Il carissimo Giorgio va in pensione

Icona di bontà e di dedizione al servizio, Giorgio Pipola è stato sagrestano di Santa Maria degli Angeli per 46 anni.
Andrà a vivere in Calabria presso suoi familiari.


 Andrà in riposo a fine ottobre, ma la festa è stata celebrata in occasione del suo 63.mo compleanno.
Un bagno di gioia e di amicizia per il longevo sagrestano di Santa Maria degli Angeli, fortemente voluto dall’Associazione N.S. di Lourdes presieduta da Nicola Fiorito, magnificamente organizzato, lunedi 21 settembre, nel cortile di Via Appia 133, con tutti i soci in unione con il parroco Don Franco Catrame e i diaconi Don Michele Tagliafierro e Don Raffaele Santamaria.
Giorgio Pipola, icona di umiltà, di bontà e di dedizione al servizio che ha prestato per quasi mezzo secolo alla più grande istituzione religiosa della nostra città. Cominciò a frequentare la chiesa sin da ragazzo, dai tempi di Don Domenico D’Andrea parroco, divenendone sagrestano nel 1974, quando il parroco era Don Antonio Pasquariello e proseguendo il suo lavoro con naturale disponibilità al fianco di Don Pasquale Lunato, Don Marco Fois e Don Francesco Catrame.
Andrà a vivere e a godersi la meritatissima pensione in Calabria presso suoi familiari.
A Giorgio Pipola tutti (non solo la comunità parrocchiale) devono dire grazie per la sua generosità, per la sua disponibilità. San Nicola la Strada la porterà sempre nel cuore, con lo stesso affetto che ha caratterizzato questi lunghi anni qui vissuti nel segno dell’amore e del più reale sentimento di amicizia.
Il momento più commovente della gioiosa e divertente festa in suo onore è stato la consegna di una targa ricordo offertagli dall’Associazione.
“AL CARISSIMO GIORGIO PIPOLA” -vi è scritto- “CHE HA SVOLTO CON AMORE, DEDIZIONE E SEMPLICITÀ PER MOLTISSIMI ANNI IL LAVORO DI SACRESTANO PRESSO LA PARROCCHIA SANTA MARIA DEGLI ANGELI. TI VOGLIAMO BENE E TI AUGURIAMO UNA BUONA E LUNGA PENSIONE. CON AFFETTO IL PRESIDENTE NICOLA FIORITO E I SOCI TUTTI”. 

A Giorgio Pipola, sempre pronto e disponibile in tutti i momenti in cui c’è stato bisogno della sua opera e della sua presenza in favore della comunità parrocchiale (mai dimenticheremo la sua collaborazione durante le Messe in diretta irradiate dal Corriere di San Nicola in periodo di lockdown), giunga anche il mio personale grazie.

Nicola Ciaramella
©Corriere di San Nicola
RIPRODUZIONE RISERVATA