“NASSIRIYA, NEANCHE L’OMBRA DI UNA MEDAGLIA”

A pochi giorni dal Monumento di Via Milano, le amare osservazioni di un nostro lettore...

 



L’11 maggio sarà inaugurato, in Via Milano, il Monumento ai Caduti di Nassiriya, opera fortemente voluta da tutte le forze sociali sannicolesi.

La notizia, risalente al mese scorso, aveva dato lo spunto al segretario dei CI di San Nicola, Salvatore Motta, per alcune osservazioni (“Onore a tutti i Caduti”) che pubblicammo nella nostra rubrica La Posta dei Lettori.

Ci giunge, ora, un altro contributo molto interessante da parte di un nostro lettore, che, parimenti, riteniamo doveroso pubblicare.


«Per quanto riguarda i caduti di Nassiriya, il segretario Motta richiama l'attenzione su i caduti che non verrebbero ricordati, come ad esempio Quattrocchi, ucciso come tutti sappiamo. Il segretario dei Comunisti Italiani ci ricorda che il presidente Ciampi è stato l'unico a riconoscere il suo "martirio", decorandolo con una medaglia.
Ecco, a questo proposito ci terrei a far notare, a tutti, come al segretario Motta, che c'è una grossa incongruenza proprio tra il "martirio" di Quattrocchi e quello dei caduti di Nassiriya.
Nessuno dei morti di Nassiriya è stato mai decorato con una medaglia, questo perché in quel caso si sarebbe trattato di una medaglia al valore militare, il chè avrebbe significato il riconoscimento della partecipazione del nostro esercito e quindi del nostro Paese ad una guerra. Quindi s'è preferito far finta di niente.
Quattrocchi, anche se fa male dire e leggere certe cose riferite ad una persona morta ammazzata, non passava di li per caso, come dice Motta. Chiunque si trovi in Iraq non vi si trova per caso. Certo faceva il suo lavoro, ovvero la guardia armata per non si sa ancora quale compagnia o persona.
Ecco, in Italia siamo abituati a piangere i morti e a ricordarli per il loro valore, reale o presunto, ma raramente ci preoccupiamo di altre questioni, come ad esempio capire perché Quattrocchi e gli altri tre italiani si trovassero lì, e soprattutto al soldo di chi, e perché, cose che ancora non si sanno..
In conclusione, ai nostri soldati e ai nostri carabinieri, non è stato riconosciuto nulla. Neanche l'ombra di una medaglia.»

(@mail firmata)