Fondato e diretto da 

NICOLA CIARAMELLA  
La testata locale più longeva 
della provincia


      

 

                          

                                      

NIKIPEDIA 
"TuttoSanNicola
l' Enciclopedia 
di San Nicola
la Strada 

fondata e diretta 
da
Nicola Ciaramella  

PROSSIMAMENTE ON LINE


VIDEOFOTOTECA 


Documenti filmati e fotografati per la storia e per l'attualità 


-di Biagio Pace- 

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di
LUGLIO 2024

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

VINCENZO SALZILLO, PIANISTA

Tutta la carriera artistica del talento musicale sannicolese
(a cura del ©Corriere di San Nicola)

NAPOLI NEL CUORE


Tutta la storia dell'evento promosso da Alfonso Moccia narrata ed immortalata dal Corriere di San Nicola

LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fiero di averla narrata ed immortalata sin dal primo giorno sulle pagine del Corriere di San Nicola. 
Onorato di essere il giornalista più titolato a parlare di questa grandissima squadra. 
Nicola Ciaramella

STORIA DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fu istituito nel 1990. Le carriere dei sei comandanti che sinora lo hanno guidato.

OGNI CITTADINO PUO' SALVARE UN CITTADINO
Tutti gli articoli del "Corriere di San Nicola" sul progetto
"SAN NICOLA LA STRADA CARDIOPROTETTA"

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

29.ma Festa del Tesseramento dell’Associazione N.S. di Lourdes 

800x600

Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione.Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione. 1

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

TUTTO IL "DISSESTO FINANZIARIO" MOMENTO X MOMENTO 
Come si giunse al giorno più nero della storia amministrativa sannicolese e chi nulla fece per evitarlo 

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

PERCORSO QUARESIMALE CON LA SANTA SINDONE 
I VIDEO dei cinque incontri del programma promosso da Don Antimo Vigliotta e dal Prof. Luciano Lanotte

Tutti i programmi dei candidati a sindaco

Dal “welfare comunale” di Giuseppe Brandi ai “comitati di quartiere” di Felice D’Andrea, dal “bilancio partecipato” di Federico De Matteis al “Green Public Procurement” di Vito Marotta, dalla “Teoria dei rifiuti zero” di Antonio Megaro alla “Wireless gratuita”di Gennaro Mona, dalle “assemblee popolari e rionali” di Francesco Nigro all’ “allargamento di via SS. Cosma e Damiano” di Angelo Pascariello.
E tantissime altre belle idee…

 

PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO GIUSEPPE BRANDI (sostenuto dalla lista “Fratelli d’Italia”)

Dare una nuova prospettiva al futuro del nostro territorio passando dalla gestione dell'emergenza alla politica della rinascita e della prevenzione.

 

Da un ventennio la Città è stata “gestita” da disattente amministrazioni che, anzichè programmare e realizzare lo sviluppo economico e sociale del territorio, si sono rese corresponsabili del suo mortificante dissesto amministrativo e strutturale a causa di evidente incapacità di risolvere le normali problematiche relative alle effettive necessità dei Cittadini e della Città e perché hanno preferito dedicarsi “ all’ apparire e non all’essere e al fare”.

Il nostro partito politico e noi candidati – giovani e non macchiati e mai coinvolti nella cattiva politica - abbiamo l’unico scopo di mettere a disposizione buona volontà, coraggio e le migliori e ferme intenzioni al solo fine di tracciare un percorso di vera efficienza, di rilancio culturale, sociale ed economico e soprattutto di buona amministrazione onde agevolare la sollecita rinascita della Città ed eliminare persino il ricordo del periodo in cui i più che “disattenti” ex amministratori sono riusciti a distruggere quanto di buono ancora esisteva nel territorio comunale e per il quale, alcuni di essi, oggi si ripropongono con protervia ai cittadini per tornare ad amministrare.

Pertanto, dovrà essere, e sarà, il risanamento delle condizioni generali ed urbanistiche della nostra Città, oltre che la sua tutela, il futuro volano per lo sviluppo socio economico durevole del territorio e dei cittadini.

Prioritario sarà affrontare il problema del dissesto economico-amministrativo a cui siamo stati assoggettati e questo comporterà una svolta nella gestione delle politiche del territorio.

Anche alla luce delle attuali gravi condizioni, si solleciterà la rielaborazione e la rivalutazione dei progetti e programmi già approvati o in itinere.

Inoltre, nelle scelte urbanistiche future, bisognerà PERSEGUIRE UNA POLITICA AMBIENTALE SOSTENIBILE e che non punti all’ulteriore consumo di suolo già edificato o di quel poco ancora edificabile e che sia ispirata alla salvaguardia e alla protezione del territorio, alla tutela della sua identità biologica e al recupero dell’esistente.

Dopo il recente aggiornamento statale della mappatura del rischio sismico dei territori, è urgente ed indispensabile procedere alla REDAZIONE DEL PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) OLTRE CHE ALLA REVISIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE (da oltre un ventennio non completamente attuato) E degli ANNESSI REGOLAMENTI ATTUATIVO ED EDILIZIO stante la urgente necessità di aggiornare le linee guida del nostro territorio, soprattutto alla luce delle nuove sensibilità ambientali di sviluppo e delle nuove esigenze della popolazione.

Il PUC dovrà essere improntato al raggiungimento del PUNTO DI EQUILIBRIO TRA LA GARANZIA DELLA RESIDENZIALITÀ E LA TUTELA DEL TERRITORIO allo scopo di raggiungere l’obiettivo dell’azzeramento del consumo di suolo nell'elaborazione dei futuri progetti di sviluppo, privilegiando il riutilizzo e la ristrutturazione dell’esistente (ristrutturazione urbanistica).

La compatibilità ambientale, il recupero ed il risparmio energetico, anche con l’uso di nuovi materiali edilizi che oggi offre il mercato, saranno promossi attraverso INCENTIVI A CHI COSTRUISCE CON MODERNE TECNICHE DI BIOEDILIZIA, traguardando così non solo obiettivi di efficienza energetica, ma contribuendo anche a favorire lo sviluppo del settore delle energie rinnovabili.


Consapevoli delle attuali criticità, l’ assenza di servizi primari, la mancanza di attrezzature antincendio, l’assenza di sistemi di controllo della raccolta e cernita dei rifiuti solidi e liquidi, la carenza di posti di lavoro e ricorrendo ad uno studio di fattibilità potremo :

  • PROMUOVERE INCENTIVI A CHI RIUTILIZZI EDIFICI VETUSTI E ABBANDONATI

a chi salvi o incrementi l’uso del pochissimo suolo agricolo, attraverso la promozione del “lavoro dell’uomo” innestando così un processo virtuoso che – assorbendo la manodopera di un’edilizia in crisi – intervenga direttamente sulla cura e sulla manutenzione del suolo, a favore della quale saranno investiti una parte consistente degli oneri di urbanizzazione.

  • GARANTIRE UNA FRUIBILITÀ SOSTENIBILE DEL TERRITORIO

Premesso che il futuro imporrà scelte di buone pratiche di mobilità, affinché sia un futuro con sempre meno auto. LA SCELTA DI RAZIONALIZZARE IL TRAFFICO VEICOLARE È UNA SCELTA PER IL FUTURO si dovrà programmare un intelligente piano di traffico che possa essere lo strumento più efficace per la salvaguardia ambientale e per il raggiungimento dell'obiettivo che prevede l’abbattimento del 20% delle emissioni di Co2 entro il 2020 – in   conformità al nazional “Patto dei Sindaci”–.

Per questo si provvederà alla modifica dell’attuale piano di traffico anche nella convinzione che realizzare la ZTL sia un elemento imprescindibile per la tutela della salute dei cittadini e della buona vivibilità del territorio. Per cui,   monitorando il traffico in funzione della viabilità, si procederà all’attuazione della ZTL, armonizzandola ai flussi veicolari effettivamente rilevati, con un’ attenzione specifica ai bisogni dei cittadini.

Si provvederà anche a individuare i FONDI NECESSARI A FINANZIARE

LA REALIZZAZIONE DI ALTRE ZONE DI PARCHEGGIO, compatibilmente con le risorse disponibili e studiando forme di convenzione con privati (progetto di finanza).

  • STRUTTURARE UN EFFICIENTE “PIANO DEI RIFIUTI”: DALLA RACCOLTA STRADALE ALLA RACCOLTA “PORTA A PORTA”.

Tale Piano consentirà di raggiungere elevate percentuali di differenziata rispettando i parametri normativi. Nel contempo si otterrà l’ambizioso obiettivo di politica ambientale di una forte diminuzione dello smaltimento dei rifiuti residui.   In questo contesto sarà indispensabile la piena collaborazione della cittadinanza che verrà preventivamente informata e sensibilizzata. Saranno potenziate le azioni di controllo e prevenzione sul territorio comunale allo scopo di arginare i fenomeni dell’abbandono incondizionato dei rifiuti.

Agli operatori addetti alla raccolta spetterà, anche, il compito di controllare che la stessa venga attuata in modo corretto dai cittadini, evitando di combinare i rifiuti. Il risultato positivo sarà riscontrabile nella economia municipale, poiché si abbatteranno i costi per il servizio di smaltimento dei rifiuti direttamente in discarica.

Il risparmio consentirà, oltre che un taglio sulla tassa dei rifiuti, anche l'assunzione di nuovi operatori ecologici.

Si procederà, inoltre, all’ISTITUZIONE, ALL’INTERNO DELL’ORGANICO DELLA POLIZIA MUNICIPALE, DI FIGURE SPECIFICHE DI ISPETTORI AMBIENTALI con il potere di accertamento e sanzione delle violazioni amministrative in materia di rifiuti.

Si dovrà poi iniziare un percorso di analisi, studio e consultazione che porterà ALL'INDIVIDUAZIONE DI ALTRA ISOLA ECOLOGICA, per coprire le esigenze di smaltimento dei rifiuti ingombranti, speciali, pericolosi e degli sfalci.

Infine, verranno stabiliti contatti diretti tra il Comune e rappresentanti delle filiere produttive del riciclo, permettendo di intraprendere tutte le iniziative necessarie per massimizzare il livello economico della redditività del riciclo stesso.

In questo contesto, si appronterà anche un MODERNO ED ACCESSIBILE SISTEMA PER LA TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI.

  • RILANCIARE E RIQUALIFICARE IL SETTORE DEL COMMERCIO

Sosterremo che, all'interno del quadro provinciale, debbano essere ripensati alcuni progetti urbanistici, soprattutto di natura commerciale che, se slegati da un contesto generale, rischiano di cagionare al nostro territorio gravi conseguenze di natura economica. Si procederà, quindi, alla RIQUALIFICAZIONE DELL’INTERO TESSUTO COMMERCIALE, sostenendo e incentivando chi investe in ricerca, innovazione ed in settori legati alle tradizioni locali e alla nostra identità.

Verrà ideato UN MARCHIO TERRITORIALE che identifichi la nostra Città, i suoi prodotti e le sue attività, con la creazione di un Consorzio che favorisca la vendita di prodotti derivanti dai nostri panifici/biscottifici, pasticcerie, pizzerie/rosticcerie ecc. con conseguente nascita di nuovi posti di lavoro.

Si proseguirà nella progettazione e nella realizzazione di un SISTEMA RELATIVO ALLE INFORMAZIONI COMMERCIALI, che sia coordinato ed interconnesso ad uno specifico portale internet territoriale, capace di indicare i percorsi commerciali in tutto il territorio cittadino.

La istituzione municipale dell'UFFICIO PER IL COMMERCIO sarà dotato di strumenti necessari per una piena assistenza agli operatori commerciali, specialmente quelli che versano in situazioni di particolare difficoltà economica. Grande attenzione verrà dedicata all’imprenditoria giovanile soprattutto attraverso l’accompagnamento nei percorsi burocratici, l’orientamento nell’ambito del sistema di finanziamento bancario e la pubblicizzazione dei bandi pubblici.

Verrà realizzata L'INTEGRAZIONE TRA LA NOSTRA OFFERTA COMMERCIALE E QUELLA TURISTICA DELLE CITTÀ CONFINANTI E VICINIORI, al fine di dare ancor maggiore visibilità al sistema delle attività economiche presenti.

Saranno promossi PERCORSI DI FORMAZIONE, rivolti agli operatori e agli addetti delle attività economiche, al fine di elevare la qualità del servizio offerto, di favorire l’aggregazione tra gli operatori e il loro coinvolgimento attivo nelle iniziative del territorio.

In tal modo sarà favorita   LA CRESCITA COMPETITIVA DEGLI OPERATORI, in relazione alle caratteristiche della domanda, si realizzerà il passaggio della rete commerciale da tradizionale a specializzata che, partendo dalla valorizzazione delle tipicità locali, sia capace di esprimere una forte interazione con gli eventi promossi e realizzati sul territorio.

  • POLITICHE DI BILANCIO

DAL PATTO DI STABILITÀ AGLI INVESTIMENTI SUL TERRITORIO E AL MANTENIMENTO DEI SERVIZI ALLA PERSONA.

Non si può prescindere nell’elaborazione di una proposta per le politiche di bilancio dall’insieme di norme che rappresentano il quadro entro cui dobbiamo muoverci e che sono definite dal cosiddetto PATTO DI STABILITÀ INTERNO, a maggior ragione nel momento economico-recessivo che stiamo vivendo.

I vincoli di bilancio e le manovre sulla finanza locale rendono l’azione amministrativa sempre più difficile, in aperta contraddizione con una politica che proclama il principio dell’autonomia.

Siamo coscienti del fatto che il dissesto economico, in cui ci hanno trascinato i così detti “disattenti” ex amministratori che hanno perseguito una politica di bilancio irresponsabile e non dovutamente oculata, ci rende pesantemente penalizzati.

Ci impegneremo, perciò, a chiedere, in tutte le sedi competenti, che si proceda ad una puntuale RIVISITAZIONE DEL PATTO DI STABILITÀ INTERNO almeno e soprattutto in riferimento agli interventi di messa in sicurezza e all'adeguamento in materia di norme antisismiche degli edifici scolastici.

Oggi, una proposta politica responsabile deve PARLARE UN “LINGUAGGIO DI VERITÀ”, prenderemo, perciò, le distanze da chi continua a promettere “fantasiosi cieli azzurri”, “nuove e inutili opere ”, “ricrescita e posti di lavoro”.

Assumiamo l'impegno di NON DIMINUIRE IL PESO E LE RISORSE DESTINATE ALLE POLITICHE SOCIALI, DI NON INASPRIRE L’IMPOSIZIONE DI TASSE E BALZELLI E DI TUTELARE LE FASCE PIÙ DEBOLI DEI CITTADINI, di perseguire un’efficace politica di investimenti a sostegno del territorio, continuando la lotta all’evasione fiscale di tutti coloro che notoriamente sono in condizioni economiche tutt’altro che insufficienti.

Si procederà, in un quadro di rivisitazione complessiva del piano delle opere, a dare priorità a quelle ritenute più strategiche e necessarie. In un momento di carenza di risorse economiche, i grandi progetti si possono anche realizzare con il miglioramento della qualità di vita quotidiana dei cittadini tramite la riorganizzazione dell'accesso e delle funzioni ai servizi erogati dal Comune, soprattutto quelli che interessano la vita di tutti i giorni. La nostra azione amministrativa sarà improntata, quindi, da un lato al MANTENIMENTO DEI SERVIZI ALLA PERSONA, razionalizzando ove possibile, dall'altro alla REALIZZAZIONE DI OPERE RITENUTE PRIORITARIE, dopo aver svolto i più ampi percorsi di partecipazione e confronto con la cittadinanza. In merito alle entrate tributarie e tariffarie opereremo oculatamente, garantendo che sarà fatto tutto quanto si renderà indispensabile per alleviare il carico fiscale sui cittadini anche a mezzo della istituzione nell’ambito della organizzazione municipale di un SERVIZIO DI RISCOSSIONE che, oltre all’occupazione di altri posti di lavoro, consentirà – mediante un apposito regolamento interno- di favorire il comodo e lungo rateizzo delle eventuali posizioni debitorie dei cittadini senza il gravame di notevoli spese e di alti interessi.

  • SOCIETÀ E PERSONE

FERMARE L'ESODO E IL CALO DEMOGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE

San Nicola La Strada si trova a fare i conti con un grave problema sociale, rappresentato dal lento sviluppo demografico. La popolazione residente è caratterizzata dall’elevata età media dei suoi abitanti, dai bassi tassi di natalità e dagli alti tassi di emigrazione. Per questo sarà prioritario PROMUOVERE POLITICHE CHE INCENTIVINO LA RESIDENZIALITÀ, soprattutto dei giovani.

Bisognerà attuare politiche specifiche che tendano a facilitare la scelta dei giovani a vivere nel nostro comune e che stimolino altri a trasferirvisi, attraverso politiche di sostegno agli affitti, edilizia convenzionata e incentivi per chi affitti alle giovani coppie. Politiche che andranno risolte all’interno di un quadro provinciale, che per primi stimoleremo. Proseguiremo, innanzitutto, nel favorire un incontro tra domanda e offerta nel mercato privato della locazione e nel garantire il diritto alla casa ai soggetti che non sono in grado di accedere al libero mercato. Solleciteremo anche il FINANZIAMENTO DEI PROGRAMMI DI SOCIAL HOUSING, che riteniamo essere lo strumento necessario sia ad aumentare l'offerta nel campo delle locazioni immobiliari di unità abitative pubbliche o private a canone più contenuto, sia a soddisfare anche le fasce più deboli della popolazione.

Tenendo conto dello studio sul censimento delle case non abitate, si procederà alla PROMOZIONE DELLA RESIDENZIALITÀ, imprimendo una spinta al mercato degli affitti.

Modulando le nuove imposte sulle abitazioni, sarà quindi nostro obiettivo far registrare, a medio e lungo termine, un’inversione di tendenza sia nel numero della popolazione residente, sia nella sua età media, anche attraverso interventi sugli affitti, con SGRAVI FISCALI PER CHI AFFITTA A GIOVANI, A GIOVANI COPPIE O A FAMIGLIE NUMEROSE.

  • PROSEGUIRE NEL RAFFORZAMENTO DEL WELFARE COMUNALE

Il nostro Comune sarà messo in grado di GARANTIRE I SERVIZI DI WELFARE a tutta la popolazione. Promuoveremo un modello sociale che si caratterizza per RIDURRE LE DISEGUAGLIANZE SOCIALI TRA I CITTADINI. Per riuscire a rispondere concretamente ai bisogni delle persone – con particolare riguardo ai più deboli – e per consentire di superare ogni fattore di emarginazione, sarà determinante interpretare il ruolo del Comune non solo come fonte d’erogazione di servizi, ma come punto di riferimento concreto che accompagni i cittadini in tutte le occasioni di bisogno. Si garantirà la piena accessibilità ad una rete integrata di servizi sociali che andranno dall’area anziani, all’area disabili, dall’area famiglia, all’area dell’emarginazione e del rischio sociale.

Si proseguirà nell’opera di coinvolgimento di tutte le componenti sociali operanti a vario titolo sul territorio comunale, per COORDINARE L’IMPEGNO PER IL SERVIZIO ALLA PERSONA, avendo cura di valorizzare l’opera di volontariato   Particolare attenzione sarà data alla POLITICA PER LE FAMIGLIE garantendone stabilità e solidità. Per questo le famiglie saranno sostenute, attivando e promuovendo tutte le iniziative possibili, in termini fiscali, lavorativi e contributivi.

  • INVESTIRE NEL FUTURO DELLA COMUNITÀ: ISTRUZIONE, CONOSCENZA E SAPERE

Il nostro indirizzo politico si rivolge anche alla PRIORITARIA SOPRAVVIVENZA DEI CENTRI DI PERIFERIA per favorire la presenza, in essi, di una comunità residente e radicata, soprattutto grazie alla distribuzione di strutture educative su tutti i territori e alla loro capacità di preservare e mantenere la socialità delle piccole comunità di periferia. Va comunque rilevato che, INVESTENDO NELLA PERMANENZA, nelle varie zone DI VARIE STRUTTURE EDUCATIVE, si dovranno fare i conti sia con maggiori oneri organizzativi e finanziari, sia con i numeri reali delle classi..


Il nuovo modello di gestione dell’istruzione e della formazione che da fortemente centralistico è diventato policentrico, composto cioè da istituzioni scolastiche autonome, vede assegnati al Comune compiti di programmazione territoriale, di supporto alle istituzioni scolastiche autonome e di qualificazione del sistema d’istruzione. Bisognerà proseguire nel CONCORRERE ALLA GESTIONE DELLE POLITICHE FORMATIVE, continuando a sostenere la centralità della scuola pubblica, garantendo un contributo fisso del Comune all’Istituto Comprensivo (salvo eventuali cambi di politiche a livello di governo centrale), mantenendo, attraverso il finanziamento diretto, i servizi di mensa, di trasporto e i progetti integrativi. Prioritario sarà il reperimento delle risorse necessarie per l’ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO.

Nel quadro delle azioni future, anche nell’ottica di un piano generale di ricollocazione delle strutture educative, si dovrà necessariamente intervenire, quale primario ausilio di tutti gli studenti, al fine di creare nuovi spazi per la collocazione di una vera biblioteca ben strutturata ed equipaggiata e tanto in un progetto di profondo rinnovamento degli spazi che preveda sia luoghi per la lettura alla luce naturale, sia “angoli morbidi” dove i bambini e studenti si possono formare ed abituare alla lettura. Con la ricollocazione della attuale biblioteca ( che è pressoché inutile e sconosciuta ai più) si potranno, infine, liberare ambienti necessari alla ricerca ed allo studio di scritti e documenti per la realizzazione di un Archivio Storico dal quale ricavarne notizie circa le origini della nostra città e del suo popolo.

Si proseguirà inoltre con il percorso di CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ PER LE MENSE, inserendo nei menù prodotti biologici e biodinamici, mantenendo e potenziando l’introduzione dei prodotti alimentari provenienti dal territorio, dei prodotti del commercio equo e solidale e dell’abolizione dell’usa e getta. Sarà a partire dal coinvolgimento attivo di tutti gli alunni, delle scuole primarie e secondarie di I grado, che si fonderà la COSTRUZIONE DI UN NUOVO CIVISMO E DI UN RINNOVATO SENSO DI APPARTENENZA ALLA COMUNITÀ.

Infine, si dovrà investire per POTENZIARE LA QUALITÀ DELL’OFFERTA FORMATIVA in stretta collaborazione con il Dirigente scolastico, a partire dalla tutela e dalla valorizzazione del patrimonio identitario del paese anche attraverso il pieno utilizzo   delle reti museali, bibliotecarie, banche dati, studi, pubblicazioni e manifestazioni della nostra Provincia.

  • INVESTIRE SULLA SCUOLA E APRIRE UN NUOVO FRONTE DI SVILUPPO

Non si può oggi non guardare al POLO UNIVERSITARIO della provincia di Caserta come ad un ELEMENTO CENTRALE NELLO SVILUPPO ECONOMICO E CULTURALE, che potrà essere in grado di dare origine ad un intreccio virtuoso tra specializzazione tecnico-scientifica e apparato produttivo.

Obiettivo prioritario, quindi, sarà quello di FAR ENTRARE IL COMUNE DI SAN NICOLA LA STRADA ALL’INTERNO DI PROMOSTUDI. Riteniamo, infatti, che la nostra città possa rappresentare il luogo ideale per ospitare, presso le varie strutture in essa esistenti (tra cui ex CIAPI, ALBERGHI DI VARIE CATEGORIE, EX MULINO PALOMBA ( grande edificio da ristrutturare e facilmente adattabile), master di specializzazione o corsi post-laurea, volti prevalentemente alla formazione nel campo delle attività scientifiche, artistiche, letterarie   in generale e della imprenditorialità legata all’artigianato, all’industria ed al commercio.

  • LA NOSTRA CITTA’ : VERSO LA CENTRALITÀ DELLA CULTURA E PER UNA SUA NUOVA ECONOMIA

Un Città come la nostra ha un forte debito nei confronti della cultura, basti pensare ai diversi artisti, poeti,   pittori, agli scrittori e agli editori che risiedono e lavorano in questo territorio ma conosciuti più al di fuori che dentro ai suoi confini. LA CULTURA RAPPRESENTA PER NOI UN VALORE FONDANTE DI CIVILTÀ, occasione di solidarietà e coesione sociale. Si proseguirà nel RECUPERO E NELLA VALORIZZAZIONE DI QUEI LUOGHI CHE TESTIMONIANO, maestosi o più raccolti, IL NOSTRO PASSATO e che ancora oggi possono rivelare tanto della nostra comunità, attraverso la promozione di eventi, appuntamenti con la contemporaneità e la storia. Si garantirà, altresì, l’impegno organizzativo e la copertura economica a quegli eventi e a quelle manifestazioni che, quasi mai, sono riuscite a ben caratterizzare il nostro territorio:     rassegne letterarie, mostre artistiche, i reading, i premi.

Opereremo nel recupero di ulteriori spazi, promuovendo la possibilità di usarli per eventi, festival, manifestazioni, attraverso il coinvolgimento e il coordinamento delle iniziative promosse dalle associazioni del territorio e della regione Campania, investendo, di conseguenza, su innovazione e sperimentazione di nuove forme di espressione.

La cultura deve diventare una NUOVA OCCASIONE DI SVILUPPO sia nella promozione e realizzazione di eventi culturali, sia come sistema per utilizzare risorse private, in sinergia con centri di ricerca e istituzioni culturali pubbliche e private per formare nuove professionalità nella gestione dei beni culturali.

Il ricorso al privato non sarà gestito come un mercato di sponsorizzazioni. Un’attenzione particolare dovrà essere riservata ai nuovi modelli come quelle piccole imprese private e associazioni non profit, che in tutta Italia stanno portando avanti una nuova progettualità in ambito culturale e che, attraverso il ricorso a contributi, finanziamenti, bandi, riescono a “produrre” cultura in modo più innovativo, più fruibile dal vasto pubblico, più divulgativo attraverso la digitalizzazione informatica, le risorse virtuali, il web.

Dopo una mappatura delle risorse umane presenti sul territorio, si originerà un archivio utile nella programmazione di eventi culturali per un coinvolgimento dei Sannicolesi nei vari settori a seconda delle loro qualifiche.

La nuova cultura dovrà caratterizzarsi per la capacità di svilupparsi “in house” senza dispersione alcuna di risorse: i giovani artisti del territorio cittadino devono trovare la giusta valorizzazione dotandoli del supporto economico e logistico necessario: saranno loro a dover riempire gli spazi sociali , purtroppo pochissimi, di cui gode il nostro Comune.

Eventi fortemente caratterizzanti andranno potenziati ed inseriti in circuiti nazionali allo scopo di far conoscere le bellezze e le potenzialità non solo del nostro territorio e di quello provinciale ma , soprattutto, di una comunità dotata di energie artistiche giovani e vivace.

L’obiettivo sarà quello di creare una realtà che “autoproduce” e racconta la sua storia stimolando la propria memoria comunitaria e il suo senso di appartenenza.

Il Comune istituirà il premio “I Sannicolesi sanno fare bene” marchio di qualità produttiva e culturale.

Sarà proposto il premio “San Nicola la Strada nel mondo” al concittadino emigrato che maggiormente si è distinto al di fuori dei nostri confini.

Saranno organizzati laboratori di etnobotanica per gli alunni delle scuole che prevedranno anche escursioni all’aperto (Parco della Reggia di Caserta) durante le quali si approfondirà il riconoscimento delle piante e delle erbe.

Si intendono promuovere proposte volte alla riscoperta e catalogazione di , dialetti, tradizioni, canti popolari e ricordi. Prima che vadano perdute per sempre, è opportuno sostenere iniziative che puntino a intervistare i nostri anziani, a far conoscere le loro esperienze e di conseguenza la nostra storia più recente. La scuola e i ragazzi saranno coinvolti in questa sorta di ‘intervista al nonno’ in modo da conoscere per non dimenticare.

Si prevede il posizionamento di pannelli informativi e la realizzazione di un percorso con una zona destinata ai picnic. Questa iniziativa è volta in primo luogo alla conservazione e allo studio ma vuole essere anche motivo di richiamo   didattico per le scuole.

Oltretutto, è anche nostro intendimento far emergere l’importanza storica dei nostri luoghi da sempre abitati dall’uomo sin dai tempi degli Osci e prima dell’antica città Calatia di cui alcune rovine sono ancora visibili   lungo la originaria via Appia che attraversa la nostra Città , da ovest verso est , passando per la Piazza Municipio e la piazza Parrocchia , in primis per ricordare con cognizione la nostra identità e le nostre origini, in secondo luogo per dare ossigeno e contenuti a quel turismo culturale così importante e così praticato.

Sostegno e collaborazione verranno posti alle associazioni culturali presenti sul territorio promuovendo tutte le forme di manifestazione artistica con speciale riguardo alle espressioni frutto delle nuove generazioni

Deve essere rafforzato l’importante lavoro volontario di studio e approfondimento, e il ruolo sociale delle modeste organizzazioni teatrali locali.

L’impegno sarà anche quello di realizzare spazi dove i ragazzi potranno dar vita alla loro voglia di esprimersi. Si realizzerà una sala prove e un luogo dove concretizzare e promuovere la propria arte in un contesto di contaminazione che abbia un respiro nazionale.

Sarà importante realizzare un circuito di mostre di qualità per garantire afflusso costante di visitatori per gran parte dell’anno. Ambizioso progetto sarebbe quello di creare una casa editoriale per stampare i cataloghi sulle mostre che verranno ospitate sul nostro territorio.

  • LO SPORT, UNA SCUOLA DI VITA E UN' OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

Lo sport è una scuola di vita, dove s’impara a convivere con gli altri, a rispettare le regole, a prepararsi con determinazione per un preciso obiettivo che non sempre si raggiunge, ad assaporare il gusto amaro della sconfitta e le gioie del successo, una palestra in cui si forgia il carattere, imparando a gestire situazioni difficili e a controllare le proprie pulsioni.

LO SPORT HA UN VALORE EDUCATIVO, FORMATIVO E SOCIALE DI GRANDE IMPORTANZA e va preservato e sviluppato. Soprattutto nei settori giovanili, bisognerà prestare molta attenzione nel continuare a trasmettere valori positivi, intervenendo così nella prevenzione della violenza e riducendo o rendendo sopportabile il disagio giovanile. Continuerà, quindi, ad essere promosso LO SPORT COME DIRITTO DI CITTADINANZA E COME RISORSA PER L’INTEGRAZIONE e particolare attenzione avrà lo sport giovanile (che dovrà rimanere in primo luogo un momento di divertimento, senza per questo precludere un'eventuale formazione competitiva) attraverso la promozione sia della sua funzione educativa nella crescita individuale e nella collettività, sia dei modelli e degli stili di vita attivi incentrati sul movimento. Saranno quindi promossi quegli elementi intrinseci dello sport che contribuiscono a migliorare le relazioni umane e la convivenza civile tra i popoli (vedi lo spirito olimpico), superando una mentalità che dia importanza unicamente alla ricerca del successo e del profitto, ritrovando la consapevolezza di quello che si fa e del perché lo si fa e sviluppando nella cittadinanza una consapevole cultura sportiva positiva.

Grande attenzione verrà da noi prestata al mondo dello sport e delle gare tradizionali che verranno inserite all’interno di appositi ambienti attrezzati che le leghino tra loro facendone un mini-circuito comunale con l’assegnazione di un Premio da parte del Comune e la valorizzazione di questa importante tradizione con momenti di aggregazione e intrattenimento che coinvolgano, in stretta sinergia, tutta la Città con una efficace collaborazione anche nel momento della preparazione.

  • UN FUTURO PER I NOSTRI GIOVANI

Oggi più che mai le GIOVANI GENERAZIONI HANNO BISOGNO DI UNA FORTE ATTENZIONE SULLE PROPRIE PROBLEMATICHE: abbiamo il tasso più alto d’Europa in termini di disoccupazione giovanile e migliaia di giovani che non riescono a vedere una prospettiva di realizzazione sia nel mondo lavorativo sia nella società in cui vivono, come dimostra la fuga di talenti all’estero.

Sarà obiettivo primario MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA DEI GIOVANI E VALORIZZARE IL LORO RUOLO E APPORTO NELLA SOCIETÀ, affinché possano trovare le condizioni favorevoli ad un pieno sviluppo individuale.

A seguito di un ulteriore approfondimento dell’analisi del bisogno di figure professionali nel nostro territorio, in stretto rapporto con l’imprenditoria, si dovrà, da una parte favorire e promuovere l'organizzazione, in coordinamento con gli enti preposti, di CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE nei settori lavorativi che meglio rispondono alle esigenze del mercato e a quelle più generali emergenti delle nuove tecnologie, dell'informatica e dell'energia, dall'altra rendere concreta la possibilità di accesso a stage concordati con le imprese operanti a vario titolo nel nostro territorio. Saranno, inoltre, adottate tutte le misure necessarie a sostegno dell'occupazione dei giovani attraverso iniziative che favoriscano l'inserimento degli stessi nel mercato del lavoro, a partire dalla riorganizzazione degli iter burocratici per chi inizia un’attività economica indipendente, anche prevedendo zone a burocrazia zero. Attraverso il coinvolgimento diretto dell’Informagiovani, sarà riservato uno SPAZIO SPECIFICO SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE ALLE POLITICHE GIOVANILI, con informazioni sulle attività, gli incontri, le iniziative, le novità, le modalità e le tipologie di fare impresa, le offerte e le opportunità di lavoro. Utilizzando a pieno regime sia gli strumenti del web, sia i social network, si investirà nella costruzione di un vero e proprio forum dei giovani attraverso il quale sarà possibile dotarsi di strumenti che concorrano ad un’ ancor più ampia consultazione dei giovani nelle decisioni che li riguardano, incentivando la loro entrata nella vita sociale ed istituzionale del Comune.

Al fine di garantire l’accesso libero e gratuito alla rete che consideriamo un “bene comune”, verranno potenziati le zone di “wifi free” ed estese agli spazi esterni con particolare riferimento alle principali piazze del Comune anche per facilitare le attività lavorative (telelavoro).

  • IL COMUNE CHE VOGLIAMO

ETICA, PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA: LA NOSTRA SCELTA IDENTITARIA PER UN NUOVO PROTAGONISMO DELLA POLITICA

LA TRASPARENZA NEI PERCORSI AMMINISTRATIVI SARÀ IL NOSTRO STILE DI GOVERNO PIÙ RICONOSCIBILE. Oltre alla già piena disponibilità di consultare, on-line, sia le delibere della giunta, sia l'albo pretorio, e al restyling del sito del comune, si dovrà proseguire, con un ulteriore potenziamento con altri e differenti servizi, verso una piena trasparenza amministrativa, affinché tutte le attività siano rese pubbliche e accessibili ai cittadini. Le informazioni dovranno circolare in modo efficace sia all’interno, sia all’esterno dell’amministrazione, in modo tale da divenire strumento di partecipazione e controllo sul buon operato della stessa. Infine, nell'azione di informazione e comunicazione dovrà essere istituito l'ufficio stampa al fine di divulgare meglio i progetti e le attività. Saranno PROMOSSI NUOVI STRUMENTI DI PARTECIPAZIONE sia per i cittadini, che, in modo più attento e specifico, per giovani, riprendendo e rideclinando in modo più efficace i propositi che erano alla base dei Comitati cittadini.

Continuerà ad essere posta al centro dell'azione politica ed amministrativa LA PERSONA, LA SUA TUTELA IN TUTTI I SUOI ASPETTI ECONOMICI, SANITARI E SOCIALI.

Verrà, di conseguenza, tutelata la dignità per i lavoratori, favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro, attraverso un forte impegno all’orientamento, alla formazione ed al ricollocamento. Si proseguirà nella promozione della parità e della conciliazione lavoro-famiglia, insieme alla tutela della salute, con massima attenzione alla popolazione residente anziana e ai servizi per i non autosufficienti.

Prioritaria, infine, sarà l'attenzione rivolta alle famiglie sostenendo politiche che favoriscano la nascita e la crescita dei figli e, contestualmente, si procederà al riconoscimento, nell’ambito delle norme comunali, delle altre forme di unione.

  • LA NUOVA SAN NICOLA LA STRADA : UN COMUNE DI “NUOVI ITALIANI”

Si continuerà ad accettare, seppure con più rigidi controlli di legalità, l’accoglienza solidale delle persone immigrate, secondo i principi del pluralismo delle culture, del reciproco rispetto di diritti e doveri e dell’integrazione sociale impegnandosi a coinvolgere le comunità immigrate incentivandone la presenza nelle forme di partecipazione decentrate, in coerenza con il raggiungimento dell’obiettivo della PIENA ED EFFETTIVA INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI residenti nel nostro Comune, in u quadro di doveroso rispetto della legge e di repressione dei comportamenti devianti.

  • IL COMUNE DI DOMANI

OPEREREMO A FAVORE DI UNA ARMONIOSA E SOSTENIBILE GESTIONE DEL TERRITORIO, diffondendo verso i cittadini nuove consapevolezze e stili di vita all’insegna della sostenibilità, continuando a sperimentare buone pratiche attraverso l’attuazione di progetti concreti, ed economicamente vantaggiosi, legati alla gestione del territorio, all’efficienza e al risparmio energetico, a nuovi stili di vita e alla partecipazione attiva dei cittadini.

Si opererà per normalizzare l’impronta ecologica dell'Ente locale, in quando l'attenzione all'ambiente attraverserà tutti i campi d'azione del comune, proponendo la proposta culturale di un modello attento alla conservazione delle risorse, alla compatibilità ambientale e alla valorizzazione delle differenze locali.

In quest'ottica il MODELLO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TERRÀ RESPONSABILMENTE CONTO DELLE RISORSE DISPONIBILI, garantendone la sostenibilità nel tempo e ponendo la centralità della questione ambientale nell’azione politica e amministrativa.

Per ambire e raggiungere tale obiettivo, occorrerà puntare sulle risorse migliori: la qualità della vita, del paesaggio e dell’ambiente, della storia e della cultura di ogni luogo. Occorrerà CONSUMARE MENO TERRITORIO, MENO ENERGIA E MENO RISORSE per ottenere risultati migliori, SENZA ABBASSARE IL LIVELLO DELLE GARANZIE SOCIALI ED AMBIENTALI.

Si procederà, infine, a costruire un futuro sostenibile per i nostri figli, attraverso il miglioramento della qualità della vita con politiche attive sul territorio volte a TRASFORMARE LA CITTÀ IN UNA VERA COMUNITÀ, dove sarà prioritaria la tutela del benessere della persona e dell'ambiente e dove verranno realizzate forme concrete di sviluppo dell'arte, della cultura, della formazione umana e professionale. In tal senso, si proseguirà a rendere il COMUNE SEMPRE PIÙ VIVIBILE, promuovendo l'educazione civica come senso di appartenenza alla comunità, favorendo e sostenendo la formazione di laboratori artistici e di pensiero, organizzando eventi volti soprattutto a valorizzare il patrimonio storico, culturale e naturalistico, agevolando l'insediamento di progetti sostenibili di impresa e di altra provenienza a tutela del territorio e delle risorse naturali, creando nuovi spazi di aggregazione giovanile. Sarà, quindi, attraverso la valorizzazione dei punti di forza del nostro territorio e la risoluzione, in un quadro complessivo, degli elementi di debolezza che San Nicola La Strada, grazie alla sua specificità e la forza di una comunità unita e coesa per affrontare e vincere le sfide della modernità, saprà COSTRUIRE IL PROPRIO PROFILO FUTURO.

Sarà proprio grazie agli obiettivi in materia di ambiente e di libera concorrenza, che garantiremo al nostro comune ed ai suoi abitanti   uno sviluppo che trasformerà il nostro territorio, forte e cosciente della sua storia e delle sue tradizioni, in un polo di attrazione ambientale, culturale e naturalistico di livello europeo ed internazionale.




PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO FELICE D’ANDREA (sostenuto dalle liste “Alleanza per il Rinnovamento” e “Sinistra Ecologia Libertà”)

 

Carissimi Cittadini, il PROGRAMMA che trovate di seguito è la sintesi di quello che ci proponiamo di attuare con il VOSTRO CONSENSO.

E’ UN PROGRAMMA DEL FARE.

Siamo stanchi di parole, promesse, impegni disattesi che hanno portato il nostro Comune allo sfascio ed al commissariamento, con le conseguenze che faranno soffrire i cittadini per gli anni a venire. NOI è con i fatti, e con l’evidenza dell’attuazione degli stessi, che faremo realizzare a SAN NICOLA LA STRADA il salto di Qualità verso la strada del risanamento e della corretta amministrazione del bene Comune.

1-TRASPARENZA

  • Attività del Consiglio Comunale
  • Attività delle commissioni
  • Ordine del giorno
  • Verbali delle riunioni
  • Visibilità via Internet
  • Riorganizzazione e semplificazione del Sito del Comune
  • Organizzazione e compiti Uffici Comunali
  • Efficienza (analisi dei ruoli e del personale nello svolgimento dei compiti affidati)
  • Efficacia (valutazione del raggiungimento degli obiettivi assegnati)
  • Economicità della gestione della organizzazione del Comune
  • QUESTION TIME con il sindaco (Organizzare incontri con i cittadini per dare visibilità su operato attività Comunali)
  • NUMERO VERDE presso l’ufficio del sindaco per l’ascolto                                                

2-SICUREZZA

AMBIENTALE

  • Individuazione delle aree a rischio (es. Tettoie in Amianto del CIAPI)
  • Aree di sversamento rifiuti
  • Aree abbandonate
  • Aree scolastiche
  • Aree da sottoporre a videosorveglianza

DEL CITTADINO

  • Comitati di quartiere
  • Visibilità sui problemi del territorio
  • Furti, Rapine, scippi, etc..
  • Osservanza delle regole
  • Cani al guinzaglio, colonie di gatti, etc…….

                                                                                                                                                

STRADALE

  • Mappatura delle aree a rischio
  • Buche pericolose
  • Incroci
  • Tratti stradali
  • Mancanza di segnaletica
  • Arredo urbano (panchine, cestini, area verde)
  • Verifica degli impianti di illuminazione delle strade

3-SERVIZI SOCIALI

  • Definizione ruoli e compiti delle assistenze
  • Creare una Fondazione Sociale dello Sport e Cultura diretta dal Comune, il cui autofinanziamento sia realizzato con 5x1000 e partecipazione Enti esterni
  • Stabilire un team di gestione, sorveglianza e visibilità sull’utilizzo di tali finanziamenti
  • Attivarsi per la raccolta fondi (a livello locale, regionale e nazionale ed europeo)
  • Costituzione Centro Anziani, Polifunzionale, individuazione di locali per attività di socializzazione                                                                                                                                                            
  • Garantire, con la creazione di posti di lavoro, il corretto utilizzo di:                            

ü    Villette (luoghi di incontro)

ü    Teatro

ü    Piscina

ü    Varie (patronati, etc…)

ü    Campi da tennis

ü    Attrezzature sportive

  • Sportello opportunità per i giovani (a livello Locale, regionale, nazionale ed europeo)
  • Organizzare incontri con i cittadini per ascoltare ed agire su proposte valide
  • Supporto ai diversamente abili per garantire la loro mobilità, assistenza agli anziani
  • Mensa sociale
  • “Avvicinamento” delle periferie al centro con l’istituzione di servizi particolari

4-GARANZIE

VERSAMENTI

  • Censimento delle Attività Commerciali
  • Censimento delle attività industriali
  • Agevolazioni per chi sul territorio crea posti di lavoro
  • Tributi – Politica di Riduzione aliquote imposte

CONTROLLO

  • Servizi di Polizia municipale di prossimità (info, emergenze, etc….)
  • Monitorare le tempistiche degli interventi (strade, scuola, etc….)

5-AMBIENTE/ECOLOGIA

  • Analisi e bonifica del territorio
  • Registro dei tumori (favorire le attività oncologiche e settore patologie degenerative, ecc…)
  • Recupero dell’ambiente (attività di analisi del sottosuolo, suolo ed aria con conseguente attività di bonifica)
  • Attività tese a preservare le aree pubbliche da deiezioni di animali
  • Individuare con i cittadini Aree per ospitare gli amici a quattro zampe
  • Risoluzione problema straripamenti fognari della via Appia e traverse collegate                                                                                                                                                            

6-CONTROLLO E VERIFICA DELLE ATTIVITÀ APPALTATE

  • Verifica e controllo del rispetto delle normative in vigore
  • Grandi opere da far finanziare - Lavori pubblici

7-CREAZIONE ENERGIA ALTERNATIVA PER RISPARMIARE SUI CONSUMI

8-CREAZIONE DI UN PUNTO DI PRIMO SOCCORSO SANITARIO

9-RIQUALIFICAZIONE CENTRO STORICO E SITI STORICI e DEL CONVITTO BORBONICO

  • Campus universitario

10-REPERIMENTO FINANZIAMENTI

  • Definire un ufficio/addetto dedicato a tale scopo
  • Studio leggi comunitarie per poter accedere ai contributi
  • Varie

11-CONTENZIOSI

  • Analisi delle tipologie dei contenziosi
  • Definire le linee guida per la risoluzione bonaria degli stessi
  • Controllo sulle tempistiche ed i costi legati a tali contenziosi
  • Valutazione attività ufficio legale in funzione degli obiettivi raggiunti

12-POLITICA SCOLASTICA

  • Strutture adeguate e funzionanti
  • Condizioni igieniche ottimali
  • Abbattimento Barriere architettoniche
  • Tempi certi per la risoluzione dei problemi
  • Mensa
  • Manutenzione atta a tenere le strutture efficienti

 

 

 

 

PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO FEDERICO DE MATTEIS (sostenuto dalla lista “MoVimento 5 Stelle”)

 

1)Presentazione

“Il Movimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini. Non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Non ha ideologie di sinistra o di destra, ma idee. Vuole realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità dei cittadini il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.”

(dal sito di Beppe Grillo).

I Comuni decidono della vita quotidiana di ognuno di noi. Possono avvelenarci con un inceneritore o avviare la raccolta differenziata. Fare parchi per i bambini o porti per gli speculatori. Costruire parcheggi o asili. Privatizzare l'acqua o mantenerla sotto il loro controllo.

Dai Comuni si deve ripartire a fare Politica.

Principi fondanti la nostra azione politica sono: trasparenza, condivisione e partecipazione.

Requisiti per la candidatura nel MoVimento 5 Stelle:

  • All’atto della sua candidatura e nel corso dell'intero mandato elettorale, ogni candidato non deve essere iscritto ad alcun partito o movimento politico;
  • Ogni candidato non deve avere riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive: tutti i candidati hanno prodotto un certificato penale ed un certificato dei carichi pendenti;
  • Ogni candidato non deve avere assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura;
  • Ogni candidato deve risiedere nella circoscrizione del Comune per il quale intende avanzare la propria candidatura. Per le elezioni comunali dei capoluoghi di provincia, i candidati potranno risiedere in uno dei comuni appartenenti a quella provincia, ad eccezione del capolista.

Nella competizione elettorale non sono ammessi collegamenti con altre liste: la nostra alleanza, infatti, è stretta con i cittadini ai quali rispondiamo direttamente e non con singoli soggetti politici che in fase di governo della Città possono promuovere interessi di natura personalistica spesso contrapposti al bene comune.

Onestà ed integrità nella gestione della cosa pubblica significa più risorse, più servizi e più lavoro per tutti.


2)Bilancio e Sviluppo

Pianificazione di bilancio, risparmio e reinvestimento in opere programmate;

  • Bilancio online trasparente, di facile lettura e comprensibile a tutti i cittadini;
  • Introduzione del bilancio partecipato;
  • Assestamento spesa corrente e debito pregresso;
  • Revisione e trasparenza della spesa pubblica;
  • Intercettazione fondi Europei e Regionali;
  • Favorire la progettazione e lo start-up di impresa, attraverso l’offerta di spazi di co-working (utilizzando le strutture di proprietà del Comune al momento non valorizzate) in grado di aggregare idee, competenze e tecnologie;
  • Verifica e drastica riduzione delle spese correnti per consulenze esterne tramite migliore impiego delle risorse interne in termini umani e di dotazione tecnica specifica nei singoli ambienti di lavoro. Ove compatibile con lo stato di dissesto, nelle modalità consentite dalla legge fare ricorso a esterni solo in caso di effettive incapacità delle risorse umane interne al Comune di adempiere all’incarico, attenendosi sempre, e comunque, a compensi che si attestino al minimo delle tariffe professionali applicate sul territorio nazionale;
  • Costituzione di un incubatore di imprese all’interno della struttura comunale, per consentire agli imprenditori di conoscere tutti i principali strumenti per la nascita o il rilancio dell’attività di impresa;
  • Analisi e revisione virtuosa, ove consentito dalla legge, dei contratti in essere;
  • Sportello informativo per le imprese e i cittadini;
  • Compatibilmente con lo stato di dissesto, reindirizzare le risorse pubbliche verso lo sviluppo economico di giovani imprese e meccanismi di sostegno dei cittadini in difficoltà;
  • Individuazione di aree/strutture da destinare come aree scientifiche/culturali/museali per attrazione turistica e convegni;


3)Urbanistica, Edilizia e Vivibilità

Stop al consumo di territorio con l’adozione e approvazione di una variante urbanistica a crescita zero, e conseguente recupero e riqualificazione energetica delle aree e del patrimonio edilizio esistente;

  • Impedire modifica della destinazione d’uso degli spazi agricoli esistenti che vanno, anzi, preservati e valorizzati;
  • Aree ancora non edificate da utilizzare esclusivamente per adeguare i servizi alla popolazione;
  • Redazione PUC includendo le indicazioni dei cittadini;
  • Pianificazione opere di riqualificazione infrastrutturale;
  • Riqualificazione e recupero delle strutture comunali;
  • Predisposizione di progettualità volte al recupero e alla conservazione del Cimitero;
  • Riqualificazione di edifici abbandonati ed “ecomostri” per scopi di pubblica utilità;
  • Stabilire vincoli più stringenti per qualsiasi opera, in particolare urbanistica, che venga pensata in futuro;
  • Analisi del traffico cittadino per l’istituzione di circolari all’interno del territorio comunale e in collaborazione coi comuni limitrofi;
  • Programmare regolari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria del manto stradale cittadino;
  • Riqualificazione della rete stradale comunale che preveda una riformulazione del piano del traffico;
  • Riorganizzazione della circolazione urbana, rendendo a senso unico le strade a sezione più ridotta;
  • Regolamentazione efficace della sosta;
  • Istituzione di parcheggi per le biciclette nei parchi pubblici, piazze, scuole, patronati, etc.;
  • Progettazione di nuovi collegamenti stradali interni al tessuto urbano, laddove esistano le possibilità;
  • Riqualificazione dei marciapiedi esistenti al fine di garantire spazi sufficienti per la circolazione pedonale, di disabili e non (via XX settembre, viale Italia, via De Gasperi, ecc.);
  • Dotazione per i marciapiedi di scivoli terminali per consentire l’agevole superamento del dislivello tra marciapiedi e piano stradale agli incroci e in corrispondenza dei passi carrabili;
  • Costruzione di barriere a protezione della mobilità pedonale nelle strade prive di marciapiedi (via Bronzetti, via Cairoli, via Pertini, ecc.);
  • Applicazione, in edilizia (per quanto possibile anche quella di pregio), di metodologie e tecnologie biocompatibili (bio-architettura e bio-materiali);
  • Recupero del patrimonio edilizio del centro storico, prevedendo forme di incentivazione a condizione che si rispettino specifici vincoli progettuali (in termini di estetica delle facciate, di efficienza energetica, di materiali utilizzati, ecc.);
  • Riqualificazione delle infrastrutture scolastiche comunali;
  • Sblocco dei fondi da anni già stanziati per la ristrutturazione della scuola di Via Milano;
  • Aumentare le aree destinate a verde pubblico prevedendo piani pluriennali per aumentare la superficie verde del comune, privilegiando le specie vegetali autoctone;
  • Revisione delle aree verdi e parchi comunali destinati alla socializzazione dei minori;
  • Individuazione e realizzazione area di sgambamento cani;
  • Valutare la programmazione futura di una gestione in house (comunale) della mensa scolastica;
  • Censire i tratti della rete idrica in cui sono presenti tubi in eternit e programmare la sostituzione totale di tali condotte, definendo le risorse necessarie e un piano temporale di risanamento, magari tramite l’intercettazione di fondi europei;
  • Riduzione degli sprechi di acqua causati da perdite nella rete;
  • Revisione del Regolamento Edilizio Comunale risalente al 1985 (http://www.comune.sannicolalastrada.ce.it/c061078/images/Regolamento%20Edilizio.pdf);
  • Piano regolatore per la bonifica ed il riutilizzo delle aree pubbliche e private abbandonate per conversione in verde pubblico cittadino;


4)Ambiente e mobilità

          Rifiuti

  • Promuovere ogni azione possibile per il risanamento dell’area lo Uttaro, esercitando la massima pressione sul comune di Caserta, sulla provincia e sulla Regione Campania;
  • Individuare opportune forme di intervento per “trattare” i terreni inquinati per poterli recuperare almeno a usi non agroalimentari;
  • Reale e permanente controllo sull’impiego delle acque di falda inquinate mediante un effettivo controllo dei pozzi utilizzati per irrigazione dei campi di produzione agroalimentare;
  • Riqualificazione del servizio di raccolta rifiuti;
  • Contrasto all’abbandono dei rifiuti con l’attivazione di progetti di videosorveglianza atti a dissuadere e a punire gli autori di sversamenti illeciti;
  • Attivazione di progetti per la riduzione della produzione pro-capite dei rifiuti;
  • Attivare un programma dedicato per recupero dell’organico dai bar, ristoranti, mense, etc.;
  • Strategia “oltre” Rifiuti Zero: il “rifiuto” è una risorsa se viene correttamente differenziato, abbatte i costi e crea opportunità di lavoro;
  • Individuazione dei siti e costruzione di moderni centri riciclo per l’ottimizzazione del recupero dei materiali riciclati, il riutilizzo in edilizia degli scarti non riciclabili, vendita diretta delle materie prime e rigenerazione di elettrodomestici da cedere a basso costo a famiglie bisognose;
  • Creazione di un sito comunale per il baratto e la donazione di oggetti di seconda mano e concedendo spazi fisici a supporto di tali attività;
  • Applicazione rigorosa della normativa e delle sanzioni previste per chi non rispetta i luoghi pubblici con l’ausilio della polizia municipale;
  • Avvio di azioni di educazione ambientale di iniziativa comunale;
  • Censimento e incentivazione alla messa in sicurezza e bonifica di manufatti privati contenenti amianto;
  • Incentivare l’utilizzo di un compostatore per chi ha un orto/giardino: ove possibile compost collettivo nelle aree sprovviste di verde. Compostaggio domestico significa eliminare la frazione organica dei rifiuti di casa facendo ciò che la natura fa da sempre, cioè riciclare la sostanza organica non più utile e restituirla in forma di humus. Con il compostaggio dei rifiuti organici si può gestire meglio i rifiuti di casa, producendone meno, contribuire a una conseguente riduzione dell’inquinamento, fare del bene al proprio orto e ai propri fiori e, infine, ridurre le spese di smaltimento dei rifiuti;
  • Introdurre obbligo di separazione dei rifiuti nei mercati rionali, nelle feste di quartiere, in tutti gli eventi all’aperto e negli uffici pubblici;


Acqua pubblica

  • Modifica dello Statuto comunale aggiungendo il seguente comma: “Il Comune riconosce l’acqua quale patrimonio dell’umanità, bene comune, diritto inalienabile di ogni essere vivente. Il servizio idrico integrato è di interesse generale e il Comune ne assicura il carattere pubblico”;
  • Promozione dell’uso di acqua potabile comunale attraverso l’installazione, in diversi punti della città, di fontane pubbliche, che distribuiscano acqua depurata liscia e pure gassata;
  • Incentivazione dell’utilizzo di acqua pubblica in caraffa nei locali, nelle mense scolastiche e negli edifici pubblici;
  • Acqua pubblica certificata attraverso la pubblicazione delle analisi delle acque sul portale istituzionale del comune;
  • Diffusione delle fontanelle pubbliche, in particolare nelle aree a grande frequentazione pedonale e ciclabile con pubblicazione di una mappa aggiornata sul portale comunale, supportata da indicazioni stradali e informatiche;
  • Progettazione di una rete di raccolta delle acque piovane in vasche di decantazione e fitodepurazione per uso irriguo, lavaggio strade, processi di recupero rifiuti e riciclaggio e processi industriali;


Verde pubblico

Riconoscimento delle aree a verde pubblico come patrimonio e ricchezza dell’ambiente urbano, riqualificando il loro “status” di semplice arredo urbano, attualmente suscettibile di ogni tipo di trasformazione;

  • Redazione di un “piano del verde” (strumento di pianificazione integrativo alla pianificazione urbanistica locale, contenente una visione strategica del sistema del verde urbano e peri-urbano);
  • Creazione percorsi a misura di bambino per la mobilità scolastica con la riduzione del traffico e dei fumi di scarico da esso derivante;
  • Monitoraggio e registro ambientale, coinvolgimento delle associazioni operanti sul territorio;
  • Navette di collegamento con le aree di interesse commerciale e scolastico in convenzione;
  • Riprogettare e riqualificare il trasporto pubblico per i collegamenti con la stazione ferroviaria di Caserta;
  • Sistemazione e qualificazione dei punti di accesso al sistema di trasporto pubblico: collocare le fermate in aree adeguate, ben segnalate, munite di coperture adatte a riparare l’utenza dagli eventi atmosferici;
  • Pubblicizzare adeguatamente tra la cittadinanza l’orario di passaggio dei mezzi pubblici sia con mezzi informatici che alle fermate stesse;
  • Città e territorio più sicuri e accessibili a tutti, in primis all’utenza debole, e garanzia del diritto alla mobilità in tutte le sue forme, privilegiando i servizi pubblici e la mobilità alternativa;
  • Incentivazione del bike e del car sharing;
  • Ecosostenibilità del trasporto pubblico e privato, mediante interventi strutturali e organizzativo-gestionali;
  • Creazione di una rete di percorsi ciclabili, che assicuri i collegamenti interni alla città e quelli con Caserta e gli altri comuni confinanti;

5)Politiche sociali e sicurezza

  • Promuovere l’aggregazione tramite sport e cultura;
  • Promuovere e garantire ove possibile il Wi-Fi cittadino gratuito;
  • Promuovere corsi comunali gratuiti di informatizzazione e uso di Internet;
  • Avvio di iniziative volte alla valorizzazione del territorio attraverso un reale coinvolgimento delle realtà operanti in Città;
  • Realizzazione all’interno delle ville di concerti, incontri, mostre, rappresentazioni teatrali;
  • Rivalutazione delle aree urbane attraverso interventi di riqualificazione ambientale e inserimento di elementi artistici;
  • Istituire il Forum dei piccoli, al fine di educare alla democrazia e alla partecipazione alle istituzioni, con presentazione semestrale delle richieste all’amministrazione comunale (nello statuto è già previsto il consiglio comunale dei ragazzi);
  •  Fare una rete reale tra le associazioni, formalizzare la rete attraverso l’istituzione della Consulta del Terzo Settore o l’istituzione di tavoli permanenti di concertazione;
  •  Avviare con le associazioni una programmazione partecipata dei servizi e delle politiche sociali volta alla risoluzione dei problemi, allo sviluppo di comunità, all’empowerment dei singoli e alla rieducazione culturale e sociale;
  •  Riattivazione e pubblicizzazione dell’albo delle associazioni presenti sul territorio al fine di stimolare la partecipazione alla vita sociale e civile e alla programmazione concertata;
  •  Avviare un dialogo con gli enti religiosi al fine di utilizzare gli spazi di loro proprietà che risultano sotto-utilizzati;
  •  Realizzazione di un sito internet al fine di mettere in rete tutte le iniziative e i servizi sociali presenti sul territorio e di ottimizzare le risorse e organizzare le attività, anche attraverso il coinvolgimento gratuito degli enti del terzo settore;
  •  Realizzare il piano regolatore sociale che includa tutte le iniziative pubbliche e private che riguardano il sociale al fine di migliorare la qualità della vita di tutto il territorio;
  •  Programmare iniziative per la partecipazione a bandi in concertazione con gli enti del non profit;
  • Promuovere la realizzazione della Banca del tempo per favorire la cooperazione tra i cittadini mettendo a disposizione qualche ora della propria giornata per offrire ad altri una certa competenza o un determinato servizio;
  •  Realizzazione di un Supermercato Solidale con selezione unica a livello comunale al fine di limitare il clientelismo politico derivante dalla distribuzione della spesa;
  •  Recupero delle eccedenze alimentari di panifici, bar, mense per la creazione del banco alimentare comunale;
  •  Prevedere forme di inclusione sociale attraverso l’avvio di iniziative quali agricoltura sociale, gestione della mensa scolastica in house, servizi di pulizia dei locali pubblici;
  • Aprire i cortili delle scuole e/o le numerose villette presenti sul territorio e abbandonate all’incuria lasciando la custodia a dei volontari potrebbe essere una soluzione per i periodi primaverili ed estivi;
  • Attraverso la stipula di convenzioni con scuole, mense, associazioni di volontariato il Comune promuove l’impegno civile delle persone anziane e l’invecchiamento attivo;
  • Differenziare tipi di sostegno e progetti a seconda dei soggetti diversamente abili e della loro gravità nell’ottica della valorizzazione della persona e delle proprie specifiche peculiarità, sviluppandone al contempo le risorse e le potenzialità;
  • Creare cartelle sociali uniche, condividere buone prassi, costituire un’anagrafe unica degli utenti dei servizi sociali e sanitari, consultabile dagli operatori immediatamente per comprenderne disagi e storia socio-sanitaria, stimolare la collaborazione e il dialogo tra gli enti e i professionisti;
  • Mettere in rete gli operatori del settore sportivo e istituire un tavolo tecnico per la programmazione di eventi, la creazione di regolamenti e in generale per stabilire una politica di promozione dello stile di vita sano nel territorio e del circondario;
  • Ridefinire un regolamento per l’uso degli impianti sportivi in modo da consentirne l’uso ad associazioni, palestre, società o enti sportivi ecc. ;
  • Concordare con i dirigenti scolastici un più efficiente utilizzo delle palestre degli istituti in base alle esigenze dei quartieri e delle società sportive;
  • Favorire la pratica sportiva per i diversamente abili;
  • Programmare annualmente le manifestazioni sportive al fine di darne corretta visibilità;
  • Sviluppo dell’attività sportiva amatoriale e sostegno delle eccellenze sportive agonistiche locali, attraverso il patrocinio di manifestazioni e gare, e lo sviluppo di iniziative ed eventi nelle scuole;
  • Potenziamento dell’URP attraverso l’attivazione di un numero verde e di account sui social network più utilizzati per segnalazioni, reclami e richieste di informazioni;
  • Promozione di corsi di formazione fin dalle scuole medie ed elementari sulle tecnologie nate negli ultimi anni e che rappresentano il futuro dell’economia in tutti i settori;
  • Attivazione dell’iter amministrativo per la concessione dei fondi ministeriali per l’apertura delle sezioni primavera per i bambini di età inferiore ai 3 anni con la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro per i cittadini sannicolesi;
  • Istituzione di tavoli periodici con le forze dell’ordine al fine di monitorare un efficace contrasto alla criminalità organizzata che consenta all’Ente di programmare attività o promuovere progetti per un corretto controllo del territorio a supporto della sicurezza dei cittadini;
  • Videosorveglianza aree a rischio, parchi e zone a bassa frequentazione;
  • Progetto per l’organizzazione dei servizi di sorveglianza, regolamentandoli e reperendo le risorse necessarie, attingendo anche al volontariato locale;

6)Amministrazione e cittadini

Riduzione al minimo delle consulenze esterne tramite valorizzazione dei funzionari e i dirigenti comunali, seguendo la logica del merito, della produttività e dell’efficienza;

  • Accorpamento e rimodulazione dei settori amministrativi seguendo il principio dell’armonizzazione, ridefinizione dei ruoli dirigenziali sulla base dell’economicità e della produttività nella gestione della spesa pubblica;
  • Introduzione della redazione multimediale dei verbali del consiglio e delle commissioni;
  • Erogazione di compensi per lavoro straordinario soltanto nei casi di prestazioni incomprimibili e indifferibili, mai a pioggia;
  • Controllare condotta e risultati dell’attività amministrativa verificandone i risultati anche tramite audit pubblica a cura di un organo terzo, l’Organismo di valutazione che sarà composto da soggetti competenti in materia;
  • Attuare una formazione del personale sulle più importanti norme che regolano il rapporto cittadini/amministrazione;
  • Attivare una gestione digitalizzata della Pubblica Amministrazione (e-government), per migliorare l’accessibilità e la qualità dei servizi dedicati alle imprese;
  • Istituzione dello strumento del recall per gli eletti del M5S
  • Introdurre in Consiglio Comunale la Sessione con domande dal Pubblico appositamente regolamentata (Question Time);
  • Introdurre il referendum propositivo e consultivo su specifiche materie (anche on-line);
  • Consentire ai cittadini di proporre delibere di iniziativa popolaree creare un registro on-line in cui vengano raccolte tutte le istanze inviate alla pubblica amministrazione e dove sia possibile consultare le risposte;
  • Valorizzazione di istanze e petizioni;
  • Istituzione della giornata della democrazia e dell’assemblea “La parola ai cittadini”;
  • Disponibilità gratuita di sale conferenze e spazi aperti per le produzioni culturali delle associazioni no profit quando liberi da concessioni a privati a titolo oneroso. Gratuità della pubblicità delle iniziative di tali associazioni (compatibilmente con le normative vigenti in un comune in dissesto);
  • Agevolare l’accesso, anche online, per i cittadini, agli atti sia della Giunta che del Consiglio  Comunale.  Potenziare i  servizi  online  fornendo  ogni  tipo  di  documento,

modulistica e certificazione che riguardi l’amministrazione comunale, con la possibilità di monitorare lo stato della pratica inoltrata;

  • Trasmettere in streamingtutte le riunioni del Consiglio Comunale;
  • Istituzione dell’Anagrafe Pubblica degli Eletti e dei Nominati;
  • Controllo trimestrale, da parte dei cittadini, di tutte le attività dell’amministrazione mediante assemblee pubbliche, con spiegazione chiara e semplice dei bilanci e dello stato di avanzamento delle politiche comunali;
  • Nei limiti di legge relativi allo stato di dissesto, valutare investimenti nella formazione del personale del Comune affinché acquisisca le competenze tecniche necessarie per svolgere le attività internamente;
  • Attivare presso l’URP un servizio che consenta di rilevare la qualità dei servizi, le attese del pubblico e il livello di soddisfazione degli utenti del Comune di San Nicola la Strada;
  • Creare uno sportello informativo per le imprese che semplifichi il rapporto con l’amministrazione, svolgendo attività di indirizzo e stimolando la nascita di cooperative o consorzi.

7)Energia

Avviare un piano energetico comunale;

  • Avviare un censimento degli edifici pubblici per valutarne la prestazione energetica;
  • Individuare gli interventi di miglioramento energetico e quantificarne i benefici economici;
  • Fare ricorso, dove possibile, a fonti di energia rinnovabile;
  • Quantificare le spese di intervento e stimare un piano di rientro tenendo presenti i contributi comunitari;
  • Promuovere la cultura dell’uso razionale dell’energia;
  • Introdurre tecnologie innovative come le lampade a LED nell’illuminazione pubblica e negli edifici pubblici;
  • Favorire la bioedilizia e pensare i nuovi edifici con il concetto degli eco-quartieri;
  • Controlli sulle nuove costruzioni private, per il rispetto delle normative;
  • Adozione e approvazione di un piano energetico comunale e conseguente riqualificazione energetica di tutti gli edifici pubblici;
  • Autoproduzione e autoconsumo dell’energia necessaria a soddisfare, anche in parte, le esigenze di una comunità;

8)Turismo

Captare turisti italiani e stranieri diretti alla visione della reggia di Caserta e degli enormi patrimoni artistici presenti nella nostra Provincia e Regione fornendo servizi e sistemazioni convenienti e pienamente soddisfacenti;

  • Incentivare e promuovere strutture turistico-ricettive quali B&B, affitta camere, etc.;
  • Realizzazione di un’apposita App informativa;
  • Costituzione di un centro-studi sulla storia del Comune che raccolga e valorizzi i documenti bibliografici sia tradizionali che online e tutti i contributi culturali o di altra natura sulla storia della città.


Senza dignità non è possibile servire la comunità
.

Mahatma Gandhi



PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO VITO MAROTTA (sostenuto dalle liste “Partito Democratico”, “Democratici per San Nicola”, “Partecipazione Attiva” e “Nuovo CentroDestra”)

Ambiente

Il benessere della nostra Comunità passa innanzitutto attraverso il recupero di un rapporto sereno e sopratutto naturale con l’ambiente in cui viviamo.

Non è possibile raggiungere tale ambizioso obiettivo senza una convinta trasformazione dei nostri comportamenti. A tal fine proponiamo una politica sui rifiuti basata sulla capacità di ridurre, di riciclare, di raccogliere in modo differenziato e di promuovere il riuso e, in ultimo ma non ultimo e di vitale importanza, la promozione delle basilari politiche ambientali. Questo consentirebbe di creare una base culturale minima da cui poter partire per il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi traguardi, passo dopo passo. Un nuovo modello di stile di vita potrà essere diffuso attraverso la divulgazione capillare delle informazioni nelle scuole di ogni ordine e grado, nelle comunità religiose nei singoli quartieri e condomini, presso gli esercenti commerciali o associazioni sportive, culturali ecc. Per fare questo sarà importante la collaborazione di tutti: cittadini, volontari, associazioni, comitati di quartiere o qualunque soggetto interessato a dare il proprio contributo.

Lavoreremo per garantire costantemente la corretta applicazione delle prestazioni della ditta appaltatrice del servizio di raccolta rifiuti come ad esempio:

        l’attuazione di ogni prevista misura per il raggiungimento della percentuale di legge del 65% di raccolta differenziata;

        l’applicazione delle penali previste per ogni infrazione alle norme del capitolato;

        il miglioramento della campagna di sensibilizzazione;

        la corretta manutenzione e disinfezione delle attrezzature, dei materiali, degli automezzi e dei contenitori per la raccolta dei rifiuti;

        una adeguata distribuzione e fornitura di contenitori e cestini per servire l’intero territorio;

        l’istituzione della figura della Guardia ecologica per vigilare controllare e rilevare le infrazioni degli utenti.

Prepareremo ed attueremo un Piano complessivo di razionalizzazione della gestione dei rifiuti mediante l’introduzione del concetto di premialità per il cittadino che differenzia bene, la creazione di una o più isole ecologiche, l’adozione del codice a barre personalizzato, il contrasto all’abbandono dei rifiuti anche mediante la videosorveglianza.

----------

Pensiamo che sia giusto introdurre il GPP (Green Public Procurement - Acquisti Pubblici Verdi). Si tratta di uno strumento di politica ambientale che intende favorire lo sviluppo di un mercato di prodotti e servizi a ridotto impatto ambientale attraverso la leva della domanda pubblica.  Ci impegneremo sia a razionalizzare acquisti e consumi che ad incrementare la qualità ambientale delle forniture ed affidamenti promosse dalla nostra amministrazione, mediante prodotti “ambientalmente preferibili” come per esempio quelli meno energivori, costituiti da mater riciclato e/o privi di sostanze nocive, di maggior durata o output di processi produttivi meno impattanti, meno voluminosi, di facile riciclabilità.

----------

Il Comune può fare molto anche per il risparmio energetico e per la promozione dell’utilizzo di energie rinnovabili. Lo può fare definendo una politica energetica coraggiosa e sviluppando progetti innovativi consequenziali.

Le nostre linee di intervento per realizzare una Città sostenibile dal punto di vista energetico saranno:

        azioni concrete per progettare e costruire in modo tale da ridurre drasticamente i consumi degli edifici, sia pubblici, sia privati, sia edilizia convenzionata (regolamentazione edilizia per favorire lo sviluppo di tecnologie rinnovabili come il solare ed il fotovoltaico);

        utilizzo nelle scuole cittadine e negli edifici pubblici in genere di impianti di luce con reattori elettronici, tecnologia che consente di regolare l’illuminazione elettrica in proporzione inversa alla quantità di luce che entra dall’esterno, evitando zone d’ombra sui banchi e sprechi;

        il rinnovo dell’illuminazione stradale applicando un sistema di diffusione che convoglia la luce tutta verso il basso, dove serve, ovviando alle abituali dispersione e l’adozione di corpi illuminanti a basso consumo, che durano fino a dieci anni (e sono privi di mercurio, potenzialmente inquinante).

----------

Una nuova cultura, consapevolezza e competenza all’interno dell’Amministrazione Comunale potrebbe essere favorita attraverso l’adesione ad associazioni di enti locali che condividono gli stessi valori e che sono legate dalla stessa volontà di fare. Esistono network di coordinamento e di scambio di esperienze che sono utilissimi per far tesoro della conoscenza accumulata come ad esempio:

L’Associazione dei Comuni Virtuosi ( HYPERLINK "http://www.comunivirtuosi.org" http://www.comunivirtuosi.org)
L’obiettivo dell’associazione è quello di diffondere su tutto il territorio nazionale buone prassi già realizzate o in corso di realizzazione, per fare in modo che altre realtà possano farle proprie, contando sull’esperienza e sulla consulenza gratuita di chi ha già sperimentato sul campo un’idea vincente.

Il Coordinamento Agenda 21 Italia (http://www.a21italy.it) Il Coordinamento Agenda 21 Italia è una associazione creata nel 2000 senza scopo di lucro. Persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale e svolge delle attività nel settore della tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente.
Più specificatamente, l’Associazione ha lo scopo di promuovere in Italia, ed in particolare nelle aree urbane, il processo di Agenda 21 Locale per rendere sostenibile lo sviluppo nelle città integrando gli aspetti economici, sociali ed ambientali, secondo gli indirizzi delle Carte di Aalborg, Goteborg e Ferrara. Il Piano d’Azione dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile, Agenda 21, è il risultato della Conferenza sull’Ambiente e lo Sviluppo del 1992 a Rio de Janeiro (Brasile). Il piano sintetizza le strategie e le linee di azioni su scala globale, nazionale e locale alle quali s’impegnano i paesi firmatari. Vengono distinte le diverse aree in cui l’attività umana può danneggiare o sta danneggiando l’ecosistema.
In particolare, punta su ogni governo locale chiedendo di elaborare la propria Agenda Locale 21 a favore della comunità locale e per favorire uno sviluppo equo e durevole sul territorio. Nel 2001, circa 6.420 processi Agenda 21 Locale erano già attivati in tutto il mondo. Il Coordinamento delle Agende 21 Italiane è un attore chiave in questo settore per sensibilizzare tutti gli stakeholders coinvolti attraverso azioni d’informazione, di sostegno e di lobbying.

