Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

FARMACIE MINUTO X MINUTO




 

I turni di 
MAGGIO 2019

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

TEMPO DI 730

 

-Rubrica a cura di Omnibus Multiservice-


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

DOSSIER “FESTA DI SAN NICOLA” 2019

La raccolta con tutti gli articoli, video e foto dell’ultima Festa Patronale



I REQUISITI PER ACCEDERE AL “REDDITO DI CITTADINANZA”

(Rubrica a cura di Omnibus Multiservice)

MISTICISMO

-di Antonio Dentice-

*Cronaca del Sufismo Murid

*Cronaca del Taoismo

*Tradizioni sincretiche Sudamericane

*Cristianesimo

 


AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


Scienziatucoli e filosofetti...


Lo squallore di parlare e giudicare senza informarsi sulle persone... Classica caratteristica di arroganti e presuntuosi che si vedono e vendono in giro, sui social e non solo, e che in fin dei conti non valgono niente.

Il mio grazie agli studenti del Diaz


Mi onora essere citato come “riferimento storico della città e punto di riferimento per l’informazione


Don Primo: esperienze di un Mistico ed Esorcista

Don Primo Poggi, memorie inedite dal misticismo cristiano.
Le personali esperienze col divino, gli aneddoti e le utilità per i fedeli (e non): «So che Dio non sopporta il rimpianto. Dio non sopporta chi si compiange».
Dove risiede lo Spirito non c’è posto per bigotti e fanatici.


Dopo più di trent’anni di reggenza del Santuario di Santa Lucia di Centurano (Caserta), a causa dell’età avanzata e dello stato di salute, il Reverendo Don Primo Poggi cede l’incarico in favore di Don Sergio Adimari, continuando l’opera sacerdotale in qualità di confessore.

Data l’occasione, intendo pubblicare del materiale inedito su Don Primo, raccolto nel corso di numerosi colloqui privati avuti tra il 2014 e il 2015. L’oggetto dei nostri dialoghi era ed è sempre lo stesso, la mistica del cristianesimo. Non la teologia, né la filosofia, né la dottrina. Ma le esperienze personali di chi, come Don Primo, ha fama di “mistico ed asceta”. Lo speciale rapporto col trascendente, o cattolicamente parlando, collo Spirito Santo. La priorità di un San Francesco non fu tanto lo studio della patristica, quanto il comprendere, per relazione diretta, la vita della creazione.

Sono grato al Reverendo per ciò che mi ha trasmesso e mi auguro che possa essere utile ai fedeli, essendo un tesoro esperienziale che supera ogni bigottismo e fanatismo. O come ama scrivere lo scienziato del Novecento Giuseppe Palomba nella sua monumentale Morfologia economica: «non si dà prova di essere sufficientemente cristiani quando si disprezza tutto ciò che non è cristiano».

Cosa distingue un semplice sacerdote (o un semplice fedele) da un mistico? Semplice. Occhi che vedono e orecchie che sentono. Accuratamente.

L’anziano Don Primo Poggi, Reverendo di grande umanità e capacità, nasce nel 1935 in provincia di Piacenza ed è ormai, da diversi decenni, un punto di riferimento per tanti cristiani. Ha fama di “asceta”, “esorcista” e “mistico”. Circoscrivo tra virgolette gli appellativi poiché attribuiti dalle numerose persone gravitanti attorno al Reverendo, uomo abbastanza riservato e semplice da deridere orpelli e tentativi di adorazione.

Nel periodo dei dialoghi Don Primo era accompagnato costantemente da un gruppo di cinque-sei cani di varia grandezza, anche quando dormiva, confessava e celebrava messa. Egli aveva cortesemente accettato di svolgersi col sottoscritto in una serie estesa di incontri finalizzati alla parziale comprensione della sua religiosità, vissuta come fisico collegamento al divino, nel senso di «occhi che vedono» e «orecchie che ascoltano» (come mi piaceva dirgli).

