Stabilità diffusa. Diminuiscono i ricoveri in terapia intensiva

I dati aggiornati dell’emergenza Covid nella conferenza stampa del 29 marzo.
Aumentano i dati della Campania, che è tra le regioni che hanno maggiormente risposto alla chiamata per il reclutamento di infermieri nelle zone critiche.

Il capo della protezione civile Borrelli con il Prof. Luca Richeldi del Comitato tecnico scientifico (Cts) ha tenuto la conferenza stampa di domenica 29 marzo sull’emergenza coronavirus.

In trend stabile quasi tutti i dati forniti, ma è positivo, sperando che resista, il numero dei ricoveri in terapia intensiva: +50, il più basso dall’inizio del lockdown, che porta il totale complessivo a 3.906.

I nuovi casi positivi sono 3.815 (totale 73.880), i deceduti +756 (totale 10.779), i guariti +646 (totale 13.030).

I casi totali di coronavirus in Italia sono saliti a 97.689.

In Campania altri 167 casi, di cui 11 nel casertano.
Il totale regionale è di 1.759 (197 in Terra di Lavoro).
La Campania, ha detto Borrelli, cosa che ci fa certamente onore, è tra le regioni che hanno maggiormente risposto alla recente call per il reclutamento di infermieri da destinare alle zone più critiche dell’epidemia.

Tra le risposte che Richeldi ha fornito ai giornalisti, quella riguardante la “impreparazione inevitabile iniziale di fronte all’epidemia”. “I primi dati molecolari -ha affermato- ci dicono che il coronavirus covid19 circolasse in Italia già nei primi giorni di gennaio”.
Non è colpa di nessuno -ha detto- ed è inutile recriminare. Ci siamo trovati di fronte a una situazione senza precedenti, ad un virus sconosciuto fino a 3 mesi fa".

©Corriere di San Nicola