Fondamentale risulterà anche la collaborazione con associazioni di volontariato locali e dei cittadini stessi.

----------

La nuova Amministrazione perseguirà una decisa politica rivolta a promuovere la bonifica e riqualificazione dell’area di Lo uttaro, le bonifiche dell’amianto esistente in città, la riduzione degli sprechi di risorse idriche.

Politiche Comunitarie

L’obiettivo è quello di costituire l'Ufficio Europa (o assessorato ad hoc) che avrà la funzione di diffondere l’informazione e l’orientamento sulle normative e le politiche comunitarie promuovendo anche a livello locale la cultura dell'integrazione europea e lo sviluppo economico del territorio.

L'Ufficio Europa dovrà svolgere un'azione "guida" nella crescita della cittadinanza europea attiva comunale e territoriale, stimolare e sostenere processi di partecipazione per far comprendere quale opportunità rappresenti oggi l'Europa per la vita di ogni cittadino e per la valorizzazione delle potenzialità e risorse del territorio.

E' evidente che l'utilizzo di risorse finanziarie di natura comunitaria è legato all'attivazione di una serie di processi estremamente importanti che vanno dalla diffusione delle informazioni fino alla candidatura di iniziative progettuali ed alla gestione delle iniziative finanziate.

L'attività dell'Ufficio si suddividerà nelle seguenti aree:

Informazione e Comunicazione

Informazione e comunicazione sulla vita, le azioni, le politiche delle Istituzioni comunitarie, sulle opportunità di formazione e lavoro; sulle fonti di finanziamento, dirette e indirette, rivolte a enti locali territoriali, realtà socio economiche e singoli cittadini.

Fomazione e Seminari

Formazione e seminari per sviluppare percorsi rivolti a target differenziati, con l'obiettivo di favorire la conoscenza, da parte di tutti gli attori locali (pubblici, privati e singoli cittadini) delle dinamiche che sottendono gli interventi dell'Unione europea.

Programmi Comunitari

Programmi comunitari per orientare e guidare i cittadini alla scoperta e all'utilizzo delle risorse finanziarie offerte dall'Unione europea.

L'Ufficio Europa dovrà favorire la partecipazione del Comune a tutti i bandi o alle misure a sportello che prevedano finanziamenti utili a realizzare progetti sul territorio cittadino, anche in collaborazione con altri Comuni ed Istituzioni.

Progettazione

Attraverso lo strumento della progettazione europea (europrogettazione) possono essere colte tutte le opportunità che l’Europa è in grado di fornire attraverso fondi ad hoc su specifici ambiti (es. Horizon 2020 o Erasmus+) e che possono essere richiesti a fronte di determinate “calls” (chiamate) che periodicamente la Comunita Europea mette a disposizione.

Nella individuazione e sviluppo dei progetti europei, l’Amministrazione favorirà il coinvolgimento, insieme alle forze politiche locali, di associazioni del territorio e cittadini competenti e collaborativi.

Vivibilità, Manutenzione e Decoro

I risultati dello sviluppo urbanistico del nostro territorio dal 2001 ad oggi sono sotto gli occhi di tutti:

        un territorio con una densità abitativa eccessiva (circa 4700 abitanti per kilometro quadrato), una bassissima percentuale di area permeabile, che accompagnata al mancato adeguamento e alla totale assenza di manutenzione della rete fognaria, causa allagamenti anche in presenza di normali piogge di stagione;

        degrado e abbandono di centinaia di fabbricati del centro storico per mancanza di una qualsiasi politica di recupero del patrimonio immobile esistente;

        un aumento del traffico veicolare che paralizza in certe ore l’intero centro cittadino, oltre alle deficienze riscontrabili nei servizi e sottoservizi, quali parcheggi, reti fognarie e idriche, un forte aumento dell’inquinamento ambientale.

Occorrerà procedere ad una riorganizzazione e riqualificazione urbana attraverso i seguenti punti.

Piani particolareggiati

Approvare i piani particolareggiati che facilitino ed incentivino gli interventi privati e pubblici per il recupero degli edifici e per la rivitalizzazione del centro storico.

Aree Infrastrutturate

Adoperarsi affinché i lottizzatori consegnino le aree opportunamente infrastrutturate dovute per la realizzazione delle lottizzazioni già avviate e in molti casi completate.

Nuovo PUC (Piano Urbanistico Comunale)

Con il nuovo PUC (Piano Urbanistico Comunale), limitare al massimo gli interventi residenziali di tipo espansivo (lottizzazioni edilizie), azzerare il consumo di aree verdi e/o agricole esistenti e privilegiare l’edificazione delle zone sature di completamento e soprattutto intervenire per il recupero del patrimonio edilizio esistente privato e pubblico.

Commissione Edilizia e controlli

Ripristinare la Commissione Edilizia deputata ad esprimere parere sul rilascio delle pratiche urbanistiche evitando in tal modo la natura prevalentemente monocratica di tali atti amministrativi. Assoggettare qualsiasi tipo di edificazione a controlli programmati in cantiere da parte dei tecnici comunali in uno con i direttori dei lavori per reprimere il fenomeno dell’abusivismo edilizio.

Nuova Chiesa

Individuare l’area per la edificazione di una nuova chiesa prioritariamente nella zona F9 di via Giovanni XXIII dove a suo tempo l’Amministrazione Tiscione aveva avviato le pratiche di esproprio, senza escludere eventuali ulteriori aree idonee allo scopo. In questo modo una grande parte della città logisticamente svantaggiata rispetto all’attuale collocazione delle due chiese storiche del centro potrebbe essere finalmente agevolata.

Vivibilità e Manutenzione

Saranno ripristinate ed adeguate le strutture pubbliche della Città, in particolare le aree verdi, con interventi che mirino a ripristinare decoro e pulizia, oltre ad aumentare la sicurezza di queste aree verdi in modo tale da renderle fruibili anche dopo l’imbrunire.

Verranno, inoltre, incentivate iniziative che possano creare sviluppo e momenti di svago per la Città attraverso:

        una creazione progressiva di zone pedonali nei giorni festivi con conseguente promozione di attività commerciali, sociali e ricreative negli spazi pubblici, in raccordo e favorendo i titolari di esercizi pubblici;

        una contestuale politica dei parcheggi capaci di liberare ampi spazi dal traffico veicolare e dalla sosta anche intervenendo su alcuni immobili o isolati per favorirne il recupero o il riuso;

        iniziative per rendere fluido, attraente ed efficiente il trasporto pubblico.

La manutenzione delle strade, del verde pubblico e dell’arredo urbano non dovrà mai più essere realizzata con interventi “a pioggia” guidati dalle esasperate proteste dei cittadini. In funzione delle risorse finanziarie disponibili, saranno elaborati e resi pubblici programmi di manutenzione ordinaria e straordinaria che fisseranno le tipologie di interventi e la relativa frequenza.

Decoro

In condizioni di dissesto è fondamentale ed indispensabile la collaborazione dei cittadini. Cittadini che prendano più a cuore la propria Città, cercando in collaborazione con le forze dell’ordine di combattere ogni forma d’inciviltà. Verranno studiate aspre sanzioni per chi sversa rifiuti in strada e nelle zone periferiche o rurali/industriali della Città. Verrà previsto un Regolamento che permetta ad associazioni di cittadini di “adottare” un’aiuola o una piccola porzione di uno spazio pubblico in modo tale che possano curarlo per abbellirlo per il bene comune. Il tutto sotto l’occhio vigile dell’Amministrazione comunale che al momento, vista la condizione di dissesto, potrà solo conferire un ringraziamento pubblico per l’operato svolto dai cittadini “brava gente”. In futuro, con il dissesto alle spalle, si potrà pensare di riconoscere ai cittadini meritevoli una forma di sgravio fiscale.

Bilancio, Innovazione, Personale

Siamo consapevoli che il dissesto finanziario ereditato dalle precedenti Amministrazioni sarà un vero e proprio fardello per la nuova Amministrazione che sarà chiamata a governare la città, e per tutti i cittadini.

La nostra idea, il nostro “chiodo” fisso, sarà quello provare a risanare il bilancio percorrendo strade diverse da quelle che prevedono l’aumento delle tasse. Verificheremo se ci sono contratti in scadenza che possono essere ritrattati a condizioni migliori e negli interessi dei cittadini.

Un grosso contributo ce lo aspettiamo dal Personale dipendente del Comune, spesso additato dalle precedenti Amministrazioni come non efficiente. I nuovi amministratori dovranno lavorare a braccetto con i dirigenti e i dipendenti comunali. In questi ultimi risiede un patrimonio di conoscenze, di know-how, di memorie che non dovranno essere mortificati da Consiglieri saccenti o Assessori che decidono di lavorare per conto proprio. Le migliori idee per migliorare la macchina Comunale proverranno proprio da chi in quella macchina ci lavora tutti i giorni e da tanti anni.

Contrasto all’elusione ed evasione fiscale

Consapevoli del fatto che il cittadino “perbene” è costretto a pagare tributi più elevati a causa dei fenomeni di elusione ed evasione, la nuova Amministrazione preparerà ed attuerà un piano di riordino e di contrasto alla elusione ed evasione dei tributi e imposte locali.

Sportello Segnalazioni sprechi e Disservizi

Istituire un indirizzo di posta elettronica cui tutti i cittadini potranno segnalare sprechi e disservizi e dal quale riceveranno risposte rapide ed azioni concrete. Un cittadino che segnali una perdita d’acqua oppure una luce inutile accesa, crediamo debba essere ringraziato e non ignorato!

Formazione del personale

Formare il personale dipendente al fine di istituire un ufficio dedito all’approfondimento ed al reperimento delle opportunità economiche offerte dalla Provincia, Regione, Stato ed Unione Europea.

Rafforzamento della funzione di controllo amministrativo

Una delle più gravi mancanze delle amministrazioni cittadine precedenti è stata la incapacità (o forse la mancanza di volontà) di esercitare un reale ed efficace controllo su tutti i contratti, le convenzioni e concessioni stipulate con soggetti terzi. La nuova Amministrazione avrà come obiettivo primario l’efficacia e l’efficienza del controllo pubblico su tutti i settori di attività e, principalmente, su edilizia, gestione rifiuti ed appalti pubblici. Al controllo saranno chiamati a partecipare, insieme con i tecnici e dipendenti della struttura comunale, anche associazioni del territorio e cittadini volontari, in maniera da garantire la correttezza e l’imparzialità della funzione di controllo nell’effettivo interesse del cittadino.

Sicurezza, Legalità e Trasparenza

Legalità e Trasparenza saranno le parole che contraddistingueranno i candidati della nostra coalizione e il loro operato nella prossima Amministrazione. Non solo, crediamo che alla base di tutto ci sia l’ONESTÀ, quindi, sarà nostro impegno candidare persone oneste, concittadini “brava gente”, seri, operosi e, soprattutto, capaci.

Per perseguire gli obiettivi di sicurezza, legalità e trasparenza abbiamo intenzione di mettere in atto azioni concrete.

Telesorveglianza

Dotare il nostro territorio di un sistema di telecamere di sorveglianza funzionanti (non solo montate su dei pali e mai in funzione) è una condizione indispensabile sia per avere una Città più sicura sia per prevenire e perseguire i reati ambientali.

Aumento delle forze dell’ordine presenti sul territorio

Maggiore sicurezza significa rafforzare il controllo sul territorio e per far ciò è indispensabile poter contare su un numero maggiore dei rappresentanti delle forze dell’ordine. Verificheremo ogni possibilità per raggiungere quest’obiettivo consapevoli del fatto che la condizione di dissesto finanziario rappresenta una zavorra anche per questo settore.

Istituzione corsi per Volontari dei Carabinieri e Volontari della Polizia Municipale

Per venire incontro alle probabili difficoltà del punto precedente crediamo che una valida alternativa potrebbe essere l’istituzione dei corsi per “Volontari dei Carabinieri” e “Volontari della Polizia Municipale”. Chiariamo subito due aspetti fondamentali:

se e solo se la proposta sarà condivisa con i Comandanti delle Stazioni Locali dei CC e della Polizia Municipale (loro dovranno essere i primi a credere in questo progetto), si potranno istituire dei corsi specifici per formare i Volontari;

bene ribadirlo a lettere maiuscole, i partecipanti ad eventuali corsi di questo tipo dovranno essere “VOLONTARI” CHE IN ALCUN MODO POTRANNO ASPIRARE AD ASSUNZIONE O AD UN QUALSIASI RAPPORTO DI LAVORO RETRIBUITO.

Già in molte città italiane sono state adottate soluzioni simile con soddisfazione, innanzitutto, dei rappresentanti delle forze dell’ordine. Sicuramente la presenza sul territorio di questo genere di Volontari innalzerebbe il senso civico della cittadinanza.

Protezione Civile

Si lavorerà per valorizzare il ruolo del Nucleo della Protezione Civile, in stretta collaborazione con le Istituzioni sovracomunali competenti in materia.

Dare nuova linfa alla figura del “Nonno Civico”

Occorre formarne altri e dare loro dei riconoscimenti: anche una foto pubblicata, una medaglia di “latta”, un applauso in piazza … i nonni non chiedono nulla, lo fanno gratis per i loro nipotini, ma è giusto essere loro riconoscenti.

Promuovere la trasparenza totale delle attività e degli atti amministrativi

Impegno a rendere il Comune “una casa di vetro”, accessibile a tutti i cittadini. Informatizzazione e diffusione pubblica di tutti gli atti prodotti. Impegno ad “aprire” il governo della città alla partecipazione effettiva e significativa di associazioni e cittadini.

Politiche Sociali

Ufficio di Cittadinanza

Si intende sviluppare un programma sulle Politiche Sociali con una particolare attenzione alla PERSONA, proponendo misure atte al riconoscimento di diritti e alla promozione di servizi del cittadino che lo tutelino nelle diverse fasi della sua vita con un più intenso impegno ai minori, ai portatori di handicap, agli anziani ed alle famiglie.

E’ nostra intenzione istituire l'Ufficio di Cittadinanza o Segretariato Sociale come chiamato in molte realtà, in cui deve essere garantita almeno la presenza di un assistente sociale coadiuvata da una figura amministrativa.

Sarà garantita la massima pubblicità e trasparenza dei criteri di valutazione, semplificazione delle procedure per la richiesta delle esenzioni e delle agevolazioni.

Sinergia Comune-Parrocchie

San Nicola la Strada è una città poco ospitale per i giovani: pochi spazi, pochi locali, pochi punti di ritrovo. Oltre alle Parrocchie e a qualche circolo, non esistono altre occasioni di incontro, di aggregazione, di discussione sui problemi e sui pericoli che quotidianamente i giovani si trovano ad affrontare. Le Parrocchie quindi vanno sostenute e coinvolte in modo pratico nelle decisioni del Comune in materia di politica giovanile, in quanto fondamentali guide nella crescita sana dei giovani, nella lotta alla devianza minorile oltre che come punto di riferimento per le famiglie in crisi.

Queste ultime infatti, prima che all’istituzione comunale, si rivolgono ai parroci che divengono perciò puntuali conoscitori delle situazioni di bisogno o degrado e delle necessità di intervento all’interno del territorio.

Impiego dei locali scolastici e di altre proprietà comunali per favorire la socializzazione.

Si tratta di rendere fruibile alla cittadinanza un patrimonio disponibile e non utilizzato a pieno. Favorire le iniziative di giovani, associazioni e di altri cittadini rivolte ad attività di utilità sociale, culturale ed assistenziale concedendo l’utilizzo di strutture pubbliche esistenti e disponibili.

Tali iniziative potranno anche avere l’effetto di valorizzare e curare meglio la manutenzione e la sicurezza stessa di tale patrimonio.

Cultura

Public Hub

La nostra idea è di ri-utilizzare spazi di proprietà comunale e aprirli ai cittadini per favorire la nascita di ciò che già accade in altre città d’Europa ovvero la creazione di un Hub (fulcro, perno, centro di) in cui ci si incontri realmente e non solo virtualmente. Luoghi in cui ci si reca anche solo per avere una connessione internet gratuita oppure per capire come presentare un documento on-line e che dall’incontro con l’altro possa innescarsi spontaneamente la forza vitale di persone interessate a sviluppare iniziative sociali, progetti e idee in comune.

Teatro Plauto

Occorrerà rendere più fruibile il teatro Plauto non solo ai cittadini attraverso convenzioni, ma anche alle tante associazioni teatrali del nostro territorio.

Organizzazione Eventi

L’idea è l’organizzazione di eventi sia settoriali che popolari attraverso un calendario annuale di iniziative come ad esempio:

        mostre di Arte, presentazione di libri e dibattiti culturali;

        visite guidate storico-culturali sia sul territorio della città che nei comuni limitrofi;

        mercati Vintage;

        eventi musicali in cui poter dare la possibilità a giovani emergenti di potersi esibire (es. Battle of the Bands).

Sport

Lo sport è un elemento fondamentale per la salute e l’educazione dei nostri figli ed è un’occasione per uscire dall’individualismo. Lo sport, inoltre, contribuisce in modo significativo alla coesione economica e sociale e ad una società più integrata.

È fondamentale incentivare l’attività fisica nel più alto numero possibile di cittadini, con una attenzione particolare e specifica all’avviamento all’attività motoria qualificata per le “nuove età”: i bambini ed i ragazzi al di sotto dei 12 anni, e gli over 65, categoria sociale in costante crescita in termini di aspettativa di vita. Abbiamo la necessità di aumentare l’attenzione e il sostegno all’attività sportiva delle persone diversamente abili.

Il nostro scopo è rendere accessibile il patrimonio sportivo che gode la nostra Città dai campetti da tennis alla piscina a una riqualificazione dello stadio comunale, permettendo anche alle scuole di sfruttare in modo efficiente le strutture.

Di seguito i progetti che abbiamo intenzione di realizzare.

Città per lo Sport

A San Nicola è presente un’area che ha questa connotazione ma per vari motivi non è ben strutturata, organizzata e rappresentata. Potrebbe essere implementata maggiormente attraverso una visione integrata in un unico sistema utile ad identificare San Nicola la Strada come “Città dello Sport”.

BiCi-ttà (Percorso Ciclabile)

Un’antica vocazione dei cittadini di San Nicola è quella di andare in bici. Il numero degli anziani che utilizza la bici come mezzo di locomozione e non di svago è molto alto. Sicuramente più alto di quello dei giovani o giovanissimi.

L’obiettivo del progetto è quello di realizzare una pista ciclabile che consenta la circolazione in bici in sicurezza e che possa collegare il centro storico, largo rotonda , parte del viale Carlo III, la «città per lo sport» e la zona Saint Gobain al confine con Caserta.

Il progetto necessità di opere infrastrutturali non eccessive e che potrebbero essere realizzate attraverso il contributo di fondi europei.

Prima ancora che tale progetto trovi piena attuazione, potranno essere effettuate sperimentazioni domenicali o nei week-end, giusto per dare un’idea alla cittadinanza di quale potrebbe essere lo scenario reale che comprende l’idea di rendere area pedonale alcune zone del centro storico.

Piscina Comunale (riSoluzione)

L’obiettivo è l’attivazione in tempi rapidi della piscina comunale.

Sappiamo che dovranno essere superate difficoltà tecniche e amministrative ma ci adopereremo per consentire la fruizione immediata della struttura da parte dei nostri giovani e, in generale, da parte di tutta la popolazione.

Trasporti

Sviluppare una politica di crescita dell’uso del trasporto pubblico per i collegamenti urbani ed extra – urbani. Potenziare e razionalizzare i collegamenti tra San Nicola e Caserta – Napoli. Attuare anche interventi a costo quasi zero ma efficaci come la pubblicizzazione degli orari, la realizzazione di aree di fermata del mezzo pubblico ben evidenti e confortevoli per il cittadino.

Sviluppare una seria politica di gestione degli spazi per la sosta fuori strada, promuovere la mobilità pedonale rendendola più agevole e sicura, promuovere una consistente rete di piste ciclabili come risorsa per gli spostamenti cittadini.

 

 

 

PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO ANTONIO MEGARO (sostenuto dalla lista “Movimento Strada Nuova”)


“D’una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda”. ITALO CALVINO

Siamo una lista civica composta da cittadini comuni e da professionisti, non assoggettata a nessun colore politico e lontana dalle logiche di partito che hanno governato il nostro comune negli ultimi decenni, portandolo alla situazione di sfascio in cui si trova oggi.

Cerchiamo il coinvolgimento di tutti i cittadini, la partecipazione attiva delle persone ed il confronto con le loro idee perché solo con una politica condivisa e costruttiva si può perseguire il bene comune: SAN NICOLA LA STRADA è di tutti e non solo dei soliti pochi e noti.

Noi diciamo basta alla politica a solo scopo individuale; basta alla politica mercanteggiante e clientelare, dove il supremo interesse del singolo sovrasta il bene comune. Noi siamo con la gente e per la gente.

Mai nella storia della nostra città si era raggiunto un livello così basso di amministrazione; la parola “dissesto” era sconosciuta a tutti ed, oggi invece, siamo costretti a conviverci, non solo nel presente ma anche per gli anni a venire. Noi del MOVIMENTO STRADA NUOVA non siamo impreparati difronte alla disastrosa situazione economica comunale, non indietreggiamo e non ci lasciamo intimorire dal vuoto delle casse comunali, anzi siamo pronti ad affrontare tale aberrante realtà con una serie di progetti posti in essere dal nostro team di professionisti che metteranno le loro competenze al servizio della collettività, senza che ciò vada ad incidere in alcun modo sulle economie delle famiglie sannicolesi.

Il nostro impegno sarà rivolto a migliorare la qualità della vita dell’intera cittadinanza, focalizzandoci su determinati aspetti che riteniamo fondamentali ed imprescindibili per un’immediata ripresa della vita cittadina; aspetti questi, che inevitabilmente costituiscono i punti essenziali del nostro programma elettorale:

  1. RIFIUTI E AMBIENTE
  2. FOGNE, STRADE E VERDE PUBBLICO
  3. PUBBLICA ILLUMINAZIONE
  4. POLITICHE SOCIALI
  5. ECONOMICA E FINANZA COMUNALE


1)
CON NOI RIFIUTI ZERO

SAN NICOLA LA STRADA ha raggiunto limiti insostenibili per ciò che concerne il costo della gestione dei rifiuti: il nostro intento e quello di invertire questa tendenza.

Vogliamo creare i presupposti per ridare la giusta dignità ad un territorio martoriato e far diventare la nostra città un esempio positivo nella gestione integrata dei rifiuti. Intendiamo creare un sistema virtuoso in cui chi differenzia adeguatamente ottiene un incentivo economico; vale a dire: tariffa puntuale e precisa basata sulla reale produzione dei rifiuti.

Vogliamo proteggere l’ambiente e quindi la salute dell’intera collettività. Come linee guida noi intendiamo ispirarci e far nostra la cosiddetta “Teoria dei rifiuti zero” che vede nel riciclo, nel riutilizzo e nella riduzione dei rifiuti l’unica strada per la sostenibilità ambientale.

Diventa determinante quindi il SISTEMA da adottare per il raggiungimento dell’obiettivo.

Per questo fine, il MOVIMENTO STRADA NUOVA ha predisposto un programma preciso e ben definito che si sostanzia in tre aspetti principali:

1) realizzazione di un’ISOLA ECOLOGICA funzionale all’intera città dove gli utenti possono depositare i loro rifiuti di ogni categoria ed ogni dimensione – previa differenziazione domestica – durante l’intero arco della giornata.

Infatti l’ISOLA ECOLOGICA sarà strutturata in modo tale da avere un’ampia copertura delle fasce orarie diurne, sarà dotata di personale specializzato nella differenziazione e trattamento rifiuti, sarà concepita all’insegna delle moderne tecnologie che consentiranno all’istante di analizzare ciò che viene depositato nel momento stesso dello sversamento, il peso, la tipologia di rifiuto ed il riconoscimento e abbinamento del sacchetto rifiuti al cittadino che lo deposita;

2) Vigilanza del rispetto concreto del contratto di appalto da parte della società di gestione dei rifiuti;

3) rimodulazione del sistema di raccolta differenziata dei rifiuti attraverso il metodo della raccolta “porta a porta”.

Il metodo sarà applicato ponendo in essere poche e semplici mosse, quali: calendarizzazione della raccolta molto più lineare rispetto all’attuale, che non prevede il fare calcoli dei giorni di raccolta di nessun genere ma con dei giorni prestabiliti e fissi per l’intero arco dell’anno; con la suddivisione dei rifiuti in macrocategorie omogenee di raccolta semplici da attuare; con un sistema di controllo della spazzatura depositata da parte dell’operatore addetto alla raccolta con il compito ed obbligo di segnalare il cittadino inadempiente, cui saranno applicate le sanzioni previste da un apposito regolamento comunale, oltre che un’attività di controllo capillare da parte della Polizia Municipale sull’intero territorio comunale con l’intento di perseguire gli sversamenti illegali di rifiuti.

L’aumento della raccolta differenziata consente la riduzione dei costi di smaltimento dei rifiuti oltre che la possibilità di ottenere, per le casse comunali, degli introiti derivanti dalla commercializzazione dei materiali differenziati quali plastiche, vetro, metalli vari, ecc…, tramutandosi il tutto in una forte riduzione delle quote di costo a carico dei cittadini.

Questi intenti non rappresentano per noi solo una scelta tecnica di diversa gestione della raccolta rifiuti, ma una scelta strategica, politica e culturale per tutte le famiglie, le attività commerciali e le imprese del territorio a cui si chiederà, con fiducia, di contribuire a far sì che gli scarti non siano più un problema per l’ambiente e la comunità, ma una risorsa da riutilizzare e riciclare.

Investiremo tutte le nostre energie in questa scelta che vediamo come una scelta vincente per il futuro, l’unica possibile che porterà:

  • a vedere la città pulita e decorosa senza accumuli ingiustificati di rifiuti di ogni genere, dannosi alla salute e all’ambiente che ci circonda;
  • ad abbattere il costo sostenuto attualmente per lo smaltimento dei rifiuti con conseguente riduzione sostanziale della BOLLETTA a carico dell’intera comunità.

    2)UNA CITTA’ PIU’ CHE VIVIBILE: “CURATA”

Ci prenderemo cura della nostra città, ammalata dalla troppa trascuratezza; non altro è accaduto se non il fatto di essere stata abbandonata da chi non l'ha amata e trascinata verso un palese stato di degrado.

Ebbene, noi la “cureremo” con poche azioni pensate, organizzate, seguite e perseguite fino al raggiungimento del nostro obiettivo: ridare dignità alla nostra San Nicola, la San Nicola di tutti.

Iniziamo dall'impianto fognario, in particolare quello esistente in via Appia e via De Gasperi, due punti critici in cui puntualmente si verificano allagamenti durante le piogge anche di bassa intensità e che di conseguenza comportano disagi all’intera città. Tale problematica è dovuta ad una errata messa in opera dell’impianto fognario stesso, ad una cattiva distribuzione delle griglie di raccolta e dei pozzetti che in alcuni tratti sono totalmente inesistenti, come nel tratto di via Appia che va dal cimitero fino all’incrocio con via Monti. Ulteriore problema dell’impianto fognario di via Appia è quello dell’eccessivo carico proveniente da altre zone, in particolare dai complessi immobiliari sorti su territorio di Caserta al limite dei nostri confini. La soluzione è quella di deviare tali scarichi, anche con una tubazione parallela a quella esistente, in modo da alleggerire il carico della portata del nostro impianto e consentire in questo modo il normale e corretto funzionamento della fogna.

E, con le fogne, le strade lasciate in un totale stato di degrado e abbandono, per le quali sarà previsto il rifacimento integrale e non casuale, attraverso un opportuno programma-lavori sinergico che terrà sicuramente conto (cosa mai fatta prima) dei lavori già stabiliti dalle società private di fornitura di gas, luce, telefonia, ecc., onde evitare di ritrovarci strade rattoppate ancora prima del completamento dei lavori.

Ma la vivibilità di una città non può non passare dalla cura degli spazi e delle aree verdi che rappresentano i punti di ritrovo e aggregazione delle persone di ogni fascia d’età, ed in particolare di bambini ed anziani. Per la cura del verde pubblico miriamo allo sfruttamento delle risorse interne comunali, opportunamente fornite di idonee attrezzature e che opereranno seguendo un preciso calendario, e sotto costante controllo saranno indotte a rispettare le proprie mansioni. Inoltre, per le aree verdi situate in prossimità di condomini ed attività commerciali, sarà ad essi affidata la gestione diretta con gli opportuni controlli periodici, in maniera da coinvolgere anche i cittadini nella gestione della cosa pubblica e che saranno premiati con sgravi al momento del pagamento dei tributi comunali.


3)
E LUCE SIA

Una città che sia tale non può vivere solo nelle ore di sole per poi spegnersi al crepuscolo, lasciando interi quartieri cittadini al buio, dove le luci rimangono spente per mesi interi e si riaccendono, se si riaccendono, solo perché sono state spente in altra zona, il tutto con forti rischi per la sicurezza pubblica e l’incolumità dei cittadini.

Forte sarà l’impegno del MOVIMENTO STRADA NUOVA affinché il problema della pubblica illuminazione venga risolto definitivamente per l’intera città, e ciò ponendo in essere dei progetti, già studiati ed elaborati, che consentiranno l’ammodernamento dell’intero impianto con tecnologia LED; la gestione e la manutenzione ordinaria dello stesso con conseguente risparmio energetico, il tutto con una consequenziale forte riduzione della bolletta pagata. In sintesi i vantaggi derivanti dai nostri progetti per la città saranno:

-                      ammodernamento dell’intero impianto cittadino di pubblica illuminazione;

-                      messa in sicurezza dell’impianto;

-                      riduzione del costo energetico annuo.

Tutto ciò a costo zero per il cittadino. Perché il nostro fare non sarà mettere le mani nelle tasche dei cittadini, ma dare ai cittadini in termini di vivibilità a 360 gradi.  


4)
IL CITTADINO, LA STORIA ED IL FUTURO

Il MOVIMENTO STRADA NUOVA, nell’ambito delle “politiche sociali”, si pone come obiettivo principale l’abbattimento delle distanze tra il cittadino ed il Comune, affinché il Comune torni ad essere la “Casa” di tutti i Sannicolesi e non la dimora di coloro che, negli ultimi decenni, vi si sono arroccati, considerandola “proprietà privata”. Questo obiettivo sarà raggiunto attraverso la creazione, sin dai primi giorni successivi al nostro insediamento, di uno “sportello del cittadino”.

Un punto di ascolto, presso la Casa Comunale, al quale i cittadini potranno rivolgere le proprie istanze e le proprie critiche, trovando sempre rapide ed esaustive risposte.

Si, avete letto bene, le “critiche”. Il Movimento Strada Nuovo nasce dai cittadini per i cittadini e, pertanto, ha bisogno del vostro aiuto. Noi vogliamo essere solo ed unicamente la vostra “longa manus”.

Altro obiettivo, sempre in tema di politiche sociali, è la realizzazione, nei locali di proprietà dell’Ente, fino ad oggi poco e mal sfruttati, di centri di aggregazione per i giovani e per gli anziani. Anziani che sono la memoria storica del Nostro Paese e sono custodi delle Nostre tradizioni e dei Nostri costumi; tradizioni e costumi che, quale nostra identità, non possiamo disperdere.

Per noi sono fondamentali i giovani e lo spazio ad essi riservato. Nel bilancio comunale è previsto un apposito capitolo di spesa da dedicare al finanziamento di attività giovanili; le precedenti amministrazioni tale aspetto lo hanno sempre sottovalutato e di ciò ne è dimostrazione il fatto che ogni anno si prevedeva un accantonamento di fondi in bilancio per attività giovanili dell’importo irrisorio di mille euro.

Il MOVIMENTO STRADA NUOVA ritiene i giovani essenziali e li pone al centro del proprio progetto di sviluppo della nostra città.

Il nostro obiettivo è quello di incrementare i fondi in bilancio da dedicare alle politiche giovanili, in misura crescente nel corso degli anni e così favorire la crescita e lo sviluppo culturale, creativo ed aggregativo della nostra gioventù.

Ma noi guardiamo anche oltre; vogliamo che i nostri giovani siano messi in condizione di poter esprimere tutte le loro potenzialità culturali, imprenditoriali, artistiche. A tale scopo predisporremo l’apertura di uno “Sportello Europa” che aprirà le porte della nostra città alla vita europea, favorendo gli scambi interculturali, la presentazione di progetti comuni e la creazione di rapporti economici e culturali con enti stranieri di pari livello amministrativo; oltre che fornire e promuovere tutte le iniziative e le opportunità che la Comunità Europea mette a disposizione mediante l’accesso ai propri fondi di sviluppo.

Noi crediamo fortemente che i giovani rappresentano il nostro presente ed il nostro futuro: la SAN NICOLA che cresce.


5)
ET VOILÀ, ECCO I SOLDI.

E adesso tutti ci domanderete: avete detto che risolverete il problema dei rifiuti costruendo addirittura un’isola ecologica moderna, il problema delle fogne e dei continui allagamenti, il rifacimento delle strade, la cura del verde pubblico, l’ammodernamento dell’intero impianto di pubblica illuminazione in tutta la città, aumenterete i fondi da destinare alle politiche giovanili. Ma se il comune è in dissesto finanziario ed in cassa non c’è nulla, ma voi i soldi per fare tutto questo senza chiedere nulla ai cittadini, cosi come avete chiaramente detto, dove li prenderete?

Ebbene cittadini sannicolesi noi ve lo abbiamo messo per iscritto e lo gridiamo ai quattro venti, non vi chiederemo nemmeno un euro per la realizzazione degli impegni che prendiamo con voi e che esponiamo con questo programma elettorale.

Ecco come.

Il MOVIMENTO STRADA NUOVA è nato circa due anni e mezzo fa, e dal suo primo giorno di vita esiste un pool di professionisti che lavora ogni giorno allo studio ed alla predisposizione di progetti in grado di realizzare tutti i punti di questo programma elettorale alle condizioni in cui vi è stato proposto: a costo zero.

Inizieremo con una rimodulazione della spesa comunale effettuando tagli sostanziali a tutti quei costi inutili la cui eliminazione porterà solo benefici al bilancio comunale, senza rallentare in nessun modo le attività amministrative. Saranno rivisti tutti i contratti relativi alle forniture dei servizi di telefonia, luce, gas, che oggi portano al pagamento di bollette esorbitanti rispetto alle reali necessità della struttura comunale.

La spending review comunale dovrà evidenziare tutte le criticità operative che generano sprechi e non danno alcun beneficio in termini di qualità dei servizi da erogare. Le spese per il funzionamento degli apparati tecnologici, delle apparecchiature e degli autoveicoli di servizio dovranno essere certificate e coerenti ai piani manutentivi adeguatamente programmati. Le procedure d’appalto di servizi e forniture dovranno essere espletate nella massima trasparenza e conformemente ai costi standard rinvenibili nel sistema CONSIP limitando così il ricorso alla cosiddetta “somma urgenza”, modalità ampiamente praticata dalla passata amministrazione con notevole aggravio dei costi e forti limitazioni alle possibilità di lavoro per le ditte locali.

La nostra amministrazione avrà l’esatta conoscenza della consistenza patrimoniale da acquisire al bilancio comunale e ottimizzerà il livello di redditività in termini gestionali e di investimento.

Faremo una esatta ricognizione dei crediti vantati dall’amministrazione e non riscossi, individuando eventuali azioni omissive per poi comminare le dovute sanzioni patrimoniali ai responsabili.

Saranno tagliati in maniera radicale i costi per consulenze esterne, riservandoli solo in casi di effettiva necessità, attraverso l’utilizzo del personale interno all’amministrazione comunale ognuno per le proprie competenze e settori di appartenenza.

Sarà effettuato il collegamento informatico tra i vari uffici comunali (anagrafe, acquedotto, polizia municipale, ecc…) al fine di avere in tempo reale la situazione completa di ogni nucleo familiare, attività commerciale ed ogni singolo abitante sannicolese, ponendo così in essere una forte e costante battaglia contro l’evasione e l’elusione delle tasse e tributi comunali.

Sarà riorganizzato l’intero patrimonio immobiliare comunale dal cui sfruttamento deriveranno entrate reali per le casse comunali.

Agiremo sulle strutture sportive, ultimandole per poi farle diventare fonte di reddito per il comune ricorrendo ad esempio al sistema del project financing per la gestione delle opere pubbliche del nostro territorio, oggi lasciate alla mercé dell’usura senza che esse possano dare nessuna risorsa per la cittadinanza, né alcun servizio per i sannicolesi oberati da tributi. Pensate alla piscina comunale, costruita a suon di milioni di euro ed inaugurata prima della sua ultimazione solo per prendersene il merito, ma poi abbandonata all’usura del tempo e al depredamento dei vandali. Noi faremo diventare la piscina comunale il fiore all’occhiello della nostra città difronte all’intera provincia casertana, e sarà fonte di grandi entrate per le casse comunali.

Ristabiliremo il servizio di pubblica affissione che oggi non esiste più e che, invece, porta introiti per centinaia di migliaia di euro.

Rinvigoriremo il commercio locale, che rappresenta una delle risorse fondamentali per l’economia cittadina, attraverso specifiche misure incentivanti. Sarà attivato un processo di mappatura delle attività esistenti ed operanti, nonché la verifica del patrimonio immobiliare comunale destinato ad uso commerciale; saranno incentivate le attività commerciali primarie non ancora presenti in determinate zone della città. Noi crediamo fortemente che il rilancio economico del nostro comune passi anche attraverso lo sviluppo delle piccole attività commerciali che oggi perdono sempre più potere competitivo rispetto ai grandi centri commerciali.

Pensate che ogni punto del nostro programma elettorale prevede progetti specifici che di per se già comportano un quasi autofinanziamento degli stessi, come ad esempio il progetto sui rifiuti nel quale basterà semplicemente incrementare la raccolta differenziata, portandola alla percentuale del 60% prevista dalla legge per avere un dimezzamento dei costi di conferimento in discarica che oggi paghiamo alla Provincia, con conseguente maggiore disponibilità monetaria comunale. Oppure la pubblica illuminazione dove l’ammodernamento dell’impianto con tecnologia LED porterà ad un risparmio del costo energetico di circa il 10-15% rispetto all’attuale. Lo stesso rifacimento delle strade comunali, dove i cittadini non sanno che il rifacimento di alcune di esse, spesso anche importanti, e che sorgono intorno ai complessi immobiliari di recente costruzione, sono a carico dei loro lottizzatori, per cui saranno semplicemente fatte rispettare (cosa mai fatta prima) le convenzioni intercorse tra il comune e i costruttori, e che prevedono il rifacimento ex novo dell’intero manto stradale e relativo arredo urbano circostante i suddetti complessi immobiliari. Ciò significa che l’onere a carico del comune sarà molto più basso perché non prevederà costi di nessun genere per tali zone, ma ci si occuperà del rifacimento di tutte le altre strade di competenza.

E come questi ci sono tanti altri esempi che possiamo citare per dimostrare come reperiremo i soldi necessari alla realizzazione del nostro programma elettorale senza scardinare (non come fatto in passato) le tasche dei cittadini, ed anzi con l’intento di fare in modo che tali tasche rimangano un po’ a riposo e a solo servizio dell’utilità personale.

Cittadini sannicolesi con questo programma il MOVIMENTO STRADA NUOVA chiede la vostra fiducia dandovi in cambio un impegno forte e costante affinché si realizziil nostro più grande progetto: una San Nicola che vive, una San Nicola di tutti.

 


PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO GENNARO MONA (sostenuto dalla lista “San Nicola in Movimento”)

Il Programma elettorale del nostro movimento non si articola in una serie di promesse elettorali più o meno realizzabili ma intende invece, stabilire le linee guida sulla base delle quali la nostra amministrazione lavorerà nel prossimo quinquennio.

Amministrare è un impegno da assolvere in modo efficace e da persone competenti che si mettano in gioco fino in fondo. L’obiettivo deve essere il bene comune e la metodologia da utilizzare deve essere quella del buon padre di famiglia aggiungendo la professionalità necessaria per raggiungere lo scopo.

La politica, intesa come servizio alla collettività, che noi proponiamo vuole riavvicinare i giovani e tutti coloro che se ne sono allontanati, delusi dai comportamenti indecorosi da parte di esponenti politici che sono sulla scena negli ultimi anni. Dobbiamo e vogliamo dimostrare che si può gestire la cosa pubblica senza utilizzarla come mezzo per raggiungere secondi fini. Amministrare, deve essere un servizio per la collettività, da svolgere con responsabilità ed entusiasmo.

Vogliamo perseguire in particolare quei principi di solidarietà, di uguaglianza e di ricerca tenendo presenti la trasparenza e la partecipazione.


1) La Trasparenza:
I cittadini saranno informati delle problematiche che verranno affrontate e aggiornati sugli obiettivi che saranno perseguiti dall’amministrazione. Il cittadino sarà quindi protagonista in prima persona della vita amministrativa del Comune.


2) La Partecipazione: Coinvolgere
la popolazione ad intervenire direttamente nella GESTIONE della cosa pubblica al fine di perseguire il bene comune, con idee e offrendo la propria professionalità.

Nel rispetto dei principi sopra espressi, l’attività amministrativa del prossimo quinquennio dovrà far fronte alle seguenti priorità di seguito descritte nel dettaglio.


POLITICHE SOCIALI

Bisogna individuare, attraverso un’indagine accurata, quelle famiglie in cui ci sono bambini, anziani, disabili che si trovano in una reale situazione di necessità.

La pubblica amministrazione deve sostenere e aiutare una fascia sempre più ampia della popolazione distribuendo le proprie risorse in base ad un aggiornamento dei criteri utilizzati, vista la congiuntura economica attuale:

  1. A.Rimodulando le attuali fasce ISEE al fine di ottenere una maggiore giustizia sociale;
  2. B.Introducendo nuove agevolazioni per le famiglie;
  3. C.Sostenendo le associazioni di volontariato attive nel sociale ci proponiamo, inoltre, di attivare progetti integrati di sviluppo sociale, in particolare per giovani, donne, anziani e diversamente abili.

Per muoversi in tal direzione, gli ambiti prevalenti in cui l' Amministrazione si impegnerà sono:

  1. 1.Inserimento scolastico e diritto allo studio;
  2. 2.Socializzazione e qualità della vita;
  3. 3.Sostegno alle iniziative di inserimento / reinserimento lavorativo delle suddette fasce deboli;
  4. 4.Sviluppo di politiche della casa e/o sistema degli affitti agevolati;
  5. 5.Nuova concezione della cultura e dello sport come strumenti di promozione sociale;

Oltre ai punti principali che saranno prioritari, è nostra intenzione sviluppare una rete di connessione Wireless gratuita che copra inizialmente il centro città e gradualmente si estenda all'esterno, coinvolgendo nel progetto anche le attività commerciali. Si favorirà, così, anche la nascita di luoghi di aggregazione giovanile forniti di attrezzature sportive, culturali e ricreative, dotate di attrezzatura informatica per permettere a studenti e giovani lavoratori: di studiare, di accedere ad internet, di discutere in gruppi. Il Comune, vista la scarsità di fondi necessari per realizzare tali spazi, si adopererà per creare i presupposti affinché, in ogni quartiere ve ne siano con investimenti pubblici/privati. Si deve passare dal quartiere dormitorio al quartiere vissuto, dove tutti i cittadini devono essere orgogliosi di farne parte e viverci. Saranno coinvolti i giovani sannicolesi nella fase della concezione e realizzazione di iniziative culturali ed artistiche (concerti, cineforum, eventi) da loro stessi promosse e suggerite, in modo da valorizzare forme d’espressione e giovani talenti del nostro territorio.


POLITICHE URBANISTICHE, TERRITORIO

La pianificazione dell’Urbanistica va concepita in un’ottica di lungo periodo in modo da garantire la crescita equilibrata della città e l’armonizzazione tra gli insediamenti e integrata con i servizi, definendo uno scenario territoriale accogliente e soprattutto condiviso dalla comunità. La pianificazione è quindi uno strumento essenziale per realizzare obiettivi di qualità ambientale e soprattutto sociale della città, nel quadro di azioni di governo, improntate a realizzare la sostenibilità dello sviluppo.

Ritornerà ad essere un punto essenziale, la cura ed la manutenzione degli spazi pubblici e delle strade; ampliamento e sistemazione delle aree verdi, rifacimento laddove possibile dei marciapiedi in modo da dare la necessaria fruibilità a chi oggi purtroppo utilizza una carrozzina, piste ciclabili periferiche, illuminazione, aree giochi per la crescita dei bambini.

Per rendere la città più vivibile, si assicurerà il rispetto di alcuni principi, tra i quali: la riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente; la valorizzazione del “centro storico” con l’introduzione di una vera isola pedonale, creando le condizioni per viverlo ed abitarlo.

Realizzare un’area dedicata ai cani con ingresso controllato ad uso esclusivo dei cittadini di San Nicola la Strada.

Verrà individuata un’area di proprietà del comune su cui verrà realizzata una recinzione con varco gestito da lettore di badge, l’ingresso verrà abilitato sulla tessera dei servizi rilasciata dal comune e già in possesso dei cittadini. All’interno dell’area ci sarà la presenza di giochi di agility dog, panchine e contenitori per la raccolta degli escrementi. Per la tranquillità dei cittadini che utilizzeranno la struttura ci sarà la presenza di un educatore cinofilo iscritto all’ENCI, che offrirà supporto gratuito all’interno dell’area negli orari stabiliti.

Per l’abilitazione sulla tessera e l’utilizzo della struttura sarà previsto un costo di 5 euro mensili.

Successivamente potrà essere previsto l’accesso di persone di altri comuni previa autorizzazione e un costo mensile maggiorato da stabilire con apposita regolamentazione.

Saranno impegnate le risorse necessarie per completare l’iter per l’approvazione dei Piani Particolareggiati; sarà completata l’attività di lottizzazione area ex 167; saranno completatele aree a verdee le strutture di servizio della lottizzazione della zona Michitto.

Saranno completate e messe a disposizione dei cittadini le strutture comunali (Piscina, Campi da tennis, Campi di calcio etc…) al momento abbandonate in uno stato di degrado; tali strutture saranno utilizzate dai cittadini sannicolesi a tariffe agevolate.

Sarà indispensabile, per un gestione oculata dei problemi specifici, incrementare il coinvolgimento dei Comitati di Quartiere che debbono avere compiti non solo consultivi, ma anche propositivi rispetto alle scelte amministrative che riguardano i singoli ambiti territoriali. A cadenza semestrale, dovranno   svolgersi degli incontri tra Amministrazione e componenti dei comitati per fare il punto sulle cose fatte e su quelle da fare.


AMBIENTE E ECOLOGIA

L’obiettivo primario del nostro movimento è quello di passare progressivamente dall’attuale economia sviluppata e di consumismo esasperato ad un’economia dello sviluppo sostenibile.

Perciò “San Nicola IN MOVIMENTO” intende:

  1. Rivedere i regolamenti urbanistici ed edilizi allo scopo di promuovere ed incentivare l’energia rinnovabile, di natura solare, fermo restando il principio della salvaguardia paesaggistica ed ambientale del territorio;
  2. Promuovere installazione di impianti fotovoltaici sugli edifici comunali per garantire agli stessi l’autosufficienza energetica;
  3. Promuovere un progetto di modernizzazione degli impianti di pubblica amministrazione installando sistemi di illuminazione ad alta efficienza e a basso consumo (LED) con alimentazione fotovoltaica;
  4. Promuovere una conferenza dei servizi con i gestori di telefonia mobile per concedere la possibilità di installare apparati radiomobili in luoghi idonei dal punto di vista sanitario;
  5. Realizzare un’ isola ecologica a cura del concessionario;
  6. Promuovere la distribuzione dei sacchi per la raccolta rifiuti con codice a barre;
  7. Promuovere una politica dello smaltimento dei rifiuti più adeguata realizzando anche un’isola ecologica a totale carico del concessionario. Si favorirà la nascita di guardie ecologiche che avranno il compito di vigilare sul territorio prevenendo atti vandalici e l’abbandono di rifiuti, molto diffuso in particolare nelle periferie. Tali figure avranno anche un ruolo nel controllo e nella cura del patrimonio verde della città;
  8. Realizzando un area dedicata ai cani, permetterà di salvaguardare la salute degli animali e la tutela della salute pubblica, riducendo la diffusione sul territorio dei rifiuti organici.

POLITICHE di Bilancio

Con la crisi “ma il problema si è posto anche da prima” si vanno riducendo i contributi che lo Stato eroga ai Comuni.

Si impone quindi la necessità di una politica delle entrate e delle uscite più rigorosa che a giudizio di " San Nicola IN MOVIMENTO" si baserà su:

  1. Adesione al programma di contrasto all’evasione fiscale varato dal governo;
  2. Ricerca sistematica di fondi europei destinati ai piccoli comuni e mirati a precisi progetti che andranno quindi studiati, adattati e attuati. A tale scopo San Nicola IN MOVIMENTO” costituirà un gruppo di tecnici sannicolesi, giovani e neolaureati, capaci di istituire progetti e capaci di utilizzare in modo efficiente i fondi europei, regionali e dello stato centrale;
  3. Revisione se necessario del catasto urbano;
  4. Controllo delle uscite e revisione delle modalità di spesa, riducendo al minimo le consulenze, creando consorzi d’acquisto con altri Comuni della zona per realizzare economie di scala;
  5. Per ridurre il forte debito comunale è opportuno procedere con operazioni di cessioni di beni a valore cospicuo e concessione a terzi di servizi, al fine di generare un valore economico per il comune; nell’ottica del recupero delle opere comunali abbandonate bisogna completare le procedure di affidamento ai soggetti aggiudicatari cercando così di recuperare somme di danaro utili al rientro del debito.

SICUREZZA

Con i numerosi casi di furti e rapine perpetrati a danno dei nostri concittadini noi di “San Nicola IN MOVIMENTO” ci proponiamo di aumentare la sicurezza, grazie alla collaborazione tra Amministrazione, Polizia Municipale, associazioni di volontariato e forze sociali, in modo da garantire una maggiore sorveglianza sul territorio.

Secondo noi eventuali soluzioni e azioni possono essere:

  1. Potenziare il presidio del territorio attraverso la video sorveglianza, ripristinando quanto già realizzato e ampliandola in modo da dare la piena copertura a tutta la città, soprattutto nelle zone periferiche, dove il controllo del territorio è meno efficiente;
  2. Rafforzare la collaborazione e il sostegno alle forze dell’ordine nell’azione di contrasto e d’indagine;
  3. Valorizzare il ruolo dell’agente di Polizia Locale, utilizzando pienamente le sue potenzialità professionali come la conoscenza del territorio e il rapporto fiduciario con i cittadini, incentivandolo nelle attività di educazione nelle scuole e di sensibilizzazione dei ragazzi verso comportamenti di civile convivenza;
  4. Rafforzare, anche ricorrendo ad attività di volontariato, la sorveglianza dei bambini davanti alle scuole;
  5. Promuovere attività d’informazione e sensibilizzazione dei cittadini sui comportamenti da adottare per la prevenzione dei reati;
  6. Favorire attività di aggregazione dei cittadini di tutte le fasce d’età, al fine di arricchire la vivibilità nel territorio, ridurre i fenomeni di emarginazione sociale e rafforzare il tessuto solidale.  


In conclusione

Per poter amministrare al meglio una città bisogna avere una visione di quello che vogliamo realizzare, una visione di quello che sarà il suo futuro, una visione di quella che sarà una San Nicola la Strada migliore. La San Nicola la Strada che immaginiamo noi è un paese in cui i cittadini partecipano in modo attivo alle decisioni riguardanti la propria vita e quella del proprio paese, che contribuisca in maniera fattiva alla vita dell'amministrazione comunale con procedure partecipative ben definite e chiare;

la San Nicola la Strada che immaginiamo è un polo di attrazione per le imprese e di sviluppo di nuove metodologie di lavoro che consentano la piena occupazione;

la San Nicola la Strada che immaginiamo è più snella a livello burocratico e permette la soluzione dei problemi in tempi rapidi e certi, aumentando l’efficienza della macchina amministrativa; la San Nicola la Strada che immaginiamo è ecosostenibile ed autosufficiente energeticamente; la San Nicola la Strada che immaginiamo è un paese che rispetta l'ambiente e che ha nel riciclaggio dei rifiuti e nella raccolta differenziata porta a porta i suoi cardini; la San Nicola la Strada che immaginiamo è efficiente nell’erogare i servizi alle persone che ne hanno bisogno.

La nostra San Nicola la Strada, quella che noi immaginiamo,

è la San Nicola la Strada che tu vorresti: una San Nicola la Strada migliore.

 

 

 

PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO FRANCESCO NIGRO (sostenuto dalla lista “Mo basta! Speranza Tradizione”)

Alcuni degli obiettivi primari che si prefigge la lista “MO BASTA! speranza tradizione” per risolvere i numerosi problemi che affliggono il nostro territorio (ambiente, cultura, scuola, trasporti, lavoro, servizi sociali, circolazione stradale, sicurezza ecc.) sono i seguenti:

-                Risanamento del dissesto finanziario

-                Combattere la politica fatta di interessi personali, affari privati e familiari, clientele e speculazioni a danno della società civile

-                Affrontare i problemi della città con metodi trasparenti, democratici e partecipati

-                Tagli agli sprechi e lotta all’evasione.

Il nostro programma amministrativo si articola secondo i seguenti sintetici punti, che non costituiscono il libro dei sogni o delle false promesse, ma l’insieme di alcune esigenze elementari e fondamentali dei cittadini.

ATTIVITA’ FINANZIARIA

Le casse comunali portate (non da noi) al dissesto finanziario vanno risanate con tagli agli sprechi, alle parcelle esose e dispendiose, alle spese faraoniche e clientelari, alla evasione. Un amministratore oculato deve fare i conti con le risorse economiche che un comune ha a disposizione. Non si può spendere di più di quel che si incassa. Le finanze del comune non sono un pozzo dal quale si può attingere sempre.

Servono rinunce a partire dagli amministratori. Se la nostra lista avrà degli eletti, essi rinunceranno alle indennità e ai gettoni di presenza a favore della collettività. Il primo gesto che un eletto deve compiere in un comune che è stato portato al dissesto finanziario è quello di impinguare i capitoli di entrata con la rinuncia alla propria indennità.

A chi verrà a chiedervi il voto, domandategli se nel programma amministrativo ha scritto che non percepirà indennità o gettoni di presenza.

Molti di quelli che hanno portato al dissesto finanziario il comune, oggi si propongono come i “salvatori”. Vogliamo dare il consenso ai responsabili di questa situazione?

CULTURA

  • Tutelare e valorizzare il patrimonio storico ed artistico.
  • Attuare iniziative nel settore delle tradizioni popolari e della storia locale, del teatro, della musica, della danza, del cinema, dell’arte.
  • Organizzazione di convegni, manifestazioni e dibattiti culturali su temi di attualità anche attraverso il coordinamento delle associazioni presenti sul territorio.
  • Portare avanti nel settore della scuola azioni incisive per la riorganizzazione e la cura dell’edilizia scolastica, per la fornitura degli ausili didattici, la cura dei rapporti tra scuola e società.
  • Reale funzionamento della Biblioteca Comunale.
  • Rivitalizzazione del Museo comunale con iniziative ed attività ad esso collegate (musica popolare, videoteca ecc.).
  • Costruire una cultura di non violenza e di pace.

PARTECIPAZIONE

  • Promuovere la partecipazione dei cittadini ed in particolare dei giovani alla vita politica e all’impegno democratico.
  • Indire assemblee popolari e rionali sui temi essenziali della città.

AMBIENTE E VIVIBILITA’

  • Miglioramento della vivibilità della città attuando interventi puntuali sull’ambiente circostante tesi a ridurre l’inquinamento atmosferico e acustico. Installare sistemi di controllo dell’aria.
  • Verifica costante della sicurezza della rete idrica e pubblicizzazione periodica delle analisi della potabilità dell’acqua.
  • Dare una vera attuazione alla raccolta differenziata in modo da tutelare l’igiene della città e la salute dei cittadini.

SERVIZI SOCIALI

  • Migliorare la qualità della vita a partire dai soggetti più deboli (disabili, minori, anziani) creando servizi primari ed essenziali, lottando contro ogni forma di emarginazione e di solitudine e dando risposta al problema dell’accoglienza.
  • Contribuire alla integrazione delle moltissime famiglie venute ad abitare negli ultimi anni nella città di San Nicola la Strada.
  • Impegno ad attuare tutte le iniziative necessarie per combattere il fenomeno della droga.
  • Impegno ad affrontare il problema del randagismo.

URBANISTICA

La politica urbanistica praticata a San Nicola la Strada ha portato al massimo lo sfruttamento delle aree edificabili. Il territorio di San Nicola la Strada è uno dei più urbanizzati della provincia di Caserta. L’attuazione dei Piani Particolareggiati è rimasta da anni irrisolta a fronte di grossi insediamenti urbanistici che hanno privilegiato l’interesse di pochi. Con l’attuazione di tale strumento urbanistico, nell’ambito del PUC, si darà ampio spazio al recupero del patrimonio edilizio esistente.

SICUREZZA STRADALE

Lavorare per attutire il grave fenomeno degli incidenti stradali, che coinvolgono in primo luogo i giovani e le ragazze. Gli ingressi della nostra città (Viale Carlo III, Via Appia, Via S. Croce, Via D. Gentile ecc.) sono segnati da mazzi di fiori che ricordano le vittime della strada. La sicurezza stradale, tema del tutto assente nei programmi dei partiti politici, costituisce un nostro obiettivo prioritario. Il comune deve farsi carico in modo concreto dell’educazione stradale a partire dalle scuole. Fornire buoni guida per la formazione dei giovani aspiranti al conseguimento della patente di guida.

VIABILITA’

Rendere le strade sicure attuando una puntuale ed efficiente manutenzione, installando idonea segnaletica, effettuando il taglio della vegetazione e combattendo l’abusivismo pubblicitario.

Il numero degli abitanti ed i problemi di viabilità e di traffico rendono necessario l’elaborazione di un Piano Traffico, che prevede anche la creazione di aree di parcheggio e, ove possibile, di isole pedonali e di piste ciclabili.

Miglioramento del servizio dei trasporti con l’inserimento di navetta per collegamenti interni (palazzo della salute, edifici scolastici, cimitero, strutture sportive ecc.).

VERDE E ARREDO URBANO

Potenziamento e cura del verde, animazione dei luoghi d’incontro con eventi artistici e attività ludiche.

Potenziamento dell’arredo urbano e abbattimento delle barriere architettoniche. La mobilità pedonale viene ostacolata da elementi fissi e mortificata dalle deiezioni canine sempre presenti sui marciapiedi, dall’assenza di cestini per i rifiuti, di panchine e altri arredi di comfort.

ATTIVITA’ SPORTIVE

Promozione di attività sportive federali ed amatoriali.

Interventi di manutenzione e cura degli impianti sportivi (campi di calcio, bocciodromo ecc.).

Funzionamento a pieno regime delle strutture sportive.

LAVORO

Considerata l’attuale grave crisi del lavoro, si opererà per costituire un osservatorio sul mondo del lavoro (censimento delle aziende industriali, commerciali ed artigianali) e per attivare tutti gli strumenti di formazione e di introduzione al lavoro, che lo Stato e la Regione mettono a disposizione.

SERVIZI COMUNALI

Migliorare l’efficienza dei servizi comunali e la vigilanza sul territorio.

Trasparenza nell’attività amministrativa (gare di appalto, forniture, pubblicizzazione degli atti amministrativi ecc.).

^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^

La lista “MO BASTA! speranza tradizione”, nata per volontà di numerosi cittadini provenienti da diverse esperienze politiche e sociali (associazioni culturali e di tradizioni popolari, meridionalisti, speranza provinciale), non partecipa a tavoli di spartizione, ad ammucchiate e ad alleanze politiche ad ogni costo, che portano a crisi e paralisi delle attività amministrative.

La lista “MO BASTA! speranza tradizione” si prefigge di assicurare a San Nicola la Strada la vivibilità ed il bene comune, mettendo in piedi un’amministrazione comunale seria, onesta, capace ed efficiente.

 

 

 

PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO ANGELO PASCARIELLO (sostenuto dalle liste “Insieme”, “Incontro”, “Progetto comune”, “Patto per San Nicola”)

PREMESSA

Al termine di una consiliatura quantomeno sfortunata, conclusasi anticipatamente e con il Comune di San Nicola la Strada commissariato, sciolto e dichiarato in “dissesto”, ci proponiamo alla cittadinanza con la volontà di esserci, per arrestare il degrado della nostra Città, per ridare dignità all’Istituzione comunale, per garantire Servizi utili anche se minimali, per ridare un senso alla vita pubblica e sociale e ricostruire una adeguata vivibilità urbana, per le nostre stesse famiglie e per tutti i concittadini.

PROGRAMMA

SERVIZI COMUNALI – TRIBUTI LOCALI

Ovviamente, per obblighi di Legge e per materiale carenza di disponibilità economiche, un comune DISSESTATO non può che limitarsi alla gestione più che oculata delle risorse con l’obiettivo di non appesantire ulteriormente i tributi se fosse possibile, come è invece accaduto ovunque ci sia stato un dissesto finanziario che, paradossalmente, si riverbera sempre e comunque sugli incolpevoli cittadini, quasi con un logica punitiva per le scelte politiche effettuate, senza tenere conto che l’indicazione del Corpo Elettorale non può prevedere l’incapacità, l’insipienza e in qualche caso la cattiva fede degli Amministratori scelti, in quanto, è noto, le idee camminano sulle gambe degli uomini. Forti delle precedenti esperienze di guida consapevole e responsabile della Città, ci si propone di lenire gli effetti disastrosi della dichiarazione di dissesto economico e di invertirne del tutto la tendenza negativa nel corso della legislatura, per riconsegnare un Comune risanato da affidare ad una futura classe dirigente giovane, preparata, adeguata, che non debba lottare da subito con i perversi effetti del dissesto delle casse comunali.                      

NON E’ COSI’ ma si percepisce oggi la sgradevole sensazione di dover entrare in casa propria dopo una rovinosa rapina posta in essere da una banda di sprovveduti. Si tratterà quindi di ridurre al minimo i danni e le devastazioni e gli sprechi, di razionalizzare senza penalizzazioni i Servizi, di incrementare i comportamenti virtuosi come la raccolta differenziata dei rifiuti, di chiedere apertis verbis” la collaborazione fattiva dei cittadini disponibili, per la gestione della sorveglianza territoriale, per l’ausilio agli anziani, agli infermi alle donne ed ai bambini, che sono patrimonio comune di tutti. In tale ottica, assumendo su di sé la pesantezza finanziaria ereditata, qualora vincenti, amministreremo la casa comunale e tutta la macchina amministrativa, con il buon senso ed il rigore del buon padre di famiglia, controllando minuziosamente la spesa, riavviando con saggezza la macchina amministrativa, motivando il personale comunale verso obiettivi concreti di contenimento della spesa, nella consapevolezza che una sana, attenta, rigorosa e responsabile gestione delle risorse è possibile e realizzabile.

Solo così San Nicola la Strada potrà liberarsi della cappa di piombo che ora la sovrasta, ritornando alla tranquillità ed ai ritmi sereni di alcuni anni or sono.

GIOVANI, CULTURA, SPORT E TRADIZIONI

Monitoraggio dello stato di abbandono in cui versano tutte le strutture pubbliche dedicate ai giovani ed alle attività sportive e ricreative in genere, dopo la battuta di arresto che non ha consentito ad alcune belle realtà di funzionare neanche per un giorno, vanificando l’impegno e le risorse finanziarie impiegate per realizzarle, quasi si operasse solo per una perversa volontà di denigrazione e di annientamento del precedente ma, probabilmente, per assoluta insipienza umana, amministrativa e culturale. Se necessario si ricorrerà, quando possibile, anche ad accordi con privati investitori per riuscire a far funzionare ciò che è stato faticosamente realizzato per essere abbandonato subito dopo. Saranno ricercate ed usate tutte le soluzioni possibili, nel rispetto della Legge e del buon amministrare, affinché ai nostri cittadini venga offerta la possibilità di utilizzare gli impianti sportivi, luoghi prediletti dai giovani ed irrinunciabili spazi di aggregazione positiva che, mancando soprattutto le necessarie e vitali opportunità di lavoro per tutti, assumono un significato di autentico baluardo contro il degrado e contro la devianza giovanile.

Altrettanta cura si dovrà avere per la cultura e la conservazione delle tradizioni continuando su di un percorso tracciato alcuni anni fa e bruscamente interrotto, atteso che tante iniziative possono essere assunte anche con le casse in sofferenza. Basta motivare i cittadini, gli anziani per un certo aspetto (tradizioni) ed i giovani per una cultura attualizzata con percorsi di riscoperta e valorizzazione dell’esistente ed attività di implementazione della cultura giovanile con cicli cinematografici, incontri musicali e scoperta di nuovi talenti in ogni campo culturale che, ne siamo certi a San Nicola la Strada sussistono anche se negletti e soffocati.

AMBIENTE, TERRITORIO, SCUOLA, PROBLEMATICHE DEL SOCIALE

La tutela dell’ambiente passa necessariamente attraverso una rigorosa, attenta, consapevole attuazione della raccolta differenziata dei rifiuti che, non può essere affidata solo alla responsabilità dei cittadini utenti ma soprattutto a quella del Comune che li deve coinvolgere ed agevolare anche ideando delle premialità, ancorchè simboliche, per incentivare i comportamenti virtuosi dei ragazzi e dei bambini.                          

Il territorio, di pari passo all’ambiente, va tutelato con una visione moderna e partecipata delle politiche, che faccia sentire i Cittadini “Proprietari” e non solo utilizzatori di tutto ciò che è pubblico, strade, marciapiedi, piazze ed aree verdi. Chi possiede un bene, difatti, tende a preservarlo e sarà quindi anche disposto ad accettare le limitazioni ed i sacrifici personali che tanto comporta. Occorrerà comunque riguardare l’assetto generale riducendo al minimo possibile il consumo di territorio privilegiando sempre il pubblico interesse. Anche l’edilizia privata, che non va demonizzata bensì controllata ed indirizzata, dovrà quindi adeguarsi ad una necessità di collaborazione con l’Amministrazione Comunale, contribuendo alla tutela del patrimonio territoriale della Città, in funzione dei suoi stessi interessi di valorizzazione dei propri investimenti.  

La scuola, la cenerentola di tante amministrazioni comunali, va preservata in termini di efficienza didattica ma soprattutto di SICUREZZA dei bambini, del personale e delle famiglie. I genitori che accompagnano a scuola i loro figlioli dovranno essere sempre certi di averli condotti in un luogo sicuro, salubre, piacevole e, quindi, formativo. Se non si potrà operare in termini di edilizia scolastica vera e propria, si investiranno tutte le risorse disponibili nella verifica e manutenzione del patrimonio edilizio esistente. Verifica delle strutture, quindi ed interventi manutentivi puntuali e corretti soprattutto per quanto attiene i materiali impiegati e le procedure lavorative.

Per i Servizi Sociali si dovrà continuare con tante belle iniziative a basso costo a favore del tempo libero dei cittadini meno giovani quali gli “orti degli Anziani” ed il ripristino delle “Domeniche della Salute” per lo screening delle più diffuse patologie attuali che, sovente, non vengono diagnosticate tempestivamente, invitando i cittadini a prendersi cura, a costo zero, della propria salute ed efficienza fisica. Ed ancora si dovrà prestare maggiore attenzione ai portatori di handicap, eliminando qualunque barriera architettonica, curando la transitabilità dei marciapiedi, allestendo numerose panchine su tutto il territorio comunale.

LAVORI PUBBLICI –URBANISTICA

In quanto tali dovranno probabilmente segnare il passo fino al recupero economico della Città in termini di nuove opere, anche perché si dovrà provvedere al ripristino ed al funzionamento di alcune opere pubbliche realizzate quattro/cinque anni or sono, mai entrate in funzione ed abbandonate al degrado, quali la Piscina Comunale ed i Campi da Tennis, Teatro Plauto. Analogamente, vanno completate le opere pubbliche appaltate da tempo e mai decollate.

Priorità assume in particolare, l’annosa questione dell’allargamento di via SS. Cosma e Damiano, vitale per il miglioramento della viabilità e lo studio ed il varo, finalmente, di un adeguato, razionale e moderno Piano Parcheggi.

Tutti gli investimenti cioè dovranno essere diretti al funzionamento ed alla manutenzione dell’esistente poi, quando le finanze lo consentiranno, si potrà prevedere qualche ulteriore

realizzazione pubblica a San Nicola la Strada. Nell’ambito del Settore Urbanistica occorre  

procedere al varo dei Piani Particolareggiati e Paesaggistici e all’assoluto rispetto di tutte le convenzioni previste dai piani di lottizzazioni approvati.

SICUREZZA E CONTROLLO DEL TERRITORIO

Particolare attenzione sarà dedicata al Settore della Polizia Municipale che, compatibilmente con le risorse finanziarie e con le norme di Legge vigenti, va potenziato in termini di attrezzature ma anche di personale in quanto si deve privilegiare la funzione di controllo dell’ordine pubblico e di garanzia della sicurezza piuttosto che l’attività di mera repressione delle piccole violazioni del Codice della Strada. Si va assistendo difatti, in moltissimi comuni, ad un utilizzo della polizia urbana solo per elevare contravvenzioni a volte anche poco ragionevoli, al solo ed unico scopo di “fare cassa”. Ciò è ingiusto, fuorviante e mortificante per gli stessi Vigili Urbani ridotti a “taglieggiatori” dei cittadini. A San Nicola invece la Polizia Urbana dovrà soprattutto pattugliare il territorio: poco Ufficio e molta Strada quindi. La sicurezza urbana ne sarà avvantaggiata e gli operatori saranno considerati amici dei cittadini, dei bambini e degli anziani in particolare. Di concerto dovrà essere ripristinato e potenziata la Videosorveglianza atteso che, la cronaca lo dimostra, mediante un diffuso sistema di telecamere si scoraggia la criminalità, si può intervenire a favore di eventuali vittime, si individuano spesso i colpevoli di atti delittuosi.

**********

In conclusione questo Programma che può sembrare minimalista è invece potenzialmente molto vasto perché tutto è escluso in termini di forti investimenti, tutto è compreso in termini di corretto utilizzo delle risorse disponibili. Coloro che, in contrapposizione politica ed ideologica affermassero il contrario, dovranno presentare ai cittadini, che non lo meritano, autentici libri dei sogni, infarciti di promesse non realizzabili quindi di autentiche, consapevoli menzogne.   San Nicola è una Città in “DISSESTO FINANZIARIO”, noi ne siamo consapevoli e ci proponiamo a governare il dissesto per consentire alla popolazione almeno un dignitoso futuro urbano. Nessun volo pindarico, nessuno

slancio emozionale fine a se stesso, molto pragmatismo, l’oculata gestione ed il buon senso del “ buon padre di famiglia”, l’amore per la Città ed i suoi cari cittadini: niente di più ma anche niente di meno!

 

 

 

 

NIKIPEDIA 
"TuttoSanNicola
l' Enciclopedia 
di San Nicola
la Strada 

fondata e diretta 
da
Nicola Ciaramella  

PROSSIMAMENTE ON LINE


VIDEOFOTOTECA 


Documenti filmati e fotografati per la storia e per l'attualità 


-di Biagio Pace- 

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di
LUGLIO 2024

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

VINCENZO SALZILLO, PIANISTA

Tutta la carriera artistica del talento musicale sannicolese
(a cura del ©Corriere di San Nicola)

NAPOLI NEL CUORE


Tutta la storia dell'evento promosso da Alfonso Moccia narrata ed immortalata dal Corriere di San Nicola

LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fiero di averla narrata ed immortalata sin dal primo giorno sulle pagine del Corriere di San Nicola. 
Onorato di essere il giornalista più titolato a parlare di questa grandissima squadra. 
Nicola Ciaramella

STORIA DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fu istituito nel 1990. Le carriere dei sei comandanti che sinora lo hanno guidato.

OGNI CITTADINO PUO' SALVARE UN CITTADINO
Tutti gli articoli del "Corriere di San Nicola" sul progetto
"SAN NICOLA LA STRADA CARDIOPROTETTA"

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

29.ma Festa del Tesseramento dell’Associazione N.S. di Lourdes 

800x600

Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione.Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione. 1

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

TUTTO IL "DISSESTO FINANZIARIO" MOMENTO X MOMENTO 
Come si giunse al giorno più nero della storia amministrativa sannicolese e chi nulla fece per evitarlo 

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

PERCORSO QUARESIMALE CON LA SANTA SINDONE 
I VIDEO dei cinque incontri del programma promosso da Don Antimo Vigliotta e dal Prof. Luciano Lanotte

LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Storia dei Carabinieri di San Nicola la Strada

 Le carriere degli otto Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di
LUGLIO 2024

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2020-2025 


ORGANIGRAMMA
della
amministrazione comunale

 
PROGRAMMA
AMMINISTRATIVO



 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (rubrica ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

La 
VIDEOGALLERY 
del "Corriere di San Nicola" 

... Per rivedere... per ricordare... per rivivere  migliaia di momenti e personaggi della storia di San Nicola la Strada. 
UN DOCUMENTO UNICO ! 
TUTTI I VIDEO PUBBLICATI SUI CANALI YOUTUBE E FACEBOOK DELL'ENCICLOPEDIA CORRIERE DI SAN NICOLA 

 https://www.corrieredisannicola.it/video/notizie/media-gallery/video-gallery

 (alcuni filmati, per il momento non visualizzabili, sono in corso di ristrutturazione..)