MA ORA , PER FAVORE, NON ANDIAMO TUTTI VIA...


Cresce lo sconforto per la vittoria dell’ “ecomostro”... Ma ora non facciamo l’errore di abbandonare la città nelle mani degli sciacalli...

«Onore a Roano che si autosospende dal partito, e fa bene. Purtroppo può sospendersi solo da questo, ma sono sicuro che il buon Antonio si sarebbe dimesso anche da eventuali altre cariche che, però, quelli come lui difficilmente potrebbero mai rivestire...
Comunque, non è il caso di illudersi (anche se il Corriere di San Nicola lo fa con la solita intelligente arguzia di Nicola Ciaramella) che i “responsabili” del disastro seguano il suo esempio...
Se lo facessero si scioglierebbe l’intero consiglio provinciale e qualche consiglio comunale...
Sono in piena sintonia anche con quanto dice Salvatore Motta, specialmente quando afferma che sarà costretto ad andare via da questa città. Io non sono sannicolese “doc”, ma vivo qui da 22 anni e ci sto pensando seriamente ad andare via; quando vi sono arrivato si era in piena lotta contro le discariche esistenti, oggi ci risiamo, la differenza è che queste discariche sono state aperte dalle istituzioni e non chiuderanno in breve tempo, al contrario di quello che i ns. governanti vanno ripetendo.
Ho seguito su RAI 3 padre Alex Zanotelli che esprimeva in modo chiaro il dramma rifiuti nelle nostre zone, cioè un problema creato dalla commistione camorra e parti delle istituzioni corrotte e/o incapaci che nei 14 anni di stato di emergenza rifiuti hanno speso 2.000 miliardi di euro per poi dirci con lo “scienziato” Bertolaso che l’emergenza si supera con la riapertura delle discariche già dichiarate illegittime dal decreto Ronchi...(vedasi Lo Uttaro, dichiarata nel 2005 dalla regione Campania, a seguito di un costosissimo studio-dossier, altamente inquinata e suscettibile di sola bonifica...).
Padre Alex insieme a Don Oreste, l’ex Sindaco Tiscione, il segretario provinciale di RC Bove e tant’altra gente perbene erano, la notte dello sgombero, tra coloro che il sindaco Petteruti ha chiamato “quattro gatti”...
...Chissà come in questi mesi, chissà per quali interessi personali o ...vocazione sovversiva, insieme allo “sprovveduto e strumentalizzato” Vescovo Nogaro, costoro si battono per affermare la legalità in queste zone dove tale parola sta per scomparire dai vocabolari...
Il nostro Comitato è nato per non consentire la realizzazione della discarica in località Lo Uttaro (perché non lo consente la legge, perché non lo consente la decenza... perché... perché...) e non contro il protocollo d’intesa che qualche sprovveduto esponente politico di sinistra aveva probabilmente letto (forse senza neanche capirlo) solo qualche giorno dopo che il presidente De Franciscis lo aveva firmato insieme a Petteruti e Bertolaso...
Questo la dice lunga sulla subalternità di tali forze politiche all’interno dell’Amministrazione provinciale...
Ha ragione chi dice che bisogna lottare dall’interno, ma il problema è che tali forze politiche all’interno non ci sono mai state o, se ci sono, non si capisce a fare cosa.
Sarebbe molto più efficace che le forze politiche di governo contrarie alla individuazione del sito esprimessero tale dissenso in seno ai vari Consigli Comunali e/o Prov.li insieme a sollecitare la redazione di quegli strumenti necessari per la creazione di un vero e proprio ciclo dei rifiuti, la sola cosa possibile che in tempi brevi  possa farci uscire dall’emergenza, che ha senza dubbio bisogno di discariche in questa fase ma che siano realizzate laddove possibili per legge e per impatto ambientale/sanitario.
Questo è quello che le forze politiche sane e concrete debbono fare per aiutare i comitati cittadini e non venire a fare vetrina per mascherare i propri fallimenti politici e/o l’indegna subalternità dimostrata soprattutto dalle parole del Sindaco Petteruti, che ha così tanta considerazione e riconoscimento verso RC che dimentica, quando parla dei “4 gatti” che presidiavano la discarica, che tra questi vi era anche il segretario prov.le di questo partito che, anni or sono, aveva ben più alta dignità e qualche poltrona in meno...
Da quando è stato siglato il protocollo d’intesa niente è stato fatto al di là di aprire la discarica che, purtroppo, e lo dicono anche nel protocollo, è suscettibile di futuri ampliamenti....e stiamo certi che almeno questo che hanno scritto lo rispetteranno!
Sì, perché è l’unica cosa che sapranno fare, continuare con l’illegalità, anzi imporla con la forza. Tra un mese la discarica di Villaricca chiuderà definitivamente; dove può pensarsi che indirizzeranno l’immondizia? Sulla discarica che hanno aperto non ci sono i controlli dell’ARPAC, per sua ammissione, non c’è niente che possa rassicurare noi cittadini. Cosa dobbiamo fare? Continuare a parlare con la gente? Far capire le scellerate scelte che stanno facendo a danno della collettività e a vantaggio dei soli interessi politici (e non solo) di costoro che con inganno ancora una volta hanno carpito la loro buona fede? Se non facciamo sentire la nostra voce, se non ci opponiamo alle scellerate scelte di questi giorni, andremo incontro a un disastro ambientale e sanitario senza precedenti.
Propongano le forze politiche sane nei luoghi preposti, e non solo nelle assemblee pubbliche, quelle che sono le soluzioni per uscire dall’emergenza, presidiando, affinché vengano attuate tali proposte, oltre che le discariche anche le aule consiliari e vigilando su coloro che siedono in queste piuttosto che sulla gente perbene che partecipa ai comitati».

Giuseppe Nuzzo


....

Lei e Motta, carissimo ing. Nuzzo, siete stati, siete e sarete indispensabili alla “causa” sannicolese. Siete persone perbene. Non andate via da San Nicola, per favore! Non fate l’errore di lasciare la “vostra” città nelle mani degli sciacalli. Partecipate alla politica, quella sana che solo gente come voi sa fare, non statevene in disparte. Proponetevi agli elettori e fatevi votare. Bisogna scalzare dal trono gli scienziati, i reucci, i finti pettirossi e roba varia del genere. Loro fanno male alla collettività. Voi potreste solo far bene. Non ve ne andate, per favore!

nc