Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
APRILE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


312 i cittadini visitati al Campus Salute di San Nicola la Strada

Alcuni giunti da altri comuni.
Latita ancora, purtroppo, la “cultura della prevenzione”,
alla diffusione della quale, nella carenza delle istituzioni, contribuiscono in modo rilevante soltanto le associazioni di volontariato.

Abbiamo ricevuto i dati ufficiali. Trecentododici è il numero dei cittadini che, tra sabato 1 e domenica 2 febbraio, si sono recati al Campus Salute Indoor allestito dalla omonima associazione Onlus, presieduta dal dr. Rosario Cuomo, nelle aule della scuola “Nicholas Green” in viale Europa a San Nicola la Strada.
Per motivi di privacy, l’elenco, ovviamente, non può essere pubblicato. Per tutti è stato rilasciato relativo referto.
593, invece, sono state le viste effettuate, come a dire che diversi visitatori hanno chiesto di sottoporsi personalmente a più di una visita.

La consigliera comunale Michela Papa, promotrice dell’iniziativa con Alessia Tiscione (sono loro, con l’ex assessore Sortino e il consigliere Tripaldella, che hanno lanciato gli input dei pochissimi lodevoli eventi del genere svoltesi negli ultimi anni sul territorio) si è così espressa in un post pubblicato sul suo profilo facebook: «Si è conclusa questa due giorni all’insegna della Prevenzione! I numeri mai come in questo caso hanno un peso specifico rilevante perché rappresentano il messaggio che si è voluto e si vuol dare:” Prenditi cura di te!”. 593 prestazioni complessive contro le 475 di tre anni fa stanno a significare che manifestazioni come queste fanno bene alla Comunità! Prevenire significa in taluni casi giungere quanto prima ad una diagnosi precoce. Solo un grande lavoro di squadra può raggiungere un tale traguardo. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito operosamente alla realizzazione del Campus... dai medici, ai volontari, alle scuole, alla Croce Rossa Italiana così come alla Protezione Civile ed alla macchina Comunale che, come sempre, in appuntamenti come questo ha dimostrato la propria efficienza e compattezza! Un grazie doveroso e sentito va a tutti i Cittadini che si sono sottoposti alle visite specialistiche dando un segno tangibile di cosa vuol dire “PREVENIRE”!».

Il Comune ha, invece, diramato un comunicato stampa che pubblichiamo così come ci è giunto: «Poco meno di seicento, 593 per l’esattezza, le prestazioni complessive effettuate nel corso della due giorni preventiva del “Campus Salute Indoor”, ospitato a San Nicola la Strada per volontà dell’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Vito Marotta, nel plesso scolastico “Nicholas Green” in viale Europa dell’Istituto Capol. D.D. guidato dalla dirigente scolastica Patrizia Merola. La campagna di prevenzione rivolta alla cittadinanza promossa dalla sezione di Caserta dell’Associazione Campus Salute Onlus, presieduta dal dottor Rosario Cuomo, è stata, un successo. Tanti i volontari in campo, dai medici in servizio al personale della Croce Rossa Italiana, fino agli studenti del Liceo Diaz di San Nicola la Strada e di altri istituti superiori che hanno fatto da supporto logistico all’iniziativa. A San Nicola la Strada il lavoro e l’impegno dell’Amministrazione Comunale hanno visto impegnate in prima fila le consigliere comunali Michela Papa, medico di professione e promotrice dell’iniziativa e Alessia Tiscione, delegata alle Politiche Europee, con la prof. Teresa Argentieri del plesso “Nicholas Green”. A far da supporto logistico ed organizzativo il Nucleo Comunale dei Volontari della Protezione Civile, guidato dall’infaticabile Ciro De Maio e ottimamente coordinato dal consigliere comunale con delega alla Protezione Civile Mattia Tripaldella. Nel corso della due giorni al “Campus” sono intervenuti anche la senatrice Lucia Esposito, l’ex sindaco Pasquale Delli Paoli, i consiglieri comunali Giovanni Motta e Sofia Loffredo, l’assessore all’Urbanistica Gaetano Mastroianni e l’assessore all’Ambiente ed alle Politiche Sociali Lucio Bernardo. La loro presenza testimonia l’unità dell’Amministrazione Comunale che crede nella prevenzione come impegno concreto in favore della cittadinanza.
“Siamo davvero contenti del successo dell’iniziativa, il tema della prevenzione portato avanti in questi anni ha rappresentato un punto programmatico rilevante del mio programma che ci ha uniti e ci sprona a fare meglio tutti uniti nel futuro – commenta il Sindaco Vito Marotta – abbiamo con pochi sforzi e tanta collaborazione da parte di volontari, offerto un servizio ai nostri concittadini e non solo visto che, fra i tanti che si sono sottoposti a visite e controlli, c’erano anche abitanti della città limitrofe. Ringrazio di cuore il dottore Rosario Cuomo presidente dell’Associazione Campus Salute Onlus, e la presidente dell’Ordine dei Medici della Provincia di Caserta Maria Ermini Bottiglieri, per la disponibilità e la professionalità offerta dei medici a titolo gratuito e volontario e da tutti coloro che hanno lavorato per la buona riuscita di questa seconda iniziativa, dopo quella del 2017, che la nostra Città ha ospitato”
».

