Nuovi positivi Covid19: trend in diminuzione per il secondo giorno consecutivo

I dati della conferenza stampa del 23 marzo: anche oggi meno deceduti, ma sono, purtroppo, ancora tantissimi.

Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, e il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, hanno tenuto, alle ore 18 del 23 marzo, la quotidiana conferenza stampa per fare il punto della situazione sull’epidemia da coronavirus.

Per il secondo giorno consecutivo (non era mai successo prima) cala il numero dei nuovi positivi.  
Sono 3.780, che portano il totale a 50.418. Di questi, 3.204 sono i più gravi, e cioè in terapia intensiva, 20.692 ricoverati con sintomi, 26.522 in isolamento domiciliare perché senza sintomi o con sintomi lievi.

In calo anche l’incremento del numero dei deceduti: 601, comunque un numero che resta drammatico. Il totale dei colpiti da coronavirus che non ce l’hanno fatta a superare la malattia sale a 6.077.

I guariti tra ieri e oggi sono 408. Il totale è ora di 7.432.

63.927 è il totale dei casi di coronavirus registrati in Italia dall’inizio dell’epidemia, ovvero dal 30 gennaio.

Il prof. Brusaferro, alla luce di un trend sul quale non si sente ancora di esprimersi, ha ribadito la necessità di invitare tutti a stare in casa, di mantenere il distanziamento sociale e di fare in modo che i positivi isolati o i sospetti non trasmettano il virus: "E' una settimana molto importante -ha detto- per una esatta valutazione delle curve epidemiologiche". 
Ha, inoltre, annunciato l'avvio di una call rivolta a progettisti e programmatori, promossa dai dicasteri della salute e dell'innovazione, che mira a censire tutte le potenziali tecnologie che possano aiutare a supportare quest'emergenza non solo sotto l'aspetto sanitario ma anche sotto quello sociale.  

©Corriere di San Nicola