Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

Prevenzione patologie età correlate

22/23 giugno iniziativa dei consiglieri comunali Tripaldella e Papa

Galoppatoio est a doppio senso

Il provvedimento è a livello sperimentale

LUTTO BIONDI

E' morto Umberto BIONDI, papà del dirigente comunale Giulio  

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
GIUGNO 2019

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

TEMPO DI 730

 

-Rubrica a cura di Omnibus Multiservice-


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

DOSSIER “FESTA DI SAN NICOLA” 2019

La raccolta con tutti gli articoli, video e foto dell’ultima Festa Patronale



I REQUISITI PER ACCEDERE AL “REDDITO DI CITTADINANZA”

(Rubrica a cura di Omnibus Multiservice)

MISTICISMO

-di Antonio Dentice-

*Cronaca del Sufismo Murid

*Cronaca del Taoismo

*Tradizioni sincretiche Sudamericane

*Cristianesimo

 


AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


Maria Pia De Martino: «Gli autori mi deludono ogni anno sempre di più»


Intervista alla poetessa pluripremiata e critico letterario: «Molte sono le giurie improvvisatesi tali e senza alcuna competenza assegnano riconoscimenti altisonanti». Presto sarà a Caserta, con il Corriere di San Nicola e la LIDU, per commentare la poetica di G. Limone.


 

Maria Pia De Martino, classe 1960, dell’Ariete, con ascendente in Cancro. Medico, artista e critico letterario. Autrice pluripremiata a livello internazionale. Il mondo pediatrico le ha insegnato come tramontano i bambini. La poesia, come tornarvi. Col compagno di vita condivide l’indipendenza, l’amore per il teatro e un persistente individualismo.
La sua esperienza nell’arte passa per alcune “cosucce”, come: la presidenza del Premio Letterario Internazionale “Le Nuvole – Peter Russel”; il titolo di “Donna dell’anno 2012” (sez. medicina e cultura) alla Universum Accademy of Switzerland; la nomina di Ambasciatrice di Pace all’Università della Pace di Lugano; l’incarico di Presidente Universum per la città di Napoli; e la partecipazione al progetto del Beguinot sulla città interetnica, al Palazzo dell’ONU di New York. Ovviamente, è anche la massima referente in Italia della corrente poetica russelliana.
A breve, assieme al suo amico, compagno d’armi e d’arte, il filosofo e poeta Giuseppe Limone, la De Martino sarà ospite su Radio Caserta Nuova, nell’evento promosso dalla Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo (LIDU onlus) e dal Corriere di San Nicola. Qui commenterà le “Ceneri di Pasolini”, la raccolta di liriche e prosa dell’autore partenopeo insignito del Premio Internazionale dell’Association Des Amis d’Emanuel Mounier.

La De Martino individua e indica il difficile equilibrio tra due realtà, l’apertura dei salotti intellettuali e la dignità qualitativa dell’Arte. Il difetto della prima, diviene concausa di giostre autoreferenziali. Invece, con il difetto della seconda, si scivola nell’insoddisfacente banalità di chi non sa ossessionarsi coll’immaginifico. Il dilettantismo ad oltranza.

Dialogare con la De Martino, nella veste di critico artistico-letterario, è raccoglierne l’afflizione. Ed è proprio l’afflizione che condivide con noi: «Gli autori mi deludono ogni anno sempre di più, ma noi continuiamo a fare il nostro lavoro». La decadenza dell’autentica vocazione è probabilmente la conseguenza cosmica del Kali Yuga di cui parlano i Veda. Basterebbe osservare cosa è accaduto alla VIII edizione del Premio Letterario Nazionale “Mille Anime di Pulcinella”, quando la nostra Maria Pia De Martino ha annunciato con garbo l’abolizione della terza sezione del concorso (poesia in lingua napoletana), a causa: «della mediocrità delle opere sopraggiunte».

In attesa della presenza nel casertano, ci raccontiamo e spieghiamo un po’ di cose.

