Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
NOVEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


SPECIALE ELEZIONI COMUNALI 2020 

Le Elezioni Comunali 2020 di San Nicola la Strada raccontate dal Corriere di San Nicola

IL MONDO A SCALE 
-Racconto di Gerardina Rainone-


(Disegni di Virginia Cioffi)

PARTE III

 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

«La bellezza salverà il mondo»

Grandiosi messaggi nell'ultimo articolo di S. E. Mons. Giovanni D'Alise, il Vescovo che amò tanto la natura e fu tanto amato dai sannicolesi: "L’uomo deve aprirsi e sentirsi parte dell’universo non come dominatore, sfruttatore o dilapidatore della natura, ma al servizio della natura intera."

Il compianto Vescovo Mons. Giovanni D'Alise, scomparso lo scorso ottobre, fu spesso a San Nicola, soprattutto in occasione della Messa di Ringraziamento che si celebra ogni anno il mercoledi in albis, giorno successivo alla Solenne Processione del Santo Patrono per le vie della città di San Nicola la Strada.
Tra i numerosi incarichi conferitigli, Mons. D'Alise aveva quello di educare alla custodia del Creato. 
Teneva molto a cuore Il Poliedro, periodico della Diocesi, considerato e personalmente sostenuto quale punto di incontro e di riferimento per le più importanti attività svolte nell'ambito della comunità cattolica casertana.
Ci pregiamo di riproporre (in formato foto e in word) l’ultimo suo articolo pubblicato nel numero di settembre, ringraziando, per la disponibilità e cortesia, il direttore responsabile dr. Luigi Nunziante.

“Coraggio e creatività pastorale”

LA VOCE DEL VESCOVO

di Giovanni D’Alise

Carissimi,

comincia un nuovo anno pastorale e, nonostante le tante norme da osservare per la nostra salute e per salvaguardare quella dell’altro, viviamo costantemente nell’incertezza e nella precarietà, condizioni che ci costringono, però, ad andare avanti attimo per attimo in Dio e nell’amore verso il fratello. Imparare, quindi, a vivere l’attimo presente. Ogni “attimo” è l’unico tempo che veramente io ho e che posso sfruttare bene.

Il discepolo di Gesù non può fermarsi, non può addormentarsi mentre la Chiesa è attaccata da ogni parte: dall’interno, dall’esterno, dagli amici e dai nemici. Volendo attaccare Dio, che non si vede, si attacca sempre la Chiesa e gli uomini di chiesa.

Lì si trova un terreno fertile! Molte cose sono vere! Tantissime inventate.

Ogni battezzato, se ha fatto la scelta seria di seguire Gesù, aiutato dalla Sua Parola, diventa sentinella posta al centro della vita quotidiana: storia dura, sconvolgente, impegnativa, al limite, sul confine, borderline, tra la Chiesa dietro di se e l’umanità avanti a se.

Perciò, ogni battezzato ha una duplice missione, riguardo la Chiesa, di far presente le esigenze del popolo, del popolo di Dio, essendo ben fermo in quanto sentinella sulle “mura ideali” che seguono il confine, con occhi attenti, vigilanti, previdenti e interessati, essendo sempre amorevole e non propenso ad accettare compromessi di ogni sorta. Ogni Cristiano è un parafulmine scelto da Dio per aiutare la Chiesa, ogni comunità parrocchiale, ad essere e vivere in pace con tutti.

Riguardo al popolo che preme, spesso bussando con gli arieti pur di entrare, il battezzato deve essere consapevole che ne ha diritto se sinceramente vuole far parte dell’ovile del Signore e seguire il Buon Pastore, anzi, il Pastore Bello che guida il gregge sempre più aggredito, graffiato e perseguitato dal demonio che ha come compito precipuo quello di confondere, dividere ed ingannare in modo da far perdere l’orientamento al gregge.

Oggi sembra proprio che viviamo, nella Chiesa e non solo, un disorientamento. Abbiamo perso la “pista” da seguire. Siamo, in qualche modo, dispersi!

Ciò, sia in quanto Cristiani e cittadini, sia in quanto creature che vivono insieme nell’unica casa comune, “il Creato”.

Dostoevskij dice, con forza, che la bellezza salverà l’umanità.

Questo perché, seguendo il progetto che Dio ha sull’umanità, il Bene Comune, la santità della vita seguendo la Parola di Dio, la fraternità universale, il rispetto della natura, la salute come dono più grande che riceviamo entrando nel mondo… Vivendo ciò, emerge sempre di più la bellezza.

Nel momento in cui si vive in pace e “in armonia” con tutti gli uomini e l’intera creazione, nell’armonia stessa, scopriamo la bellezza del rapporto che c’è tra tutti gli esseri.

È quando siamo connessi con tutti gli esseri viventi, ciascun uomo, tutte le piante e tutti gli animali, che scopriamo quanto è bello vivere e come è bella la vita nella quale siamo calati, poterne godere e anche contribuire a far crescere la vita stessa lasciando un qualcosa di nostro, un segno del nostro passaggio.

E l’uomo, essendo la creatura più intelligente, ha la guida responsabile di questo equilibrio che manifesta, sempre di più, la bellezza come risultato dell’armonia che tende fortemente all’unità, nella più svariata diversità.

Siamo chiamati a contribuire ad un nuovo umanesimo, anzi, ad un nuovo rapporto con tutti gli esseri viventi, che non diminuisce l’incontro tra gli uomini. L’uomo, però, deve aprirsi e sentirsi parte dell’universo non come dominatore, sfruttatore o dilapidatore della natura, ma al servizio della natura intera.

Il progetto evangelico di salvezza cammina in questa direzione: sempre più connessi con tutti gli uomini, ma sempre più connessi con tutti gli esseri.

L’uomo, con umiltà, deve passare sempre di più dall’essere Re della Creazione, predatore e spesso distruttore, ad essere un Re di amore e rispetto verso tutti gli esseri creati. Dunque, si richiede sì un umanesimo sempre più maturo, ma anche un Re che si misura con il mondo vegetale e animale.

San Paolo, nell’inno cristologico nella Lettera ai Colossesi, adombra con forza questa direzione della storia, della Creazione, infatti dice: “Perché piacque a Dio di far abitare in Lui (Cristo) ogni pienezza e per mezzo di Lui riconciliare a sé tutte le cose, rappacificando con il sangue della Croce, cioè per mezzo di Lui, le cose che stanno sulla terra e quelle nei cieli” (Col. 1, 19-20).

Dalla Bibbia di Gerusalemme, riporto due note che spiegano il senso di pienezza della divinità: “Per Paolo, l’Incarnazione, coronata dalla Risurrezione, ha posto la natura umana del Cristo alla testa non solo di tutta la famiglia umana, ma anche di tutto l’universo creato, interessato dalla salvezza così come è stato coinvolto nella colpa” (Nota al versetto 1, 19 Colossesi). “Nel Cristo Risorto si ricapitola tutto il mondo divino, a cui appartiene con il suo essere preesistente e glorificato, e tutto il mondo creato che ha assunto direttamente (l’umanità) o indirettamente (il Cosmo) con la Sua incarnazione e la Sua Risurrezione: insomma tutta la pienezza dell’essere” (Nota Col. 2, 9).

La bellezza salverà il mondo perché nell’armonia del cosmo assorbiamo il respiro della vita, cioè il respiro dello Spirito che ha trasformato il caos in cosmo, una totalità con infinite relazioni e connessioni tra tutte le specie del Creato, che hanno un fine comune: costruire l’unità nella diversità quasi illimitata e realizzare il fine proprio, per l’uomo la salvezza, che è soprattutto poter ricevere la comunicazione della vita del Dio amore.

Carissimi fratelli, nell’unità della salvezza, ripartiamo con questo nuovo anno pastorale. Sarà più impegnativo di quelli precedenti, non nel numero delle cose da fare, ma per la qualità delle cose che andremo a fare.

A tutti voi dico: “Coraggio e creatività qualitativa”, creatività nel prediligere quanto ha senso e non quanto semplicemente occupa uno spazio. Siamo tutti sentinelle, che vigilano, che pregano, che guardano lontano per prevenire l’opera “dei ladri”.

Dopo aver pregato il Padre di allontanare il Calice amaro della Passione, Gesù va a chiedere agli apostoli di unirsi alla sua preghiera, al sudore di sangue che cala dal suo corpo. Poi tornò dai discepoli e li trovò che dormivano. E disse a Pietro: “Così non siete stati capaci di vegliare un’ora sola con me? Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole” (Mt. 26, 10-41).

Abbiamo dinanzi a noi un campo illimitato dove poter spigolare, cercare, rialzare, maturare, vigilare, pregare, ma non dormire. “Perciò rinfrancate le mani cadenti e le ginocchia infiacchite e raddrizzate le vie storte per i vostri passi, perché il piede zoppicante non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire” (Ebrei 12, 12-13).

Questo è anche un momento particolare, un vero kairòs di Dio per iniziare, anche nella pastorale dell’evangelizzazione e nella pastorale catechetica, ad allargare l’orizzonte del cuore, della mente e della coscienza globale di essere parte dell’universo globale e perciò responsabili di tutta la vita. Se uccidiamo o danneggiamo il Creato o appena un solo elemento dell’ecosistema, uccidiamo la vita.

Buon anno pastorale 2020-2021, periodo di pandemia. 


©Corriere di San Nicola


 


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
NOVEMBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2020-2025 


ORGANIGRAMMA
della
amministrazione comunale

 
PROGRAMMA
AMMINISTRATIVO



 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
  Vedi Elenco Operatori