Fondato e diretto

            da                  

Nicola Ciaramella          Facebook logo

 

                          

                                      

dalla
PROVINCIA, dalla REGIONE, dall'ITALIA, dal MONDO

Notizie da
OLTRE I CONFINI DI SAN NICOLA LA STRADA



 

 

 

 

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO




 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LUCIDA REALTÁ

Un racconto
di
Gerardina Rainone


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

Una città, il cuore, la mente...


L'


"Ode alla mia città"


composta da


Nicola Ciaramella


IL MIO REGALO ALLA MIA CITTA'

Dipingi on line la "tua" città"
Un “clic" quotidiano cominciato mercoledì 9 febbraio 2005...


 

ECOLOGIA & SALUTE

-Rubrica a cura di Gerardina Rainone-

MISTICISMO

-di Antonio Dentice- 

*Cronaca del Sufismo Murid
*Cronaca del Taoismo
*Tradizioni sincretiche Sudamericane
*Cristianesimo
*Buddhismo e Induismo

 


IO NON RISCHIO 

Cosa sapere e cosa fare PRIMADURANTEDOPO un terremoto

-Buone pratiche di protezione civile a cura anche del Nucleo della Protezione Civile di San Nicola la Strada-

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


L'ANGOLO DELLA POESIA

 

 


Versi inediti di poeti lettori del Corriere di San Nicola

Una LUCE sempre accesa su DON ORESTE
Gruppo Facebook "DON ORESTE NON E’ ANDATO VIA”: continua, senza pause, l’iniziativa creata da Nicola Ciaramella per mantenere sempre vivo il ricordo dello scomparso amatissimo parroco di Santa Maria della Pietà.

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO SAN NICOLA LA STRADA NEL CUORE

 
... Com'era Piazza Municipio agli inizi degli anni ’60 ...

 

FELICI DI OFFRIRE LE NOSTRE FOTO AEREE

 

 

Il nostro GRAZIE a quanti hanno scelto le nostre immagini dall'alto di San Nicola la Strada quali icone di siti internet e di gruppi facebook locali

PAOLO CONTE, PILOTA 
(TUTTO sulla carriera del
 piccolo grande fenomeno del motociclismo casertano)

GESÚ PROMETTE LO SPIRITO PARACLITO

Don Francesco parla della Sesta Domenica di Pasqua


E', ancora, un passo del Vangelo di Giovanni ad accompagnarci in questo tempo di Pasqua, che volge al termine; tra due settimane, infatti, la Chiesa celebrerà la solennità della Pentecoste, quella grandiosa effusione dello Spirito, del quale già, oggi, il Vangelo, ci parla, come dono del Padre e frutto della preghiera del Cristo; dono, che è una Presenza viva e vivificante accanto ad ogni uomo, che sia aperto all'ascolto e all'accoglienza della parola di Dio, per adempierne, poi, la volontà. L' ascolto della parola del Signore e l' obbedienza ad essa, per amore, è un imperativo profondo di cui la Scrittura ci parla, già nel libro del Deuteronomio, in quel famoso passo, che diverrà una delle preghiere più importanti, per ogni israelita, e non solo; lo ritroviamo, infatti, anche nella preghiera liturgica della Chiesa.

Il passo recita: " Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo. Tu amerai il Signore tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forze. Le parole che oggi ti ordino siano nel tuo cuore. Le inculcherai ai tuoi figli, ne parlerai quando sei seduto in casa, quando cammini per strada, quando ti corichi e quando ti alzi. Le legherai come un segno alla tua mano." (Dt.6,4-8) Il Vangelo di oggi, poi, nelle parole del Maestro, che vive la vigilia della sua passione e morte, ci richiama all'ascolto attento della voce del Signore, là, dove parla di obbedienza, e non come un chinarsi servile di fronte alla volontà di chi ci sovrasta, bensì, come la misura dell'amore, verso Colui che ci ha amato per primo, che sempre ci ama, e che, nella persona del Figlio, dà la sua stessa vita per noi.

"Se mi amate, osserverete i miei comandamenti...", e, i comandamenti di cui Gesù parla, non sono certo quell' infinito numero di prescrizioni legali, moltiplicatesi, nel tempo presso il popolo eletto, ma si riducono a due soli, e, per giunta, molto somiglianti tra loro:" Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutte le tue forze, e ama il prossimo tuo come te stesso." (Lc.10,27) L'amore, per Dio, infatti, non è un vago sentimento, fatto di parole che si dissolvono nel niente, ma si misura sulla capacità di amare chi ci sta accanto e si trova nel bisogno; infatti, se quel che diciamo amore, non opera il bene, è altro, e non amore. L'amore è una energia incalcolabile, che l'autore del Cantico dei cantici definisce: " insaziabile come la morte, e le cui vampe son vampe di fuoco.." (Ct..8,6); un fuoco che niente può spegnere, perché l'amore di Dio è eterno ed infinito.

