Cerca nei Numeri Cartacei del Corriere di San Nicola
numeri precedenti -
Numero Storico 27 - Aprile 2004 - Home 15 aprile 2021 01:32:58




Per ricordare Mimmo...Lunedi 28 giugno, alle ore 19, presso il Duomo di Caserta, Mons. Antonio Pasquariello officerà una cerimonia religiosa in suffragio di DOMENICO SPARANO, amatissimo cognato-“fratello” del ns. direttore, prematuramente scomparso il ventotto maggio.



Questa sera Gabriella D'Ambrosio su Prima Rete
.



Nuovo Mercato e Piscina comunale: una “sfida” a suon di grandi progetti!



Europee: la soddisfazione di AN "sannicolese"
.



Giano Vetusto: tempo di “Biennale”



<< Successiva Precedente >>


IN QUESTO NUMERO


POLITICA

Ma dov'è questa Città?
"Perchè votare un documento fantasma"?
La "Città" non è un punto di arrivo
No, Pasquale, non farlo!
Sannicolesi tartassati
Primarete si dissocia


VARIE




ARTE


SPETTACOLI


SPORT

E chi lo ferma più?
"Maratonina", atto secondo
"RINASCITA" di nome e di fatto!
Le nozze d'Oro della "Maddalena"
Si conclude il Primo "Memorial Santucci"
Scuola "Mazzini", basket vincente!


LAVORO




AUGURI


Articolo di: Francesco Basile, capogruppo di AN
La "Città" non è un punto di arrivo


L’argomento che stiamo discutendo, credo abbia una sua particolare suggestione. Non tutti i giorni un Consiglio Comunale si trova a deliberare circa la richiesta di denominazione di “Città” per il territorio che amministra.
Si tratta certamente di un evento destinato a lasciare una traccia indelebile negli atti amministrativi prodotti da questa Consiliatura, ed è motivo di soddisfazione per il gruppo consiliare di Alleanza Nazionale essere partecipe di tutto ciò. Si tratta, secondo noi, di un cambiamento che potrebbe portare a considerare San Nicola la Strada, una realtà geografico-amministrativa e politica diversa. La storia di San Nicola, nasce e si sviluppa con degli insediamenti intorno ad una delle più antiche e importanti strade Romane, la Via Appia.
Tanti secoli dopo questo agglomerato di poche case, abitate da contadini, coloni di vaste proprietà terriere, diventano punto di appoggio logistico per le maestranze impegnate nella costruzione della superba Reggia di Caserta.
Attraverso la ricerca ai fini della Tesi di laurea effettuata dal dott. Francesco Nigro, pubblicata alcuni anni orsono, abbiamo avuto modo di conoscere la società Sannicolese dell’epoca, descritta si come contadina, alquanto semplice, povera non più di tante altre comunità simili, ma sicuramente fatta di grandi lavoratori, fieri. Società in cui la sola ricchezza era costituita da sani valori quali la famiglia, la comunità ,il lavoro e perfino la solidarietà, valori che in qualche modo posso affermare sono arrivati sino a noi.
Nel corso della centenaria storia della nostra comunità, essa è passata attraverso alterne fasi di sviluppo, economico e sociale che l’hanno portata a quella che noi oggi conosciamo. Non posso non esprimere, secondo un comune sentire di tanti Concittadini, un sentimento di lieve nostalgia della comunità in cui ci si conosceva quasi tutti, nemmeno poi tanti anni fa, se è vero come è vero, che anche quelli della mia generazione ricordano vagamente una simile realtà paesana. Ma fortunatamente la Società si evolve, si va verso un progresso che porta con sé ricchezza, sviluppo, ma necessariamente modifica il nostro modo di relazionarci, in poche parole ci modernizza, con tutti i pro e i contro.
La realtà economica e sociale di San Nicola è passata in pochi decenni, da una caratterizzazione di tipo agricolo ad una che sebbene non ancora definita, dovrebbe considerarsi orientata verso lo sviluppo produttivo e di Servizi. Nella relazione che accompagna la delibera consiliare vi sono elencate molte realtà del tessuto economico e sociale Sannicolese, quindi eviterò di ripeterle. Facendo appello al nostro senso di responsabilità ed a quello delle altre forze politiche, considero che non è questo il momento di argomentazioni oggetto del confronto Politico e amministrativo, ma sicuramente posso affermare che dobbiamo sentire forte la responsabilità di lavorare come rappresentanti dei Cittadini, affinché sia realizzato ancora più di quanto è necessario in termini di servizi per San Nicola, per renderla effettivamente e sempre di più CITTA’.
Sono convinto che ottenere il titolo di Città, non debba essere un punto di arrivo, ma rappresentare un trampolino per elevare la qualità di vita dei nostri concittadini. Alleanza Nazionale da sempre sente forte il senso dell’appartenenza, da sempre ha come obiettivo la difesa dei valori e degli interessi collettivi. La delibera Consiliare oggetto della discussione, rientra in questa visione, per cui ha tutto il nostro appoggio e favore. Auspichiamo quanto prima che essa, superato il vaglio delle nostre più Alte Autorità dello Stato, ci ritorni con il parere favorevole e con il Titolo di “ CITTA’ DI SAN NICOLA LA STRADA “.

© Copyright Corriere di San Nicola. 2000, 2003 - Tutti i diritti sono riservati.