Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

dalla
PROVINCIA, dalla REGIONE, dall'ITALIA, dal MONDO

Notizie da
OLTRE I CONFINI DI SAN NICOLA LA STRADA



 

 

 

 

 

LUCIDA REALTÁ -parte 2-

Un racconto
di
Gerardina Rainone
-Parte II-

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

Quel sacerdote polacco con la W...


Il Cav. Michele Petrone, ottantacinquenne cittadino di San Nicola la Strada, ci racconta...



Il 19 marzo del 1944 inizia l' odissea dei prigionieri italiani, quelli che dignitosamente avevano rifiutato di collaborare con i tedeschi.
Essi vennero imbarcati per essere avviati al Pireo e poi destinati, quattro mesi dopo, in Polonia; almeno quelli che avevano, a richiesta, documentato di essere infermieri qualificati.
Dovevano essere utilizzati in una specie di campo d' internamento di ufficiali italiani.
I qualificati, tra i quali c' ero anch' io, furono 19.
Dopo aver trascorso un' intera notte di veglia, digiuni pure da qualche giorno, iniziammo il lungo viaggio tra stenti e minacce.
Impiegammo circa quattro mesi, fino a giugno; un giorno il cui  mattino ci destò un inatteso e festoso suono di campane.
Fatti discendere dal mezzo che ci portava, stipati con altri prigionieri, ci accorgemmo che nei pressi vi era una chiesetta. Il portone di questa venne aperto da un individuo che poi venne avvicinato da uno di noi sedici con la speranza che avesse qualcosa per calmare la fame che quasi ci abbrutiva.
L' uomo si rivelò quale sacerdote; forse quello che aveva suonato le campane che ci avevano svegliato, probabilmente a compimento di una locale tradizione religiosa.
Come attratti da qualcosa, in contrasto certamente con le sofferenze, gli stenti e le visioni drammatiche dei nostri viaggi di prigionieri ribelli, entrammo tutti in quel luogo sacro.
Il sacerdote era in abito nero e ci accolse dicendo con gioia commovente ed in un italiano alquanto difficile a comprendersi "peccato, non ho nulla da potervi dare a sollievo della vostra fame, che si legge nei vostri tratti disperati e sconvolti".
Detto questo aggiunse: "Però posso darvi il pane" (costituito da pezzetti di grano scuro) e, riprendendo, "Questo pane appartiene al corpo di Gesù, mangiatene tutti".
Sorpreso dall' italiano e dalle parole sante del sacerdote, nonché da quanto offertoci da masticare (più che mangiare), mi affrettai a chiedere il suo nome e come mai conoscesse la lingua italiana. Mi guardò con un lieve sorriso sulle labbra e senza parlare scrisse su di un foglio qualcosa come un cognome con la “W” e altri appunti che non tutti sapemmo o potemmo riuscire a leggere e che io, adesso, non riesco a ricordare.
Improvvisamente avvertimmo al di fuori della chiesa il vociare secco e sprezzante delle SS tedesche. Entrate in chiesa, queste si rivolsero contro di noi e contro il sacerdote minacciandoci, anche con qualche colpo del calcio del fucile.
In quel momento avvenne qualcosa che noi prigionieri tutti non avremmo più dimenticato e che ricordo perfettamente oggi, ottantacinquenne, a distanza di sessant' anni e oltre. Il sacerdote, rivolto agli ossessionati tedeschi, disse, prima in un masticato italiano e poi in tedesco: "questa non è una caserma, ma la casa di Dio" e poi, sempre in tedesco, pressappoco: "Fra fructe menc scaiser". In italiano, era  "andatevene, puzzolenti!".
Udito ciò, una delle SS puntò il fucile contro il sacerdote per minacciarlo e fargli capire che aveva in pugno la sua vita. Poi, rivolto a noi, ci intimò di uscire dalla chiesa e di risalire sul camion che ci avrebbe portato alla stazione ferroviaria.
Nel viaggio di ritorno in Italia ci accolse la Croce Rossa Internazionale, nel giugno dl 1945, alla stazione Termini di Roma. Ci diedero un cestino di vivande, che non toccammo neppure, dato che eravamo stremati. Ci chiesero se eravamo in possesso di oggetti, dati, documenti o altro che potesse essere utile per dar loro notizie di altri prigionieri italiani, al fine di aggiornare le famiglie che ancora attendevano il ritorno dei loro cari di cui da tempo non avevano notizie. 
Lo facemmo prontamente ed io, in particolare, consegnai loro il foglietto sul quale aveva scritto i suoi dati e altre notizie il sacerdote polacco con la W, oggi Papa Giovanni Paolo Secondo!

(Cav. Michele Petrone, ottantacinquenne cittadino di San Nicola la Strada)

---

Grazie, Cavaliere, per questa bellissima e.mail che ci ha inviato. Un commento sull’ episodio?...Nooooo, sig. Petrone, e chi può permettersi di aggiungere una sola parola a quanto ci ha raccontato? E poi, il Santissimo Padre non ne ha certo bisogno.
Lui agisce con le opere, i pensieri e la sofferenza: quanti, oggi, in questo mondo, ne sono degni?
Ma mi permetta di suscitarLe altri ricordi, egregio lettore. Le pubblico delle foto che la dicono tutta sull’ entusiasmo che Giovanni Paolo II sa trasmettere.
Il 24 maggio 1992, come tutti sanno e serbano nel cuore, il Sommo Pontefice si recò in visita a Caserta, transitando per Viale Carlo III: che bello ricordare tanta gente in trepidante attesa...Un po’ come oggi, mentre Lui è ammalato...Un po’ come sempre!

 

24 maggio 1992: diretto in visita a Caserta, Giovanni Paolo II è atteso dai cittadini sannicolesi su Viale Carlo III

Il Papa accolto nel capoluogo


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori