Ponteselice, si riunisce il fronte del No

Lunedi 25 giugno al Teatro Don Bosco di Caserta incontro promosso da “Speranza per Caserta” per ribadire la protesta contro il biodigestore che il sindaco del capoluogo vuole realizzare a pochi decimetri da quattro comuni confinanti. Variato il precedente programma: non ci sarà De Magistris.


Il fronte del No all'impianto si riunisce per spiegare alla cittadinanza i motivi della protesta contro il mostro da 40mila tonnellate che l'amministrazione comunale di Caserta vuole realizzare ad 800 metri dalla Reggia di Caserta e in MANCANZA dei requisiti previsti dalle leggi in materia di prevenzione della salute dei cittadini. NON MANCATE!!”: è questo l’invito rivolto dal Movimento “Speranza per Caserta” a partecipare all’incontro/dibattito, che si terrà lunedì 25 giugno alle ore 18 presso il teatro Don Bosco di Via Roma in Caserta, dedicato alla duplice battaglia che il Movimento stesso ed altre associazioni stanno combattendo "contro la realizzazione del digestore alle porte della Reggia di Caserta e contro la proroga per i cavaioli approvata dal Governatore della Campania Vincenzo De Luca".
L’incontro vedrà la partecipazione dell’ex Direttore dell’Arpac/Caserta Nicola Santagata e del sindaco di Casagiove Roberto Corsale (che furono, lo scorso 18 maggio, anche tra i relatori al Convegno promosso dal quotidiano di San Nicola la Strada “Corriere di San Nicola” e dal “Comitato Cittadino San Nicola la Strada Città Partecipata”), nonché dei consiglieri comunali di “Speranza per Caserta” Norma Naim e Francesco Apperti, del professor Sergio Tanzarella e di Michele Miccolo, coordinatore di “Speranza per Caserta”.
Non ci sarà, invece, come inizialmente annunciato, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris.

(Corriere di San Nicola)

Leggi pure:
Biodigestore, il fronte del NO non ha confini