-Maestra, ci racconti la cosa più sgradevole a cui ha avuto il dispiacere di assistere nell’arco della sua verità artistica.

«Per non essere prolissa mi limiterò a risponderLe attraverso qualche breve considerazione che magari può offrire uno spunto di riflessione.

Quando si dice che la Poesia - come espressione artistica suprema- è in crisi si afferma il falso, perché in realtà sono in crisi i sistemi che la "producono" e la "consumano". Dagli anni '60 in poi le Avanguardie - alcune le amo molto - hanno tentato di "globalizzare"  il concetto di Arte Poetica che per natura non è globalizzabile, e questo soprattutto nella cultura europea occidentale: fino a pochi anni fa nell' ex Unione Sovietica i teatri si riempivano fino all' inverosimile di giovani (come da noi per i concerti pop o rock) per ascoltare Bella Achmadulina che leggeva le proprie poesie, come accadeva in Polonia per la Zsymborska, che raccoglieva migliaia di cittadini nelle piazze per lo  stesso motivo. Da noi non è successo mai nulla di simile...

Mi limito ad esporre i fatti. In Italia sappiamo che la Poesia si legge pochissimo ma ci sono, di contro, oltre 15.000 concorsi nazionali di Poesia, che annualmente conferiscono premi a destra e a manca, "laureando" come poeti autori sconosciuti e dilettanti e, di concerto, innumerevoli case editrici di media e piccola editoria che stampano centinaia di migliaia di libri di poesie di tali autori che nessuno legge. Molte sono le giurie improvvisatesi tali e dunque senza alcuna competenza assegnano riconoscimenti altisonanti. Vorrei ricordare che essere "poeta" è una condizione di vita, un modo di stare al mondo e guardare la vita, NON scrivere una poesia a cui qualcuno - magari senza competenza - assegna un riconoscimento.

Questa condizione in Italia - nell' ultimo decennio in special modo - è andata consolidandosi fino a diventare una vera e propria "piaga" che affligge la Poesia vera che, così sopraffatta, ha sempre meno occasioni per farsi ascoltare».


-A che età gli autori iniziano a perdere credibilità? Cosa accade a livello chimico e neuro-biologico? Lei, che ha competenze sui giusti fronti, può senz’altro illuminarci.

«Ho organizzato molti concorsi per autori giovani e giovanissimi appartenenti a scuole di ogni ordine e grado, e posso affermare che, a parte qualche eccezione, la purezza del sentimento poetico l’ho riscontrato nei componimenti di ragazzi pre –adolescenti, in pratica nei ragazzi delle scuole medie inferiori.

Sicuramente ciò è dovuto alla visione del mondo e dell’affettività che i bambini di quella età hanno che, anche se non possiedono ancora i mezzi sintattici per esprimere compiutamente le proprie idee, sanno però esprimersi poeticamente. Il mondo dei bambini è un mondo vasto e nitido fatto di poche ma ben definite cose, con riferimenti certi e imprescindibili. Non per niente il Poeta è colui che sa mantenere per sempre la purezza dello sguardo bambino sulle cose del mondo. Crescendo, i condizionamenti sociali inevitabilmente contaminano tale purezza e bisogna che convergano diversi fattori - familiari, sociali, culturali e psicologici- affinché il bambino che diventa adolescente conservi la dimensione poetica della propria percezione della realtà. Dopo i 18 anni però le cose cambiano, forse perché la personalità del ragazzo – ormai definita- è “sopraffatta” letteralmente dai condizionamenti sociali soprattutto in questa epoca dove i media imperano e l’immagine trionfa, dove la comunicazione è ormai digitalizzata e virtuale, e dove il desiderio di uniformarsi alla massa prende il sopravvento sulla paura della solitudine che l’essere diversi comporta. Dal punto di vista della crescita fisica poi parliamo di un’età difficilissima caratterizzata da quella che noi medici definiamo “catastrofe ormonale” in cui il corpo umano si trasforma completamente: infatti dai 6 ai 18 anni lo sviluppo fisico dell’essere umano è pressoché completo. In tale periodo dunque la personalità assume i caratteri fondamentali nel giovane che dovrebbe essere pronto a prendere il proprio posto nella società. Dico “dovrebbe” perché sappiamo tutti che ciò non accade mai oggi. Esposto a così tanti disturbi sociali e culturali, durante questo lungo arco di tempo formativo, il giovane giunge a questa età oggi con un bagaglio di crescita multiforme e confusa: la maturità fisica ormai da tempo non corrisponde più alla maturità “mentale” e sociale dell’individuo, condizione questa che, insieme ad altri fenomeni sociali e di costume, ha generato la grande crisi “antropologica” che la nostra epoca attraversa. Mi sento perciò in linea con Benedetto Croce quando affermava che “prima dei 18 anni siamo tutti poeti. Dopo tale età il poeta è una mosca bianca”».


-In due risposte Lei ha letteralmente aperto un mondo sconosciuto ai non addetti ai lavori, fin nelle sue miserie e meschinità. Walt Whitman scrive che la poesia salverà il mondo. Cosa salverà la poesia?

«La Poesia salva se stessa perché è nell’inizio delle cose. Resta ferma sulla soglia del senso del vivere, in attesa degli uomini. Se cade, lo fa in verticale, in piedi, senza rovinare mai. Le categorie del pensiero umano sono figlie della Poesia che abbraccia tutto lo scibile, dalla filosofia, alla storia alla politica, alla scienza, fino all’economia, alla sociologia, etc. Nonostante le vistose contraddizioni che l’uomo ha attraversato nei millenni di storia, la Poesia, affiancata da una sorta di fede-approfondimento, ha resistito come fede-sentimento, traendo energia dall’istinto di sopravvivenza prettamente biologico dell’uomo. Questa fede, che non è religiosa in senso stretto, discende da quel pensiero evolutivo biologico, tipico ed esclusivo del cervello umano.

Se diamo uno sguardo al secolo appena trascorso, il Novecento, vediamo che è iniziato affermando una sorta di “dismissione” dell’uomo: in letteratura -per esempio- da Pirandello a Montale, nella storia dalla Grande Guerra- che preparò il terreno alla seconda guerra mondiale- all’affermazione dei grandi totalitarismi e alla negazione di ogni concetto di libertà. La scienza poneva le basi di uno sviluppo ancora di là da venire, troppo spesso al servizio dei poteri distruttivi. Nonostante tutto, nello stesso tempo, abbiamo avuto la più grande poesia di tutti i tempi dopo Dante, Shakespeare e Leopardi: basti pensare alla portata rivoluzionaria che il pensiero poetico di Ezra Pound ha esercitato sulla storia del Novecento. Mi sembra che sia sfumato, dopo, il grande dogma dell’accezione negativa dell’uomo, quanto meno credo si sia dato credito ad un maggiore relativismo. Basta guardarci attorno per prendere atto di quanto ho appena detto, magari spingendo lo sguardo un poco più in là. E’ vero, la Poesia salva il mondo salvando se stessa! Come critico letterario ho potuto constatare quanto negli ultimi venticinque anni sia cresciuta l’attenzione per la Poesia e la richiesta di essa da parte di un pubblico sempre più esigente proprio perché emerge un bisogno urgente di comunicazione nell’uomo contemporaneo malato di profonda solitudine: d’altronde, finché c’è l’uomo ci sarà la Poesia…a meno che, parafrasando Mario Luzi, l’uomo non si “disumanizzi” totalmente.

Ma io credo che, sebbene la nostra epoca per molti aspetti appaia davvero “disumana”, la Poesia sosti in un angolo, ferma, silenziosa e paziente ed osservi l’uomo, in attesa che egli si rialzi, nutrendone, con la grande speranza che le è propria, la disperazione che - egli - vive. Quella speranza che solo Poesia, madre autorevole ma infinitamente amorosa, sa donare».

Antonio Dentice d’Accadia

 


PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO



 

I turni di 
GIUGNO 2019

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori