Devastazione ambientale continua in Via Torricelli...

L’amministrazione spesso la ripulisce, ma ancora più spesso i selvaggi la ...ripristinano a pericolosa discarica a cielo aperto.
Una strada ai margini della civiltà.
Bisogna assolutamente scovare quei delinquenti e metterli in galera!


E’ esagerato parlare di DEVASTAZIONE AMBIENTALE CONTINUA in Via Torricelli?
E’ esagerato dire che i colpevoli bisogna schiaffarli in galera?
Noi, molto ma molto sinceramente, crediamo proprio di no.
Sono anni che sul Corriere di San Nicola ne scriviamo di questo argomento, con rabbia: se si va nella home del giornale e si fa una ricerca (tasto in alto a destra “Ricerca articoli”: https://www.corrieredisannicola.it/cerca articoli?ordering=newest&searchphrase=exact&limit=100&searchword=torricelli), si trovano a decine segnalazioni, servizi e reportage fotografici in cui si denuncia lo stato di degrado nel quale vive (si fa per dire) la strada (perennemente indicata dai cartelli come “dissestata”) di collegamento tra Via Galvani e la zona densamente abitata della Rotonda Ovest.
E sono anni che le amministrazioni comunali, bisogna dire tutte per nulla insensibili alla problematica, provvedono, periodicamente, a ripulire le schifezze che la gente incivile e selvaggia vi deposita.
Purtroppo non basta.
Stamattina siamo stati ai margini della civiltà. Abbiamo scattato alcune foto che vi mostriamo. Immondizia dappertutto e cattivo odore da costringerci a non stare fuori della macchina per più di dieci secondi...
Via Torricelli.
A pochi metri dalla superpopolata Rotonda Ovest. A pochi metri da capannoni industriali. A pochissimi, in linea d’aria, da un agriturismo.
Evangelista Torricelli. Lo sapete chi era, no? Quello che quattro secoli fa inventò il barometro, lo strumento per misurare la pressione atmosferica. Se fosse ancora qui ne inventerebbe un altro, adatto a misurare la ...depressione ambientale.
Via Torricelli. Uno spettacolo deprimente.
Eppure non si contano, come teniamo a ribadire, dagli inizi di questo millennio, gli interventi di Pascariello, Delli Paoli e Marotta per far ripulire la zona dopo i misfatti. Purtroppo, gli incivili sono molto più forti.
E allora bisogna assolutamente scovare con tutti i mezzi quei delinquenti che in Via Torricelli depositano porcherie di ogni tipo (abbiamo visto anche qualcosa forse di molto pericoloso) e assicurarli alla giustizia.
Bisogna metterci telecamere, più telecamere se già ci sono, a destra e manca. Come si sta facendo in altre aree del paese, con buoni risultati.
Bisogna alzare di molto l’attenzione e il controllo. I residenti dicono addirittura che qui vengono a sversare delinquenti anche da altri comuni del vicinato.
All’amministrazione, che finora ha sempre puntualmente risposto al richiamo dei cittadini perbene, oltre che chiedere di intervenire presto facciamo anche questa domanda: ma perché Via Torricelli, strada di collegamento tra Via Galvani e la zona densamente abitata della Rotonda Ovest, continua ad essere indicata da un apposito cartello posto all’inizio come “strada dissestata”?
Ci sarà sicuramente qualche problema che noi, pur informatissimi su tutto, ignoriamo. Speriamo che si riesca in breve a risolverlo per dare dignità ad una strada che solo tale aspira ad essere chiamata. Senza l’aggiunta di brutti aggettivi.

Nicola Ciaramella
©Corriere di San Nicola