ALLARME BOTTI-IMMONDIZIA: “C’E’ RISCHIO DI ROGHI!”


Lodevoli appelli lanciati da Ciro De Maio e Don Pasquale Lunato per scongiurare incendi di fine anno...


I volontari del Nucleo Comunale della protezione civile ed il parroco di S.Maria degli Angeli scendono in campo contro i botti di fine anno lanciando un importante appello ai cittadini. “Con le tonnellate di spazzatura presenti in strada” – ha affermato don Pasquale Lunato – “c’è il serio e concreto rischio che si possano sviluppare incendi e propagare sostanze nocive per la salute, come la diossina”. I volontari della protezione civile, coordinati dal “supermanager” Ciro De Maio, soprannominati dai cittadini gli “Angeli della notte”, annunciano che, “dopo lo sparo dei fuochi saremo in strada a raccogliere botti e bengala inesplosi, come negli ultimi cinque anni, per far sì che i nostri ragazzi non corrano rischi gravi raccogliendo materiale inesploso”.

Nel ricordare che è proprio grazie a questo manipolo di valorosi volontari al servizio (gratuito) dei cittadini che i feriti del Capodanno sono notevolmente diminuiti negli ultimi anni, il parroco don Pasquale Lunato spiega che il 30 e 31 dicembre, durante la messa, inviterà i fedeli “a non spendere soldi inutilmente per i fuochi che potrebbero rappresentare una miccia pericolosa per le tonnellate di rifiuti che giacciono da tempo nelle strade e piazze cittadine. Anche un piccolo fuoco” – ha aggiunto don Pasquale – “potrebbe creare danni enormi e sprigionare nell'aria sostanze tossiche per la salute”.
“Durante la notte” - dice Ciro De Maio – “raccoglieremo i botti inesplosi per evitare che lo possano fare i bambini la mattina successiva. Spesso in passato, giocando con questi, molti ragazzini sono finiti in ospedale con gravi ferite”.

Appello finale: non sparate o, quanto meno, fatelo lontano dall'immondizia che potrebbe prendere fuoco”.

nunziodepinto

(nella foto, mani di volontari che raccolgono botti inesplosi)