Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
SETTEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

SPECIALE ELEZIONI COMUNALI 2020 

Le Elezioni Comunali 2020 di San Nicola la Strada raccontate dal Corriere di San Nicola

SPAZIO CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE

I candidati si autopresentano agli elettori


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

“NUOVE” PIAZZE: MA NON DOVEVANO ESSERE ... A MISURA DI PEDONI?

 


Di recente ho prestato fugacemente attenzione alle numerose rimostranze in riferimento ai lavori in corso per il “restyling” di Piazza Municipio e Piazza Parrocchia. In generale ho avvertito in giro un malessere diffuso in merito alla pessima qualità nell’esecuzione dei lavori, alla inopportunità del rifacimento, fino a dibattere, a furor di popolo, sui variegati aspetti tecnici del progetto.

Ebbene, ascoltando e leggendo qua e là, tendendo l’orecchio in maniera furtiva e sbirciando su periodici dell’intera provincia, mi è sembrato di cogliere un filo conduttore in tutte le disquisizioni in merito all’ “oggetto” in questione.
Premetto che, allorquando ho deciso di intraprendere nuovamente la mia rubrica sul Corriere di San Nicola, ho posto dei capisaldi proponendomi, come mio solito, di osservare con occhio critico alcuni argomenti di interesse della cittadinanza. Occhio critico, dal mio punto di vista (...scusate il gioco di parole), è sinonimo di indipendenza, di estraneità ai giochi di palazzo, di sana ed educata schiettezza espressiva.

Partiamo dall’incipit. Il lavoro di rifacimento di Piazza Parrocchia e Piazza Municipio, affidato a valle di una analisi critica delle competenze, è stato commissionato all’architetto Fulvio di Geronimo.
Un architetto, da buon progettista, prima di dar principio ad una sua opera, deve aver fissato le condizioni di contorno, ossia le specifiche tecniche determinate in concomitanza col Comune, entro cui districarsi con libertà di inventiva e preparazione tecnica per partorire una proposta da sottoporre al vaglio dell’organo preposto a tale funzione.
In merito, il progettista ha avuto commissionato dal comune il rifacimento del centro storico del paese, da adibire, leggete bene, a percorso pedonale. 

Non so se è chiaro: in sede di conferimento del lavoro la nuova piazza di San Nicola la Strada doveva, e dovrebbe essere, come qualsiasi centro storico che si rispetti, adibita a percorso pedonale per gran parte della giornata con divieto assoluto di circolazione per gli automezzi pesanti e possibilità di circolare liberamente soltanto ai possessori di regolare permesso ed ai mezzi di pubblica sicurezza. Partendo da questa premessa, vorrei esprimere alcune opinioni strettamente personali in merito al vociferare sui lavori.

Primo. In relazione alla opportunità o meno di effettuare i lavori.
Ebbene, tra i tanti sperperi dalla cassa comunale perpetrati in questi anni mi sembrano quantomeno ben spesi alcuni soldini per rinnovare le due piazze, soprattutto tenendo conto dell’esproprio di due proprietà da adibire a spazio pubblico e, dunque, della possibilità di ampliare e valorizzare uno dei principali luoghi di incontro dell’intera cittadinanza.

Secondo. In merito alla scelta dei sampietrini, vorrei tornare alla mia premessa.
Il progetto era nato come “rifacimento della piazza a modalità d’utilizzo percorso pedonale” e, sotto queste condizioni, fortunatamente il progettista ha avuto il buon gusto di scegliere una pavimentazione di rilevanza storica. La scelta, dunque, è stata coerente con le esigenze tecniche ma mi chiedo tra me e me: come mai, con i lavori ancora in corso, c’è un viavai di autoveicoli e mezzi pesanti a tutte le ore del giorno sull’ideale percorso pedonale? Questo ideale percorso pedonale era stato pianificato a livello comunale prevedendo opportune strade alternative da adibire al traffico veicolare per non congestionare la circolazione? ...Scusatemi, sono “solo” un uomo del popolo, spero e sarei felice di sbagliarmi. Mi aspetto che qualche attento lettore sappia fornire una desiderata risposta ai miei dubbi amletici...

Terzo. Un colpo al cerchio ed uno alla botte.
Sono evidentemente presenti alcuni avvallamenti sul manto stradale, con un conseguente disagio del “pedone ideale” che dovrebbe transitare in piazza. Permettetemi di porre un’altra interrogativa: “la ditta esecutrice dei lavori, che ha vinto la regolare asta al ribasso per ottenere l’assegnazione dell’incarico, non è che è andata un po’ troppo al ribasso sacrificando, di conseguenza, la qualità dei materiali e la  manodopera specializzata atta ad operare la delicata posa in opera dei favolosi sampietrini?”. Infatti, sempre dal mio punto di vista, il transito dei veicoli è solo parzialmente responsabile di tali avvallamenti sul manto appena eseguito e sono da imputare, invece, alla approssimativa esecuzione dei lavori e, ahimè, anche all’occhio un po’ distratto del direttore dei lavori che dovrebbe, tuttavia, rimediare all’inconveniente.

Quarto ed ultimo punto. In relazione alla mancanza di marciapiedi.
Osservando il progetto mi è parso di notare che l’idea dei fondo del disegnatore era quella di ricreare un percorso ideale tra le macrostrutture valorizzate dal progetto e ciò cozzava con la presenza di marciapiedi. Ciò, d'altronde, non inficia l’utilizzabilità delle due piazze, infatti, permettetemi, che esigenza c’era di marciapiedi ad ambo i lati della strada per un’area che era destinata a percorso pedonale? Consentitemi di portare ad esempio una delle principali e più rinomate arterie del centro storico di Caserta, via Mazzini. Da buon percorso pedonale è provvista per caso di marciapiedi su “almeno” un lato della sede?

Gentili lettori, il mio era solo uno sfogo per cercare di porre un pizzico di soggettiva trasparenza ad uno degli argomenti maggiormente dibattuti nell’ultimo periodo, lontano da strumentalizzazioni e prese di posizione dettate da interessi personali che, in queste circostanze, si rincorrono e scalciano tra loro.

Sapete, l’essenza incantevole dell’onestà disinteressata è che si possono anche prendere abbagli in alcune valutazioni...ma non si fa a cazzotti con la propria coscienza qualora qualcuno abbia argomentazioni per fartelo notare !!!




Domenico (Mimmo) Tranquillo, 28 anni, sannicolese "doc"; laureato in Ingegneria Aerospaziale, lavora come ricercatore presso una importante multinazionale. Socio fondatore ed ex presidente dell' ACTIA (Associazione Culturale e Tecnica di Ingegneri ed Architetti), ama impegnarsi anche nel campo delle attività socio-culturali con un occhio sempre attento alle problematiche della sua città. Per il Corriere è un gradito ritorno, dopo il brillante esordio del 1996, all'età di appena diciassette anni, quando fondò questa rubrica che oggi, con rinnovato entusiasmo, ha deciso di riprendere.

Leggi tutti gli altri "Fatti & Disfatti"...



LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
SETTEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori

 

Copyright © Corriere di San Nicola 2005-2019. Tutti i diritti sono riservati.

PRIVACY POLICY