DOPPIA IDENTITA' -parte seconda-

«Le labbra dischiuse, la schiena inarcata, riconosceva i sintomi, era già fritta.»

-Racconto di Gerardina Rainone- 


SECONDA PARTE

Luca si scusò e disse che non aveva avuto il tempo di spiegare, ma Laura voleva solo andarsene da quella casa e cercò le chiavi dell'auto che non saltarono fuori.
Le chiesero se volesse sporgere ancora denuncia per l'accaduto ma lei fece cenno di no, aveva compreso che si poteva fraintendere la faccenda e voleva solo tornare alla sua vita.
Nei giorni che seguirono Laura sentì spesso al telefono Marco. La invitò a cena per raccontarle del fratello e lei sembrava interessata al bel commissario. Luca aveva avuto un forte esaurimento in seguito alla fine di una storia con una ragazza e da allora non era più lo stesso, tanto che anche sul lavoro non rendeva e l'avevano messo a riposo forzato. Marco giurava che il fratello non era pericoloso, era solo ossessionato dalle ragazze brune con gli occhi verdi, un po' il suo tipo insomma. Così dicendo le aveva piantato gli occhi nei suoi con una intensità che non lasciava dubbi e alla quale lei non si era sottratta. Le labbra dischiuse, la schiena inarcata, riconosceva i sintomi, era già fritta.
L'appuntamento successivo fu a casa di Marco, lui ormai era importante e lei era rimasta affascinata dal primo bacio rubato quella sera. Mancava ancora un po' all'incontro e Laura si preparava con cura. Proprio non si aspettava quella telefonata di Luca che, peraltro, aveva scambiato per Marco. Lui non le permise di mettere giù, la scongiurò di non andare all'appuntamento, perché Marco non era quello che credeva, ma lei sospettò un moto di gelosia. Stava per chiudere quando lui le consigliò di cercare qualcosa a lei familiare nel suo borsello. Arrivò turbata a casa di Marco, ma quello che vide la lasciò sgomenta: alle pareti erano appese foto di una sola ragazza, buffo perché sembrava lei. Ma come poteva avere le foto dei momenti più vari della sua vita? Marco le chiese se andasse tutto bene, ma la testa le girava, cercò di sedersi. Lui andò in cucina a prendere dell'acqua e lei si gettò sul borsello. Vi trovò le chiavi della sua auto e stava per scappare quando si aprì la porta di casa, era Marco! Tutto cominciò a roteare, sentiva le voci in lontananza, poi una luce forte la riportò alla realtà. Era in camera da letto e brandiva la lampada del comò, quell'uomo la voleva toccare e la chiamava con dolcezza. Lentamente si arrese e si appoggiò alla sua spalla.
”Non è nulla, disse lui, tra poco starai meglio.”
Chiamò qualcuno al telefono:” Dottore, sono il Commissario, mia moglie ha avuto un'altra crisi”. 

(SECONDA E ULTIMA PARTE) 

Leggi parte prima: 
https://www.corrieredisannicola.it/varie/notizie/varie/doppia-identita-parte-prima

-Dipinti del pittore romano Salvo Vitiello

 

Gerardina Rainone nasce a Salerno. Diplomata in Violino e Viola, ha sviluppato un percorso che l'ha portata ad eseguire repertori poco frequentati ma interessantissimi, quali il duo violino-chitarra, il duo violino-violino e violino-viola, il trio e il quartetto d’archi e il quartetto barocco (due violini e basso continuo).
È attualmente docente della cattedra di Violino presso la Scuola Media ad Indirizzo Musicale di Caserta.
E’ artista poliedrica, spaziando dalla musica alla letteratura ed ora anche al giornalismo. La sua passione per la poesia nasce in età adolescenziale ma è solo negli ultimi anni che la incanala in brevi ma intensi componimenti.
Ha pubblicato a novembre 2016 il suo primo libro di poesie per Monetti Editore dal titolo “Il Pentagramma delle parole”. La pubblicazione più recente risale al 2019 con la silloge "Frammenti" per la Paradigma Nouu.
E' anche eccellente narratrice, dallo stile molto originale e fuori dagli schemi, premiata in vari concorsi letterari. La sua arte si percepisce come i clic di una macchina fotografica alla ricerca spasmodica degli attimi da raccontare, senza fronzoli formali e con tutta l'essenza concreta del loro snodarsi.
Collabora con il Corriere di San Nicola, dove conduce le rubriche “Ecologia e salute” e "Musiche originali del Duo Rainone/Chiacchio", e si occupa prevalentemente di problematiche ambientali con un occhio, molto particolare, anche alla scuola.

©Corriere di San Nicola