Cerca nei Numeri Cartacei del Corriere di San Nicola
numeri precedenti -
Numero Storico 26 - Febbraio 2004 - Home 22 gennaio 2021 13:59:15




Sabato Santo con il “CORRIERE”
...



Centro Giovani: convegno sul disagio
...



POETI AL GIUDIZIO DEGLI STUDENTI
...



Le "delizie" di Marisa Caccavale
...



La Pasqua dell' Associazione Barchetta: il soprano sannicolese Marisa Caccavale in concerto a Caturano
...



Prima Rete si dissocia...
...



Ma dov'è questa CITTA' ?
...



La...CITTA' in diretta!
...



Radioprimarete: è la volta di Luca PARADISO
...



Un week-end con Cecilia
...



<< Successiva Precedente >>


IN QUESTO NUMERO


POLITICA

Bilancio 2004: stesse tasse più servizi
Da F9 a D4, in dirittura d'arrivo la battaglia navale per la nuova chiesa
Non aumenteranno le tasse ma nemmeno l'occupazione
I nostri sondaggi più forti dei...virus


VARIE




SPORT


SPETTACOLI





Rotonda, sagre e giochi: a quando una regolamentazione?
La Rotonda

L'Amministrazione, dopo aver constatato i favorevoli risultati, ha riconfermato la volontà di concedere l'utilizzo delle aree dell'emiciclo ovest della Villa Rotonda per adibirle a parco-giochi per bambini. Come tutti ricordano, lo spazio in questione è stato concesso per il 2003 alla ditta di spettacoli viaggianti Canterini con la quale è stata stipulata apposita convenzione in cui la ditta si impegnava ad una serie di prescrizioni, tra cui il decoro e la pulizia dell'area.

Dicevamo che l'Amministrazione, concedendo a privati l'occupazione di tali spazi, ha riscontrato indubbi benefici in termini di sicurezza, ordine e pulizia, per cui intende ripercorrere tale strada con la sola variante di dare la possibilità a tutti i soggetti privati in possesso dei requisiti richiesti di formulare richiesta di concessione in uso dell'area a fronte di servizi offerti, a scomputo della tassa di occupazione di suolo pubblico.

Riteniamo lodevole tale iniziativa, ma confidiamo che venga estesa anche in altre zone praticamente ghettizzate.

Con l'occasione, ricordiamo all'Amministrazione l'impegno assunto per regolamentare l'uso sfrenato di sagre paesane che, a nostro avviso, danneggia il patrimonio comunale ed arricchisce pochi privati. Le sagre sono una cosa seria e “dovrebbero” rappresentare i costumi e le tradizioni gastronomiche della nostra società. Invece assistiamo sempre più ad estemporanee e numerose manifestazioni in cui si offrono comuni pietanze a prezzi esosi, il tutto condito con musica di tendenza sempre apprezzata dalle masse festaiole.


© Copyright Corriere di San Nicola. 2000, 2003 - Tutti i diritti sono riservati.