Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

dalla
PROVINCIA, dalla REGIONE, dall'ITALIA, dal MONDO

Notizie da
OLTRE I CONFINI DI SAN NICOLA LA STRADA



 

 

 

 

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
LUGLIO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, FENOMENO DEL MOTOCICLISMO
Video-intervista al piccolo grande campione del motociclismo casertano che ha vinto le Interregionali Tirreno Adriatico e Trophy Cup.

25 maggio: 133° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI S. PIO



Don Franco Catrame: “Molti cristiani si sono appellati e si appellano costantemente alla benevolenza di Padre Pio, per chiedere un suo intervento dal cielo, nelle situazioni di dolore, sofferenza e difficoltà”.


 Padre Pio nacque in provincia di Benevento, a Pietrelcina, il 25 maggio 1887. Conobbe la sua vocazione fin da tenera età. Nacque infatti in una famiglia umile, e crebbe con un’educazione rigida e cattolica. Cominciò così il suo noviziato a soli quindici anni, e da lì la scelta di assumere il nome di Fra Pio.
Chi era Padre Pio
I suoi genitori erano infatti poveri contadini ma molto devoti. Ogni sera si pregava in famiglia il rosario tutti insieme. Il clima che si respirava era di grande fiducia nel Signore e nella Vergine. Padre Pio visse il soprannaturale già molto presto nella sua vita, fin da bambino. Il piccolo Francesco infatti riceveva visite frequenti di Gesù e Maria, e vedeva demoni e angeli, ma non ne parlava con nessuno.
Il 22 gennaio 1903, infatti, entra in convento a sedici anni e da francescano cappuccino diventa fra Pio da Pietrelcina. Sette anni dopo, il 10 agosto 1910, diventa sacerdote. I suoi primi anni di sacerdozio sono tuttavia molto duri per le sue precarie condizioni di salute.
L’adolescenza di Padre Pio
Padre Pio è soffre molto per una malattia ai polmoni, a cui si aggiungono le terribili vessazioni del demonio, che non lo lasciano in pace, sottoponendolo a dure torture tanto nel corpo quanto nello spirito.
Nel 1916 viene trasferito per scelta dei suoi superiori sul Gargano, in Puglia, a San Giovanni Rotondo, nel convento di S. Maria delle Grazie. Qui inizia la straordinaria vita di Padre Pio, il frate taumaturgo e apostolo del confessionale.
La vita sacerdotale
Nel convento di San Giovanni Rotondo il suo impegno si rivolse fortemente nella direzione spirituale dei fedeli e nella riconciliazione dei penitenti. Le lunghe file di persone che accorrevano da tutte le parti d’Italia per confessarsi con Padre Pio parlavano da sole. Ebbe forte cura costante verso i poveri e i bisognosi, con lo stile inconfondibile che contraddistingueva, severo e dolce, pienamente radicato e configurato a Cristo crocifisso.
Intorno alla fine degli anni venti la sua fama cominciò a crescere a dismisura. Sulle sue mani apparvero infatti le stimmate della Passione di Cristo. Il 20 settembre 1918 infatti Padre Pio riceve le stimmate della Passione di Cristo. Queste resteranno aperte e sanguinanti per una durata di cinquant’anni.
Le stimmate e la fama di santità
Questo fenomeno portò a lui un alto numero di fedeli da ogni luogo del Paese. Tutti volevano così conoscere questo frate di Pietralcina, che poteva curare i fedeli persino da brutte malattie.
Vennero condotti molti esami medici, allo scopo di verificare se le ferite fossero reali oppure auto inferte, se cioè Padre Pio fosse un millantatore. Furono numerose le visite, che portarono calunnie e ispezioni canoniche al povero frate, che nonostante si dichiarasse “figlio dell’obbedienza”, sopportando tutto.
La scomunica della Chiesa, e la riabilitazione
Il risultato delle analisi portò la Chiesa a condannare il frate, e i fedeli vennero invitati allo scetticismo verso il sacerdote.
Viene anche sospeso a divinis, per poi essere prosciolto dalle accuse e reintegrato nel ministero sacerdotale anni dopo. Ma nel 1933 Papa Pio XI riabilitò giustamente il sacerdote.
Padre Pio morì il 23 settembre 1968 a 81 anni. Venne dichiarato venerabile nel 1997, beatificato nel 1999, canonizzato nel 2002.
La morte di Padre Pio
Alla sua morte, le stimmate scomparirono dal suo corpo. Il giorno del suo funerale accorsero centomila persone. Il processo di santificazione di Padre Pio avvenne nella sostanza molto prima nel popolo che nel momento in cui la Chiesa decise di elevarlo agli altari. La forte devozione dei fedeli lo colloca infatti senza dubbio tra i santi più amati del novecento.
Nella sua cella vi era appesa una celebre frase di San Bernardo, che diceva: “Maria è tutta la ragione della mia speranza”. Fu infatti a Maria che Padre Pio dedicò la “Casa Sollievo della Sofferenza”, oggi una struttura sanitaria tra le migliori in Italia e al mondo, che conta 70000 ricoveri l’anno.
La realtà dei Gruppi di preghiera
Negli anni quaranta Padre Pio diede avvio alla realtà ecclesiale dei Gruppi di Preghiera, oggi frequentata da duecentomila devoti in tutto il pianeta.
Fu Maria a difenderlo costantemente dal demonio, e a guarirlo miracolosamente ben due volte, nel 1911 e nel 1959, dopo che i medici lo avevano ormai dato per spacciato. Nel secondo caso, fu l’arrivo della Madonna pellegrina di Fatima a San Giovanni Rotondo, il 6 agosto, a guarire il frate tra lo stupore dei fedeli.
La preghiera incessante del rosario
Padre Pio aveva costantemente la corona del rosario in mano, e pregava senza mai fermarsi. “Questa preghiera è la nostra fede, il sostegno della nostra speranza, l’esplosione della nostra carità”, diceva Padre Pio. Nel suo testamento scrisse: “Amate la Madonna e fatela amare. Recitate sempre il Rosario”.
Una volta gli fu chiesto: “Esiste una scorciatoia per il Paradiso?”. Il frate rispose: “Sì, è la Madonna. Essa è il mare attraverso cui si raggiungono i lidi degli splendori eterni”.
Rivolgiamo insieme le nostre preghiere a Padre Pio
Molti cristiani si sono appellati e si appellano costantemente alla benevolenza di Padre Pio, per chiedere un suo intervento dal cielo, nelle situazioni di dolore, sofferenza e difficoltà. Una delle particolari novene a lui dedicate comincia così:
O San Pio, per l’ardente amore che hai nutrito per Gesù, per l’instancabile lotta che ti ha visto vincitore sul male, per il disprezzo delle cose del mondo, per avere preferito la povertà alle ricchezze, l’umiliazione alla gloria, il dolore al piacere, concedici di progredire sul cammino della Grazia al solo fine di piacere a Dio. Aiutaci ad amare gli altri come tu hai amato perfino quelli che ti hanno calunniato e perseguitato. Aiutaci a vivere umili, disinteressati, casti, laboriosi e ad osservare i nostri buoni doveri cristiani.

(Post facebook di Don Francesco Catrame)

Pubblicato da ©Corriere di San Nicola


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
LUGLIO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori