Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


Giotto va in pensione

"Ecco come vedo oggi la vita che ho trascorso in azienda"...

-PENSIERI, PAROLE & MOUSE di un Esodato-

Ecco come vedo oggi la vita che ho trascorso in azienda, da un punto di osservazione più distaccato. In paroloni, attraverso una “prospettiva paradossale delle dinamiche di carriera su basi meritocratiche all’interno di organizzazioni gerarchiche” (cit. Laurence J. Peter).
Appena assunto, ricevo dei fogli e una penna per fare la O. Mi applico per anni che sembrano interminabili e alla fine mi esce un'ameba. Ma ho chiuso la linea: dunque vengo promosso capo reparto. Decidono che sono pronto: mi danno dei fogli più grandi e un bicchiere. 
Dopo qualche altro anno finalmente mi esce la O: giunge così l’agognata promozione a vice capo ufficio (col senno di poi non è un granchè, ma all’epoca mi sembra già tanto). Accetto il trasferimento in altra provincia - a mie spese - perché mi invitano a “disseminare le mie conoscenze oggettive” (cit. Karl Popper), cioè a trasmettere ai colleghi la mia capacità di fare una O quasi perfetta con gli strumenti tecnici forniti dall'azienda (anche se, tengono a sottolineare, ho ancora tanto da imparare e quindi non devo montarmi la testa).
Più in fretta rispetto agli altri avanzamenti, vengo promosso capo ufficio per aver raggiunto un elevato livello di competenza riguardo alla geometria piana circolare: in altri termini, padroneggio la O (col bicchiere).
Imbaldanzito, nei quattro anni successivi mi metto in aspettativa due volte di seguito e mi applico in uno “studio matto e disperatissimo” (cit. Giacomo Leopardi) per completare un percorso accademico sulle tematiche della O col bicchiere, che culmina – nientedimeno - in una ricerca all’estero. Lì fa molto freddo, ma la biblioteca del noto istituto scientifico “O & Glass” è ben riscaldata. Così completo la mia ricerca.
Al ritorno, vengo immediatamente promosso quadro perché - agli occhi dell'ufficio personale - devo essere diventato una sorta di guru in fatto di fogli, O e bicchieri. Che soddisfazione! Devo ammettere compiaciuto che pochi sanno chiudere la O bene come me: soprattutto adesso che ho fatto mie le migliori metodiche internazionali.  In particolare, sono iperspecializzato nei bicchieri eleganti (non quelli comuni) perché il lavoro per me non è solo sostanza, ma anche forma & bellezza, perciò mi piace. Anche l'azienda sembra tenerne conto.
Nel frattempo, giungo “nel mezzo del cammin” (cit. Dante Alighieri) del mio viaggio interiore: ho compiuto da poco il giro di boa dei 35 anni. Ma non mi curo dell’età, perché sono tutto concentrato sul mio principale obiettivo: la complessa relazione che intercorre tra i fogli, la O e l’insostituibile bicchiere.
E infatti, passa qualche altro anno e le mie (in)competenze vengono premiate: quadro super (dal greco ὑπέρ, oltre, al di sopra). Comincio ad inorgoglirmi. A questo punto sono di fronte ad una scelta: provare una lettera più difficile (la Q o addirittura la G) oppure diventare un accreditato esperto - e quindi formatore aziendale nazionale - sulle tematiche concernenti la lettera O (sempre col bicchiere)?  Facciamo la seconda, va', 'ché parto da una base empirica robusta.
Passano pochi anni e divento nientepopodimeno che funzionario (in sigla F5, che con il nuovo contratto si trasforma nel misterioso acronimo QD3). Indubitabilmente è un traguardo, ma adesso cos’altro mi tocca? Ho paura dell'ignoto e non mi sento pronto ad affrontare altre lettere: ammetto a me stesso che è comodo adagiarsi sugli allori dell'autostima di chi è consapevole di conoscere la O in ogni suo angolo (uno).
Per fortuna, passa qualche altro anno e ricevo un'offerta da un’azienda concorrente – così va questo mondo - che nel frattempo è venuta a sapere di me e della mia O. Mi viene conferita la promozione a funzionario apicale (in sigla QD4), con un trattamento economico da dirigente (in sigla TER), perché mi impegno a trasferire tutto il mio sapere in quel campo così specialistico. Ma il tempo scorre inesorabile, sebbene io continui a non curarmene perché la mia attenzione è tutta concentrata sui nuovi obiettivi, cioè gli stessi di prima ma da un’altra parte.
Dopo altri anni ancora, il bicchiere diventa ineluttabilmente obsoleto e ormai di O ne trovi quante ne vuoi nel Portale dell'azienda. Anzi, lì puoi trovarci tutto l'alfabeto. Proprio le O, che un tempo erano il prodotto di una rara perizia, ora sono alla portata di tutti i lavoratori con un semplice clic. E mo'? A chi potrebbe servire questa mia (s)misurata  competenza? Ormai la O col bicchiere la faccio quasi ad occhi chiusi. Eureka! Potrei accettare quel vecchio invito di passare dall'azienda al sindacato. Magari lì, dove sono più tradizionalisti ed apprezzano le doti umane, sapranno come utilizzare le mie skills in fatto di geometria piana circolare (sempre la O col bicchiere).
E allora divento sindacalista, passando negli anni dal ruolo aziendale a quello provinciale, dal ruolo regionale a quello nazionale, dal ruolo consiliare a quello europeo...un momento: pure qui la O col bicchiere comincia a non servire più! Anche il sindacato “si é evoluto perché ha adattato sé stesso al cambiamento” (cit. Charles Darwin) e solo io - forse con pochi altri convinti esperti come me – “resisto in un limbo esistenziale senza adeguarmi al mondo nuovo” (cit. Aldous Huxley).
E adesso? Vabbe', tanto è perfettamente inutile domandarselo. Tra una cosa e un' altra si é fatta ora di firmare per andare prima in esodo e poi in pensione. 
Conclusione: nei quattro decenni della mia vita lavorativa ho imparato ogni segreto della O col bicchiere. Sicuramente questo giustifica una certa progressione di carriera, che è “cosa proceduta bene” (cit. Niccolò Machiavelli). Ma il percorso, visto con la saggezza di chi è giunto alla stazione di arrivo, si è snodato brillantemente lungo i binari della più piatta normalità. Pare che la visione del ciclo lavorativo da un osservatorio di matura autocritica lasci a tutti lo stesso - più che normale - senso di incompiutezza. Dunque, presto me ne farò anch’io una ragione.
Nel frattempo, sapete per caso se da qualche altra parte serve uno che sappia fare la O col bicchiere?

Memorie di un Esodato

©Corriere di San Nicola



LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
GIUGNO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori