in loro possesso, permisero ai soccorritori di comunicare con Alfredino.

Secondo tentativo: i tunnel laterali

Si comprese presto che non era possibile arrivare ad Alfredino dall'imboccatura del pozzo e, dunque, l'11 giugno si pensò di scavare dei tunnel, uno verticale e uno orizzontale per poter raggiungere il punto preciso in cui il piccolo è intrappolato. Non fu facile neanche questa strada, poiché in alcuni punto il terreno si presentò molto duro e difficile da scavare. Alfredino rispondeva ancora ai soccorritori, chiedeva da bere, ma iniziava ad alternare momenti di veglia a momenti di sonno. Il bambino era anche affetto da una cardiopatia congenita e avrebbe dovuto sottoporsi ad un intervento da lì a pochi giorni.

Arrivarono presto anche i giornalisti della Rai che iniziarono a seguire in diretta le vicende di Vermicino, con l'intenzione di documentare il salvataggio.

Il 12 giugno i tentativi proseguirono, ma anche le difficoltà incontrate, e Alfredino smise di rispondere. La sera il processo di perforazione arrivò a 34 metri di profondità, ma si scoprì che il piccolo non è più a 36 metri, come all'inizio delle ricerche. Le vibrazioni del terreno lo avevano fatto scivolare più in basso. Solo successivamente si scoprirà che il piccolo è a 60 metri di profondità. L'unica alternativa rimasta era quella di un volontario disposto a calarsi nel pozzo.

La morte di Alfredino

Tanti volontari tentarono di calarsi per recuperare il bambino, da Angelo Licheri allo speleologo Donato Caruso. Quest'ultimo raggiunse il bambino e provò ad imbracarlo senza riuscirsi, si fece ritirare su fino al cunicolo di collegamento per riposarsi e ritentare. Fallito anche il secondo tentativo, Caruso riportò in superficie la notizia della probabile morte del bambino. La mamma Franca provò a chiamare molte volte il figlio, invano.
La mattina del 13 giugno venne calato uno stetoscopio nel pozzo, per percepire il battito cardiaco di Alfredino, non registrando nulla.
Alle 16 dello stesso giorno, venne calata una telecamera della Rai a circa 55 metri che riprese la sagoma imobile del piccolo. Dopo la dichiarazione della morte presunta, per poter assicurare la conservazione del corpo, il magistrato fece immergere del gas refrigerante. Il corpo di Alfredo Rampi fu recuperato da tre squadre di minatori l'11 luglio, quasi un mese dopo la morte del bambino.

I funerali vennero svolti il 17 luglio 1981 nella Basilica di San Lorenzo fuori le mura; la salma venne trasportata dai volontari che avevano tentato di tutto pur di salvarlo. Alfredino è sepolto al Cimitero del Verano di Roma.

La mancanza di organizzazione nei soccorsi di Alfredino fece comprendere l'esigenza di una nuova struttura organizzativa, in grado di gestire situazioni di emergenza. Negli anni a seguire sarebbe nata la Protezione Civile.

Da ROMATODAY – articolo di Francesca Demirgian


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
SETTEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori

 

Copyright © Corriere di San Nicola 2005-2019. Tutti i diritti sono riservati.

PRIVACY POLICY