Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
MARZO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Detesto le poesie costruite, impastate con verbi e vocaboli copiaincollati sul web senza neanche conoscerne i significati reali, scritte e diffuse per fare colpo, quasi come tanti demenziali “scoop” che si sfornano sui social.
La poesia è qualcosa di speciale, è un prodotto genuino della propria spontaneità, è espressione limpida dei propri sentimenti. Senza fronzoli artefatti, ma con sincera passione, quella forza che può venire soltanto dall’anima. Quando l’anima è pura, semplice, carica di qualsiasi sentimento che con immediatezza si riesce a trasferire in versi.
Nc 


Andrà tutto bene

L'aria è vuota,
le strade deserte.
Si lotta ,
si piange,
si ride per rabbia.
L' uomo è solo
unito al mondo.
La casa diventa
la nuova trincea
contro la guerra dell'era moderna.
Ora in Italia
siamo tutti fratelli,
ci diamo la mano
con mezzi moderni.
Ora l'Italia è unita e combatte,
senza difese
affrontiamo la morte.
La vita è lenta
e ha un volto diverso.
L'aria vuota
è piena di angoscia.
Che strano momento che stiamo vivendo
e in questo momento
passiamo alla storia.
La guerra moderna la stiamo vincendo
se resto a casa
andrà tutto bene.

Assunta Tammaro



STELLE 
 
E' una notte piena di stelle
belle da vedere,
belle da sognare
attimi i finiti
di lacrime e sorrisi,
attimi infiniti di sogni condivisi.
È una notte piena di stelle
respira e stai sereno,
respira e guarda il buio.
Il buio tutto intorno
veste la tua notte,
le stelle nei tuoi occhi
accendono speranza.

Assunta Tammaro



IL SANGUE DELLA TERRA

Fiumi di lava genera la Terra

di fuoco e di ghiaccio.

Tutto si fonde e si confonde.

Un fiume di sangue

ferisce la Terra.

Assunta Tammaro 


 
NUOVA SPERANZA

Un albero per la vita ,
un albero per la morte,
un albero per ogni singolo ricordo.
Un angolo solo tuo
Se hai voglia di ricordare
Se hai voglia di respirare.
Quando devi ritrovare la voglia di amare.
Un albero,un albero,
Un albero ancora
Per chi nasce e per chi muore
Per chi la vita la vuole nuova
per chi cerca aria buona
Per le farfalle e gli uccelli
e le api con il loro miele.
Un albero , un albero,
un albero ancora
per amore della terra
per amore della madre
per chi a casa vuole restare.
Un albero è un albero
e non si stanca mai
senza fatica
continua a donare
l'aria ,l'acqua e l'ombra frasca.
Un albero nuovo è una nuova speranza
un dono di Dio,
un atto d'amore.

Assunta Tammaro


**********

NEMESI

Bella senza paura
come nemesi oscura
riporti il verso dei suoi affanni
ripercorri ancora le quiete vie
dove il respiro si colora e lui,
scandisce ora le stanche rime
diletto e gioco della ragione,
ma lasci spazio all' emozione.
figlia solo dell'amore,
dove non entra il suo dolore.

Gerardina Rainone

          
**********


IL SILENZIO

Il silenzio per me è fondamentale,

se solo il silenzio si riuscisse a trovare.

Il silenzio per me è energia vitale,

senza silenzio non so stare.

Il silenzio è il riposo della mente

e da' la voce a cio' che sento.

E' negli occhi che sanno parlare,

con note nascoste sanno volare.

Il silenzio ha una forza che fa paura,

se la tua anima non è pura.

Il silenzio è il luogo dei grandi dolori

che danno vita a nuovi amori.

E' dell'anima che vuole andare

e del guerriero che deve riposare.

Il silenzio è lotta,

il silenzio è la notte.

Spegnete tutto

fate silenzio.

Il silenzio per me è fondamentale.

Nell' attimo in cui non hai piu' paura,

resta in silenzio e comuncia a sentire

cio' che il cuore ti vuole dire.

Assunta Tammaro, 11/1/2020


**********

ROSA
 

Me songhe ‘nnannurate ‘e te.

Nun me ricordo comm’ e pecchè…l’ammore è!

Quando so’ trasute dint’ ‘a sala ‘e ballo

stive assettate proprio ‘e dimpetto a me,

io ti fissavo, fortemente, ti fissavo.

L’uocchie miei trasevene dint’ ‘e tuoi,

poi ‘a musica accumminciaje a sunà

timido comm’ songhe, venette a t’invità

sulo p’’o piacere ‘e tenert’ dint’’e bracce

e me scurdaie ca nun sacce abballà.

Tu te susiste e accumminciaieme a fa nu passo

aret’’a nat’,… era nu’ tango.

“Comme te chiamme”? domandai, e tu rispunniste

“Rosa”! “io Ciro”!, ‘o nomme dice tutto.

Nun puteve essere diversamente,

stammo ‘a maggio e ‘a maggio scoppieno ‘e rose e l’ammore.

“Andiamoci piano …Ciro , tu sì mi piaci…ma…”

“Ma…nunn’esiste, so’ cuntento d’averti conosciuta

ma songhe molto arrabbiat’ pecchè t’aggio ‘ncuntrato tarde.

Mo e juorne ca me restano ‘a campà ‘e voglio passà cu te.

Saranno dieci, ciento o cientomila,… facimme cientomila”!

Tesoro…l’ammore è !


(Mario Ferraris)


**********

L’anziano ballerino

Pasquale: Un giorno di un anno che non so, mi ritrovo negli over settanta.

Carmela: Ma quale over settanta, chest’è anzianità!

Pasquale: Anzianità, ’sta parola mi fa paura, è sinonimo ‘e

vecchiaia. “Ma io faccio, dico…”!

Carmela: Ma che faie e dice? Facive, dicive. Pienzece ‘nu poco!

Pasquale: Mettenneme ‘a penzà serenamente, avutanneme arete poi male nun m’è ghiute, si sto’ ‘ccà ‘a raccuntarl’. Ma io po’ me domando e dico: Carme’ pe’ nuje, ‘a chesta età, ‘a felicità che dè?

Carmela: Pasqualino vuo’ sape’ pe’ nuje, a chesta età, ‘a felicità che dè?

Pasquale: Me piacesse d’o sapè!

Carmela: E’ nu giro ‘e ballo!

(Mario Ferraris)


**********



Azzurro

In terra antica, a me ignota
è sera, sera tanto dolce
mi perdo in un azzurro
confondendomi in un turbinio di emozioni.
C’e silenzio, forse troppo
vorrei sentire il caos
ma non c’è, il caos è mio
e’ dentro di me.
Mi perdo tra silenzio e rumore
tra grandi spazi immaginati
e piccoli spazi vissuti
fino ad intravedere una stella.
In questa stella c’è l’azzurro.
Sono occhi che hanno i colori,
tutti,
occhi che rasserenano, trasudano semplicità
occhi che calmano
che hanno pianto
che hanno riso
che parlano
che offrono affetto.
Affetto tangibile,
quello vero e pulito. 

(Daniela Tansella) 


**********

TUTT' IN EUROPA, JAMME JA'

I’ song’o nnammurato e me ne vanto
e Nanninella, chell’e ret’o vico;
simm legate da un amor pudico:
sulo sguard, suspire … e castità.

Ma so’ felice assai se stamme ‘nzieme,
core a core, abbracciate, sott’e stelle,
te giuro, spierz dint’a stuocchi belle,
sempe cu tte, da mo’ a l’eternità!

L’ata sera i’ dicette: “Mio tesoro,
m’hai preso il cuore, dimme a ro’ l’hai mise”
Ai don’t andestand, cud’iu ripit, plise”                   (I don’t understand, could you repeat, please)
rispunnett’essa, appoiannes’ao sofà.


“Nanninè, comme staie, che te succiese,

che stai dicenno, amor, ti senti male?

Da comme parli nun si cchiu nurmale,

ti porto da un dottore, là per là”


Mai darling, lissen, ancora tu ti ostini”,                 (My darling, listen)

dicette assaie scucciata a copp’a mano,

“non l’ingrese a parlar ma il vesuviano,

stamm in Europa, o’ ssaie, te vuò scetà?”


“Cara, tesoro, ammore mio adorato,

i’ sti parole nunn’e support cchiù.

Si mme vuoi bene ai dicer ai lov iu,                         (I love you)

ai’ll meri iu, si ttu mme vuoi spusà!”                       (I’ll merry you)


“A dummeneca, a passeggio pe’ Tuledo,

ud’iu laik en aiscrim  puoi dire,                               (Would you like an ice scream)

e io plise - parlanno tra e suspiri -                            (Please)

lez teik anoder olso for mammà“.                            (Let’s take another also for mammà)


“Si te stranisc pe’ na’ ser’e luna,

ca lucente tra e nuvole s’affaccia,

dimme cianciuso: ai laik it so maccia                      (I like it so much)

e sentere te voglio e suspirà”.


“Se stamm suli e Ammore friccichea, 
chiereme Honi, caman, ghiv me e’ kiss                    (Honey, come on, give me a kiss)

e stai sicuro c’o faccio bbuon e spiss,

nun voglio cchiù sentì: t’aggio vasà!”


“Ma fino a quanno tu non parl’ingrese,

a Mastritt nun vien’e nient scuse,

bicose der ai chennot introduse                                (because there I cannot introduce)

ei person laik iu, che ciaggia fa”.                             (a person like you)


Nu pizzic’andrasatt addiventaie

e ‘o sang comm’a ghiaccio dint’e vene;

Nanninella, penzaie, raggione tene,

nu rimmedio aggia subbito truvà.


Turnaie a casa, reritto, dint’o stipo,

a cercà e libbre e quann iev’a scola.

Dint’o cerviello na paura sola,

meglio ca sturio se nno me po lassà.


M’arricurdaie allor’e mamma mia,

quanno diceva co parole doce:

“Si sturi, figlio mio, nun puort a croce

e coccoruno tu puoi addiventà”.


Chelle parole se purtaie o’ vient;

povera mamma mia, parlava invano,

se ce penz me mangiarrie ‘e mmano,

chè chillo tiemp nun po’ cchiù turnà.


Quant maggie succerene p’ammore!

I’ chillo sbaglio nunn’o faccio cchiù.

“du iu spik in inglish?” embè mi tu!                         (Do you speak English? Beh, me too)

E ppoi sarà felice anche mammà.

                                                             

(Tommaso Ricci)


**********


A DON PEPPE DIANA (un chicco di grano, uno al cielo)

Ho una preghiera foderata di bianco.

Un gesto per il popolo a volte stanco, scurito

in vólto a causa di uno sparo

che ferisce persino il suo stesso vuoto.

Provo un dolore immenso

nel vedere una famiglia che trema che segregata

vive dietro una finestra

che ha paura di spalancarsi alla vita,

avvolta da un’anima troppo preoccupata

di mostrarsi forte quand’è un’arma in pugno

a dettare il ritmo del respiro,

o il battito del tempo.

Ho una preghiera ammantata di bianco.

Un gesto per il popolo spesso vessato dal branco,

una frase avvolta da un pensiero

come inizio di una vita che si rasserena

mentre un’altra che si preoccupa

per chi vive un’arida giornata

o di quel sole cosí caldo

che nasce ogni mattino,

che potrebbe

non arrivare a sera.

(Fabio Strinati)









PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
MARZO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori