Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
NOVEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


SPECIALE ELEZIONI COMUNALI 2020 

Le Elezioni Comunali 2020 di San Nicola la Strada raccontate dal Corriere di San Nicola

IL MONDO A SCALE 
-Racconto di Gerardina Rainone-


(Disegni di Virginia Cioffi)

PARTE III

 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

Antonio Del Monaco racconta Peppino Impastato

42 anni fa fu ucciso un giovane giornalista noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra.
Il deputato di Maddaloni, membro della commissione parlamentare Ecomafie, ci ha fatto giungere un toccante ricordo, che volentieri pubblichiamo.

Come membro della Commissione Ecomafie, ho deciso che da oggi scriverò un pensiero per ogni vittima del terrorismo e delle stragi poiché si avvicina il 23 maggio, giorno della Legalità nell’anniversario della strage di Capaci.

Voglio iniziare col ricordo di Giuseppe Impastato detto Peppino, la cui morte passò forse in secondo piano perché avvenne nello stesso giorno del ritrovamento del cadavere di Aldo Moro in via Caetani.

Peppino nasce a Cinisi il 5 gennaio del 1948. Giovane attivista politico, giornalista, sempre pronto a schierarsi dalla parte del più debole, sempre in prima linea nella lotta contro ogni sopruso, affinché tutti potessero avere gli stessi diritti: odiava la mafia, la criminalità organizzata, proprio lui che proveniva da una famiglia in cui vi erano esponenti mafiosi.

Peppino rimase scioccato dall’agguato che fecero allo zio Cesare Manzella, capomafia del paese, rimasto ucciso il 26 aprile del ʾ63: fu proprio questo brutale assassinio a spingere il giovane a non darsi pace nella lotta alla mafia. Aveva appena 15 anni quando, con coraggio e determinazione, ruppe i rapporti col padre e fu pertanto cacciato di casa.

L’impegno di Peppino fu fortissimo: nel 1965 ideò e fondò un giornale L’idea socialista e aderì al PSIUP; portò avanti una serie di battaglie sociali, come quella dei contadini privati dei loro terreni per fare spazio alla costruzione della terza corsia dell’aeroporto di Palermo; scioperò con gli edili, gli operai, i disoccupati.

Peppino costituì nel ʾ65 il gruppo Musica e Cultura, proprio con la volontà di diffondere un messaggio culturale che ampliasse gli orizzonti della gente, un messaggio troppo spesso lasciato da parte o ritenuto superfluo, inutile. Nel ʾ77 diede vita ad una radio libera Radio Aut e fu proprio questa la causa di maggiore fastidio per la criminalità organizzata e i politici corrotti. Lui, infatti, attraverso il mezzo di comunicazione più utilizzato allora, ideò programmi in cui denunciava le attività illecite della malavita di Cinisi e Terrasini, facendosi addirittura beffe dei personaggi che vi appartenevano, dello stesso zio Gaetano Badalamenti.

Nel 1978 si candidò nelle liste della Democrazia Proletaria facendo una campagna elettorale contro la corruzione, il crimine. Le elezioni si sarebbero tenuto il 14 di maggio. Fu una campagna elettorale senza peli sulla lingua, con lo scopo preciso di attaccare la criminalità organizzata, di aprire gli occhi della gente, svegliare le coscienze dei più deboli e impauriti. Numerosi furono gli avvertimenti, le minacce, ma Peppino non si fece mai intimorire.

Fu proprio lo zio a decretarne la morte: dopo essere stato rapito nella notte tra l’8 e il 9 Peppino fu fatto saltare in aria sui binari, imbavagliato e legato. Fu inscenato un suicidio, o meglio, un attentato mancato per sua stessa mano: e così, ucciso dalla dinamite che aveva preparato per fermare la ferrovia, Peppino fu diffamato nel modo più vile. Persino la procura diede per vera questa ipotesi.

Ci sono voluti tanti anni per venirne a capo, a causa delle prove artefatte di un caso giudiziario assai complesso. Nel 1992, il tribunale pur ammettendo la responsabilità mafiosa ma non potendo risalire direttamente ai colpevoli, archiviò il caso. Due anni dopo però il Centro Impastato presentò un’istanza di riapertura dell’inchiesta chiedendo l’interrogatorio del collaboratore di giustizia Salvatore Palazzolo, affiliato alla mafia di Cinisi; nel giugno del 1996, alla luce di quanto emerso dall’interrogatorio venne riaperta finalmente l’inchiesta e nel 1997 venne emesso un ordine di carcerazione per Badalamenti, quale mandante del delitto.

Solo il 5 marzo del 2001 la Corte d’assise emise la sentenza di condanna di Vito Palazzolo a 30 anni di reclusione e l’11 aprile del 2002 Gaetano Badalamenti fu condannato all’ergastolo.

Ho voluto iniziare con Peppino perché ha sempre rappresentato un’idea di libertà e giustizia sincera. Lui, lontano dalle fosche tinte velenose della sua famiglia paterna, così giovane eppure tanto coraggioso, maturo.

Peppino è un martire, mai si è negato, mai si è tirato indietro, vivendo pienamente la vita, secondo i valori dettati dalla sua coscienza. Peppino vive ancora oggi: chi come lui ha dato la vita per la verità, non potrà mai finire nell’oblio della morte.

On. Antonio DEL MONACO


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
NOVEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2020-2025 


ORGANIGRAMMA
della
amministrazione comunale

 
PROGRAMMA
AMMINISTRATIVO



 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
  Vedi Elenco Operatori