Sono immagini ardite, quelle del Cantico, attraverso le quali l'autore sacro, rende intelligibile quale legame vitale ci sia tra Dio e l'uomo, tra il Creatore e la sua creatura, tra il Padre e tutti quei figli, ricomprati col sangue del suo Unigenito, l'uomo Gesù di Nazareth, che, ora, chiede un'obbedienza fatta, appunto, di amore, e un amore che si concretizza nell' attenzione, nell' ascolto e nella donazione, perché l'amore, se è autentico, non è inerte, ma riama e si diffonde, come si diffonde la luce e il calore. Gesù, nel suo lungo discorso di addio, ritorna più volte su questo intreccio di amore, obbedienza e fede, ed anche in questo breve passo, che il Vangelo di oggi ci ripropone, ripete:" Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi mi ama "; dove amare, significa entrare in comunione con la persona amata.

Quale sarà il comportamento dei suoi, di lì a poco, lo conosciamo dalla storia, quei poveri uomini impauriti, lo abbandoneranno, e non c'è da farsi meraviglia; l'amore di cui Gesù parla, infatti, è molto più del sentimento naturale, esso è la forza che viene dallo Spirito, è virtù che viene dall'Alto, è il dono, che Cristo stesso chiede al Padre:" Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre..."

La preghiera di Cristo, come un giorno fu per Pietro, che avrebbe confermato e confortato la fede dei fratelli, ora è per questi suoi amici e, in loro, per quanti ancora crederanno, perché l' assenza fisica del Maestro non divenga solitudine di abbandono, ma sia confortata e illuminata dalla presenza dello Spirito, effuso dal Padre; è lui, ora, che colma la solitudine dell'uomo, mentre il primo Consolatore, Cristo, va al Padre

Nella pienezza dei tempi, Dio inviò il suo Figlio nel mondo, perché tutta l'umanità fosse liberata dalla disperata solitudine del peccato, e ritrovasse l'amicizia col suo Creatore; ora, che quella missione è giunta a compimento, e Cristo è pienamente glorificato, lo Spirito, viene inviato agli uomini, perché non si smarriscano, e la loro fede non venga meno nelle difficoltà della vita, ma cresca, si fortifichi, e giunga alla conoscenza della verità tutta intera, quella verità che rende liberi nell'amore, e salva.

Ed è, appunto, l' accoglienza del dono dello Spirito, quella che qualifica il credente in Cristo, perché è per mezzo dello Spirito, che possiamo entrare in comunione e col Padre e col Figlio Gesù, una comunione d'amore, che ci apre alla conoscenza del Mistero, una conoscenza, che è quasi un " vedere " l' Invisibile. Questo dice il Maestro, quando promette lo Spirito di verità:" Voi lo conoscete, perché egli dimora presso di voi e sarà in voi."

La conoscenza, di cui il Signore parla, non è una conoscenza intellettuale, ma sapienziale; è quella certezza profonda e chiara che nasce da una fede semplice, e grande insieme, una fede che si fida e si affida, aprendosi all'azione che lo Spirito, Amore sostanziale, che opera, dimorando in noi. Solo chi, ostinatamente, e con superbia, si oppone a Dio, al suo dono di grazia, alla sua verità, non può conoscere la dolcezza e la potenza dello Spirito, non può far esperienza di cosa sia la consolazione, che viene da Dio, e non può godere, della gioia e della pace, che dà la comunione con Lui.

Questa realtà chiusa ed ostile, di cui ancora oggi facciamo esperienza, è quella che nel Vangelo è definita " mondo", un mondo cieco, ed inquieto, che non ha, e non può dare certezze, né speranza, né gioia duratura, né pace, perché si ostina a vivere la lontananza da Dio, davanti al quale ha chiuso e gli occhi e il cuore.

Tuttavia, in questo " mondo " ostile, il cristiano è inviato, sulla parola di Cristo, e per la forza dello Spirito, ad operare, per portare luce, e seminare la verità e l'amore, con la parola, e, soprattutto, con la testimonianza della vita; e, a questo esorta Pietro quando scrive:" Carissimi, adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi. Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza...".

E' lo stile della missione cui siamo chiamati in quanto battezzati: se veramente siamo fedeli a Cristo, in comunione col Padre e animati dallo Spirito, non possiamo non portare nel mondo la luce, che indica agli uomini la via che conduce alla salvezza.

(Don Francesco Catrame)




LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Corriere di San Nicola on line
(da febbraio 2005 ad oggi)
 

Corriere di San Nicola -archivio cartacei-
(da luglio 2001 a maggio 2006)

 

 

DOPO LO-UTTARO, ORA PONTESELICE…

 

Tutti gli articoli del Corriere di San Nicola sulla “nuova” … idea riguardante la localizzazione del biodigestore…

LO UTTARO 2, IL RITORNO DI QUELL’IMMARCESCIBILE PENSIERO FISSO…

Tutti gli articoli del Corriere di San Nicola sulla vicenda del biodigestore…

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

 

"Perché i politici di alto rango non si ammalano di tumore?"
La scrittrice satirica Romana Ceci Lalli è convinta: “Hanno il vaccino, ma è soltanto per loro…

L’OROSCOPO DEL CANCRO

Dedicata ai maleducati ciucci presuntuosi e a chi dovrebbe sciacquarsi la bocca prima di dire stronzate.

 

BENTORNATO, FRANCESCO ! 

Scrissi questi versi il 13 marzo 2013...

“POESIA PER I DIAVOLI E PER GLI IPOCRITI”

 
Imminente l’uscita dell’ultimo romanzo di Romana Ceci Lalli, famosa scrittrice ironica che ha abitato per anni a San Nicola la Strada. 


RIFLESSIONI di DON FRANCO

 


-Rubrica a cura di Don Francesco Catrame-


Biografia dell'Autore


L'OBOLO DELLA CARITA'


Il punto di riferimento di Santa Maria degli Angeli per l'aiuto ai poveri

Gaudete et exsultate” è una via per tutti» 

Don Franco ci aiuta a comprendere l'Esortazione apostolica di papa Francesco

 


...Ma cos'é?... sembra un cappio...

 

 

 

 

PAGINE FUXIA


OPERATORI ECONOMICI   conosciamoli da vicino 
la loro storia,
la loro attività

LA POSTA DEI LETTORI 

 

 
La posta

dei

Lettori

 

SAN NICOLA LA STRADA E LA SUA STORIA


Un Santo miracoloso e la Regina delle strade nel glorioso cammino di una città

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 


Per ricevere comunicazione di nuovi articoli e contenuti pubblicati su questo sito...

Carabinieri di San Nicola la Strada, una storia lunga 59 anni

 Le carriere dei sette Comandanti che hanno guidato il presidio dell’Arma dal 1960 ad oggi

 
-Dossier ideato e scritto da Nicola Ciaramella-


LA STORIA DI VITO

 

 

"Vito's story"

è un'opera di Pasquale Gravante per aiutare la Ricerca

 


IL SINDACO RISPONDE

 

 



"Filo diretto" tra i cittadini ed il sindaco 
attraverso
il
Corriere di San Nicola

DOSSIER LO UTTARO

 




Cronistoria
di
un
disastro

 

LINKS

 






Siti

da

consultare

 

 

 

AUGURI




Momenti belli segnalati dai nostri lettori


 

W LA NOSTRA CITTA' !

 


San Nicola
la Strada

SAN NICOLA LA STRADA FOOTBALL STORY



Il gioco più bello del mondo: la sua storia a San Nicola la Strada dagli inizi fino al 1989

 

CINICOLANDO



Alla ricerca dell'aria perduta...



 ...e di qualche coda di paglia...

 

LA DENOMINAZIONE DEL NOSTRO COMUNE 


Come si scrive il nome della nostra città: il contributo dello storico F. Nigro e la necessità assoluta di non fare più tantissima confusione!

 

IL "SABATO" ON LINE

Leggi on-line il settimanale di

Enzo Di Nuzzo

 


IL VADEMECUM DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI


Tutto quanto bisogna sapere sulla raccolta dei rifiuti a San Nicola la Strada

 

FARMACIE MINUTO x MINUTO



 

I turni di 
AGOSTO 2020

San Nicola la Strada
e
Caserta

 

LA MAPPA DEL POTERE 2015-2020 



L'organigramma
dell'amministrazione comunale
e
il programma amministrativo 


 

 

ARCHIVIO NUMERI CARTACEI


Le edizioni cartacee del
Corriere di San Nicola
dal 2001 al 2006

 

FOTOARCHIVIO





Non solo "neve su San Nicola"...


INNO DI SAN NICOLA


L' Inno ufficiale della Città di San Nicola la Strada composto da Anna Massa e musicato da Franco Damiano

 

ANGOLI SANNICOLESI
San Nicola la Strada e i suoi monumenti


Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Santa Maria della Pietà, Real Convitto Borbonico, Colonna romana, Tana di Mazzamauriello, Canetteria, Le Madonnelle, Mulino Palomba, Resti di Calatia e tutte le altre bellezze storiche ed architettoniche, visibili e nascoste, di San Nicola la Strada

 (sezione ideata e curata da Nicola Ciaramella e Renato Ciaramella)


RICERCA ARTICOLI


Scegli il modo che preferisci per consultare il vastissimo archivio del Corriere di San Nicola



-
TUTTI GLI ARTICOLI
 (tutti gli articoli pubblicati su questo sito dal 6/2/2005 ad oggi in ordine cronologico decrescente)

-PER CATEGORIA

-PER PAROLA CHIAVE


-Tutto l'archivio dei numeri cartacei (da luglio 2001 a maggio 2006)

-Cerca nei numeri cartacei


 

 

MARATONINA STORY

Tutto sulla
"Maratonina Città di San Nicola la Strada"
 

Albo d'Oro, articoli, foto e video di tutte le edizioni del più grande evento sportivo sannicolese

 

PAGINE FUXIA

OPERATORI ECONOMICI  
conosciamoli da vicino 
la loro storia
la loro attività
foto e video dell'azienda

 
                   Vedi Elenco Operatori