Le curve, incoraggianti, dell’Asl Caserta

407 i casi di Covid registrati in Terra di Lavoro.
Il dato più alto a Santa Maria C.V.
Solo sei i contagi a San Nicola la Strada, tra i comuni meno colpiti.

La tendenza è decisamente molto incoraggiante. La crescita è, fortunatamente, su basi percentuali quasi impercettibili.

In provincia di Caserta, secondo gli ultimi dati disponibili nel momento in cui pubblichiamo (al 24/4/2020, ore 12), sono 407 i casi totali di Covid registrati dall’inizio dell’epidemia.
Gli attualmente positivi sono 166, i guariti sono 200, i deceduti 41.
In quarantena ci sono ora 241 persone, 2.712 sono in autoisolamento.
I tamponi sinora effettuati sono 7.739.

Il numero maggiore dei casi si è verificato a Santa Maria Capua Vetere, con 32 contagi. A seguire, Aversa 30, Marcianise 25, Caserta 23, Maddaloni 15, Castelvolturno 13, Orta di Atella 12, Mondragone 11.

Solo sei i casi sinora registrati a San Nicola la Strada, tra i comuni meno colpiti: 4 sono attualmente positivi, una persona è deceduta, un’altra guarita.

Il rapporto dell’ASL annuncia per San Nicola la Strada un nuovo caso di positività al Covid-19, -ha scritto ieri il sindaco Vito Marotta- un familiare che convive con un soggetto asintomatico già individuato. Se però guardiamo da vicino i dati, troviamo una situazione abbastanza soddisfacente.
Fra le cinque persone colpite da Covid-19 si registrano un decesso, una guarigione completa, un ammalato in via di miglioramento e due casi asintomatici. Ma il dato più interessante riguarda i familiari conviventi: ben otto di loro sono risultati negativi al tampone faringeo, che in un caso è già stato ripetuto due volte, e soltanto un familiare è risultato positivo. Per altri due, le analisi sono ancora in corso.
Questi dati dimostrano che con una diagnosi tempestiva e una rigorosa applicazione delle procedure di sicurezza è possibile minimizzare il contagio anche nelle difficili condizioni della convivenza familiare, persino in presenza di bambini. E, se ce ne fosse ancora bisogno, dimostrano che con un comportamento responsabile e il rispetto delle regole si può vincere contro la pandemia”.

Nicola Ciaramella
©Corriere di San Nicola