IRC e Protezione Civile “Insieme per salvare una vita”

Domenica nella Villetta delle Grazie nuova manifestazione dimostrativa delle manovre di rianimazione cardiopolmonare.
Per i volontari del nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada, dopo quella di “Io non rischio” della scorsa settimana, un’altra dura, ma gioiosa fatica al servizio dei cittadini.

A distanza di poco più di quattro mesi dalla precedente, che si svolse a giugno alla Rotonda, torna una delle iniziative di maggior richiamo sociale promosse dalla Protezione Civile di San Nicola la Strada.
Parliamo della presentazione dimostrativa delle manovre di rianimazione cardiopolmonare, che sarà oggetto di una apposita manifestazione in programma domenica mattina 20 ottobre presso la Villetta Comunale di Santa Maria delle Grazie.
Insieme per salvare una vita”: questo lo slogan, che è anche un preciso impegno che dovrebbe assumersi ogni cittadino che voglia adoperarsi per strappare alla morte una persona colpita da malore improvviso (arresto cardiaco per ostruzione delle vie aeree o per problemi respiratori).
A far vedere come si fa, ci penseranno i volontari del Centro di Formazione IRC (Italian Resuscitation Council), gruppo Italiano che da venticinque anni persegue lo scopo primario di diffondere la cultura e l’organizzazione della rianimazione cardiopolmonare in Italia), nonché i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile di San Nicola la Strada con il coordinatore Ciro De Maio, tutti abilitati, proprio grazie all’IRC, ed in possesso del brevetto di esecutore BLSD (primo soccorso e uso del defibrillatore).
A patrocinare l’iniziativa il Comune, l’Associazione Param.Ba. (Parametro Bambini) e l’Associazione Culturale e di promozione sociale Oltre.
La campagna “Insieme per salvare una vita”, che è finalizzata ad imparare manovre salvavita come la disostruzione, il massaggio cardiaco e l’uso del defibrillatore, giunge con questa alla sua ultima tappa del corrente ciclo annuale. Essa parte da un progetto europeo, iniziato cinque anni fa, con il quale si è deciso di organizzare, per almeno sette giorni all’anno, eventi divulgativi delle manovre salvavita nelle piazze, nei luoghi di lavoro, nelle palestre, nelle scuole, ecc. Fondamentale è la collaborazione con associazioni di volontariato del territorio, che, come sempre, neanche stavolta mancheranno, come ci ha assicurato Ciro De Maio.
Per i volontari del nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada, dopo quella di “Io non rischio” della scorsa settimana, un’altra dura, ma gioiosa fatica al servizio dei cittadini.

©Corriere di San Nicola
RIPRODUZIONE RISERVATA
 
-nella foto, volontari della Protezione Civile di San Nicola la Strada




Leggi pure:
Per salvare non una, ma tante vite