INCRESCIOSA DISTRAZIONE DELL'UFFICIO STAMPA COMUNALE...

Nel resoconto sul convegno anti-camorra "dimenticata" una presenza eccellente...



Dal comunicato dell’Ufficio Stampa del Comune n. 192 del 19 luglio 2008: «Si è svolta mercoledì 16 luglio nel Cortile Borbonico del Real Sito “Madonna delle Grazie” di San Nicola la Strada, nell’ambito della rassegna “Autori di Carta”, incontri con scrittori, organizzata dalla Amministrazione Comunale di San Nicola la Strada, in collaborazione con Uthopìa–Librerie Capua, la presentazione del libro “Questa Corte condanna - Spartacus, il processo al clan dei Casalesi”, volume edito da “L’Ancora del Mediterraneo” e curato da Maurizio Braucci e Marcello Anselmo. Ad illustrare al pubblico i contenuti di quello che è stato uno dei processi più importanti degli ultimi anni della storia d’Italia, andato in scena presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è stato il magistrato Raffaello Magi, estensore della cosiddetta sentenza “Spartacus” di primo grado. La presentazione è stata introdotta da un apprezzato e seguitissimo intervento del dottor Corrado Lembo, Procuratore Capo presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che ha posto l’accento sull’azione incessante delle  istituzioni contro la camorra. All’incontro erano presenti oltre al magistrato Lello Magi,  l’Amministratore delegato del Consorzio “AgrorinasceGianni Allucci, che gestisce i beni confiscati alla camorra. A fare gli onori di casa il sindaco Angelo Pascariello e l’assessore alla Cultura Lorenzo Magnifico. Da sottolineare la presenza del giornalista Franco Tontoli che, unitamente al numeroso pubblico presente, tra cui una rappresentanza del Forum Giovanile, ha posto interessanti domande su un tema di grande attualità, quale quella della camorra, non solo in provincia di Caserta».

Tra le tante meticolosamente enumerate ci si è dimenticato di ricordare la presenza, qualificante e significativa, del valoroso Luogotente Pio Francesco MARINO (nella foto), Comandante della Caserma dei Carabinieri di San Nicola la Strada-San Marco Evangelista, che è stato per anni punto di riferimento della “Sezione omicidi e criminalità organizzata” del Nucleo Operativo del Comando Provinciale di Caserta, oltre che, per un altro luminoso periodo di una brillantissima carriera, in servizio alla Stazione Carabinieri di San Cipriano d’Aversa, uno dei comuni più interessati al fenomeno camorristico, dove ha iniziato a maturare la sua profonda esperienza nel campo della lotta alla criminalità organizzata. MARINO, inoltre, ha lavorato al Nucleo Anticrimine di Napoli e alla Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dove ha approfondito “sul campo” la sua arte investigativa; è poi stato richiamato per altri sei anni al Nucleo Operativo del Comando Provinciale di Caserta, dove per l’eccezionale abnegazione e totale dedizione alla lotta alla camorra ha ottenuto encomi ufficiali dai Generali di Corpo d’Armata Sabato Palazzo e Massimo Cetola.
Insomma, fra tante citazioni, certamente importanti, nessun cenno alla importantissima presenza al convegno di un grande esperto della lotta alla criminalità organizzata, grande professionista e profondo conoscitore della realtà camorristica di Terra di Lavoro, che rappresenta una garanzia irrinunciabile per la sicurezza delle numerose popolazioni residenti nel comprensorio ad alto rischio di San Nicola-San Marco.
Nulla di grave, per carità. Un semplice ed involontario “incidente”, ci mancherebbe. Capita a tutti di distrarsi. L’importante, però, è che adesso dall'Ufficio Stampa giungano le scuse al Comandante e si presti una maggiore attenzione ai dispacci che escono da piazza Municipio.

nc