Lo stalking non ha sesso

Promosso dall’ UNDA (Unione Nazionale Donne Avvocato), si terrà, giovedi 23 aprile presso il Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere, un convegno sul tema “Gli uomini vittime delle donne”

È giunta l'ora di sfatare un luogo comune: lo stalking non è una violenza di genere! Colpisce sia uomini che donne. Secondo l'Istat, ogni quattro casi, e la tendenza è in crescita, uno riguarda una molestia ascrivibile a un’ex compagna, a un’ex moglie o perfino alla propria datrice di lavoro. Sul tema, con il patrocinio del Comune e dell'Ordine degli avvocati, la sezione di Santa Maria Capua Vetere dell'Unione nazionale donne avvocato, l'Unda, ha promosso un pomeriggio di studi, dal titolo "Gli uomini vittime delle donne", atteso per il 23 aprile, dalle 15, nel suggestivo Salone degli specchi del Teatro Garibaldi.

Il programma prevede i saluti di Biagio Di Muro, sindaco della città, di Alessandro Diana, presidente del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Santa Maria Capua Vetere, di Gabriella Maria Casella, presidente della Sezione Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, e di Maria Rosaria Cosentino, presidente del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Poi, moderati da Francesca Nardi, direttore di Tv Luna Caserta, ne discuteranno Giuseppe Garofalo, avvocato e scrittore, Rosa Marroncelli, avvocato, Camillo Irace, avvocato e professore, Cristina Pizzi, psicologa giuridica, Antonio Passaretta, specialista in ostetricia e ginecologia, Angela Del Vecchio, avvocato, Giuseppe Stellato, avvocato, Teresa Di Monaco, avvocato e vicepresidente di Unda Santa Maria Capua Vetere, Sabrina Iadarola, giornalista ed esperta di comunicazione, e Giacomo Rotoli, presidente dell'Adiantum (Associazione di aderenti nazionali per la tutela dei minori). Concluderà, Roberta Raimondo, avvocato e presidente nazionale dell'Unda.

Introdurrà i lavori Antonietta Montano, avvocato e presidente di Unda Santa Maria Capua Vetere.

«ll concetto di “violenza di genere" - spiega la Montano (nella foto, con accanto il logo dell'associazione) - è troppo spesso tradotto dai mass media e dall’opinione pubblica come violenza dell'uomo sulla donna. Non è sempre così! Tra l'altro, studi recenti e autorevoli fanno emergere aspetti finora trascurati: sono ancora pochi gli uomini che ammettono di essere vittime o, comunque, di subire minacce o molestie da parte di una donna. Ancora meno quelli che si rivolgono alle forze dell’ordine; pochissimi coloro che si dichiarano spaventati e preoccupati per la propria incolumità. Il 23 aprile proveremo a puntare i riflettori sull'altra metà della violenza. Continuare a far finta di niente rappresenterebbe la vera discriminazione di genere».

Per l'evento al Teatro Garibaldi l'Unda ha richiesto i crediti formativi all'Ordine degli avvocati di Santa Maria Capua Vetere.


COMUNICATO STAMPA
(da arianna comunicazione, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)