Fondato e diretto da 

NICOLA CIARAMELLA  
La testata locale più longeva 
della provincia


      

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di
GIUGNO 2024

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

VIDEOFOTOTECA 


Documenti filmati e fotografati per la storia e per l'attualità 


-di Biagio Pace- 

NIKIPEDIA 
"TuttoSanNicola
l' Enciclopedia 
di San Nicola
la Strada 

fondata e diretta 
da
Nicola Ciaramella  

PROSSIMAMENTE ON LINE


VINCENZO SALZILLO, PIANISTA

Tutta la carriera artistica del talento musicale sannicolese
(a cura del ©Corriere di San Nicola)

NAPOLI NEL CUORE


Tutta la storia dell'evento promosso da Alfonso Moccia narrata ed immortalata dal Corriere di San Nicola

LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fiero di averla narrata ed immortalata sin dal primo giorno sulle pagine del Corriere di San Nicola. 
Onorato di essere il giornalista più titolato a parlare di questa grandissima squadra. 
Nicola Ciaramella

STORIA DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fu istituito nel 1990. Le carriere dei sei comandanti che sinora lo hanno guidato.

OGNI CITTADINO PUO' SALVARE UN CITTADINO
Tutti gli articoli del "Corriere di San Nicola" sul progetto
"SAN NICOLA LA STRADA CARDIOPROTETTA"

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

29.ma Festa del Tesseramento dell’Associazione N.S. di Lourdes 

800x600

Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione.Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione. 1

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

TUTTO IL "DISSESTO FINANZIARIO" MOMENTO X MOMENTO 
Come si giunse al giorno più nero della storia amministrativa sannicolese e chi nulla fece per evitarlo 

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

PERCORSO QUARESIMALE CON LA SANTA SINDONE 
I VIDEO dei cinque incontri del programma promosso da Don Antimo Vigliotta e dal Prof. Luciano Lanotte

Una terra crocifissa

Sabato 9 novembre, Caserta -Piazza Pitesti: 
associazioni, movimenti, liberi cittadini, Santa Maria della Pietà, Comitati Due Sicilie, ComEr, La Sinistra di San Nicola, Wwf, Comitati Due Sicilie alla "marcia
silenziosa, non violenta, fuori da qualsiasi logica di partito politico e aperta a tutta la cittadinanza", promossa da Don Antonello Giannotti e dalla diocesi casertana, che "si aprirà con una croce senza crocifisso, perché crocifissa è la nostra terra devastata, violentata, avvelenata; come crocifisse risultano, altresì, le persone morte a causa dell’inquinamento."

Il corteo terminerà, contrariamente a quanto in precedenza comunicato, sulle gradinate del palazzo comunale di Caserta in Piazza Vanvitelli. Saranno presenti i sindaci di Caserta, San Nicola la Strada, San Marco Evangelista, Maddaloni e Casagiove. 




Poche parole, più significative di mille proclami che tanti politici ed amministratori declamano dalla mattina alla sera senza mai giungere ad una soluzione: "Ho celebrato quest’anno a San Nicola la Strada 49 funerali. 39 di quelle persone sono morte di tumore. Non dobbiamo chiuderci in casa, ma scendere in piazza per parlare con le autorità di questo immane disastro.
Oltre a Don Oreste Farina e a suoi parrocchiani di Santa Maria della Pietà, tantissimi altri cittadini, enti, associazioni, partiti, parteciperanno alla manifestazione promossa dal parroco della Chiesa del Buon Pastore, Don Antonello Giannotti, e dalla diocesi casertana.


«Anche la città di Caserta scende in piazza e rompe il silenzio con un corteo silenzioso a sostegno della custodia del creato promosso dalla Diocesi di Caserta e dal coordinamento delle Associazioni per la Difesa del Creato. La manifestazione è il risultato concreto di un lavoro di sinergia compiuto tra tutti quei soggetti-associazioni, movimenti, singoli cittadini che hanno a cuore il problema dell’inquinamento ambientale, affinché sia possibile creare una rete comune in grado di dare un segnale forte non solo alle istituzioni, ma soprattutto a quella parte della città che ancora non ha compreso a pieno la gravità del problema. Decine di migliaia di cittadini, in queste settimane, sono già scesi spontaneamente in piazza per esprimere la propria indignazione davanti ad un quadro che si sta rilevando sempre più drammatico. Con questa manifestazione l’intento è di dare una voce unica a tutti coloro che in maniera individuale o collettiva si sono già mossi o si apprestano a farlo.
La manifestazione ha delle caratteristiche ben definite, alle quali la collettività si conformerà: sarà silenziosa, non violenta, fuori da qualsiasi logica di partito politico e aperta a tutta la cittadinanza e si aprirà con una croce senza crocifisso, perché crocifissa è la nostra terra devastata, violentata, avvelenata; come crocifisse risultano, altresì, le persone morte a causa dell’inquinamento.
Il corteo vedrà il suo concentramento alle ore 10,30 in Piazza Pitesti, toccherà le strade centrali del nostro capoluogo, snodandosi attraverso Viale Cappiello, Viale Beneduce, Corso Trieste, Via Mazzini e si concluderà in Piazza della Prefettura. Tutte le associazioni e i movimenti che rappresentano questa manifestazione, abbracciandone tematiche e modalità, hanno sottoscritto e dato voce a quattro punti ritenuti imprescindibili e fondamentali:  

IL RIPRISTINO DELLA LEGALITA’
Precondizione necessaria ed indispensabile è il RIPRISTINO DELLA LEGALITA’! E’ palesemente inutile infatti adottare qualsivoglia soluzione se i rifiuti continuano ad essere sversati e bruciati illecitamente. E per fermare concretamente questo scempio non si può prescindere da due questioni:
-il corretto recepimento nel nostro ordinamento della normativa comunitaria in materia di reati ambientali con l’introduzione di pene adeguate alla gravità del danno causato;
-un reale controllo del territorio da parte delle Istituzioni attraverso la dichiarazione dello stato di emergenza e del conseguente intervento dell’esercito a presidio costante del territorio.

L’ANALISI DEL TERRITORIO
Le caratterizzazioni
E’ necessario raccogliere ed analizzare i dati delle caratterizzazioni che in parte sono già state avviate e predisporre piani di caratterizzazione per le aree potenzialmente inquinate che invece ancora ne sono prive. Va fatta anche una mappatura puntuale di tutte le aree e sulle quali è noto lo sversamento abusivo di rifiuti o la presenza di discariche e vanno accertati gli eventuali inquinamenti delle matrici ambientali.  
I dati della caratterizzazione sono indispensabili per comprendere l’estensione e la qualità della contaminazione che, ovviamente, non si ferma al terreno su cui sono stati sversati rifiuti poiché la presenza di sostanze tossiche comporta la contaminazione delle falde acquifere sottostanti e quindi il progressivo inquinamento di tutti i pozzi posti a valle del terreno stesso.  
La sigillatura dei pozzi inquinati
Occorre a stretto giro il censimento di tutti i pozzi utilizzati per l’irrigazione nelle province di Napoli e Caserta con relative analisi della qualità delle acque. Allo stato la maggioranza dei pozzi dove viene emunta l’acqua per l’irrigazione risulta sconosciuta alle autorità. Il monitoraggio deve essere immediato ed i pozzi fuori legge vanno sigillati, al fine di impedire l’emunzione illecita! Anche tra Caserta, San Nicola e San Marco esiste già dal 2010 il divieto di emungere per scopo irriguo, ma senza sigilli questo divieto viene sistematicamente disatteso.
Cosa fare con i terreni inquinati
I terreni le cui matrici risulteranno compromesse dovranno essere interdetti alle coltivazioni a scopo alimentare e, laddove possibile, riconvertiti verso altri tipi di coltivazioni evitando le biomasse a scopo energetico al fine di impedire l’immissione in atmosfera degli inquinanti presenti nel terreno: la produzione di canapa, ad esempio, può tornare ad essere un volano per l’economia di questo territorio, o anche la floricoltura, posto che il nostro paese risulta essere uno dei maggiori importatori di fiori dall’Olanda e dal Kenya. Tale obiettivo può essere raggiunto attraverso la collaborazione tra il mondo Universitario e l’imprenditoria agricola, incentivando in tal modo anche l’occupazione giovanile.

I PRODOTTI AGROALIMENTARI
Il monitoraggio
Si avvii, in aggiunta ai monitoraggi ordinari già previsti dal Piano Regionale Integrato sui controlli alimentari, una sistematica e puntuale attività di monitoraggio dei prodotti ortofrutticoli ed alimentari provenienti dalle aree limitrofe a quelle contaminate.
La tracciabilità della filiera
E’ indispensabile predisporre un efficace sistema informativo per garantire la tracciabilità e la rintracciabilità della filiera agroalimentare al fine di conoscere nel dettaglio la provenienza dei prodotti sulle ns tavole. Sarà poi necessario un intervento normativo teso a rendere obbligatoria l’adesione al sistema di tracciabilità. Sarebbe un grave errore demonizzare l’intero territorio. E facile immaginare i contraccolpi gravissimi sulla già compressa situazione occupazionale. Ovviamente l’impatto di una tale trasformazione è epocale, in quanto si tratta di aprire le aziende campane a mercati fino ad oggi non battuti. Per questo sarà fondamentale un lavoro di sinergia tra le istituzioni locali e nazionali, e le associazioni di categoria del mondo agricolo.  

LE BONIFICHE
Il ripristino dello stato quo ante pare sempre più un terreno difficile da praticare, sia sotto il profilo tecnico che sotto quello economico. Dove però la bonifica sarà ritenuta tecnicamente percorribile sarà indispensabile uno sforzo da parte delle istituzioni, le stesse istituzioni che per anni hanno ignorato, minimizzato o in alcuni casi addirittura avallato questo scempio, al fine di drenare le risorse finanziarie per avviare un processo così complesso ed oneroso.
Le risorse per le bonifiche
E’ fondamentale che si proceda all’approvazione definitiva del Piano regionale di bonifica in modo da svincolare i fondi di provenienza comunitaria ancora bloccati.
È indispensabile il varo di una norma che destini alle bonifiche sia i proventi dei beni confiscati alla malavita organizzata –in particolare, ed in via immediata, il denaro ed i titoli di credito– sia i proventi delle sanzioni relative ai reati ambientali.
Il controllo sulle bonifiche
Sarà compito delle stesse istituzioni vigilare affinché quello delle bonifiche non diventi il nuovo grande business della criminalità organizzata ed a tal fine sarà indispensabile consentire la partecipazione attiva di quei soggetti che da anni monitorano e denunziano la tragedia che affligge il vivere quotidiano del nostro territorio.

SUI CEMENTIFICI
A chiusura delle cave e dei cementifici che insistono sul territorio tra Caserta e Maddaloni. Il rischio che corre la città è infatti che questi vengano trasformati in inceneritori a seguito delle nuove normative votate dal parlamento che autorizzano i cementifici a bruciare il CSS (combustibile solido da rifiuti).
I lavoratori di ciascun opificio dovranno essere viceversa formati ed utilizzati per la messa in sicurezza dei territori distrutti dalle cave, per la loro bonifica e successiva riqualificazione.

Riteniamo sia un caso di coscienza.
Non c’entra il credo religioso.
Non conta l’impronta politica.
Non interessa chi saremo a percorrere quel tratto di strada.
Importa sentire ed avvertire che il creato è di tutti e per tutti.
Questa manifestazione è solo un inizio.
Don Antonello Giannotti
(comunicato stampa)”





NOTIZIE UTILI PER I PARTECIPANTI ALLA MANIFESTAZIONE


A meno di 24 ore dall’inizio della manifestazione, di domani sabato 9 novembre 2013, dal titolo “CASERTA VUOLE VIVERE”, promossa dalla Diocesi di Caserta e dal coordinamento delle Associazioni per la difesa del Creato, si rende necessario ribadire le indicazioni che i promotori hanno fissato per tutti coloro che parteciperanno.

Tante le adesioni pervenute in via ufficiale.
La manifestazione partirà alle ore 10:30 da Piazza Pitesti.

Sarà aperta da una croce senza crocifisso. Il corteo vedrà la partecipazione di tutte le associazioni che ufficialmente, dietro nostro invito, hanno aderito, di tutti i cittadini che vorranno prenderne parte e dei politici, che in via del tutto autonoma e spontanea, hanno manifestato di presenziare.

Dovrà essere silenzioso e apolitico, senza bandiere e senza slogan.

Degli striscioni indicheranno la presenza delle varie associazioni, parrocchie, scuole e gruppi organizzati.

Lungo tutto il percorso saranno presenti i volontari del servizio d’ordine, l’ANC, la Protezione Civile, la Confraternita della Misericordia di Caserta.

La manifestazione non terminerà in Piazza della Prefettura come precedentemente annunciato, ma sulle gradinate del Comune di Caserta in Piazza Vanvitelli, dove sarà allestito un impianto di amplificazione, onde consentire gli interventi previsti a chiusura del corteo.

Terminata la manifestazione, una delegazione del coordinamento salirà in Comune per discutere la piattaforma programmatica stilata e condivisa da tutte le associazioni ed i movimenti che hanno aderito al coordinamento: presenti il Sindaco della città, in uno ai Sindaci dei Comuni di S. Marco Evangelista, Maddaloni, Casagiove e S. Nicola la Strada.

Sull’esito del tavolo e di un prossimo incontro previsto per sabato 7 dicembre nell’aula convegni della Chiesa del Buon Pastore, rimandiamo precisazioni aggiornate sul sito.

Queste ed ulteriori informazioni, al sito ufficiale  
www.casertavuolevivere.it
(comunicato stampa del 7/11/2013)




«Il Com.E.R. aderisce alla manifestazione “Caserta vuole vivere” organizzata dalla Diocesi di Caserta il 9 novembre 2013 per dare il proprio contributo alla lotta agli sversamenti abusivi di rifiuti, ai roghi tossici ed al biocidio in atto nella nostra provincia e nella nostra Regione. Occorre in ogni caso partire dall’analisi delle cause che hanno portato alla disastrosa situazione sanitaria ed ambientale di oggi per poter dare un senso alla marcia. Oggi solo a seguito delle pubbliche esternazioni di un pentito di camorra i mass media hanno dato risalto a quello che molte associazioni sostenevano da tempo, e cioè l’esistenza di un ormai trentennale fenomeno di sversamento di rifiuti tossici e nocivi nelle campagne di quella che una volta era la Campania felix. In questi anni nessuno ha dato ascolto alle proteste dei cittadini e delle associazioni ambientaliste. E’ positivo che si sia diffusa un’alta coscienza civile sul problema, ma è necessario che la partecipazione di questo periodo non sia fine a se stessa, ma sia la spinta ad un reale cambiamento delle politiche ambientali. Già durante l’ultima fase emergenziale della crisi dei rifiuti si pensava che si era giunti al punto di non ritorno,  eppure eccetto qualche isola felice la situazione della regione Campania appare la stessa, se non peggiore, di quella di dieci anni fa. Non basta denunciare l’avvelenamento della terra, non basta gridare il disastro sanitario in atto, non basta partecipare solo alle marce, ma bisogna impegnarsi quotidianamente per convincere le istituzioni che ci sono misure urgenti da prendere per risolvere il grave disastro ambientale e per evitare che in futuro si riproduca lo stesso scenario a cui siano arrivati oggi. Se tutte le Amministrazioni, che pure sono presenti nei cortei, continuano a non dare risposte sui problemi della differenziata, sui problemi della corretta gestione dei rifiuti, sui problemi del monitoraggio dell’inquinamento dei terreni agricoli, vuol dire che non siamo stati bravi a spingere le autorità politiche a prendere le giuste decisioni. Come è possibile che mentre manifestiamo contro il disastro ambientale e sanitario campano venga espletata una gara per costruire un altro inceneritore destinato ad aumentare i veleni della già degradata  area di Giugliano? Come è possibile che contemporaneamente alla bonifica de Lo Uttaro i nostri amministratori comunali, provinciali e regionali, vi impiantano altre industrie insalubri? Come è possibile che nonostante le leggi obblighino le amministrazioni pubbliche ad alte percentuali di raccolta differenziata, i piani regionali e provinciali prevedano solo impianti per la distruzione dei rifiuti e nessun impianto per il riciclo ed il riuso, che invece sono tra gli obiettivi principali delle direttive comunitarie? Immaginiamo che  le bonifiche facciano gola a tanti gruppi economici interessati al vorticoso giro di denaro pubblico in atto. La grande partecipazione popolare ai cortei deve pretendere ora che ci sia un salto di qualità nelle decisioni pubbliche, con il coinvolgimento delle popolazioni interessate, che devono tutelare il diritto alla salute nell’interesse della collettività e non in quello degli affaristi. Per questo riteniamo che mentre marciamo in silenzio dobbiamo chiedere ad alta voce:
SI ALL’INTRODUZIONE NEL NOSTRO ORDINAMENTO DEI REATI AMBIENTALI DI DANNO
STOP ALL’INGRESSO E ALLO SVERSAMENTO IN CAMPANIA DI RIFIUTI TOSSICI E PERICOLOSI
STOP ALLE INDUSTRIE INSALUBRI A  LO UTTARO e nelle altre aree inquinate
NO A NUOVI INCENERITORI IN CAMPANIA
SI AL RICICLO TOTALE DELLA MATERIA
STOP AL CONSUMO DEL TERRITORIO. ComER, COMUNICATO STAMPA»





«
La Sinistra di San Nicola la Strada partecipa al corteo per la difesa dell'ambiente e per gridare stop al biocidio di SABATO 9 NOVEMBRE CON PARTENZA DA PIAZZA PITESTI (CASERTA).
Una mole di studi scientifici ha appurato la correlazione fra ambiente e salute; nell'area ad ELEVATO RISCHIO DI CRISI AMBIENTALE "LA TERRA DEI FUOCHI", si registra un continuo aumento di patologie tumorali e non solo. Quindi è fondamentale il coinvolgimento di tutta la società civile e delle istituzioni per attivare una politica di risanamento a tutela della salute dei nostri cittadini.
Su nostra proposta il comune di San Nicola la Strada  aderisce alla strategia rifiuti zero che consente di:
eliminare incenerimento dei rifiuti e strutturare un sistema di raccolta che aumenti la quantità di materiale differenziabile ed ottimizzi la qualità del materiale da riciclare, diminuendo contestualmente la quantità di rifiuti prodotti;
incentivare il riuso del materiale riciclato, la riparazione di oggetti e operare scelte di vita che diminuiscano la percentuale di scarti;
sostenere la progettazione e la produzione di prodotti totalmente riciclabili, riutilizzabili e riparabili. 
Sarà nostra cura fare applicare la delibera comunale sui rifiuti zero.
SOLO DIFENDENDO LA NOSTRA SALUTE E L'AMBIENTE IN CUI VIVIAMO POSSIAMO AVERE LA CERTEZZA DI AVERE UN PRESENTE E UN FUTURO MIGLIORE!!! La SinistraSan Nicola la Strada, COMUNICATO STAMPA»





«Coerentemente all’impegno che ha sempre visto impegnato il Wwf sulla problematica ambientale relativamente all’emergenza rifiuti e all’inquinamento da sostanze  tossiche, il WWF Caserta e Agro Aversano aderiranno, così come è avvenuto per la manifestazione di Orta di Atella del 4 ottobre u.s. e quella che si svolgerà a Napoli il 16 p.v. , alla manifestazione “Caserta Vuole Vivere” del 9 novembre  p.v. 
Il WWF chiede il ripristino della legalità nella Terra dei Fuochi, e che, contemporaneamente, nel rispetto delle vittime dei territori avvelenati, delle persone che ci vivono e che fanno impresa virtuosa,  venga mantenuta alta l’attenzione della comunità e delle istituzioni competenti  affinché:
-
Venga aggiornata la caratterizzazione, con le opportune analisi, e la mappatura dei siti inquinati.
-
Vengano attivate, in tempi ragionevolmente brevi, il risanamento e la riqualificazione ambientale dei siti ove sono stati localizzate/interrate le sostanze tossiche;
-
Per evitare il collasso dell’economia agricola, si convertano  i suddetti siti da agricoltura ortofrutticola in agricoltura no-food;
-
Le filiere di eccellenza indenni dal “disastro rifiuti tossici” vengano protette e valorizzate.
Il Panda Team del WWF Caserta  e del WWF Aversa - Litorale Domitio - Napoli Nord».




«
Se ci fossimo trovati dinnanzi ad un Vitaliano Della Sala o peggio ancora a confrontarci con un prete tipo Alex Zanotelli, avrei compreso la reazione stupida e insensata di Domenico Zinzi, presidente della Provincia di Caserta, uomo di area UDC, fino a che non cambia il vento, ma Don Antonello Giannotti, parroco della parrocchia del Buon Pastore di Caserta, che ha invitato i cittadini il 9  novembre a partecipare ad una marcia di solidarietà e protesta per il degrado che ha subito la nostra gente e il nostro territorio, una violenza inaudita, che almeno a sentire le parole del pentito Carmine Schiavone, ha avuto la correità tacita se non addirittura il bene placido delle istituzioni del tempo e correnti.
Il presidente vorrebbe tacitare il prete, che tra l’altro non è nemmeno la copia sfuocata di un prete di frontiera tipo don Maurizio Patriciello, anzi don Antonello è da sempre parso e ha sempre dato l’idea di un sacerdote poco incline alle piazze dei contestatori, agli amanti delle manifestazioni non convenzionali.
Il presidente ha la capacità di tacitare la gente, un modo di agire che lascia basiti, esterrefatti.
Il silenzio che gravita attorno alla Provincia per esempio, se è rapportato al rumore e al clamore di chi lo ha preceduto, sembra a dir poco inumano, chissà quali argomenti di persuasione userà  per  zittire tutto e tutti.
Adesso è intervenuto a gamba tesa sul malcapitato pastore che è tra i tanti forse il più pio di tutti, accusandolo di aizzare le folle facendo le fiaccolate.
Magari fosse così, magari arrivasse un novello cardinale Ruffo a scaldare il cuore e gli animi della nostra gente, magari fosse per davvero.
Dovremo buttare nel Volturno, tutti quelli che in questi anni hanno fatto da manutengoli alle industrie del nord, alle banche del nord, alla politica del nord, collaborazionisti di un sistema che ci ha prima immiseriti e fatti diventare emigranti ed ora scopriamo che sono stati loro “camerieri” nell’avvelenare la terra e se non cooperatori, sono stati ancora peggio.
Il silenzio è stato il loro leit motiv di questi anni, un silenzio assordante che ha fatto ancora peggio dello sversamento di quei vigliacchi che si spacciano per camorristi ma che nulla sono che degli squallidi malviventi, senza onore e senza cervello.
Il sacerdote paga l’aver più volte pubblicizzato l’evento nel corso delle messe dicendo che sarà al fianco di Don Patriciello e il vescovo...emerito... . Monsignor Nogaro quello delle lampade solari per intenderci.
Noi saremo al suo fianco, come cittadini e come Comitati Due Sicilie.
La marcia inizierà sul sagrato della Parrocchia del Buon Pastore alle ore 10.30 del giorno 9.
Tutti, comprese associazioni come l’UNITARSI ed i disabili con problemi di deambulazione  muoveranno dietro ad una croce nuda che rappresenta la nostra terra; Il corteo si muoverà silenziosamente verso la Prefettura (Piazza Vanvitelli) dove verranno formulate le richieste alle autorità locali.
Dal canto nostro, siamo  un po’ scettici: non  amiamo molto  Monsignor Nogaro ....
Non  abbiamo mai condiviso  in passato la presenza di gazebo di taluni partiti nelle vicinanze del sagrato (sia a Puccianiello che al Buon Pastore).
Non vorremo che qualcuno facesse della pastura politica approfittando della buona fede della gente e dei poveri malati e poi abbiamo un bel po’ di ripugnanza per la cosiddetta  “Caserta bene” che ovviamente sarà presente per dimostrare la sua integrità di buon cristiano o semplicemente perché Don Antonello fa moda....
Ma la nostra presenza nonostante queste remore non verrà meno.
Forza e onore . COMUNICATO STAMPA Fiore Marro Presidente Nazionale Comitati Due Sicilie».





FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di
GIUGNO 2024

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

VIDEOFOTOTECA 


Documenti filmati e fotografati per la storia e per l'attualità 


-di Biagio Pace- 

NIKIPEDIA 
"TuttoSanNicola
l' Enciclopedia 
di San Nicola
la Strada 

fondata e diretta 
da
Nicola Ciaramella  

PROSSIMAMENTE ON LINE


VINCENZO SALZILLO, PIANISTA

Tutta la carriera artistica del talento musicale sannicolese
(a cura del ©Corriere di San Nicola)

NAPOLI NEL CUORE


Tutta la storia dell'evento promosso da Alfonso Moccia narrata ed immortalata dal Corriere di San Nicola

LA STORIA DELLA PROTEZIONE CIVILE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fiero di averla narrata ed immortalata sin dal primo giorno sulle pagine del Corriere di San Nicola. 
Onorato di essere il giornalista più titolato a parlare di questa grandissima squadra. 
Nicola Ciaramella

STORIA DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI SAN NICOLA LA STRADA 
Fu istituito nel 1990. Le carriere dei sei comandanti che sinora lo hanno guidato.

OGNI CITTADINO PUO' SALVARE UN CITTADINO
Tutti gli articoli del "Corriere di San Nicola" sul progetto
"SAN NICOLA LA STRADA CARDIOPROTETTA"

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

29.ma Festa del Tesseramento dell’Associazione N.S. di Lourdes 

800x600

Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione.Un magnifico pomeriggio in Santa Maria degli Angeli all’insegna della fraternità, della fede e dell’amicizia nel nome della Santa Vergine, in attesa del 163.mo anniversario dell’Apparizione. 1

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

TUTTO IL "DISSESTO FINANZIARIO" MOMENTO X MOMENTO 
Come si giunse al giorno più nero della storia amministrativa sannicolese e chi nulla fece per evitarlo 

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

PERCORSO QUARESIMALE CON LA SANTA SINDONE 
I VIDEO dei cinque incontri del programma promosso da Don Antimo Vigliotta e dal Prof. Luciano Lanotte

LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Storia dei Carabinieri di San Nicola la Strada

 Le carriere degli otto Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di
GIUGNO 2024

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2020-2025 


ORGANIGRAMMA
della
amministrazione comunale

 
PROGRAMMA
AMMINISTRATIVO



 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (rubrica ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

La 
VIDEOGALLERY 
del "Corriere di San Nicola" 

... Per rivedere... per ricordare... per rivivere  migliaia di momenti e personaggi della storia di San Nicola la Strada. 
UN DOCUMENTO UNICO ! 
TUTTI I VIDEO PUBBLICATI SUI CANALI YOUTUBE E FACEBOOK DELL'ENCICLOPEDIA CORRIERE DI SAN NICOLA 

 https://www.corrieredisannicola.it/video/notizie/media-gallery/video-gallery

 (alcuni filmati, per il momento non visualizzabili, sono in corso di ristrutturazione..)