Eccessivo, secondo noi, l’entusiasmo manifestato.
I numeri, pur cresciuti rispetto alla lontana precedente edizione del 2017, sono, secondo noi, comunque deludenti.
Una percentuale così bassa della popolazione sannicolese che si sottopone a screening e controlli sanitari è, secondo noi, decisamente molto deludente.
Vediamo di capire perché.

Il motivo principale, secondo noi, è che in un contesto socio-sanitario come la inquinatissima Terra dei Fuochi, caratterizzata da altissima mortalità non certamente per errati stili di vita, come si vorrebbe far credere, manca ancora una percettibile “cultura della prevenzione”, alla mancata diffusione della quale contribuiscono in maniera rilevante le nostre lacunose e carenti istituzioni.
Le nostre istituzioni, insomma, sempre secondo noi, non sono state finora in grado, a causa delle loro spaventose inefficienze, di incoraggiare la gente a comprendere quanto sia importante la prevenzione.
A partire dall’Asl, ma questo è solo un esempio, che invece di mandare in giro camper e roulotte (come è avvenuto recentemente anche a San Nicola la Strada), dovrebbe organizzare vere e proprie campagne di screening al Palazzo della Salute, tracciando poi un preciso percorso per ogni singola persona eventualmente necessitante di essere seguita. Non è utopia, ma progetto serio che menti pensanti potrebbero pensare.

Anche i Comuni potrebbero fare molto di più, al posto di semplici patrocini morali. Facciamo un altro esempio. Se i comuni avessero veramente l’idea della prevenzione, dovrebbero promuovere ben altro che qualche iniziativa ogni tanto (lodevoli, per carità, ma molto, molto sporadiche). Potrebbero, ad esempio, prendere i loro centri che stanno sul territorio (guardie mediche, medici di medicina generale, ecc.) e fare rete mettendo a loro disposizione gli strumenti necessari. Nel caso dello screening per il cancro del colon, il comune potrebbe, ad esempio, farsi garante nei confronti di una casa farmaceutica per dotarsi di kit occorrenti all’attività da svolgere, oppure, magari per la prevenzione del cancro alla prostata, mettere a disposizione un laboratorio analisi per tutta la popolazione. Questo ed altro del genere dovrebbe essere il vero senso delle politiche cosiddette sociali, che spesso di sociale hanno solo la denominazione e la facciata.

Le istituzioni tutte dovrebbero, insomma, alimentare, seminare fiducia ai cittadini, organizzando proprie iniziative, stanziando risorse economiche e non limitandosi solo a patrocini e passerelle.

Quando sentiamo le istituzioni pubbliche parlare di prevenzione, sinceramente ci viene quasi da ridere.
Quando sentiamo le stesse istituzioni minimizzare il fenomeno delle morti per tumore in provincia di Caserta, talvolta accusando i giornalisti di diffondere in maniera inesatta le statistiche che loro stesse redigono, beh, ci viene da piangere.

Prevenzione. Una parola che riempie la bocca a politici e operatori sanitari che vogliono fare politica.
Prevenzione. Una parola che è praticamente assente a livello istituzionale e si esalta, invece, solo quando si assiste al grande impegno di tante associazioni di volontariato (soprattutto quelle di volontariato puro, cioè lontanissime dal potere) che operano con il cuore, con passione, con spirito di servizio, con la consapevolezza di fare del bene. Perché solo così si può vincere, anche se si è piccoli.

Nicola Ciaramella
©Corriere di San Nicola



 

 


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
APRILE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori