Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
OTTOBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


SPECIALE ELEZIONI COMUNALI 2020 

Le Elezioni Comunali 2020 di San Nicola la Strada raccontate dal Corriere di San Nicola

IL MONDO A SCALE 
-Racconto di Gerardina Rainone-

(Disegni di Virginia Cioffi)

PARTE II

 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

San Nicola la Strada SEMPRE nel cuore
...Una bellissima iniziativa per tutti i sannicolesi...

PROGRAMMI A CONFRONTO

Gli intendimenti di Basile, De Chiara e Marotta

-Vedi VIDEO su Youtube e VIDEO su Facebook

-I programmi completi dei tre candidati a sindaco

 

Settembre 2020, Elezioni Comunali di San Nicola la Strada: nel video, i tre candidati a sindaco Francesco Basile, Tiziana De Chiara e Vito Marotta parlano di alcuni punti dei loro programmi elettorali.

TUTTI I PROGRAMMI

PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO
FRANCESCO BASILE
(sostenuto dalle liste Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega, Unione di Centro)

Premessa

Da troppo tempo San Nicola la Strada sta vivendo una fase di declino, con gravi ripercussioni in ambito politico, sociale, economico e morale. Da paese importante della provincia di Caserta, San Nicola la Strada si è trasformato in un paese ombra, escluso dalla vita politica provinciale e totalmente assente dai tavoli “tecnici” sovra comunali. San Nicola la Strada soffre e soffrono i suoi cittadini, i quali hanno ormai perduto il piacere e il diritto di confrontarsi.

La nostra città ha tutte le risorse ed il capitale umano e sociale per raggiungere obiettivi alti. Lo ha dimostrato in passato. Dobbiamo partire dalla nostra identità, dalle nostre radici e guardare al futuro e alle opportunità legate ai cambiamenti e all’innovazione. Dobbiamo ritrovare il nostro senso di appartenenza e al contempo progettare una visione strategica complessiva che promuova il nostro Comune a livello provinciale, nazionale ed internazionale. Dopo quasi dieci anni di una politica fatta di false promesse, di spreco di denaro pubblico, di mala gestione della cosa pubblica, di soprusi e abusi, la comunità sannicolese è stanca e chiede a gran voce un radicale cambiamento. Questa volta vero! L’obiettivo della nostra amministrazione sarà soprattutto quello di consentire a ogni cittadino di svolgere un ruolo fondamentale nella crescita della nostra comunità. Ci proponiamo come coalizione aperta ad ogni contributo, mettendo prima di tutto a disposizione le nostre competenze professionali ed il nostro amore per questa città. La Condivisione è uno degli elementi principali a sostegno di un processo di medio-lungo periodo che porti San Nicola la Strada ad uscire dall’isolamento attuale, a rigenerare la nostra città e a collocarla organicamente e funzionalmente nel contesto provinciale, regionale e nazionale. Il nostro programma sarà orientato a creare le condizioni per dare ai nostri giovani opportunità reali di futuro, per aiutare le nostre imprese ad essere realmente competitive in un mercato globale, per dare alle nostre famiglie tutti i servizi necessari ad una comunità, per dare serenità ai nostri anziani e per aiutare chiunque rimanga indietro.

  1. Amministrazione efficiente e trasparente

La macchina amministrativa è il principale motore di ogni Comune. Se la macchina amministrativa non funziona in maniera adeguata i cittadini non hanno la possibilità di usufruire appieno dei servizi che essa è chiamata a fornire. Uno dei principali obiettivi che ci poniamo è garantire da subito un’amministrazione efficiente e soprattutto trasparente. I dirigenti ed i responsabili dei vari servizi comunali rappresentano una risorsa importante che deve essere valorizzata ed utilizzata tenendo conto delle esigenze della città. Il loro prezioso lavoro deve essere improntato al raggiungimento degli obiettivi programmatici dell’amministrazione. È necessario poter contare su personale che oltre ad essere preparato, senta molto forte il senso di appartenenza al Comune e al proprio territorio. Favorire lo sviluppo di una società digitale, dove i servizi mettono al centro i cittadini e le imprese, attraverso la digitalizzazione della pubblica amministrazione che costituisce il motore di sviluppo per tutto il Paese sarà il mantra della nostra amministrazione.

Promuovere lo sviluppo sostenibile, etico ed inclusivo, attraverso l’innovazione e la digitalizzazione al servizio delle persone, delle comunità e dei territori, nel rispetto della sostenibilità ambientale.

Contribuire alla diffusione delle nuove tecnologie digitali nel tessuto produttivo italiano, incentivando la standardizzazione, l’innovazione e la sperimentazione nell’ambito dei servizi pubblici. Sarà compito di questa amministrazione organizzare la macchina amministrativa nella maniera più idonea e metterla così nelle condizioni di poter svolgere il proprio delicato compito nella maniera migliore. Si dovranno anche verificare eventuali carenze di personale nei vari settori dell’amministrazione. Ad esempio per quanto riguarda la Polizia Municipale appare attualmente inadeguato il numero di agenti a disposizione del Comune e questo non può   che incidere in maniera evidente sull’efficacia e la tempestività dei controlli ma ovviamente anche sulla sicurezza. La trasparenza amministrativa è il principio in base al quale le attività della pubblica amministrazione devono essere rese pubbliche e accessibili ai cittadini. Per favorirla, le informazioni devono circolare in modo efficace sia all’interno sia all’esterno dell’amministrazione. La trasparenza diventa quindi un mezzo per consentire la partecipazione e il controllo sull’operato della pubblica amministrazione, che cerca un dialogo con i propri cittadini, ponendoli in tal modo al centro dell’azione amministrativa. In tale ottica, la Coalizione a sostegno del Dr. Francesco Basile, composta da Forza Italia e Fratelli d’Italia, adotterà una politica in grado di ottimizzare forme di comunicazione capaci di interagire con la comunità. Pertanto sarà potenziato il sito web del Comune di San Nicola la Strada, e istituito lo Sportello di Cittadinanza, che permetterà, specie per gli anziani, di avere un luogo dove poter chiedere e reperire tutte le informazioni necessarie alla risoluzione delle problematiche che il cittadino (inteso come singolo o nucleo familiare) si trova ad affrontare nel momento in cui si interfaccia con l’amministrazione comunale. Saranno, inoltre, istituiti percorsi di confronto con i cittadini attraverso il consolidamento delle consulte e attraverso periodiche assemblee pubbliche.

Noi sogniamo un’Amministrazione trasparente e partecipata, in cui annualmente relazioneremo ai cittadini la condizione dell’ente tramite incontri pubblici dove spiegheremo il Bilancio Comunale. Il coinvolgimento dei cittadini avverrà tramite incontri programmati sul territorio durante l'anno che renderanno la cittadinanza attiva in un percorso di serietà e buona gestione. Ci adopereremo per la realizzazione di un'applicazione per smartphone ed il potenziamento del portale web per facilitare il reperire delle segnalazioni e delle indicazioni. Lavoreremo sin da subito per il riordino e razionalizzazione delle spese comunali introducendo il sistema "amico" per il recupero delle imposte e per la riduzione dei contenziosi. Sarà nostra premura costituzione un Ufficio progetti di finanziamento, per promuovere e favorire la partecipazione del Comune a bandi comunitari, nazionali e regionali finalizzata all'acquisizione di finanziamenti per specifici progetti da parte dell'Amministrazione comunale, con la costituzione di un ufficio volto alla ricerca di bandi comunitari e regionali fornendo assistenza ai vari uffici comunali.

Metteremo in atto anche strumenti di governance innovativi come il bilancio partecipato che consentirà ad associazioni e singoli cittadini di poter fattivamente contribuire alla predisposizione dei bilanci, ad incidere sulle singole spese. Vogliamo un’amministrazione a misura di persona, aperta in cui ogni cittadino si possa sentire protagonista attivo della vita amministrativa. Un’amministrazione che abbia nella trasparenza e nella tracciabilità degli atti un tratto caratterizzante della sua azione.

  1. San Nicola la Strada Città ospitale e vivibile

San Nicola la Strada deve essere una città ospitale, vivibile, pulita ed accogliente. Tutti devono potersi sentire a casa propria, dai residenti, ai visitatori che la attraversano anche solo occasionalmente. Dobbiamo tornare ad essere considerati un’eccellenza anche per l’ordine e la qualità dei nostri servizi. La loro gestione deve essere improntata sulla garanzia dell’efficacia e dell’efficienza, con la ricerca anche delle migliori economicità. Dobbiamo essere tutti consapevoli del fatto che ogni nostra azione ha effetti non solo sulla nostra vita quotidiana ma anche su quella delle generazioni future. Per questo bisogna pensare ad interventi che possano garantire sviluppo, senza mai mettere in secondo piano la tutela dell’ambiente e del paesaggio, la conservazione delle nostre risorse e bellezze naturali. Siamo fermamente convinti che investire nelle infrastrutture e nei servizi possa portare un duplice risultato: modificare in meglio la percezione della città da parte dei residenti. In questo contesto bisogna lavorare per creare un sistema di accoglienza che esalti la nostra identità e   le nostre produzioni locali.

In tema di accoglienza riteniamo utile anche programmare, non solo nel periodo estivo, eventi di carattere locale, provinciale, regionale, nazionale ed internazionale che possano attrarre visitatori. Vogliamo in pratica fare di San Nicola la Strada una città bella, accogliente, accessibile e senza barriere. Garantiremo la piena accessibilità a tutti i luoghi e a tutti i servizi, eliminando le barriere architettoniche interessandoci dei P.E.B.A. e creando le condizioni per dare a tutti la possibilità di vivere liberamente ogni angolo della nostra città.

  1. Lavori pubblici, urbanistica, ambiente e Polizia Municipale

Per la Coalizione a sostegno del Dr. Francesco Basile è di vitale importanza la tutela dell’ambiente che passa necessariamente, ma non solo, attraverso una determinata, attenta, cosciente attuazione della raccolta differenziata dei rifiuti che, deve essere si affidata alla responsabilità dei cittadini utenti ma, deve necessariamente e soprattutto essere affidata alla responsabilità del Comune che deve coinvolgere, agevolare ed istruire i cittadini, anche ideando giornate per l’ambiente e istituendo delle premialità, ancorché simboliche, per incentivare i comportamenti virtuosi dei bambini, dei ragazzi e soprattutto dei più grandi. La nostra idea e di creare, in perfetta sinergia con la ditta appaltante la raccolta dei rifiuti, la “CardComune” dove sarà data possibilità, tramite i comportamenti virtuosi, accumulare “PuntiComune”, per accedere a scontistiche e premi simbolici.                  

Il territorio va tutelato al pari dell’ambiente. Va tutelato, innanzitutto, con una visione moderna e partecipata della politica, che ha il compito di far sentire i Cittadini non come solo semplici fruitori di tutto ciò che è pubblico (strade, marciapiedi, piazze ed aree verdi) ma veri Proprietari. Difatti, chi possiede un bene, è spinto a preservarlo e sarà quindi disposto ad accettare le limitazioni ed i sacrifici anche personali che tanto implica.

In quanto alle opere pubbliche di proprietà della Città di San Nicola la Strada, si dovrà provvedere al ripristino ed al funzionamento di alcune opere pubbliche realizzate con investimenti pubblici e mai entrate in funzione ed abbandonate al degrado o nell’incompleta non fruibilità da parte dei cittadini della comunità sannicolese.

Tutti gli investimenti dovranno necessariamente essere indirizzati al funzionamento ed all’ordinaria manutenzione dell’esistente. È impensabile che fino ad oggi quello che sono interventi ordinari si sono trasformato in interventi straordinari con esborsi maggiorati per la nostra comunità.

Nell’ambito del Settore Urbanistica occorre responsabilizzare i tecnici che fanno capo all’ente comunale e procedere al lancio dei Piani Particolareggiati e Paesaggistici e all’assoluto rispetto di tutte le convenzioni previste dai piani di lottizzazioni fin qui approvate. Nella nostra amministrazione saranno incentivate le nuove tecnologie e le green energy. Primo intervento sarà quello di predisporre una nuova illuminazione a led da sostituire progressivamente all’attuale sistema sul tutto il territorio comunale, con priorità alle zone attualmente non illuminate in modo adeguato, e quindi a rischio di sicurezza.

Particolare interesse sarà dedicato al Settore della Polizia Municipale che, compatibilmente con le risorse finanziarie e con le norme di Legge vigenti, va potenziato anzitutto in termini di personale. Redigeremo un nuovo regolamento di polizia urbana che ridefinisca il ruolo della polizia locale, rendendola più operativa nella sorveglianza e nel presidio del territorio, nei luoghi di aggregazione e nei parchi pubblici cittadini in collaborazione con le altre forze di polizia. Pattugliamento anche nelle ore notturne e controllo delle residenze e del sovraffollamento degli alloggi. A San Nicola la Strada, sotto la nostra amministrazione, il corpo di Polizia Municipale sarà impiegato anzitutto e soprattutto nel pattugliamento del territorio in maniera continua e capillare. Di concerto dovrà essere potenziata ulteriormente la Videosorveglianza atteso che, la cronaca lo dimostra, mediante un diffuso sistema di telecamere si scoraggia la criminalità, si può intervenire a favore di eventuali vittime, si individuano spesso i colpevoli di atti delittuosi, installando nuovi dispositivi in zone strategiche in modo da assicurare la visione di ogni zona del territorio.

Per quanto riguarda la Rotonda lato Est ed Ovest, polmone verde dalla Città, oggi lasciato all’incuria e alle mani criminose di delinquenti, inutilizzato dai cittadini più anziani o dai bambini, abbiamo in mente un progetto straordinario, da realizzarsi in sinergia con la sovrintendenza. La recinzione perimetrale della Rotonda lato Est ed Ovest, risulta essere l’unica soluzione ad un sempre crescente abbandono dei luoghi in favore della criminalità. Di pari importanza sarà il ripristino del collegamento sotterraneo tra i due emicicli che sarà oggetto di installazione di apparato di videosorveglianza. Per evitare, inoltre, il crescere delle attività criminose, oltre l’installazione necessaria di nuovi dispositivi di videosorveglianza, sarà importante intensificare i controlli del corpo di polizia municipale all’interno dei due emicicli e l’utilizzo di personale civile autorizzato al controllo della zona tramite l’istaurazione di convenzioni con enti e associazioni del territorio. L’amministrazione del candidato sindaco Basile sarà un’amministrazione attenta non solo ai bisogni dei cittadini ma anche ai bisogni degli animali, individuando un’area idonea alla costituzione di una zona attrezzata per permettere ai nostri amici animali di poter socializzare e giocare tra loro senza correre pericoli. Approveremo inoltre, un regolamento per la tutela e protezione degli animali, che preveda innanzitutto sanzioni più incisive per maltrattamenti e abbandoni. Supporteremo l’adozione di un codice di comportamento che permetta una buona convivenza tra residenti, operatori delle associazioni e animali. Istituzione di un’anagrafe comunale di cani e gatti. Istituiremo un numero “whatsapp” a disposizione di tutti i cittadini per segnalare al comune qualunque situazione necessiti di un intervento, oltre al collegamento tramite l’Applicazione “InComune”.