Sarebbe scorretto affermare che l’articolo totalizzi il pensiero e l’empirismo del Reverendo, ma sono ben accorto nel gestire col massimo rispetto e con la massima precisione possibile quanto gentilmente ricevuto in direzione del Santuario di Santa Lucia.

«L’intelligenza porta necessariamente il dubbio», diceva il Reverendo e parallelamente affermava: «E’ nel cuore che parla Dio». Don Primo esponeva la propria riflessione sulla differenza tra “Dio ascoltato nella mente” e, appunto, “nel cuore”, il tutto su base specificamente personale e senza riferirsi a elaborazioni teologiche, di cui ammetteva di saperne/ricordarne ben poco.

Aggiungo inoltre cosa egli esprimeva sul discorso “cardiaco”, il cercare Dio col cuore, ma nella solitudine e nel silenzio, condizioni speciali affinché si percepisca il legame. Così il Reverendo ha finora sperimentato, addirittura affermando che alcune persone troverebbero più utile isolarsi nella contemplazione, piuttosto che immergersi nell’ottima coralità della celebrazione liturgica.

Né Don Primo né il sottoscritto detengono alcuna verità assoluta, ma entrambi godiamo di una propria cognizione, magari metamorfica. In veste cattolica lui ed in veste laica io, dialogando qualche elemento comune emergeva ed emerge. Il resto è terminologia nella terminologia.

Nel corso dei nostri incontri mi dirigevo presso il Santuario ad orari piuttosto casuali, prediligendo soprattutto la tarda mattinata del giorno di mercoledì, quando il Reverendo riposava. Il resto del suo tempo era speso tra messe e confessioni, iniziando dalle cinque del mattino se non addirittura prima.

Le confessioni erano un vero problema. Quando andava bene Don Primo riceveva una media di venti fedeli al giorno, toccando anche picchi di quaranta persone (se non più) durante i periodi estivi. Un pomeriggio ero capitato al termine di una lunga fila di pentiti ed ironicamente (ma non troppo) ho fatto presente al Reverendo che lo preferivo distante dagli orari delle assoluzioni a causa dell’aria pesante che si respirava nella stanza. Lui ha liquidato velocemente il fatto replicando di non appesantirsi (troppo?) in tali circostanze. Al sottoscritto sembrava un po’ il contrario, ma c’è da ammettere ed ammirare tutta la coriaceità dell’atto. Qualche istante dopo mi ha dato un’assoluzione. 

Alcune settimane prima avevamo parlato proprio dell’atto confessionale. Don Primo diceva che la confessione ha sostanzialmente l’utilità di metterti in pace con Dio e di accettarne la giustizia in armonia, senza cancellare automaticamente i peccati, altrimenti sarebbe troppo facile e certamente troppo meccanico. Il sacerdote ha dunque il compito di svolgersi intermediario tra Dio e il confessante, lasciando poi al primo l’operare di misericordia e giustizia. «Misericordia/perdono e giustizia», sottolineava Don Primo. Esistono entrambi gli aspetti. Tuttavia, precisava, come opera (soprattutto) la seconda - la giustizia - è un grande mistero.

Don Primo si era speso anche nel raccontarmi un particolare interessante e caratteristico: «Dovevo confessare un uomo, ma una voce nella testa continuava ad assillarmi, ordinandomi di dargli direttamente l’assoluzione senza ascoltarne i peccati. Tentai di resistere alla voce per continuare a svolgere la confessione… ma divenne troppo forte per cui, ad un certo punto, dissi all’uomo: “Senti, qui mi ordinano di darti subito l’assoluzione senza sapere cosa hai da dire”. L’uomo tesissimo scoppiò a piangere». Il Reverendo ha aggiunto poco dopo: «So che Dio non sopporta il rimpianto. Una volta ottenuto il perdono devi andare per la tua strada senza perdere tempo e senza compiangerti. Dio non sopporta chi si compiange».

Don Primo preferiva adottare un approccio di pura contemplazione ed apertura ai fatti sacri, senza preoccuparsi (anche) di una visione “sistematica e/o scientifica”, come quella di chi lo disturbava soprattutto di mercoledì.

Egli mi raccontava anche un altro interessante insegnamento ricevuto: «La grazia divina è come un gioiello. E dove lo metti un gioiello per risaltarlo? Su un panno bianco? No. Su un panno scuro, nero. E’ il nero a risaltare la bellezza di una pietra preziosa. Similmente Dio pone la sua grazia sul nero dei nostri peccati».

Il Reverendo era abile (magari inconsapevolmente) nel parlare per simboli, rendendoli porte abbastanza grandi da permettere abbondante scorcio nella propria vita. Qualche volta preferiva l’allegoria, altre volte no ed intendeva dire esattamente quello che diceva: «Mi rendo subito conto di chi ho avanti. Capisco sempre se la persona ha commesso i soliti peccati quotidiani e su quelli non ci perdo neanche tempo, dando rapida assoluzione. Ma quando sento che quella persona ha davvero qualcosa di serio allora è diverso e serve lavorarci».

Serbo chiara memoria della camera del Santuario dove egli dorme. Essa era (ed è tuttora) arricchita unicamente dalle decine e decine di immagini e statue di santi che circondano il letto da ogni angolo, con un’apparente precisione cromatica della loro distribuzione. Saranno state un centinaio se non di più, abbastanza da garantire una densità sacrale anche al luogo di riposo, per le poche ore che il Reverendo dedicava ad esso.

Don Primo tanto era alla mano, disteso e piacevole durante i colloqui privati e tanto risultava rigido ed intransigente durante la messa: «perché le persone (che sono a messa) sono fatte in un certo modo», mi rispondeva, lasciandomi intuire un: «conosco i miei polli».

Tanto il Reverendo viveva rigorosamente la messa e tanto rigorosamente mi diceva: «Non bisogna convertire nessuno. Non si deve convertire!». Perché non serve.

Si badi bene a non fare di Don Primo un idolo, perché gli si andrebbe duramente contro, a corrompere profondamente le sue intenzioni. Più di una volta l’ho visto smorzare con forza gli “strani entusiasmi” di qualche fedele e troncare con netta decisione ogni accenno ad un suo stato di effettiva santità. Amava ripetere: «Anche io ho pagine nere. Tante pagine nere di peccato della mia vita».

Nel progetto iniziale il contenuto dei colloqui avrebbe dovuto comporre un paragrafo di una futura pubblicazione editoriale, la quarta sul ciclo del pensiero filosofico dello scienziato del Novecento Giuseppe Palomba. Tuttavia, nel 2018, la pubblicazione di un precedente volume ha slittato a data futura l’uscita del precedente. Di conseguenza, dopo circa quattro anni che il materiale è rimasto “congelato”, ho valutato utile e corretto estrapolarne un articolo, essendo una preziosa porta sul misticismo cristiano, attraverso la vita di una persona considerata autorità e non solo in Campania.

La rubrica “Misticismo” del Corriere di San Nicola, dopo aver dialogato con i Maestri spirituali del Sufismo Murid, con il Reverendo Maestro del Taoismo e dopo aver raccolto le testimonianze dei praticanti delle Santerie afro-americane, finalmente dedica un pezzo approfondito anche alla spiritualità occidentale, iniziando proprio da Don Primo Poggi.

Nel periodo dei dialoghi ho terminato una bozza di quanto in articolo, affinché Don Primo la visionasse. Tutte le informazioni pubblicate mi sono state autorizzate direttamente dal Reverendo, che ironicamente mi ha contestato una sola cosa: «Sembra un romanzo». C'est la vie!

Antonio Dentice
©Corriere di San Nicola

Leggi Rubrica MISTICISMO





PENSIERI, TASTIERA E MOUSE 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada
una storia lunga
55 anni

 Le carriere dei sei Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO X MINUTO



 

I turni di 
MAGGIO 2019

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori