Motta: “visibilità” per i vincitori!


Immediata replica del segretario del Pdci alle voci, pubblicate da un quotidiano del capoluogo, secondo le quali i comunisti chiederebbero sin da ora posti nell’ipotetica giunta di centro-sinistra: “E’ un giornalismo di bassa lega, dove imperano pettegolezzi, articoli falsi, censurati e monchi!”
Ottimista sul successo dell’Unione alle prossime comunali, sottolinea la necessità di assicurare a tutti i partiti della coalizione un giusto riconoscimento nell’eventuale governo.


“La politica, nobile arte della dialettica e del confronto di idee o modi di pensare, non può essere svenduta da un giornalismo di bassa lega, che pone al centro dell’attenzione del lettore esclusivamente il pettegolezzo o inciucio di piazza che si voglia dire”.

Si colora così, di tono indignatissimo, la immediata smentita del segretario del Pdci, Salvatore Motta, ad un articolo pubblicato da un quotidiano casertano, in cui si parla, “in maniera del tutto gratuita e senza alcuna cognizione di causa”, di difficoltà che starebbero creando i comunisti alla coalizione di centro-sinistra in vista delle prossime elezioni comunali.

“Il cittadino si sente offeso -stigmatizza Motta- perché è desideroso di apprendere le reali intenzioni dei partiti o delle coalizioni, vuole conoscere i programmi politici, per poi fare una scelta per il partito o la coalizione che risulti essere sintesi di un programma che più di tutti riesca ad interpretare le sue reali esigenze socio-ambientali e ad individuarne le ricette perché esse vengano soddisfatte. La lettura di articoli falsi, censurati o monchi, lo pone, altresì, in una condizione di estremo disagio, lo confonde e lo distoglie dalle cose reali. Un siffatto giornalismo non garantisce una visione obiettiva delle cose  e non offre un servizio pubblico utile”.

Entrando nel cuore delle “vergognose falsità” affermate da quel giornale, Motta tiene a precisare che non è affatto vero che i Comunisti Italiani chiedono, sin da ora, chiarezza sulla ripartizione dei posti nella ipotetica futura giunta di centro-sinistra.

“Gli elettori e i lettori” -sottolinea con decisione Motta- “devono sapere solo due cose. Primo: nella conferenza stampa dello scorso 4 febbraio il centro-sinistra, per bocca della dr.ssa Lucia Esposito, ha ufficializzato la nascita dell’Unione a San Nicola per le prossime elezioni amministrative, ha dichiarato di aver realizzato un programma di governo, che integrerà durante la campagna elettorale tutte le istanze e le proposte dei cittadini, ha designato un proprio candidato a Sindaco, che, per opportunità politica, si è ritenuto non ufficializzare ancora. Secondo: i Comunisti Italiani di San Nicola hanno posto l’accento sulla necessità di tutti i partiti o liste che contribuiranno alla vittoria dell’Unione e, quindi, alla sconfitta delle liste del reuccio, nei limiti della fattibilità e in virtù della democrazia partecipativa, di avere una visibilità nel futuro governo cittadino. Ciò è stato discusso e proposto in alcune riunioni interpartitiche, ma mai è stata avanzata al candidato a sindaco designato dall’Unione una richiesta di un proprio posto al sole”.