  1. Scuola e Politiche Sociali e giovanili

La scuola, pietra miliare delle tante amministrazioni che si sono succedute a San Nicola la Strada, per quello che riguarda l’aspetto prettamente comunale, va difesa sia in termini di efficienza didattica sia, soprattutto, in termini di SICUREZZA dei bambini, del personale e delle famiglie. I genitori affidano il loro bene più prezioso alle scuole e dovranno essere sempre sicuri di averli condotti in un luogo difeso, sano, soddisfacente e, formativo. Il primo intervento concreto, nella prima sosta scolastica utile, sarà di inviare i nostri tecnici, con membri idonei facenti capo alla politica (Assessori al ramo ecc) presso le strutture scolastiche per ispezioni e controlli tecnico strutturali in modo da, ove possibile, programmare interventi concreti sulle strutture stesse. Per i Servizi Sociali si dovrà proseguire iniziative a basso costo. Abbiamo pensato all’istituzione di un sportello “Rosa” per un supporto ed asccoltare per tutte le donne della comunità sannicolese, non solo vittima della violenza, con giovani professionisti. Inoltre lo sportello accoglierà anche tutte le proposte ed idee "rosa" per contribuire alla crescita culturale della comunità. L’Ente si farà quindi promotore di istituire una convenzione idonea, con l’ordine professionale degli psicologi, permettendo ai neolaureati, supportati da un tutor anziano, di svolgere un tirocinio formativo presso la struttura che metteremo a disposizione della Comunità. Sulla stessa linea abbiamo immaginato l’istituzione dello sportello “Ci sono anch’io” che si occuperà della cura e del sostegno dei diversamente abili, per i quali presteremo particolare attenzione, eliminando qualunque barriera fisica o digitale.

Per quanto riguarda l’aspetto associativo verrà incentivata l’opera dei gruppi di volontariato che si occupano da una parte della crescita sociale, culturale, civile dei giovani, ivi compresa l’attività sportiva, dall’altra dell’assistenza agli anziani e alle persone in difficoltà, come i disabili.

Creeremo e sosterremo l’attività della Consulta delle associazioni, cercando di valorizzare e sostenere il ruolo del volontariato nel nostro territorio.

Occorre che il Comune svolga un ruolo attivo per il rilancio e la promozione delle consulte, affinché le stesse assumano un ruolo autonomo propositivo e di stimolo circa l’azione comunale.

Attenzione particolare verrà posta per la popolazione anziana del nostro per cui è necessario adeguare i servizi offerti a questa fascia di età.

Istituiremo il registro degli anziani in modo da individuare quelli che necessitano di sostegno e assistenza domiciliare introducendo la fornitura domiciliare di pasti caldi alle persone che ne hanno bisogno.

Bisognerà avere più attenzione per gli anziani soli, cercando di coinvolgerli nelle attività ludiche e culturali organizzate dal Comune. Cercheremo di implementare l’apertura del Centro Anziani, luogo fondamentale, con apertura giornaliera, anche avvalendoci di associazioni dedicate.

Cercheremo di incentivare il rapporto con enti e associazioni di volontariato, laico e religioso, esistenti sul territorio al fine di collaborare per dare una risposta alle richieste di sostegno.

Rintrodurremo il sostegno alla promozione dei Soggiorni climatici per la terza età. Come amministrazione manterremo una particolare attenzione verso la formazione dei nostri ragazzi ed in particolare sostenendo il loro diritto allo studio.

Costituiremo e manterremo una borsa di studio ideata per i ragazzi che escono con ottimo e distinto dalla scuola media, allargando l’iniziativa ai nostri ragazzi delle scuole superiori che si diplomeranno con un ottimo punteggio. Per i ragazzi più grandi abbiamo pensato di estendere la possibilità di viaggi studio sfruttando diverse iniziative della Comunità Europea.

Verrà ripristinata e dato continuo supporto alla Biblioteca Comunale dotandola di postazioni computer con internet gratuito di ultima generazione, con accesso alla Biblioteca Digitale. Adotteremo il nuovo ISEE comunale che tenga conto e valuti con attenzione lo stato di bisogno delle famiglie di San Nicola la Strada e verifichi i reali mezzi di sostentamento al fine di acceder ai benefici che il comune intende erogare. Fiscalità comunale di vantaggio per le famiglie, con particolare attenzione a quelle numerose e a quelle che vedono la presenza di diversamente abili, anziani o giovani disoccupati. Bonus bebè per le neo mamme erogato a ogni nuovo figlio per l’acquisto di prodotti per l’infanzia in negozi convenzionati con il Comune, cumulabile con gli altri contributi previsti dalla legislazione nazionale.

  1. Trasporto pubblico

La nostra amministrazione si confronterà con gli Enti preposti per implementare e migliorare la qualità del servizio di trasporto pubblico nel nostro Comune per adeguarlo alle esigenze del territorio e renderlo più economico e funzionale e, se possibile, aumentare i percorsi interni alla città con fermate dedicate.

  1. Attività produttive e artigianato

Il sistema economico italiano è fondato sulla piccola e media impresa, sul commercio e sull’artigianato. Negli ultimi quindi anni le scelte politiche relative allo sviluppo imprenditoriale della città, sono risultate errate e, se da un lato non hanno contribuito alla crescita economico-produttiva del territorio, da un altro lato hanno seriamente compromesso la normale attività delle imprese locali e dei singoli artigiani e commercianti.

Non può esserci sviluppo economico se si costringono i piccoli imprenditori a pagare il prezzo di una politica industriale inesistente; né se gli imprenditori e gli artigiani non vengono presi in considerazione per valutare ed operare scelte economiche importanti, soprattutto quando coinvolgono grandi investitori giunti nel nostro territorio. Può, al contrario, esserci sviluppo economico se le scelte sono partecipate, al fine di non incorrere in operazioni “illogiche”, e se tra la classe politica e gli attori principali delle attività economiche locali tutte, vi è serio confronto e continuo dialogo.

Convinti, pertanto, che le risorse del paese vadano messe nella condizione di trasformarsi in ricchezza diffusa e in progetti di crescita e sviluppo, riteniamo che la prossima Amministrazione Comunale debba:

  • • ristabilire un serio confronto con le varie categorie produttive, al fine di realizzare una programmazione efficiente per lo sviluppo economico ed imprenditoriale del territorio;
  • • mettere in atto politiche di controllo e tutela delle licenze commerciali, al fine di garantire il rispetto delle regole ed una concorrenza libera e leale;
  • • concedere la possibilità a talune attività commerciali (bar, macellerie, ristoranti etc.) di usufruire, gratuitamente, degli spazi pubblici antistanti i locali, per fornire servizio di ristoro e/o degustazione di prodotti alimentari e con particolar riferimento a coloro che vorranno preferire il centro storico;
  • • supportare le Associazioni e/o i gruppi che intendono realizzare eventi   eno-gastronomici e culturali al fine di valorizzare e promuovere i prodotti locali.



**********


PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO
TIZIANA DE CHIARA
(sostenuto dalle liste Movimento 5 Stelle, Cittadini in Evoluzione)

 


  1.   Presentazione

 

I Comuni possono decidere della qualità della vita di ogni cittadino amministrando al meglio, iniziando dallo scegliere come principi fondanti dell’azione politica la trasparenza, la condivisione e la partecipazione.

I Comuni possono avviare una raccolta differenziata efficace ed efficiente evitando così la necessità di un inceneritore o di una discarica, possono attrezzare parchi per i bambini, luoghi di aggregazione per giovani e anziani senza cedere spazio al consumo di suolo spesso oggetto di speculazioni, possono costruire nell’ottica della buona mobilità e dell’utilità collettiva, come ad esempio asili a vera misura di bambino, possono non privatizzare l'acqua perché è un bene comune e mantenerla sotto il loro controllo, quindi dei cittadini.

Dai Comuni si deve ripartire per fare la Politica in cui il cittadino, e il suo benessere, sono la vera priorità.

Nella competizione elettorale comunale sono ammessi collegamenti con altre liste: la nostra alleanza è stretta innanzitutto con i cittadini ai quali rispondiamo direttamente e non con soggetti politici che in fase di governo della Città hanno in passato dimostrato di non essere in linea con i principi del Movimento, spesso mettendo al centro interessi di natura personalistica contrapposti al bene comune. Ogni lista collegata deve rispondere ai medesimi criteri morali di selezione della lista del Movimento.

Onestà, competenza e integrità nella gestione della cosa pubblica significano più risorse, più servizi e più lavoro per tutti.



  1. Macchina amministrativa

    1.    BILANCIO:

a) Pianificazione di bilancio con contenimento della spesa e reinvestimento in opere programmate;

b) Assestamento spesa corrente e del debito pregresso;

c) Revisione e trasparenza della spesa pubblica;

d) Introduzione del Bilancio Partecipativo;

e) Nei limiti consentiti dalla legge fare ricorso a servizi esterni solo in caso di effettive urgenze non compensabili da programmazione interna delle attività, attenendosi sempre e comunque a compensi che si attestino al minimo delle tariffe professionali applicate sul territorio nazionale e alla massima qualità del servizio erogato;

f) Piano di incentivi per la produttività da concordare con le parti coinvolte, ed erogazione dei compensi per lavoro straordinario solo per prestazioni incomprimibili e indifferibili.

2.    FINANZIAMENTO:

a) Efficientamento dei crediti esistenti e futuri;

b) Intercettazione fondi Europei e Regionali;

c) Efficacia delle fonti di finanziamento.

 
3.    TRASPARENZA:

a) Introduzione in Consiglio Comunale di sessioni con domande dal Pubblico appositamente regolamentate (Question Time);

b) Introduzione della redazione multimediale dei verbali del consiglio e delle commissioni;

c) Trasmissione in streaming delle riunioni del Consiglio Comunale;

d) Bilancio trasparente, pubblicato online di facile lettura e comprensibile a tutti i cittadini;

e) Istituzione dello strumento del recall per gli eletti del M5S;

f) Introduzione del referendum propositivo e consultivo su specifiche materie (anche on-line);

g) Istituzione di delibere di iniziativa popolare e creazione di un registro on-line in cui vengono raccolte tutte le istanze inviate alla pubblica amministrazione e dove sia possibile consultare le risposte;

h) Agevolazione dell’accesso per i cittadini agli atti sia della Giunta che del Consiglio Comunale;

i) Istituzione della giornata della democrazia e dell’assemblea “La parola ai cittadini”;

j) Controllo trimestrale, da parte dei cittadini, di tutte le attività dell’amministrazione mediante assemblee pubbliche, con spiegazione chiara e semplice dei bilanci e dello stato di avanzamento delle politiche comunali;

k) Potenziamento dell’URP attraverso l’attivazione di canali di comunicazione ufficiali dell’ente, su social network e non.

 
4.    INVESTIMENTI PER IL LAVORO:

a) Attenta programmazione di ogni tipo di attività implementabile in favore dell'ente comunale che coinvolga i percettori del reddito di cittadinanza;

b) Reindirizzamento delle risorse pubbliche verso lo sviluppo economico di giovani imprese e meccanismi di sostegno dei cittadini in difficoltà;

c) Favorimento di progettazione e start-up di impresa, attraverso l’offerta di spazi di co-working (utilizzando le strutture di proprietà del Comune al momento non valorizzate) in grado di aggregare idee, competenze e tecnologie;

d) Costituzione di un incubatore di imprese all’interno della struttura comunale, per consentire agli imprenditori di conoscere tutti i principali strumenti per la nascita o il rilancio dell’attività di impresa sul territorio;

e) Regolamentazione per la messa a disposizione gratuita degli spazi di proprietà dell’ente e gratuità della pubblicità per conferenze e produzioni culturali di interesse pubblico delle organizzazioni no profit iscritte all’albo comunale.

 
5.    RISORSE E PATRIMONIO:

a) Qualificazione dei dipendenti comunali e miglioramento delle condizioni di lavoro;

b) Riorganizzazione ed efficientamento degli strumenti amministrativi;

c) Riqualificazione dei settori dirigenziali e delle deleghe;

d) Accorpamento e rimodulazione dei settori amministrativi seguendo il principio dell’armonizzazione sulla base dell’economicità e della produttività nella gestione della spesa pubblica;

e) Valorizzazione del patrimonio;

f) Programmazione pubblica degli interventi di manutenzione ordinaria e verifica degli interventi;

g) Censimento della rete idrica con individuazione delle perdite e dei tubi in Eternit, e programmazione per la sostituzione totale di tali condotte, definendo le risorse necessarie e un piano temporale di risanamento, anche tramite l’intercettazione di fondi

 6.    SERVIZI COMUNALI:

  1. Creazione di piano per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione per migliorare l’accessibilità e la qualità dei servizi dedicati a cittadini e imprese;
  2. Creazione di mensa comunale e scolastica;
  3. Potenziamento servizio manutenzioni e pronto intervento;
  4. Individuazione di spazi o strutture da destinare ad aree scientifiche, culturali o museali per attrazione turistica e convegni;
  5. Adozione completa dell’app IO del Team per la Trasformazione Digitale come interfaccia digitale unica verso la pubblica amministrazione;
  6. Riqualificazione delle strutture sportive e scolastiche;
  7. Creazione di piano per il Wi-Fi cittadino gratuito, puntando in primis a reperire risorse tramite il bando WiFi4EU promosso dall’Unione Europea;
  8. Creazione di piano di Formazione del personale al fine di qualificare e fornire crescita professionale per un miglior servizio al cittadino e supporto all’amministrazione dell’ente;
  9. Creazione di uno sportello informativo per le imprese che semplifichi il rapporto con l’amministrazione, svolgendo attività di indirizzo e stimolando la nascita di cooperative o consorzi.


  1.  Territorio

1.    AMBIENTE E VIVIBILITÀ:

  1. Applicazione del piano EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) e relativa certificazione;
  2. Riqualificazione ambientale del patrimonio comunale;
  3. Costituzione della norma con la quale le aree non agricole inedificate sono da destinare esclusivamente al miglioramento dei servizi alla popolazione;
  4. Costituzione della norma con la quale gli spazi agricoli esistenti possono essere solo preservati o valorizzati in parchi destinati a verde o aree ricreative all’aperto;
  5. Applicazione di sgravi per gli edifici con minor consumo energetico alimentati da fonti rinnovabili;
  6. Riqualificazione e recupero delle strutture comunali da destinare a uso culturale e aggregativo;
  7. Redazione di piano traffico veicolare, piano per la viabilità pedonale, ciclabile, carrozzabile, piano per la pedonalità di bambini e mamme con passeggini, anche in collaborazione con i comuni limitrofi;
  8. Qualificazione delle aree verdi e parchi comunali destinati alla socializzazione dei minori;
  9. Istituzione progetto “Un albero per ogni famiglia”, e adozione delle aree verdi prospicienti i condomini;
  10. Costituzione dell’osservatorio ambientale comunale permanente, con la partecipazione delle associazioni e enti preposti;
  11. Formazione e nomina degli “ispettori ambientali volontari”;
  12. Costituzione del registro comunale del rischio ambientale con coinvolgimento delle associazioni operanti sul territorio;
  13. Promozione di ogni azione possibile per il risanamento delle aree industriali abbandonate anche limitrofe al confine comunale che incidono sulla salute e la qualità di vita dei cittadini amministrati, come l’area di lo Uttaro e ex Saint Gobain, esercitando la massima pressione sui Comuni sul quale incide l’impianto, sulla provincia e sulla regione Campania;
  14. Individuazione di opportune forme di intervento per recuperare e bonificare le aree inquinate;
  15. Esecuzione di censimento e incentivazione alla messa in sicurezza e bonifica di manufatti privati contenenti amianto;
  16. Effettuazione di reale e permanente controllo sull’impiego delle acque di falda inquinate mediante un effettivo monitoraggio dei pozzi utilizzati per irrigazione dei campi di produzione agroalimentare.

 2.    TRASPORTI:

  1. Creazione di piano per il trasporto pubblico con navette in convenzione per il collegamento con le aree di interesse commerciale, scolastico e con la stazione ferroviaria di Caserta;
  2. Creazione servizio di bike sharing per i cittadini e convenzione con le principali aree di spostamento;
  3. Istituzione di parcheggi per le biciclette nei parchi pubblici, piazze, scuole, patronati, etc.;
  4. Rivalutazione dei servizi esistenti con sistemi informativi sul trasporto pubblico e ricollocazione delle fermate in aree adeguate, attrezzando le fermate con pensiline confortevoli e consone ad ogni condizione atmosferica;
  5. Incentivazione di ecosostenibilità del trasporto pubblico e privato mediante interventi strutturali e organizzativo-gestionali;
  6. Creazione di una rete di percorsi ciclabili che assicuri i collegamenti interni alla città e quelli con gli altri comuni confinanti;
  7. Creazione servizio di trasporto a chiamata per le persone disabili.

3.    TURISMO:

  1. Creazione di un piano di integrazione del Comune nella rete dei servizi turistici a supporto del grande bacino di utenza della Reggia di Caserta;
  2. Valorizzazione del Complesso Storico Borbonico nella rete degli spazi espositivi a margine della rete di luoghi turistici provinciali;
  3. Partecipazione alle borse e fiere del turismo per individuare opportunità di sviluppo del territorio in chiave commerciale.
  4. Valorizzazione del cammino della via Appia (http://appia.beniculturali.it/appia), che attraversa il nostro territorio comunale;
  5. Incentivazione e promozione, possibilmente con agevolazioni, della riqualificazione a vocazione turistica delle unità abitative non impegnate, come strutture turistico-ricettive quali B&B, affitta camere, etc.;
  6. Costituzione di un centro-studi sulla storia del Comune che raccolga e valorizzi i documenti bibliografici sia tradizionali che online e tutti i contributi culturali o di altra natura sulla storia della città.

4.    URBANISTICA:

  1. Adozione PEBA (Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche);
  2. Redazione del PUC partecipato con le istanze dei cittadini;
  3. Redazione di un “piano del verde” (strumento di pianificazione integrativo alla pianificazione urbanistica locale, contenente una visione strategica del sistema del verde urbano e peri-urbano);
  4. Stop al consumo di territorio con l’adozione e approvazione di una variante urbanistica a crescita zero, e conseguente recupero e riqualificazione energetica delle aree e del patrimonio edilizio esistente;
  5. Creazione di un nuovo regolamento edilizio delle manutenzioni e del decoro;
  6. Piano per la bonifica e il riutilizzo delle aree pubbliche e private abbandonate per conversione in verde pubblico cittadino;
  7. Riqualificazione delle aree verdi affidando la custodia a gruppi di volontari;
  8. Riconoscimento delle aree a verde pubblico come patrimonio e ricchezza dell’ambiente urbano, riqualificando il loro “status” di semplice arredo urbano, attualmente suscettibile di ogni tipo di trasformazione;
  9. Rivalutazione delle aree urbane attraverso interventi di riqualificazione ambientale e inserimento di elementi artistici;
  10. Ricorso al project financing con soggetti privati per l’ammodernamento degli impianti di pubblica illuminazione attraverso l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili e tecnologie per il risparmio energetico;
  11. Individuazione e\o realizzazione di aree per la ricreazione con animali da

5.    RIFIUTI:

  1. Riqualificazione dei servizi ambientali, della raccolta, del riuso e del riciclo;
  2. Definizione del progetto di conferimento di prossimità dei rifiuti e di premialità per il conferimento presso il centro di raccolta;
  3. Attivazione di un programma dedicato per recupero dell’organico da bar, ristoranti, mense, etc.;
  4. Promozione del riuso di oggetti in disuso, con la creazione di un sito comunale per il baratto e la donazione di oggetti di seconda mano e mediante concessione di spazi fisici a supporto di tali attività;
  5. Contrasto all’abbandono dei rifiuti con l’attivazione di progetti di videosorveglianza atti a dissuadere e a punire gli autori di sversamenti illeciti;
  6. Avvio di azioni di educazione ambientale di iniziativa comunale e attivazione di progetti per la riduzione della produzione pro-capite dei rifiuti;
  7. Individuazione dei siti e costruzione di moderni centri di riciclo per l’ottimizzazione del recupero dei materiali riciclati, il riutilizzo in edilizia degli scarti non riciclabili, la vendita diretta delle materie prime e la rigenerazione di elettrodomestici da cedere a basso costo a famiglie bisognose;
  8. Incentivazione dell’utilizzo di una compostiera per chi ha un orto/giardino: ove possibile implementazione di compost collettivo nelle aree sprovviste di verde;
  9. Introduzione dell’obbligo di separazione dei rifiuti nei mercati rionali, nelle feste di quartiere, in tutti gli eventi all’aperto e negli uffici

6.    POLITICHE SOCIALI:

ISTRUZIONE e CULTURA

  1. Valorizzazione della biblioteca comunale come principale spazio culturale, sociale e aggregativo attivando anche progetti per percettori del reddito di cittadinanza, avvalendosi della collaborazione di associazioni e studiando forme di partenariato con le università per la tenuta di tirocini formativi presso la nostra struttura;
  2. Promozione di corsi comunali gratuiti di informatizzazione e uso di Internet;
  3. Attivazione del tavolo di concertazione per la concessione dei fondi ministeriali per l’apertura delle sezioni primavera per i bambini di età inferiore ai 3

SPORT

  1. Favorimento della pratica sportiva per i diversamente abili;
  2. Ridefinizione di un regolamento per l’uso degli impianti sportivi;
  3. Sviluppo dell’attività sportiva amatoriale e sostegno delle eccellenze sportive agonistiche locali, attraverso il patrocinio di manifestazioni e gare, e lo sviluppo di iniziative ed eventi nelle scuole.

PARTECIPAZIONE E INCLUSIONE SOCIALE

  1. Creazione di un programma di integrazione delle risorse derivanti dal bacino di utenza usufruente del reddito di cittadinanza;
  2. Promozione dell’aggregazione attraverso lo sport e la cultura;
  3. Previsione di forme di inclusione sociale attraverso l’avvio di iniziative quali agricoltura sociale, gestione della mensa scolastica in house, servizi di pulizia dei locali pubblici;
  4. Promozione della partecipazione civile delle persone anziane e l’invecchiamento attivo con l’ausilio di convenzioni con scuole, mense, associazioni di volontariato;
  5. Creazione del regolamento per i beni comuni;
  6. Registro comunale degli enti del terzo settore e delle organizzazioni no profit, e per la concessione di benefici finanziari ed economici;
  7. Avvio di iniziative volte alla valorizzazione del territorio attraverso lo strumento dei forum partecipati con i cittadini.
  8. Realizzazione del programma annuale per gli eventi culturali e di attrazione turistica all’interno delle ville con concerti, incontri, mostre, rappresentazioni teatrali;
  9. Attivazione del forum giovanile e redazione attività anche mediante reperimento di fondi;
  10. Istituzione del forum dei piccoli, al fine di educare alla democrazia e alla partecipazione alle istituzioni, con presentazione semestrale delle richieste all’amministrazione comunale (nello statuto è già previsto il consiglio comunale dei ragazzi);
  11. Creazione della Consulta del Terzo Settore o l’istituzione di tavoli permanenti di concertazione, ampliando e regolamentando in maniera adeguata le consulte di cittadini;
  12. Avviamento con le associazioni di una programmazione partecipata dei servizi e delle politiche sociali volta alla risoluzione dei problemi, allo sviluppo di comunità e alla rieducazione culturale e sociale;
  13. Riformulazione e adeguata pubblicizzazione dell’albo delle associazioni presenti sul territorio, non solo comunale, al fine di concertare le iniziative e di stimolare la partecipazione alla vita sociale e civile;
  14. Avviamento di un dialogo con gli enti religiosi al fine di utilizzare in convenzione gli spazi di loro proprietà che risultano sottoutilizzati;
  15. Realizzazione del piano regolatore sociale che includa tutte le iniziative pubbliche e private che riguardano il sociale al fine di migliorare la qualità della vita di tutto il territorio;
  16. Programmazione di iniziative per la partecipazione a bandi in concertazione con gli enti del non profit;
  17. Promozione della realizzazione della Banca del tempo allo scopo di favorire la cooperazione tra i cittadini mettendo a disposizione qualche ora del proprio tempo libero per offrire ad altri una certa competenza o un determinato servizio;
  18. Realizzazione di un “Supermercato Solidale” con selezione unica a livello comunale al fine di ampliare l’offerta e l’equità dalla distribuzione della spesa ai bisognosi, anche con il recupero delle eccedenze alimentari di panifici, bar, mense per la creazione del banco alimentare comunale;
  19. Creazione di progetti tipicizzati a sostegno dei soggetti diversamente abili e della loro gravità nell’ottica della valorizzazione della persona e delle proprie specifiche peculiarità, sviluppandone al contempo le risorse e le potenzialità;
  20. Creazione della cartella sociale unica per la fornitura e i servizi di assistenza integrati con tutti gli operatori dell’assistenza medica, sanitaria e logistico assistenziale.


  1.  Acqua Pubblica
    1. Modifica dello Statuto comunale aggiungendo il seguente comma: “Il Comune riconosce l’acqua quale patrimonio dell’umanità, bene comune, diritto inalienabile di ogni essere vivente. Il servizio idrico integrato è di interesse generale e il Comune ne assicura il carattere pubblico”;
    2. Promozione dell’uso di acqua potabile comunale attraverso l’installazione delle fontane pubbliche, che distribuiscano acqua depurata liscia e pure gassata, in particolare nelle aree a grande frequentazione pedonale e ciclabile con pubblicazione di una mappa aggiornata sul portale del Comune, supportata da indicazioni stradali e informatiche;
    3. Incentivazione dell’utilizzo di acqua pubblica in caraffa nei locali, nelle mense scolastiche e negli edifici pubblici;
    4. Promozione di acqua pubblica certificata attraverso la pubblicazione delle analisi delle acque sul portale istituzionale del Comune;
    5. Progettazione di una rete di raccolta delle acque piovane in vasche di decantazione e fitodepurazione per uso irriguo, lavaggio strade, processi di recupero rifiuti e riciclaggio e processi industriali.




**********


PROGRAMMA PRESENTATO DAL CANDIDATO A SINDACO
VITO MAROTTA
(sostenuto dalle liste Partito Democratico, Movimento Strada Nuova, Democratici per San Nicola, Forza San Nicola, Movimento civico per San Nicola)


     Premessa

Cinque anni fa ci siamo candidati in nome del ritorno alla “normalità”. San Nicola la Strada, dopo il commisariamento, infatti, appariva completamente ferma, incapace di dare espressione alle proprie potenzialità. Sapevamo di dover “gestire” i cinque anni di risanamento che la legge impone per i comuni dissestati e sapevamo di dover fare i conti con una macchina amministrativa ridotta all’osso a causa dei continui e successivi pensionamenti. Ecco perchè avevamo promesso, ed abbiamo mantenuto l’impegno, di lavorare con impegno e dedizione per ripristinare il decoro cittadino, ma soprattutto per ricostruire un clima positivo, capace di generare fiducia e coesione all’interno della Comunità.  

         Molto è stato fatto, tanto resta da fare.

Diversi temi di cui si discuteva da anni – piscina comunale, centro sportivo “D’Errico” lungo il galoppatoio, centro di raccolta comunale, opere di migliorie per il civico cimitero – hanno finalmente trovato una risposta.

Ora è il tempo dei cantieri, alcuni già in corso: per il campo di calcio “Amato”, per il centro sportivo tennistico, per la riqualificazione urbana dell’area ex 167, per la video sorveglianza – finanziata con fondi ministeriali -, per la pubblica illuminazione. Già solo questi interventi, elencati a mero titolo esemplificativo, unitamente alla redazione del PUC, rappresentano le tappe di un indispensabile “cambio di passo”.

Insomma, abbiamo innanzitutto un lavoro da completare su questi ed altri fronti decisivi per il futuro sannicolese.

Naturalmente non ci candidiamo solo per concludere ciò che abbiamo iniziato, ma riteniamo che la stabilità del governo cittadino, garantitata da un forte senso di responsabilità delle forze politiche di maggioranza, abbia rappresentato un modello per l’intera provincia.

In una stagione di politica urlata, abbiamo – infatti - risposto con una politica fondata sul dialogo tra le forze politiche, con il mondo della scuola, con le associazioni, con le parrocchie. Mai nessuno si è sentito escluso. Dialogo e confronto con tutti, ma anche capacità di decidere e di procedere senza indugio.

Tale modello, capace di tradursi in benefici concreti ed operatività in favore della cittadinanza, va preservato e rafforzato. Ai sannicolesi va, quindi, garantito non soltanto un ambiente ed un benessere prioritario, ma va riservata una prospettiva di sviluppo, per una Città che diventi punto di riferimento anche per altri.

Sviluppiamo con questo programma e con gli ulteriori spunti che arriveranno nel corso della campagna elettorale, nonchè durante la prossima consiliatura, ancor più uniti, il futuro che ci aspetta!

Vito Marotta


1          Obiettivi e strumenti strategici

-Gli Strumenti utili alla realizzazione di nuove iniziative

L’esperienza di questi primi cinque anni che ci ha visti impegnati in maniera costante sul fronte della crisi finanziaria, ci ha anche resi consapevoli del fatto che senza finanaziamenti esterni non è possibile avviare alcuna nuova iniziativa di lungo respiro.

I finanziamanti ottenuti sono stati infatti utili per realizzare piccoli interventi ed iniziative culturali, ma ciò non basta.

Per questo motivo sono stati individuati gli strumenti descritti di seguito, da dedicare esclusivamente al finanziamento di nuove iniziative.

-Obiettivi e strumenti specifici

  • ● individuare precise e significative ipotesi di sviluppo e stanziare nel bilancio comunale somme per la stesura delle relative proposte progettuali con le quali partecipare ai bandi;
  • ● selezionare progetti attraverso concorsi internazionali;
  • ● reperire, quindi, i fondi possibili (regionali, nazionali, europei) utili al finanziamento delle iniziative di cui sopra;
  • ● stimolare una cultura dell’innovazione all’interno e all’esterno dell’Ente;
  • ● contribuire alla crescita complessiva dell’Ente attraverso una modalità di lavoro basata sulla programmazione e la progettazione condivisa;
  • ● proseguire, come già fatto nel corso del primo mandato di governo, nelle attività di sensibilizzazione, informazione e formazione su temi inerenti alla progettazione anche attraverso l'organizzazione di seminari tematici e di aggiornamento, workshop, incontri divulgativi;
  • ● costrutire partenariati territoriali, nazionali e internazionali attraverso differenti strumenti (ricerca sul territorio; iscrizione su piattaforme e gruppi di ricerca partner, attivazione di convenzioni con soggetti strategici);
  • ● promuovere ed aderire a reti e associazioni di interesse per l’Amministrazione ai fini di azioni progettuali congiunte.

-Project Financing

E’ un’operazione di finanziamento, già utilizzata con effetti positivi per la gestione delle lampade votive presso il civico cimitero, in cui i soggetti promotori sono chiamati a presentare, alla pubblica amministrazione, una proposta per finanziare, eseguire e gestire un’opera pubblica già precedentemente programmata o che lo sarà entro tempi brevi.

-Analisi di fattibilità Economico Finanaziaria

Il buon esito di una proposta di project financing dipende non solo dalla sua fattibilità tecnica, ma anche, e forse soprattutto, dalla sua fattibilità finanziaria.

-Il Piano Economico Finanziario (PEF)

Il piano economico – finanziario (PEF) consiste in un insieme di studi e di analisi che consentono una valutazione preventiva della fattibilità finanziaria del progetto e offrono il disegno di un’ipotesi di modalità di reperimento dei fondi necessari per il sostegno dell’iniziativa stessa.

2          Le Iniziative di Sviluppo

Real Convitto Borbonico

La salvaguardia, la valorizzazione e la promozione dei beni culturali della nostra Città possono essere uno dei punti di attenzione su cui dovrà lavorare l’Amministrazione Comunale nel quinquennio 2020-2025. I maggiori sforzi, come già indicato nelle precedenti pagine, dovranno essere profusi nel redigere progetti finalizzati ad ottenere fondi regionali, nazionali e comunitari per la tutela di uno dei principali monumenti della nostra città: il Real Convitto Borbonico.

L’ex Orfanotrofio borbonico e l’annessa Villa Comunale Santa Maria delle Grazie (oggi curata grazie all’impegno dell’Associazione dei Volontari, ricostituita dopo anni di inattività e sostenuta dall’Amministrazione Comunale) possono essere opportunamente inseriti in un percorso storico-culturale che lo colleghi alla Reggia di Caserta così come gli stessi Borbone lo pensarono circa tre secoli fa.

Da una corretta analisi di ogni angolo della struttura dovrebbe discendere la determinazione degli spazi disponibili, tali da poter immaginare tutte le possibili destinazioni d’uso.

Di seguito alcuni esempi:

1)        Destinare il complesso (o parte di esso) a strutture universitarie pubbliche (Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”), anche in collegamento con le sedi già presenti nel terriotrio sannicolese presso l’ex Ciapi.

Destinare il complesso (o parte di esso) a sede di Università privata.

Destinare il complesso a Residenza Universitaria con ripercussioni positive sull’economia locale.

2)        Progetto di recupero come conteniore di spazi pubblici per polo culturale, biblioteca, cinema, museo, mostre ed eventi di diverso genere, valorizzando ulteriormente il Museo della Civiltà Contadina, recuperato ed inserito nella rete museale di Terra di Lavoro nel corso dell’ultimo anno trascorso.

3)        Sede di Uffici Comunali e contestuale abbattimento della sede del Municipio con allargamento della Piazza.

     Liceo Scientifico

Nei paragrafi precedenti sono state formulate varie ipotesi di sviluppo di nuove inziative per il Real Convitto Borbonico che oggi ospita una parte della sezione distaccata del Liceo Scientifico “Armando Diaz” di Caserta.

Con l’intento di preservare l’unico istitituto superiore della Città o per puntare all’ambizioso obiettivo di ottenere l’autonomia dello stesso, considerata l’assenza di spazi idonei per entrambe le ipotesi, va realizzato - con gli strumenti finanziari descritti nei paragrafi precedenti - una nuova struttura scolastica, magari nell’area ex 167 (già prevista nel plano volumetrico dell’area), da destinare all’attuale Istituto Comprensivo “Eduardo De Filippo”.

Ciò al fine di “ricostituire” nel plesso di via Ungaretti, in unico e moderno stabile, il Liceo Scientifico, fiore all’occhiello per il panorama scolastico sannicolese, trasferendo invece l’Istituto Comprensivo nella nuova sede, nell’area ex 167, capace di ospitare l’attuale fabbisogno studentesco.

       Largo Rotonda

Le energie dedicate nel corso dell’attuale mandato amministrativo a rendere il polmone verde della Città un luogo più accogliente non sono bastate. Il potenziamanto della illuminazione mediante punti luce lungo tutto il camminamento esterno (nonché la previsione di ulteriori interventi già inseriti nello studio di fattibilità del rifacimento dell’intera rete di pubblica illuminazione cittadina), la demolizione delle vecchie fioriere, la realizzazione dell’area giochi inclusiva, il percorso attrezzato per la ginnastica a corpo libero, la attesa potatura degli alberi di alto fusto, il miglioramento della video sorveglianza non sono bastati. Nè è stato sufficiente porre ripetutamente l’attenzione sul tema della sicurezza e vivibilità della zona anche in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, dal quale sono discesi numerosi interventi delle Forze dell’Ordine.

E’ necessario dedicare quindi molte energie ad una “riqualificazione sociale” dell’area con il coinvolgimento della Parrocchia, dell’associazionismo e dei commercianti locali, immaginando una “delocalizzazione” all’interno della villa di ogni possibile attività, rendendo quello spazio nuovamente vissuto ed accogliente, come un grande parco pubblico attrezzato.

Ciò contestualmente all’ipotesi di riqualificazione urbana, in un contesto sovracomunale, dell’asse viario principale e dei galoppatoi che conducono alla Reggia Vanvitelliana.

PalaIlario e Cittadella dello Sport

La partenza delle attività della Piscina Comunale e l’avvenuto affidamento del Centro tennistico di via Quasimodo, merito dell’Amministrazione che ha governato la Città negli ultimi cinque anni, hanno completato la realizzazione di una vera e propria Cittadella dello Sport, con la presenza del Campo sportivo “Andrea Clemente”, il Centro Bocciofilo, il Palazzetto del Tennis Tavolo.

In tale contesto, va avviata, mediante la ricerca di nuove opportunità finanziarie, la ristrutturazione prioritaria del PalaIlario, struttura polivalente in grado di garantire attività per basket, volley e calcio a cinque.

Sullo Stadio Comunale “Andrea Clemente”, invece, in accordo con le società sportive sannicolesi, vanno individuate misure di sistemazione e gestione che consentano l’ottimale utilizzo della struttura.

Va portato a compimento l’opera di riqualificazione della Pista di Pattinaggio di via E. Fermi, utilizzando la residua somma del relativo mutuo già contratto.

3          Piano Urbanistico Comunale (PUC)

L’Amministrazione Marotta ha provveduto alla costituzione del cosiddetto Ufficio di Piano, composto da una serie di figure professionali per ciascuna attività legata alla redazione del Piano Urbanistico Comunale. Il gruppo di professionisti, per esplicita volontà dell’Amministrazione, è coordinato e supportato dal Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, per l’elevato profilo scientifico posseduto, quale Ente istituzionalmente preposto alla ricerca e alla formazione.

Con Delibera di Giunta Comunale, è stato approvato il Preliminare di PUC, al quale sono seguiti gli ulteriori studi ed approfondimenti per addivenire all’approvazione definitiva del Piano, nel rispetto degli obiettivi già individuati e in linea con le previsioni della pianificazione sovracomunale. Il lavoro sarà terminato perseguendo i seguenti obiettivi strategici:

  • • Rivitalizzare e riqualificare le aree abbandonate o svantaggiate.
  • • Garantire la protezione, la conservazione e la disponibilità per tutti delle risorse comuni e degli spazi verdi.
  • • Prevenire una espansione urbana incontrollata per una densità urbana appropriata e dando precedenza alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, individuando criteri agili per il recupero, nel rispetto degli aggregati storico-urbani.
  • • Assicurare una equilibrata integrazione tra le destinazioni d’uso nelle diverse parti del territorio e dei pesi insediativi ammessi in ciascuna.
  • • Garantire una adeguata tutela, restauro e riuso del nostro patrimonio culturale urbano, individuando obiettivi di conservazione, recupero e trasformazione che pongano particolare attenzione al patrimonio urbanistico storico esistente e del centro urbano.
  • • Applicare principi per una progettazione e una costruzione sostenibili promuovendo progetti architettonici e tecnologi e di alta qualità.
  • • Sviluppare un piano di mobilità urbana integrato e sostenibile.
  • • Sviluppare e implementare principi di sostenibilità per la localizzazione delle aziende produttive.
  • • Promuovere un turismo locale sostenibile.
  • • Divulgare indirizzi ed obiettivi per il risparmio energetico.
  • • Rendere completamente e agevolmente fruibile ogni spazio, attrezzatura ed edificio, sia pubblici che privati, in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale.

L’Amministrazione in carica, in controtendenza con quanto accaduto negli anni precedenti, ha programmato e verificato che il completamento delle opere di urbanizzazione nelle aree soggette a lottizzazione avvenisse preliminarmente o almeno contestualmente alla realizzazione dell’edilizia privata, risolvendo, in taluni casi, annosi contenziosi. Su tale direttrice proseguirà il lavoro futuro.

Costituirà obiettivo prioritario la rivisitazione del vigente Piano Paesaggistico, nel confronto con le altre Istituzioni competenti in materia (Regione Campania, Provincia di Caserta, Soprintendenza dei Beni Culturali e Paesaggio ed altri Comuni).

4          Viabilità e Circumvallazione

Le strade e le piazze, molte delle quali interamente rifatte nel corso degli ultimi cinque anni (via XX Settembre, via Petrarca, via Appia, via Bronzetti, via D. Gentile, via De Martino, via S. Croce, via Trilussa, via Turati, via De Nicola, via Lincoln, via Bellini, traversa via Cairoli ed ulteriori piccoli tratti), vanno rese più vivibili e più a misura di pedoni.

A tale scopo diventa prioritario “invogliare” il traffico automobilitico ed in particolare quello “pesante” a percorrere l’unica arteria esterna di collegamento con Caserta e Maddaloni, ovvero la cosiddetta “Circumvallazione”. Ai primi lavori già effettuati di messa in sicurezza ed alla prevista illuminazione (che cambierà il volto e la sicurezza di questa importante strada), va aggiunto un intervento di riqualificazione generale della menzionata arteria, quale direttrice fondamentale esterna al perimetro cittadino.

5          Servizio rifiuti ed Ambiente

La Legge Regionale n. 14 del 2016, al fine di implementare un efficace sistema integrato di gestione del servizio rifiuti per tutta la regione ed in considerazione delle criticità riscontrate nell'attuazione del sistema attuale di governance, nonchè per conformarsi alla Sentenza della Corte di Giustizia Europea del 16.07.2015, ha introdotto grandi novità ed ha definito l'Ambito Territoriale Ottimale (ATO) come la dimensione territoriale per lo svolgimento, da parte dei Comuni in forma obbligatoriamente associata, delle funzioni relative alla gestione dei rifiuti urbani secondo i principi di efficienza, efficacia, economicità, trasparenza e sostenibilità ambientale.

Ha definito, inoltre, il Sub – Ambito Distrettuale (SAD) come la dimensione territoriale, interna all’ATO, per l’organizzazione del ciclo o di suoi segmenti per una maggiore efficienza gestionale.

San Nicola la Strada è stata inserita nel SAD n. 3, unitamente ai Comuni di Capodrise, Marcianise, Casagiove e Recale.

E’ in corso di redazione per la successiva approvazione il Piano d’Ambito Territoriale che dovrà prevedere obbligatoriamente importanti disposizioni per:

  1. a) le modalità organizzative e gestionali del servizio integrato;
  2. b) i programmi d’investimento per gli adeguamenti ed ammodernamenti tecnologici dell’impiantistica esistente o di nuova realizzazione;
  3. c) le modalità organizzative per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dei rifiuti, di preparazione per il riutilizzo e di raccolta differenziata e di effettivo riciclo in ogni singolo Comune, al fine di conseguire gli obiettivi previsti dalla programmazione regionale nell’intero territorio di competenza;
  4. d) i corrispettivi dei servizi riferiti ai diversi segmenti della gestione integrata dei rifiuti;

Nelle more che tale obbligatorio sitema diventi operativo è stata espletata la gara per l’affidamento triennale del servizio, previa approvazione delle linee di indirizzo, tra cui:

il raggiungimento del 65% di raccolta diffrenziata, la garanzia del rispetto dell’igiene e del decoro della Città, la gestione corretta dell’ecosportello e del Centro di raccolta comunale (importanti obiettivi raggiunti dall’Amministrazione Marotta con l’entrata in vigore anche del meccanismo di premialità) ed una costante campagna di sensibilizzazione.

Il servizio è stato affidato ad una nuova ditta. Vigileremo, quindi, sulla corretta applicazione del capitolato d’appalto.

Intensificheremo, inoltre, i controlli, specie quelli relativi alla grande distribuzione, sul corretto rispetto del calendario di conferimento dei rifiuti.

Al fine di tutelare la qualità dell’aria, va incentivata la mobilità elettrica con effetti positivi sulla riduzione dell’inquinamento atmosferico ed acustico. Pertanto, in attuazione della Delibera di Giunta recentemente approvata, individueremo aree di parcheggio idonee e in posizione strategica come punti di sosta per la ricarica dei veicoli, provvederemo ad attivare le procedure per individuare un soggetto operante nel settore dell’energia a cui affidare almeno tre punti di ricarica e la gestione della rete.

6          I diritti degli animali

       Realizzeremo almeno un’area per cani, recintata e attrezzata, in cui è possibile lasciare gli animali liberi di scorrazzare, senza guinzaglio, a patto che vengano sorvegliati costantemente e nel rispetto di rigide regole di comportamento. L’area interessata verrà gestita in collaborazione con associazione di volontari con la quale verrà stipulato apposito protocollo.    

7          Gestione del bilancio

E’ necessario, invertendo la tendenza rispetto agli anni che hanno condotto l’Ente al dissesto finanziario, proseguire nel solco di un’azione di risanamento contabile.

Lavoreremo ad un bilancio trasparente con una modalità di esposizione esterna mediante infografiche e dati di immediata comprensione, pubblicati sul sito del Comune per rendere facilmente comprensibile per i cittadini il bilancio annuale.

Ridurremo la pressione fiscale sui cittadini.

Per raggiungere tale scopo andranno contrastate, in primis, l’evasione e l’elusione fiscale, potenziando il personale amministrativo. Sarà indispensabile, infatti, ricorrere a nuove assunzioni e ad un aggiornamaneto costante, nonchè, ove necessario, al supporto agli organi interni per la gestione delle entrate ed in particolare per l’attività accertativa, bonfica banca dati, incrocio dati contabili, ecc.  

8          Cultura

In questi anni abbiamo valorizzato il tessuto associativo cittadino, favorendo ogni tipo di iniziativa culturale, rivolta ai giovani e ai meno giovani. A titolo esemplificativo, citiamo le quattro rassegne teatrali estive (ad ingresso gratuito) presso l’Arena Comunale, la ripartenza della Civica Accademia Musicale “Arturo Toscanini” e le numerose iniziative culturali finanziate dalla Regione, tra cui “ ’A lummenera” e la “Festa del Pane Canestrato”.

Intendiamo, pertanto, lavorare al rafforzamento della rete, oramai esistente, tra l’Amministrazione e le realtà culturali nell’ottica di una collaborazione sempre più forte, ed anche per sperimentare forme concrete di sostegno alle attività promosse ed in grado di favorire il massimo coinvolgimento.

9          Servizi sociali

Molte sono le situazioni problematiche prese in carico dall’Ufficio Comunale che ha garantito quotianamente competenza e tempetività ai cittadini (anche durante periodi emergenziali come quelli legati al COVID 19), oltre alle numerose iniziative organizzate dall’Amministrazione Comunale nel settore scolastico e della prevenzione medica.

L’attuale organizzazione dell’Ambito Sociale C1 va invece migliorata, in sinergia con i Comuni appartenenti allo stesso, ovvero Caserta, Casagiove e Castel Morrone.

Ciò allo scopo di favorire la progettazione atta a garantire finanziamenti per nuovi servizi, oltre quelli indispensabili per disabili ed anziani, percorsi inclusivi e post scolastici.

10       Sicurezza

La sicurezza è un tema molto sentito dai cittadini.

Punteremo sulla innovazione tecnologica e sulla partecipazione di tutti.

A breve cominceranno i lavori per il nuovo sistema di video sorveglianza per fronteggiare la problematica nelle zone più sensibili ed in quelle periferiche.

Verrà costituito l’Osservatorio Partecipato sulla Sicurezza, favorendo la partecipazione e le segnalazioni che giungeranno dai rappresentanti dei vari quartieri della Città per un confronto costante con la Polizia Municipale e con le altre Forze dell’Ordine.



©Corriere di San Nicola


LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
OTTOBRE 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2020-2025 


ORGANIGRAMMA
della
amministrazione comunale

 
PROGRAMMA
AMMINISTRATIVO



 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori

 

Copyright © Corriere di San Nicola 2005-2019. Tutti i diritti sono riservati.

PRIVACY POLICY